venerdì 21 febbraio 2020

L'universo Del Plasma Rovescia La Gabbia Mentale Di Newton: Ravviva Il Tempo Spazio Musicale Di Planck

La scienza come campo di battaglia della guerra epistemologica

Sa Defenza 



Verso la fine del 2019, sono arrivati ​​segnali dal veicolo spaziale Voyager 2 che hanno scosso le basi della fisica moderna e hanno messo in discussione  le forze e i principi che modellano il tempo spazio delle stelle all'interno di galassie (e implicitamente galassie all'interno di ammassi di galassie ). I dati che gli scienziati della NASA hanno ricevuto da Voyager 2 hanno catapultato la capacità dell'umanità di rispondere finalmente alla vecchia domanda "cosa c'è nello" spazio " tra le stelle o persino tra le galassie nel nostro universo? Come ha affermato lo scienziato, del progetto Voyager, Ed Stone:
"Le sonde Voyager ci mostrano come il nostro sole interagisce con le cose che riempiono la maggior parte dello spazio tra le stelle nella Via Lattea."

Cosa ha incontrato Voyager 2?


Mentre Voyager 2 usciva dall'eliosfera (il confine sferico modellato dal campo elettromagnetico del sole) e si spostava nel mezzo interstellare il 5 novembre 2019, i cinque sensori funzionavano ancora sull'imbarcazione lanciata nel 1977 insieme a Voyager-1, misurando l'intensità del campo magnetico, il flusso di radiazioni cosmiche e la densità del plasma hanno prodotto risultati sorprendenti. Dato che l'intensità del campo magnetico proveniente dal sole non veniva più avvertita, si incontrò un oceano di radiazioni cosmiche e plasma estremamente densi. I risultati di Voyager-2 confermano quelle stesse misurazioni che si sono verificate sul Voyager-1 in movimento più veloce quando ha attraversato l'Eliosfera nel 2012 dimostrando che questo non era un "fenomeno localizzato".


Un'interpretazione artistica della recente uscita di Voyager 1 e 2 dall'eliosfera nel mezzo interstellare

I raggi cosmici sono il termine generico per tutte le forme di protoni altamente energizzati e nuclei atomici che vengono prodotti nei soli, supernovae e altre galassie. La radiazione cosmica pervade il sistema solare ed è mediata dall'attività del campo magnetico terrestre. Alcuni esempi di raggi cosmici sulla terra includono l'aurora boreale, formazione di nuvole che media il riscaldamento e il raffreddamento della terra [ scoperta di Svensmark e co. ], e sembra anche coincidere con l'attività sismica, l'attivazione / disattivazione dei virus e potrebbe anche svolgere un ruolo significativo nell'evoluzione delle specie. Se sei un laico che incontra questa idea, una meravigliosa introduzione all'argomento può ancora essere trovata nel film del 1957 "The Strange Case of Cosmic Rays" prodotto da Frank Capra che è rilevante oggi come lo era 60 anni fa. 


La radiazione del sole non si muove attraverso un vuoto "empty/vacuum", ma piuttosto in un oceano densamente saturo verso la terra. Le sue emissioni (e quelle del più ampio ambiente galattico sono mediate dalla ionosfera, dalle fasce di Van Allen e dal campo elettromagnetico della terra come indicato nella rappresentazione artistica sopra.

I plasma sono talvolta conosciuti come il quarto stato fondamentale della materia (i primi tre sono solidi, liquidi e gassosi). Quando gli atomi e le molecole che compongono un gas sono indotti a perdere i loro elettroni (diventando ioni), viene prodotto un plasma elettricamente favorevole composto da detti ioni ed elettroni liberi.

Alcune delle varie manifestazioni del plasma con la loro densità di flusso per metro cubo e temperature

Piuttosto che supporre che i media interplanetari e interstellari siano composti da spazio vuoto "empty" o "vacuum", le reti di fisici a livello internazionale hanno accumulato prove abbondanti per decenni che un oceano di plasma densamente saturo e radiazione cosmica è il vero mezzo su cui i nostri pianeti e il sole si muovono  e il nostro sole si muove attraverso il centro galattico della Via Lattea ogni 230 milioni di anni.

