mercoledì 6 novembre 2019

La verità è che i militari ricercano "l'antigravità" da quasi 70 anni


Sembra fantascienza, ma i militari hanno iniziato a lavorare per superare e sfruttare la gravità negli anni '50. Da quello che possiamo dire, è che la ricerca non si è mai fermata.

BRETT TINGLEY


Decenni di domande sulla potenziale esistenza di fantastiche tecnologie di propulsione antigravità sono riemerse dopo la divulgazione da parte della Marina di incontri con fenomeni aerei non identificati e il nostro rapporto originale su una serie di bizzarri brevetti assegnati alla Marina degli Stati Uniti che sembrano sfidare la nostra attuale comprensione della fisica e propulsione aerospaziale. Mentre la discussione continua sulla fattibilità di tali tecnologie, la verità è che i concetti teorici dietro di loro sono tutt'altro che nuovi. In effetti, le forze armate statunitensi e il governo federale ricercano formalmente questi concetti radicali dagli anni '50 e, secondo le nostre ricerche, tali sforzi sono proseguiti fino ad oggi.

Nel nostro tuffo in quella che sembra una specie di tana di coniglio senza fondo di studi governativi in ​​questo regno scientifico esotico, abbiamo raccolto un corpus di ricerche, notizie e resoconti di prima mano. Questi stabiliscono il fatto che i tipi di "antigravità", propulsione senza propellenti e tecnologie di riduzione della massa descritte nei recenti brevetti "UFO" della Marina si basano almeno su oltre 60 anni di ricerche peer-review condotte e pubblicate da artisti del calibro dell'American Institute of Physics, della NASA, dell'American Institute of Aeronautics and Astronautics e dell'Air Force Research Laboratory.


Anche se non possiamo dire che nessuna di queste ricerche abbia portato effettivamente a sfruttare "antigravità" o tecnologie di propulsione di prossima generazione estremamente avanzate in misura utile, i laboratori più avanzati sotto il controllo sia delle forze armate che del mondo accademico il mondo ha sicuramente fatto del suo meglio per arrivarci per la parte migliore di un secolo. Inoltre, tieni presente che tutte queste informazioni provengono da fonti non classificate e che ce ne sono sicuramente di più rispetto a ciò che è rappresentato qui. Possiamo solo chiederci quanto lavoro sia stato fatto nel regno classificato su quella che una volta era apertamente considerata la prossima massiccia rivoluzione nella tecnologia aerospaziale.

La prima incursione della Martin Company nell'antigravità

Per quanto riguarda le prime ricerche antigravitazionali dell'Aeronautica Militare, un interessante racconto di prima mano arriva dal Dr. Louis Witten, professore di fisica all'Università di Cincinnati dal 1968 al 1991. Durante la sua carriera, Witten ha condotto ricerche sulla gravitazione , gravità quantistica e relatività generale. L'ultima di queste è la teoria avanzata per la prima volta da Albert Einstein, secondo cui la gravità è essenzialmente un ordito o una curva nella geometria dello spazio-tempo causata dalla massa.

Nel corso di una tavola rotonda intitolata "Ricordi della Rivoluzione Astrofisica Relativistica" tenutasi al 27° Simposio del Texas sull'astrofisica relativistica nel 2013, Witten ha raccontato il suo lavoro su ciò che in qualche modo si definisce sconcertante "la scoperta dell'antigravità".

Nella sua parte della tavola rotonda, Witten ricorda di essere stato reclutato da George S. Trimble, quindi ricoprendo il ruolo di Vice President for Aviation and Advanced Propulsion Systems presso la Glenn L. Martin Company, che si è evoluta prima in Martin-Marietta e alla fine si è fusa con Lockheed nel 1995 per formare Lockheed Martin. Il progetto per il quale Witten fu reclutato sarebbe diventato noto come Research Institute for Advanced Studies (RIAS) e fu ufficialmente fondato nel 1955 da George Bunker, presidente di Martin, con l'obiettivo di far progredire la scienza e lo sviluppo aerospaziale.

"Il vicepresidente [Trimble] ha avuto la meravigliosa idea che era quella di sviluppare l'antigravità", afferma Witten, osservando che si è immediatamente opposto alla proposta. "Quando ha provato l'idea in pubblico, puoi immaginare il saluto che ha ricevuto dagli scienziati. Quindi si è detto 'quei poveri bastardi, lo mostrerò a loro.'" Nonostante il suo scetticismo, Witten finì per accettare l'offerta di Trimble di unirsi al potente progetto per animali domestici del dirigente Martin.

Durante il suo breve discorso tenuto alla tavola rotonda , Witten afferma che anche se ha affrontato il ridicolo all'interno della comunità scientifica per le sue ricerche, non mancavano le persone che gli avrebbero detto di sapere come ottenere l'antigravità:

"Alcuni di loro erano idee molto semplici. Le idee semplici sono sempre difficili da combattere. Supponiamo che qualcuno venga da te e dica "Ho una scogliera di bismuto che dimostra l'antigravità". cosa fai?
C'era un vicepresidente della Martin Company che lo ha sollevato, ha detto "Ho letto di un ragazzo in Indiana che dice una roccia di bismuto ..." Ho detto "È una sciocchezza". Ha detto 'Come fai a sapere che è una sciocchezza? Come fai a sapere che non esiste un isotopo del bismuto che mostri anti-gravità? ' Che ne dici? "

Il discorso di Witten inizia attorno al segno 1:49:10:



Witten termina il suo discorso sottolineando che, nonostante la costante raffica di affermazioni senza senso da indagare, "il potere di un vicepresidente di una grande azienda è così grande che la ragione per cui c'era un laboratorio a Wright Field [oggi note aree A e C di Wright Patterson Air Force Base] è stato quello di scoprire cosa stavamo facendo e di aiutarci a farlo e ho ottenuto un contratto da Wright Field per farlo - per fare gravità. Che cosa ho fatto, molto felicemente. "

Non si sa cosa sia mai venuto dalla ricerca di Witten o dalle altre ricerche correlate del programma. Anche se non abbiamo trovato un suo record presso Wright Patterson per confermare il suo resoconto, Witten ha effettivamente pubblicato diversi articoli teorici sulla relatività generale durante quel periodo, tra cui " Invariants of General Relativity and the Classification of Spaces ", " Geometry of Gravitation and Elettromagnetismo ", e" Invarianza conforme in fisica ", che elencano tutti Witten come dipendente dell'Istituto di ricerca per studi avanzati istituito da Martin.

Il lavoro anti-gravità che Witten afferma di aver condotto al RIAS per conto di Martin è corroborato da una serie di tre articoli scritti dal giornalista dell'aviazione Ansel Talbert e pubblicati sul New York Herald Tribune il 20, 21 e 22 novembre 1956. Talbert servì come corrispondente dell'aviazione per l' Herald Tribune dal 1953 fino alla chiusura del giornale nel 1966, dopo di che scrisse per varie riviste di aviazione e pubblicazioni commerciali.


NEW YORK HERALD TRIBUNE
La prima pagina del numero di New York Herald Tribune del 20 novembre 1955.


Gli articoli delineano diversi istituti di ricerca che si sono concentrati sullo sbloccare i segreti della gravità negli anni '50, tra cui diverse importanti università e laboratori privati. Una parte fondamentale della maggior parte della ricerca condotta in queste strutture ha riguardato argomenti relativamente concreti come l'elettromagnetismo, le masse rotanti ad alta velocità e vari metodi per tentare di ridurre la massa di un aereo.

Ad Ansel Talbert fu offerto uno sguardo in prima persona sulla ricerca condotta in molti dei laboratori istituiti negli anni '50 per ricercare la gravità e tentare di combatterla. Le sue serie di articoli che esplorano l'argomento menzionano gli interessi anti-gravità e la ricerca di alcuni dei più grandi nomi dell'aviazione: William P. Lear, Lawrence D. Bell, Dr. Igor I. Sikorsky, Vice Presidente Trimble di Martin, e persino alimenti surgelati magnate Clarence Birdseye. "Mr. Birdseye ha dato al mondo i suoi primi alimenti surgelati preconfezionati e ha gettato le basi per l'industria dei surgelati di oggi", ha scritto Talbert, "più recentemente si è interessato agli studi gravitazionali".



NEW YORK HERALD TRIBUNE
Lawrence Bell of Bell Aircraft con il tenente colonnello Frank J. Everest, il maggiore Charles Yeager e il maggiore Arthur Murray. Secondo gli articoli di Talbert, Bell credeva che fosse possibile "annullare la gravità invece di combatterla".

La serie di Talbert offre uno sguardo affascinante ai numerosi sforzi di ricerca anti-gravità che erano in corso a metà degli anni '50, ma come tutti i resoconti di ricerca anti-gravità o di propulsione rivoluzionaria, nessuno dei soggetti intervistati da Talbert ha suggerito che il lavoro conclusivo  le tecnologie di anti-gravità sono mai venute da questi sforzi.

Tuttavia, Talbert sottolinea che alcune delle menti più brillanti dell'ingegneria aerospaziale e della fisica erano dedite allo studio della gravità all'epoca, studi che hanno portato a importanti scoperte nella relatività generale:
Gli attuali sforzi per comprendere la gravità e la gravitazione universale sia a livello subatomico che a livello dell'universo hanno oggi il sostegno positivo di molti dei più importanti fisici americani.

Questi includono il Dr. Edward Teller dell'Università della California, che ha ricevuto il merito principale per lo sviluppo della bomba all'idrogeno; Dr. J. Robert Oppenheimer, direttore dell'Institute for Advanced Study di Princeton; Il dott. Freeman J. Dyson, fisico teorico presso l'Istituto, e il dott. John A. Wheeler, professore di fisica all'Università di Princeton, che ha dato importanti contributi al primo progetto di fissione nucleare americano. 
Va sottolineato che gli scienziati di questo gruppo affrontano il problema solo dal punto di vista della pura ricerca. Si rifiutano di prevedere esattamente in quali direzioni porterà la ricerca o se avrà successo al di là dell'ampliamento della conoscenza umana in generale.