Un'eccellente infografica prodotta dalla NASA con la traiettoria dell'orbita del nostro sole attorno al centro galattico ogni 230 anni. Un altro affascinante ciclo descritto in questo grafico è il "traballare" del sistema solare sopra e sotto il piano della Via Lattea che si verifica ogni 30 milioni di anni e coincide con determinati cicli di estinzione di massa.

Alcuni dei pionieri più importanti nel modello dell'universo al plasma del tempo spaziale solare e galattico includono i fisici di spicco Kristian Birkland, Winston Bostwick, Anthony Peratt e Hannes Alfvén. Dopo aver vinto il Premio Nobel del 1970 per la sua scoperta della magnetoidrodinamica, lo scienziato svedese Hannes Alfvén scrisse:
“Per comprendere i fenomeni in una determinata regione del plasma, è necessario mappare non solo il campo magnetico ma anche il campo elettrico e le correnti elettriche. Lo spazio è pieno di una rete di correnti che trasferiscono energia e quantità di moto su distanze grandi o molto grandi. Le correnti spesso pizzico di correnti filamentose o di superficie . È probabile che questi ultimi diano spazio, come anche lo spazio interstellare e intergalattico, una struttura cellulare ”

L'effetto "pizzico" di riferimento descrive la compressione naturale di un filamento conduttore elettrico mediante forze magnetiche. Si verifica nei fulmini, nell'aurora boreale e il suo uso da parte degli scienziati ha dato ottimi frutti nei plasmi a limitazione magnetica utilizzati nella ricerca sull'energia di fusione. Molte scoperte nella ricerca sulla fusione sono state frenate per decenni a causa della pervasività di alcuni falsi concetti di "forze", "vuoti", "buchi neri" e "materia oscura" prevalenti nella teoria della cosmologia standard. Uno dei più grandi paradossi incontrati nella ricerca sulla fusione ha comportato ingenui tentativi di superare la barriera di Coulomb.

Un'espressione dell'effetto pizzico applicato alla cosmologia da Lapointe e dal principale studente di Afven Anthony Peratt

Chiunque abbia mai tentato di "premere" le polarità identiche di due potenti magneti insieme avrà un'idea viscerale della barriera di Coulomb. Questa difficoltà aumenta quando si riduce la vicinanza dei magneti. Nel mondo atomico in cui la "fusione" di due atomi di elio o isotopi di idrogeno richiede che i nuclei caricati positivamente da due atomi occupino uno stesso spazio al fine di trasmutare e rilasciare molta energia nel processo, questo ostacolo è amplificato da molti ordini di grandezza.

Senza un concetto delle armoniche organizzate che pervadono i plasmi che hanno dimostrato l'esistenza di ricercatori come Bostwick, Alfven, Anthony Peratt et al. il loro movimento nei reattori giganti tokamak. Tuttavia, quando abbiamo a che fare con i plasmi e le dinamiche elettromagnetiche delle correnti di Birkeland, abbiamo a che fare con frequenze, impulsi e lunghezze d'onda che possono amplificare o de-amplificare, creare consonanze o dissonanze con effetti osservabili misurabili. In questo senso, lo spazio in realtà ha più cose in comune con una sinfonia che con oggetti cinetici che emettono "forze" nel vuoto.