Uno dei più grandi asporto della serie di Talbert è l'ottimismo condiviso da molti dei soggetti coinvolti nel progetto, così come lo stigma che circonda tale impresa, anche allora:
Grover Loening, che era il primo laureato in aeronautica in un'università americana e il primo ingegnere assunto dai fratelli Wright, ha opinioni simili. Per un periodo di quarant'anni, il signor Loening ha avuto una illustre carriera come progettista e costruttore di aeromobili e recentemente è stato decorato dall'Aeronautica degli Stati Uniti per il suo lavoro come consulente scientifico speciale. "Sono fermamente convinto che presto l'uomo acquisirà la capacità di costruire un meccanismo elettromagnetico di contro-gravità che funzioni", afferma. "Molto della stessa linea di ragionamento che ha permesso agli scienziati di dividere le strutture atomiche consentirà loro di apprendere la natura dell'attrazione gravitazionale e i modi per contrastarla." 
In questo momento c'è una notevole differenza di opinione tra coloro che lavorano per scoprire il segreto della gravità e della gravitazione universale su quanto tempo impiegherà il progetto. George S. Trimble, un brillante giovane scienziato che è a capo della nuova divisione di progettazione avanzata di Martin Aircraft a Baltimora e membro del sottocomitato per l'aerodinamica ad alta velocità del National Advisory Committee for Aeronautics, ritiene che si possa fare relativamente rapidamente se risorse e slancio sufficienti fossero posti dietro al programma.
"Penso che potremmo fare il lavoro nel tempo in cui era effettivamente necessario costruire la prima bomba atomica se abbastanza potenza scientifica scientificamente addestrata avesse simultaneamente iniziato a pensare e lavorare per una soluzione", ha detto. "In realtà, il più grande deterrente per il progresso scientifico è il rifiuto di alcune persone, compresi gli scienziati, di credere che cose che sembrano incredibili possano davvero accadere ... So che se Washington decide che è vitale per la nostra sopravvivenza nazionale andare dove vogliamo e facciamo ciò che vogliamo senza doversi preoccupare della gravità, troveremmo rapidamente la risposta ".

Versioni di testo integrale trascritte degli articoli di Talbert "Conquista della gravità Scopo dei migliori scienziati negli Stati Uniti", "La meraviglia della nave spaziale vista se la gravità è superata" e "New Air Dream - Aerei che volano fuori dalla gravità" sono disponibili online qui , mentre il digitale le versioni degli articoli come apparivano nell'Herald Tribune di New York possono essere trovate attraverso gli archivi Herald Tribune disponibili attraverso il database ProQuest o il sistema della Biblioteca pubblica di New York. 


NEW YORK HERALD TRIBUNE
Un editoriale inviato al New York Herald Tribune in risposta alla serie di Talbert.

I laboratori di ricerca aerospaziale presso la base aerea di Wright Patterson

George Trimble, Clarence Birdseye e Lawrence Bell non erano i soli interessati a ricercare l'antigravità. La serie di Talbert riportava che quasi tutte le principali compagnie aerospaziali dell'epoca erano coinvolte in qualche modo nella ricerca del "problema di gravità": Convair, Lear, Sikorsky, Sperry-Rand Corp., General Dynamics e Avro Canada. Proprio come il dott. Louis Witten ha citato in seconda mano i secondi conclusivi del suo discorso al 27 ° Simposio del Texas sull'astrofisica relativistica, anche l'Aeronautica degli Stati Uniti ha avviato un proprio progetto di ricerca sulla gravità presso la base aerea di Wright Patterson.

Il progetto era inizialmente noto come Laboratorio di fisica generale degli Aeronautical Research Laboratories (ARL), ma ad un certo punto il suo nome è stato cambiato in Aerospace Research Laboratories. A capo del progetto, l'Aeronautica ha assunto il fisico Joshua N. Goldberg che aveva recentemente ricevuto il suo dottorato di ricerca presso l'Università di Syracuse. Secondo il Curriculum Vitae di Goldberg , ha lavorato come fisico di ricerca presso i laboratori di ricerca aerospaziale di Wright Patterson dal 1956 al 1962, oltre a insegnare meccanica classica a livello universitario presso l'Ohio State University Extension a Wright Patterson.

Le pubblicazioni di Goldberg di quel periodo mostrano che ha pubblicato numerosi articoli teorici su riviste accademiche mentre lavorava a Wright Patterson, tra cui titoli come " Leggi di conservazione nella relatività generale ", " Misurazione della distanza nella relatività generale " e " Spazi di Einstein con quattro- parametro Holonomy Group . ”

Anche molti colleghi di Goldberg di Wright Patterson hanno prodotto ricerche peer-reviewed sulla relatività generale mentre erano a Wright Patterson. I numeri variano, ma alcuni resoconti affermano che dozzine di studi sono stati prodotti dal gruppo di Goldberg. Alcuni dei rapporti pubblicati da quell'epoca includono pubblicazioni ad alta equazione come " Alcune estensioni del secondo metodo di Liapunov " di JP LaSalle e " Campo gravitazionale di una massa rotante come esempio di metriche algebricamente speciali " di Roy Kerr.



LETTERE DI REVISIONE FISICA

I punti di vista differiscono sulla natura della ricerca condotta presso Wright-Patterson nell'ambito di questo programma. Alcuni hanno ipotizzato che avesse a che fare con il tentativo di sviluppare una propulsione antigravità, mentre altri affermano che i suoi obiettivi erano molto più banali.

Tuttavia, la ricerca supportata dall'Aeronautica ha portato a ciò che alcuni storici della scienza hanno chiamato "l'Età d'oro della relatività", un titolo contestato da altri , come il fisico tedesco Hubert Goenner, che sostiene che "in gran parte ciò che è stato chiamato  "L'età d'oro della relatività" negli Stati Uniti, potrebbe non essere stata altro che una caratteristica di una tendenza generale in fisica dopo lo shock dello "Sputnik". "Spesso si afferma che l'istituto di Wright Patterson e altri laboratori associati finanziati dall'aeronautica furono istituiti semplicemente per indagare sui rapporti della ricerca antigravità russa per vedere se gli avversari americani avessero raggiunto ciò che gli Stati Uniti non erano stati in grado di fare. La ricerca antigravitazionale condotta a Wright Patterson si concluse nei primi anni '70 con il passaggio degli emendamenti di Mansfield. Il primo di questi, approvato nel 1970, limitava "il finanziamento militare della ricerca che mancava di una relazione diretta o apparente con una specifica funzione militare".

Secondo un rapporto dell'Office of Technology Assessment consegnato alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti nel 1991, questi emendamenti di Mansfield per alcuni anni hanno rallentato in qualche modo il ritmo della ricerca militare degli Stati Uniti sui tipi di argomenti alti e astratti studiati a Wright Patterson negli anni '50 e '60. A seguito di tali emendamenti, la strategia di ricerca del Dipartimento della Difesa si è spostata maggiormente verso il modello di sovvenzione della proposta visto oggi nei laboratori universitari e privati.

Ciò non significa che la ricerca dell'esercito americano sulla gravitazione si concluse con gli emendamenti di Mansfield o fosse limitata al solo gruppo di Goldberg a Wright Patterson. Esistono molte ricerche nel regno pubblico che mostrano che la ricerca dell'Aeronautica su questi concetti è continuata molto tempo dopo che gli scienziati di quella base sono passati a lunghe carriere nel mondo accademico.

Nel 1972, un gruppo ad hoc con Franklin Mead, allora ingegnere aerospaziale senior con i laboratori di ricerca aerospaziale dell'aeronautica, che ha lavorato come redattore, aveva pubblicato un rapporto tecnico intitolato " Advanced Propulsion Concepts - Project Outgrowth " per il Air Force Rocket Propulsion Laboratory presso Edwards Air Force Base. Il documento discute vari concetti avanzati di propulsione che vanno dalla propulsione tradizionale a razzo alla "propulsione antigravità", a cui è dedicato un intero capitolo.

Nel Project Outgrowth sono delineati due approcci principali: quelli che utilizzano l'assorbimento gravitazionale e quelli basati sulla teoria dei campi unificata che unisce elettromagnetismo e gravitazione. Mentre il documento rileva che questi approcci "richiederebbero importanti innovazioni nei materiali", sottolinea che "nessun cambiamento nuovo o radicale nella fisica fondamentale" sarebbe necessario per rendere queste scoperte una realtà. In altre parole, Mead e il resto del gruppo di studio hanno creduto che questi tipi di concetti di propulsione rivoluzionari potessero essere possibili una volta che le scienze dei materiali hanno raggiunto i concetti sviluppati nella fisica teorica.


USAF

Durante l'ampio documento del Project Outgrowth, Mead e gli altri scienziati hanno anche esplorato la propulsione sul campo, definita come quei concetti che usano "campi elettrici e / o magnetici per accelerare un fluido di lavoro ionizzato o reagisce direttamente con l'ambiente mediante effetti elettrici o magnetici". Mentre sono stati analizzati una serie di approcci teorici di propulsione in campo, hanno concluso che "sarebbe impossibile, entro i limiti di tempo di questo studio, valutare completamente l'area di propulsione in campo", rilevando tuttavia che "nella letteratura aperta si possono trovare concetti più radicali quelli interessati a perseguirli. "

Tuttavia, il documento contiene alcune curiosità. Un capitolo, intitolato "Effetti elettrostatici", descrive l'uso di generatori elettrici per caricare gigantesche sfere metalliche sepolte nel terreno a sei miglia di distanza in modo simmetrico. Un'altra sfera verrebbe posizionata al di sopra del terreno al centro di questa disposizione di sfere, che verrebbero quindi lanciate fino a 620 miglia nello spazio quando le altre sfere vengono caricate con un'intensa corrente elettrica, secondo il documento. Si afferma inoltre che i veicoli che volano nello spazio con pelli cariche potrebbero essere utilizzati per far sì che le sfere cambino direzione istantaneamente senza alcuna perdita di velocità o uso di propellente.




USAF

Per quanto affascinante possa sembrare questo esperimento, nel documento non c'è nulla che suggerisca che l'Air Force abbia effettivamente inviato sfere metalliche che volano nel cielo e il documento sottolinea che "l'analisi di questo concetto ignora completamente l'effetto degli immensi campi elettrici circostanti ambiente ", osservando che gli ioni ambientali che si accumulano attorno alle sfere annullerebbero l'effetto repulsione. "La gestione e la produzione di oggetti carichi della grandezza assunta per l'analisi potrebbe essere ben al di là della portata della tecnologia per i decenni a venire" e "tutte le idee discusse mancano di valore teorico e tecnico", ha concluso il gruppo di studio.