Una vista interna dell'European JET Tokamak con un'immagine di plasma surriscaldato confinato da forti campi magnetici a destra

La visione galattica di Anthony Peratt

Una delle figure di spicco della scuola dell'universo del plasma è Anthony Peratt (un importante fisico del Max Planck Institute for Physics and Astrophysicse stretto collaboratore con Hannes Alfvén), che ha generato un incredibile modello di strutture a galassia a spirale che si formano all'interno di un plasma carico che ha condotto presso il Los Alamos National Laboratory. È stato a lungo osservato che i plasmi hanno la tendenza a creare minuscole sovrastrutture stazionarie come vortici e sfere (chiamate "solitoni" per la loro somiglianza con il sole). Queste strutture osservate si formano in plasmi per ragioni che non sono state ancora completamente accertate e durano per intervalli di tempo molto brevi. Nonostante la loro misteriosa breve durata, esistono e non possono essere spiegati sotto alcuna analisi matematica che presenta concetti newtoniani di spazio vuoto e "masse" o "forze" evidenti.

Pratt portò queste osservazioni a un nuovo livello di cosmologia quando iniziò ad applicare i risultati di due plasmi sferici “pizzicati” da due filamenti di Birkeland magnetici da 10 (alle 18) ampere. Nel suo articolo del 1986 " Evolution of the Plasma Universe II: The Formation of Systems of Galaxies ", Peratt ha pubblicato diverse simulazioni che sono riportate sotto l'immagine della galassia a spirale M81 qui sotto.



Mentre questa evoluzione di due sfere di plasma adiacenti in una galassia a spirale microscopica completamente formata dura per soli picosecondi secondo i modelli di Peratt (mentre l'evoluzione delle galassie reali richiede miliardi di anni), il fatto che il modello dell'universo del plasma generi tali analoghi al macro versetto è incredibile. È semplicemente la questione della SCALA del tempo spazio fisico che differisce in entrambi i casi, ma gli effetti qualitativi sono gli stessi.

Ciò che è anche straordinario è che questo modello non si basa su alcun ricorso all'imposizione di entità immaginarie come i buchi neri o la materia oscura per giustificare la struttura della galassia come i fisici matematici tradizionali sono stati costretti a fare!

In un altro affascinante esperimento, Peratt ha usato le informazioni di tre radiotelescopi per formare modelli di doppie galassie radio e ha trovato analogie analoghe all'evoluzione di queste strutture galattiche all'interno dei plasmi di laboratorio, come documentato nel suo documento Simulazioni cellulari a spirale tridimensionale di galassie a spirale . Le simulazioni di Peratt hanno generato nel suo laboratorio macrostrutture identiche a quelle delle stesse doppie galassie radio osservate nell'universo.



Peratt è stato molto chiaro che la difficoltà popolare di accettare questo percorso di principio in fisica è collegata agli effetti velenosi delle ipotesi newtoniane di spazio vuoto e materia sulle menti di molti dei principali scienziati di oggi e ha riaffermato altrettanto recentemente quando ha detto:
"Lo spazio, essendo il più voluminoso del cosmo, quando trattato come puro vuoto, dà un falso senso che la maggior parte dell'universo è in uno stato noto, le uniche incognite sono le masse simili a punti che occupano l'universo di Newton. La scoperta della complessità delle magnetosfere planetarie del plasma ha dimostrato che lo spazio è plasma con una complessità elettrodinamica che supera quella dei primi tre stati della materia. "

Come sopra così  sotto

L'identificazione da parte di Peratt delle assunzioni newtoniane come la stampella mentale principale che trattiene i ricercatori nei campi della cosmologia e della fisica atomica è incredibilmente importante.

Qualche parola sarebbe appropriata qui per chiarire come e perché questi presupposti newtoniani si insinuarono nella scienza moderna quando quei brillanti fisici come Max Planck ed Einstein che rivoluzionarono entrambi i domini più di un secolo fa non solo non furono ostacolati dalle ipotesi di Newton, ma in realtà la frantumarono  brillantemente. Durante tutta la loro vita, entrambi gli uomini dichiararono di non applicare il metodo di Newton nel loro lavoro creativo, ma piuttosto quello di Johannes Keplero, il cui lavoro su New Astronomy (1609), On the Six Sided Snowflake (1609) e Harmonice Mundi (1619) non solo crearono la base per una moderna astrofisica che stabilisce le tre leggi di Keplero (in seguito plagiate dal cabalista autistico Isaac Newton della Banca d'Inghilterra ), ma pose quella nuova fisica sulle basi dell'armonia musicale.

Le 3 leggi planetarie di Johannes Keplero separarono la fisica dal misticismo e si basarono su un'intuizione musicale delineata nel suo capolavoro del 1619 con il suo modello del sistema solare sopra. Il fatto che la sua terza legge fosse l'effetto di questa teoria dovrebbe indurre lo scettico a pensarci due volte prima di respingere la visione di Keplero come spazzatura.

Non è insolito per un matematico impazzire quando si confronta l'argomento secondo cui le leggi della macrofisica sono in armonia con le leggi della microfisica, o anche che il mondo soggettivo interno dell'umanità è in armonia con l'universo soggettivo esterno. Si potrebbe immaginare un teorico della probabilità statistica che esclama: "Tutti sanno che la meccanica quantistica del 20° secolo ha dimostrato che le leggi casuali e caotiche del microcosmo sono del tutto incompatibili con le leggi predeterministiche di gravitazione, elettricità, ecc. dominanti nel macrocosmo!"

Bene, se Neils Bohr, Heisenberg, Paoli e l'interpretazione quantistica della Scuola di Copenaghen che ha assunto la narrativa della meccanica quantistica alla svolta del secolo è corretta, questa affermazione è certamente vera, e non ha senso cercare principi individuabili che unifica l'universo nella mente dell'umanità. Sebbene i seguaci dell'interpretazione di Copenaghen affermino che questo scisma è una verità assoluta oltre la quale nessuna mente può passare, l'ironia è che proprio questa scuola è celebrata per aver "smentito" la nozione di causalità o di verità tutti insieme! Semmai, i mondi micro e macro possono essere uniti solo sotto il presunto "irrazionalismo e probabilità statistica" che governava l'universo interno della stessa mente di Bohr [Vedi Billington,  Michael ‘Taoist Perversion of 20th Century Science,  Fidelio, 1994].

La 5ª Conferenza di Solvay del 1927 presentò una battaglia a tutto campo tra due opposte scuole di fisica su come trattare i paradossi del dominio quantistico. Da un lato, i veri scienziati creativi che hanno fatto scoperte sincere come Planck, Marie Curie, Lorenz ed Einstein hanno difeso l'idea di causalità e verità, mentre la nuova generazione di teorici della probabilità statistica della Copenhagen School of Bohr, Heisenberg, Paoli et al ha affermato il contrario. Sfortunatamente per il 20 ° secolo, gli scienziati della "vecchia guardia" furono scartati come obsoleti e ingenui.

Tuttavia, la domanda dovrebbe essere posta: cosa accadrebbe se quei padri fondatori della fisica quantistica di oggi come Albert Einstein e Max Planck avessero ragione nella loro affermazione che la nuova generazione di teorici della probabilità statistica della scuola di Copenaghen sbagliava a negare la causalità e la verità? E se Einstein avesse ragione nel dichiarare che "Dio non gioca a dadi con l'universo"?

Forse la mancanza di progressi nella ricerca sulla fusione o scoperte fondamentali in generale nel corso del 20° secolo ha avuto a che fare con l'abbandono di un metodo di pensiero fruttuoso che Einstein, Planck e altre grandi anime hanno capito ...

Einstein e Planck

Parlando contro l'abbandono della causalità, Planck argomentò nella sua Filosofia della Fisica del 1935 che:
“Il motivo per cui le misurazioni della fisica atomica sono inesatte non deve necessariamente essere ricercato in alcun fallimento della causalità. Può anche consistere nella formulazione di concetti errati e quindi di domande inappropriate.
Nello stesso saggio, Planck sosteneva che la corruzione della scienza (che è diventata molto più profonda 80 anni dopo) era legata a due errori fondamentali:

1) L'imposizione della matematica nella posizione dominante sopra la fisica che ha indotto gli scienziati a cercare di "adattare" la realtà fisica alla gabbia limitata (e spesso sbagliata) del loro linguaggio matematico e ...