USAF

Lo stesso documento delinea approcci teorici all'uso dei superconduttori per ottenere la propulsione di veicoli spaziali elettromagnetici, osservando che le applicazioni dei campi elettromagnetici ad alta energia vanno ben oltre la propulsione:


Il più grande vantaggio di questo concetto è che il sistema è inizialmente caricato sulla terra con un'enorme quantità di energia senza massa che viene immagazzinata in un sistema di propulsione a bassa perdita. [...] Simile ad altri veicoli a bassa spinta, questo sistema è in grado di accelerare a velocità molto elevate quando opera su grandi distanze per periodi di tempo considerevoli. [...] Questo sistema potrebbe essere utilizzato per rallentare i veicoli che si avvicinano alla Terra ad alta velocità. Militarmente, questo concetto potrebbe, con il suo alto campo magnetico, distruggere, deviare o danneggiare gravemente i proiettili ad alta velocità in arrivo.


USAF


Il documento Project Outgrowth si conclude sostenendo che mentre molti di questi concetti sono ancora fuori dalla portata dell'USAF, i progressi nei materiali e nell'ingegneria potrebbero rendere quella che nel 1972 sembrava una fantasia una realtà nei decenni a venire:
Ovviamente, i progressi in alcune aree della tecnologia potrebbero rendere improvvisamente molto interessanti alcuni concetti. I miglioramenti nei laser ad alta energia di diversi ordini di grandezza dell'emissione di energia o nuovi concetti che coinvolgono il trasferimento di energia a lunga distanza renderebbero molto attraenti sia la propulsione laser sia l'infinito Isp ramjet. Lo sviluppo di superconduttori a densità di corrente maggiore, idrogeno metallico o persino superconduttori a temperatura ambiente renderebbe molti dei concetti magnetici più attraenti. [...] 
Le deviazioni radicali da approcci consolidati e ben collaudati vengono scartate o mancano di visualizzazione. Forse, fino a quando l'uomo non diventerà veramente una creatura dello spazio, verranno rimosse le restrizioni imposte alla sua immaginazione e ideati concetti di propulsione radicalmente nuovi. Stiamo appena iniziando a comprendere la vera natura dello spazio e tentando di utilizzare questo ambiente per le nostre esigenze di propulsione.


Gli stessi concetti esplorati nel documento Project Outgrowth sono stati successivamente esaminati da successivi studi finanziati dall'Aeronautica. Nel 1988, Veritay Technology, Inc., con sede a New York, ha presentato il documento " 21st Century Propulsion Concept " all'Air Force Astronautics Laboratory (AFAL) presso la Edwards Air Force Base. Il documento esamina l'effetto di Biefield-Brown, una teoria controversa che afferma che i campi elettrici possono produrre forze propulsive a volte chiamate vento ionico. L'AFAL è stato in grado di generare minuscole misure di propulsione con il concetto, ma ha concluso che "gli effetti di propulsione ionica sono trascurabili".

Un rapporto analogo del 1989 intitolato " Electric Propulsion Study ", anch'esso conforme al Laboratorio di astronautica di Edwards, delinea una varietà di teorie ed esperimenti che esplorano le interazioni tra campi gravitazionali, elettrici ed elettromagnetici. Vengono discussi concetti come il vento ionico, l'effetto Mach e varie applicazioni dei campi elettromagnetici ad alta energia.

Un breve capitolo esplora il concetto di variazione di massa inerziale usando un cilindro rotante riempito di mercurio. L'Air Force ha concluso che l'esperimento ha mostrato poche promesse e che "al momento non è stata suggerita alcuna azione AFAL", ma che "se un esperimento di agenzie esterne dovesse essere condotto con risultati positivi, allora quest'area dovrebbe essere riconsiderata".

In definitiva, il documento conclude che mentre gran parte della ricerca che cita è ancora agli inizi, le tecniche di riduzione della massa inerziale possono offrire i risultati più promettenti con ulteriori studi:
Si raccomanda che politiche e piani prendano in considerazione studi a lungo termine nell'area della gravità e dell'inerzia. Queste aree meritano maggiore enfasi. Questo è probabilmente più importante di qualsiasi singolo programma sperimentale. Poiché la propulsione chimica sta raggiungendo i suoi limiti teorici e la propulsione nucleare ha difficoltà politiche, è più probabile che gli studi gravitazionali ed elettromagnetici porteranno a scoperte future rispetto a qualsiasi altro studio sulla forza nucleare (con la possibile eccezione dei più recenti lavori di fusione a bassa temperatura).


L'Air Force continua a studiare modi per sfidare la gravità senza l'uso di propellenti e alcuni rapporti tecnici sostengono che ciò sarà presto possibile. Secondo lo studio del 2006 "Advanced Technology and Breakthrough Physics for 2025 and 2050 Military Aerospace Vehicles ", pubblicato dall'American Institute of Physics, alcuni scienziati affermano che la propulsione di prossima generazione potrebbe essere raggiunta entro i prossimi tre decenni.

Lo studio è stato compilato su richiesta del US Air Force Research Laboratory (AFRL) ed esamina le scoperte tecnologiche che i ricercatori credevano potessero essere sviluppate e implementate entro il 2025 e il 2050.
AMERICAN INSTITUTE OF PHYSICS

Il "veicolo 2050" concettuale che prevede l'ipotetica tecnologia di riduzione della massa inerziale, teorizzata per estrarre energia dal vuoto quantico.