2) La tendenza a spezzare la mente soggettiva dello scienziato fuori dall'equazione dell'universo oggettivo su cui stava indagando la mente di quella persona. Su questo punto, Planck ha detto:
"Nel trattare con la struttura di qualsiasi scienza, è emersa una reciproca interconnessione tra giudizi epistemologici e giudizi di valore e che nessuna scienza può essere completamente districata dalla personalità degli scienziati".

La musica come principio fondamentale dell'universo del plasma

Verso la fine della sua vita, Max Planck si sforzò 
appassionatamente di re-infondere la pratica scientifica con il senso di onestà e amore che animava le più grandi scoperte della storia umana, comprese le sue scoperte del quanto e la costante di Planck.

In entrambe le sue incredibili opere "Phlosophy of Physics" (1935) e "Where is Science Going?" (1932), Planck sottolinea che il paradosso della dualità a onda tra particelle può essere risolto solo infondendo nell'equazione un senso della mente del ricercatore e rimuovendo la divisione concettuale del muro osservata dall'osservatore.

Per chiarire il paradosso delle particelle d'onda e la risoluzione di Planck:

A differenza di un pianeta o di un altro proiettile, la velocità e la posizione di un fotone leggero non possono essere misurate simultaneamente (il momento in cui si tenta di "vedere" un fotone, quei fotoni che "colpiscono" l '"oggetto" osservato vengono restituiti all'occhio dell'osservatore con la posizione di quell'oggetto cambiata). Planck afferma che la soluzione a questo non si deve pigramente supporre che la luce debba semplicemente avere due identità opposte di onda e particella, né che la verità della sua essenza non possa essere conosciuta, ma piuttosto che le definizioni stesse di onda, particella, così come la mente stessa deve essere raffinata trattando scientificamente la questione del libero arbitrio ... poiché questo è l'unico caso noto diverso da un fotone osservato, per cui l'atto di osservare cambia ciò che si osserva. Planck afferma:
"Forse possiamo occuparci del libero arbitrio. Guardata soggettivamente, la volontà, nella misura in cui guarda al futuro, non è causalmente determinata, perché qualsiasi cognizione della volontà del soggetto stesso agisce causalmente sulla volontà, in modo che qualsiasi cognizione definitiva di un nesso causale fisso sia fuori dalla domanda. In altre parole, potremmo dire che guardato dall'esterno (obiettivamente), la volontà è causalmente determinata e che guardata dall'interno (soggettivamente) è libera ”.  
Planck descrisse il ruolo del pensiero creativo in questo processo in modo molto bello quando disse:
“Una buona ipotesi di lavoro è essenziale per qualsiasi indagine. Stando così le cose, ci troviamo di fronte alla difficile domanda su come partire per trovare l'ipotesi più adatta. Per questo non ci possono essere regole generali. Il pensiero logico di per sé non è sufficiente, nemmeno dove ha un corpo eccezionalmente ampio e molteplice per aiutarlo. L'unico metodo possibile consiste nell'afferrare immediatamente il problema o nel cogliere qualche idea felice. Un simile salto intellettuale può essere eseguito solo da un'immaginazione vivace e indipendente e da un forte potere creativo, guidato da una conoscenza esatta dei fatti dati in modo che segua la strada giusta. "
Mentre Planck era un abile pianista, Einstein parlava incessantemente dell'importanza dell'aderenza della sua anima alla musica classica e del suo amore per suonare Mozart con il suo violino. Entrambi gli uomini suonavano insieme musica frequentemente, ed entrambi testimoniavano il ruolo vitale dell'esecuzione della musica classica nel consentire loro di saltare oltre i vincoli del ragionamento logico deduttivo / induttivo (alias: matematica formale) che aveva impedito loro di formulare ipotesi fruttuose.