Mentre la maggior parte del rapporto si concentra sui reattori a fusione compatti e sugli sviluppi di nuovi materiali compositi ad alta temperatura, la sezione sul "Veicolo 2050" prevede che la propulsione a reazione e i sistemi di potenza di questo ipotetico velivolo arriveranno sotto forma di campo privo di propellente propulsione basata sul principio di indurre fluttuazioni di massa utilizzando campi elettromagnetici ad alta frequenza:
Un esempio di propulsione di campo senza propellente [...] propone l'uso di pulsazioni di campo elettromagnetico (em) ad alta tensione e alta frequenza per indurre fluttuazioni di massa all'interno della struttura elettronica e ionica dei materiali dielettrici - per causare un campo "gravità inerziale" favorevole all'accoppiamento con la materia vicina e distante che si traduce in forza unidirezionale.


Naturalmente, come sappiamo ora, l'USAF non è l'unico ramo dell'esercito che guarda apertamente ai veicoli ipotetici di prossima generazione basati su concetti di campi elettromagnetici e variazioni di massa inerziale. Sulla base del recente annuncio che dichiara una partnership con TTSA, sappiamo che anche l'esercito americano sta anche esplorando concetti simili per i veicoli terrestri di prossima generazione che sfruttano gli stessi principi che USAF ha esplorato per decenni: manipolazione di massa, guide d'onda metamateriali elettromagnetiche e fisica quantistica .


Ricerca civile su gravitazione, elettromagnetismo e propulsione

L'esercito non è l'unico settore che per decenni ha condotto ricerche che hanno esplorato i confini della propulsione aerospaziale e della relatività generale. Nel 1996, la NASA ha finanziato uno sforzo noto come Breakthrough Propulsion Physics Program (BPP) che ha invitato alcune delle menti più brillanti in fisica e ingegneria aerospaziale a proporre nuove idee radicali per spingere il volo spaziale in un nuovo paradigma.

In un documento che delinea il programma BPP presentato al  Second Symposium on Realistic Near-Term Advanced Scientific Space Missions nel 1998, il suo direttore, Marc Miller, ha offerto una panoramica degli obiettivi della NASA per il progetto, sottolineando che "è noto dai fenomeni osservati e dalla consolidata fisica della relatività generale che la gravità, l'elettromagnetismo e lo spaziotempo sono fenomeni interconnessi "e che" queste idee hanno portato a mettere in discussione se le forze gravitazionali o inerziali possano essere create o modificate usando l'elettromagnetismo ".

Molte delle idee che Miller e il programma BPP della NASA descrivono sono state sviluppate o meglio comprese grazie alla ricerca finanziata da Wright Patterson, incluso il concetto di massa negativa di Hermann Bondi (il gruppo Bondi al Kings College di Londra ha ricevuto finanziamenti dall'Aeronautica USA) e Teoria  sulla radiazione gravitazionale  di Joshua Goldberg.

Nel tentativo di ottenere una propulsione rivoluzionaria basata su questi concetti, il progetto della NASA ha identificato tre barriere principali che ostacolano il loro obiettivo principale di raggiungere il viaggio interstellare:
(1) MASSA: Scopri nuovi metodi di propulsione che eliminano o riducono drasticamente la necessità di propellente. Ciò implica scoprire modi fondamentalmente nuovi per creare movimento, presumibilmente manipolando l'inerzia, la gravità o qualsiasi altra interazione tra materia, campi e spaziotempo. 
(2) VELOCITÀ: Scopri come raggiungere le massime velocità di transito ottenibili per ridurre drasticamente i tempi di viaggio. Ciò implica scoprire un modo per muovere un veicolo al limite della velocità massima effettiva per movimento nello spazio o attraverso il movimento dello spazio-tempo stesso (se possibile, significa aggirare il limite di velocità della luce). 
(3) ENERGIA: scopri le modalità fondamentalmente nuove della generazione di energia a bordo per alimentare questi dispositivi di propulsione. Questo terzo obiettivo è incluso poiché le prime due scoperte potrebbero richiedere progressi nella generazione di energia e poiché la fisica alla base degli obiettivi di propulsione è strettamente legata alla fisica dell'energia.


Nel 1997, il Lewis Research Center della NASA, ora noto come John H. Glenn Research Center presso Lewis Field, tenne una conferenza su questi concetti di propulsione rivoluzionari, i cui procedimenti meritano una lettura e contengono titoli come "Messa inerziale come reazione of the Vacuum to Accelerated Motion ", "Force Field Propulsion ", e " The Zero-Point Field e la NASA Challenge per creare lo Space Drive ".

Da quel poco che sappiamo o pensiamo di sapere di Salvatore Cezar Pais , l'inventore sfuggente degli intriganti, se non sconcertanti brevetti 'UFO' della Marina che abbiamo esplorato nelle nostre precedenti relazioni, stava lavorando alla sua tesi di dottorato presso Case La Western Reserve University mentre lavorava come dottoranda di ricerca presso la NASA presso il John H. Glenn Research Center della NASA presso Lewis Field al momento della conferenza.

Non ci sono prove concrete che Pais abbia partecipato al seminario, ma secondo la prefazione del documento, erano presenti 12 studenti. Il sommario per gli atti della conferenza elenca un totale di 449 pagine, l'ultima delle quali è un elenco dei partecipanti al seminario. Tuttavia, le versioni disponibili online si fermano a pagina 389. Attualmente stiamo perseguendo una richiesta del Freedom of Information Act per ottenere le pagine mancanti.

Confermando la presenza di Pais alla conferenza sarebbe significativo perché molti esatti concetti rivoluzionari che la NASA stava esplorando in termini di sbloccare nuove forme di propulsione e di viaggi nello spazio sono gli stessi tipi di concetti trovano in tutto il brevetto per il suo " ibrido aerospaziale subacqueo mestiere "e" generatore di campo elettromagnetico ad alta energia" Molti dei partecipanti al seminario della NASA sono citati anche nei brevetti e nelle pubblicazioni di Pais. Collocare Pais alla conferenza aggiungerebbe corpus di prove che suggeriscono che le tecnologie nei brevetti della Marina potrebbero essere state in lavorazione negli ultimi 20 anni , almeno per quanto riguarda l'inventore. In realtà, tuttavia, come abbiamo esposto qui, molti dei concetti dei brevetti di Pais sono simili a quelli che sono stati studiati a Wright-Patterson e in altre strutture negli anni '50 e sono ancora in fase di esplorazione oggi.

Oltre alla NASA, i laboratori accademici e indipendenti hanno studiato gli stessi principi e gli approcci dell'Aeronautica Militare e altri laboratori militari hanno studiato per decenni. Una delle aree più comunemente studiate è la riduzione ipotetica della massa di un aereo usando l'elettromagnetismo, preferibilmente a zero, e diversi ricercatori di Lockheed Martin sono stati coinvolti in parecchi studi teorici sull'alterazione della massa inerziale (vedi Haisch, Rueda e Puthoff, 1998 ; Rueda and Haisch, 1998 ; Haisch e Rueda, 1999 ; e Woodward, Mahood e marzo 2001 ).

Una vasta serie di ricerche peer-reviewed sulla riduzione di massa comporta l'utilizzo di materiali superconduttori avanzati come l'ossido di rame bario di ittrio o YBCO (vedi Podkletnov e Nieminen, 1992 ; Li et al, 1997 ; e Podkletnov e Modanese, 2001 ). Alcuni di questi studi, molti dei quali hanno più di 20 anni, hanno riferito di osservare riduzioni di massa fino al due percento. Ovviamente, solo perché gli scienziati riportano un risultato peer-reviewed non significa che i loro dati non possano essere sfidati o influenzati da fattori spuri.

Altri tentativi di superare e sfruttare la gravità si concentrano sull'uso dei campi elettromagnetici. Nella pubblicazione del 2007 " La connessione tra forze inerziali e potenziale vettoriale ", i ricercatori hanno trovato una connessione tra campi elettrici e magnetici, scrivendo che esiste una "possibilità di manipolare la massa inerziale" e potenzialmente "alcuni meccanismi per possibili applicazioni alla propulsione elettromagnetica e lo sviluppo della fisica avanzata della propulsione spaziale. "

Nel 2010, uno studio finanziato dall'aeronautica dell'Università della Florida ha sfruttato questi principi per progettare e testare un " Veicolo aereo elettromagnetico senza ali (WEAV) " che si dice non impieghi "parti mobili e assicura tempi di risposta quasi istantanei". Lo studio scrive che questo veicolo è progettato per supportare la strategia del laboratorio di ricerca dell'aeronautica per "fornire effetti di precisione: sensori onnipresenti, sciamanti e tiratori." entro il 2015-2030.

Lo studio è stato in grado di produrre un disco che "è stato in grado di librarsi alcuni millimetri sopra la superficie per una durata sostenuta (circa tre minuti)" e ha osservato che "i prototipi di raggio variabile sono anche" volati "con successo, dimostrando che lo WEAV è scalabile ".


UFFICIO DELL'AERONAUTICA DI RICERCA SCIENTIFICA

Molti altri approcci si sono concentrati sulle proprietà uniche dei nuovi materiali. La pubblicazione del 2007 " Prove sperimentali dirette della spinta della manipolazione dell'inerzia elettromagnetica " riporta "nuovi risultati sperimentali che suggeriscono che la propulsione" senza propellente "senza assistenza esterna convenzionale è stata raggiunta mediante la manipolazione dell'inerzia elettromagnetica" utilizzando materiali piezoelettrici, composti che cambiano forma quando sottoposti a un carica elettrica.

In effetti, diversi ricercatori hanno riportato risultati significativi nella manipolazione di massa utilizzando uno specifico composto piezoelettrico, il titanato di zirconato di piombo (PZT), che si trova in molti dei recenti brevetti della Marina. Un fisico in particolare, il Dr. James Woodward dello Stato della California Fullerton, ha riscontrato ripetuti successi nel modificare la massa di piccoli campioni di test di PZT.

Mentre i livelli di riduzione della massa osservati da Woodward sono minuscoli, lo sono anche i campioni e i livelli di energia che ha usato. Tuttavia, in uno studio pubblicato con l'ingegnere aerospaziale Paul T. March, poi a Lockheed Martin, gli autori osservano che "effetti di fluttuazione di massa molto grandi dovrebbero essere producibili con livelli di potenza relativamente modesti", ma sono al di là dell'ambito e della portata del loro studio .