Sul ruolo della musica nella scoperta scientifica Einstein ha dichiarato:
“La teoria della relatività mi è venuta in mente dall'intuizione e la musica è la forza trainante di questa intuizione. I miei genitori mi hanno fatto studiare il violino da quando avevo sei anni. La mia nuova scoperta è il risultato della percezione musicale. " 
In un altro saggio, Einstein andò ancora oltre a descrivere il ruolo di una causalità in una fuga di Bach come chiave principale per sbloccare i problemi matematicamente irrisolvibili del quanto e della causalità in generale:
“Credo che gli eventi in natura siano controllati da una legge molto più rigorosa e strettamente vincolante di quanto sospettiamo oggi, quando parliamo di un evento che è la causa di un altro. Il nostro concetto qui è limitato a quello che accade all'interno di una sezione temporale. È sezionato da tutto il processo. Il nostro attuale modo approssimativo di applicare il principio causale è piuttosto superficiale ... Siamo come un bambino che giudica una poesia dalla sua rima e non dal suo ritmo. Oppure, siamo come un giovane studente al piano che collega solo una nota a quella che precede o segue immediatamente. In una certa misura, questo può essere tutto molto buono, quando si ha a che fare con composizioni semplici; ma non lo farà per l'interpretazione di una fuga di Bach. La fisica quantistica ci ha presentato processi molto complessi e, per soddisfarli, dobbiamo ampliare e perfezionare ulteriormente il nostro concetto di causalità ".

Per quanto a conoscenza di questo autore, da nessuna parte questa idea è stata meglio espressa nella nostra epoca moderna rispetto al breve video di 17 minuti Is the Past Fixed?


https://youtu.be/xFPj5hHWLEo

Riposizionare la mente al posto di guida

Questo può sembrare una deviazione dal nostro tema originale di un universo al plasma, tuttavia non è così. L'unico motivo per cui la naturale evoluzione creativa della scienza è stata artificialmente cancellata durante il 20° secolo, in modo tale che il potere di fusione non sia stato raggiunto nei tempi previsti e che non siano avvenute scoperte rivoluzionarie alla pari di quelle della fine del 19° - 20° secolo, erano a causa del fallimento di importanti scienziati, artisti e filosofi, non seguire il metodo superiore di scoperta creativa utilizzato con amore da artisti del calibro di Planck ed Einstein.

Invece di una nuova era di scoperte nei viaggi nello spazio, nello sviluppo pacifico e nelle scoperte atomiche, come previsto dai seguaci di John F. Kennedy, il 20° secolo ha visto la formazione di un nuovo sacerdozio scientifico e la trasformazione in una società di culto dei consumatori che tentava di "vivere per sempre" nello sfuggente attimo del ora "... ignorante del passato, impaurito per il futuro e sdegnoso nei confronti della natura umana.

Così come la comprensione dell'umanità inizia a penetrare oltre i limiti dell'eliosfera e nello spazio interstellare, e mentre nuove scoperte vengono fatte nel mondo segreto dell'atomo, ricordiamo le sagge parole di Planck che disse:
“La scienza non può risolvere il mistero ultimo della natura, e questo perché, in ultima analisi, noi stessi siamo parte della natura e, quindi, parte del mistero che stiamo cercando di risolvere. La musica e l'arte sono, in una certa misura, anche tentativi di risolvere, o almeno esprimere quel mistero. Ma a mio avviso, più progrediamo con entrambi, più siamo messi in armonia con tutta la natura stessa. E questo è uno dei grandi servizi della scienza all'individuo. "
L'autore è il direttore di Rising Tide Foundation , fondatore della Canadian Patriot Review e autore della serie Untold History of Canada . Può essere raggiunto via mail matt.ehret@tutamail.com

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/02/luniverso-del-plasma-rovescia-la-gabbia.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.

Grazie al nostro canale #SaDefenzaChannel su Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!