Anche così, i risultati di Woodward sono stati così promettenti che almeno due studi dell'Aeronautica militare, il rapporto tecnico del 1989 " Electric Propulsion Study " e il documento del 2017 " Movement and Maneuver in Deep Space : A Framework to Leverage Advanced Propulsion", richiamano l'attenzione sul suo ricerca in particolare e nota che il suo approccio sembra molto promettente.

Tuttavia, il documento dell'Aeronautica del 2017 rileva che "evidenti ostacoli istituzionali e finanziari si frappongono" e che "la scienza dei materiali e l'ingegneria sarebbero necessari per produrre nuovi materiali piezoelettrici e compensare la risonanza naturale, l'affaticamento meccanico e gli effetti termici".

Forse per questo motivo e probabilmente per molti altri, vari rami delle forze armate hanno attivamente ricercato per anni metamateriali in grado di propagare campi elettromagnetici ad alta energia. I documenti di bilancio della Marina mostrano che tra il 2011 e il 2016, il programma di ricerca indipendente del laboratorio interno della Marina ha condotto ricerche sulla "dispersione e controllo delle onde elettromagnetiche (EM) nella regione delle microonde (RF), utilizzando strutture metamateriali fabbricate".


DIPARTIMENTO DELLA DIFESA

A partire dal 2017, la Marina ha combinato diversi elementi del programma sotto un unico titolo, modificando il modo in cui i singoli progetti sono riportati nel loro budget e rendendo così più difficile sapere se questa ricerca metamateriale continua oggi.
Graffiare la superficie senza sapere cosa si nasconde sotto di essa

La ricerca citata qui è solo una breve occhiata a una manciata di numerosi studi che l'Aeronautica Militare, altri rami dell'esercito e vari laboratori accademici hanno condotto in "antigravità" e vari metodi di propulsione senza propellente, e solo quelli disponibili al pubblico. Chiunque abbia familiarità con la ricerca e lo sviluppo militare sa che esiste una vasta serie di progetti, dati associati e tecnologie che al pubblico deve ancora essere mostrato e potrebbe non essere mai mostrato.

Ci sono stati suggerimenti su quelle tecnologie segrete per anni offerti da addetti ai lavori di alcuni dei più alti livelli di ricerca e sviluppo aerospaziale d'America. Ad esempio, Ben Rich, il secondo direttore di Skunk Works di Lockheed Martin, ha dichiarato a Popular Science nel 1994 quanto segue:
"Abbiamo alcune cose nuove. Non stiamo ristagnando. Quello che stiamo facendo è aggiornarci, senza pubblicità. Ci sono alcuni nuovi programmi e ci sono alcune cose, alcune delle quali da 20 o 30 anni, delle scoperte che è ancora  appropriato tacere [perché] altre persone non le hanno ancora. "


Con questo in mente, è possibile che esistano determinate tecnologie che una volta esistevano, ma potrebbero non essere più le cose della fantascienza.

Indipendentemente da ciò, quando si tratta di sfruttare metodi esotici per superare la gravità, l'interesse dell'esercito americano a farlo è continuato dagli anni '50, e i laboratori civili gli sono stati alle calcagna.

Stiamo ancora cercando le risposte all'enigma che circondano i recenti brevetti della Marina, ma dire che sono venuti fuori dal nulla e non hanno basi scientifiche di qualsiasi genere sembra non essere del tutto accurato sulla base dei decenni di ricerca che abbiamo presentato prima. Gli stessi principi e molti degli stessi nomi citati nei brevetti di Salvatore Pais depositati per la Marina degli Stati Uniti tra il 2015 e il 2018 compaiono in numerosi studi della NASA, nelle pubblicazioni della comunità scientifica sottoposte a revisione paritaria e nella lunga storia della ricerca finanziata dal governo degli Stati Uniti nella relatività generale e nell'innovazione scientifica propulsiva.

Dobbiamo sottolineare ancora una volta che ciò non significa che realizzare questi concetti e metterli in pratica sia possibile in questo momento, o addirittura in futuro, per quella materia. Ma mostra che c'è stata una storia di interesse incredibilmente lunga e dettagliata da parte dell'esercito americano e della comunità scientifica in questo campo esotico che ha portato a una quantità significativa di ricerche che durano quasi sette decenni. Tutto ciò è accaduto nonostante gli scienziati abbiano capito fin dagli anni '50 che l'argomento era in gran parte tabù e spesso deriso dalla più ampia comunità scientifica.

Ancora una volta, ciò che esiste dietro il sipario del regno classificato è il grande jolly. Con così tanta ricerca presente in un ambiente non classificato, si può solo immaginare fino a che punto i militari e i loro partner del settore siano andati a fondo nel tentativo di ottenere il "Santo Graal" dell'ingegneria aerospaziale. Per alcuni, quella risposta speculativa potrebbe non essere affatto lontana. Per altri, potrebbe essere il contrario. Il fatto è che non lo sappiamo. Ma almeno sappiamo che l'argomento, in generale, non è così alieno come potrebbe sembrare.

Contatta l'editor: Tyler@thedrive.com

*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali




Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!