venerdì 11 maggio 2018


Un torturatore diventerà direttore della CIA?

Gina Haspel è convocata per una udienza, mercoledì , per essere nominata direttore della CIA, nonostante il suo record negativo in  sostegno della pratica della tortura, che lo stesso Pentagono ha ammesso  non funzionare, dice Ray McGovern.

Ray McGovern 


Il Comitato di Intelligence del Senato ha in programma mercoledì una udienza per decidere se raccomandare  Gina Haspel come direttore della Central Intelligence Agency

Non è un segreto che la Haspel abbia supervisionato la tortura di detenuti, incluso il waterboarding (annegamento simulato), in una base "segreta" della CIA in Thailandia. Il National Security Archive, senza scopo di lucro,  presso la George Washington University, riporta che la Haspel in seguito ha elaborato un  ordine per la distruzione di dozzine di videoregistrazioni delle sessioni di tortura, incluse alcune fatte prima del suo arrivo all'agenzia. Haspel ha anche contribuito a sostenere ripetute menzogne ​​sulla presunta efficacia della tortura , dei superiori della CIA, al Congresso con ben due presidenti.

Quindi, come può pensare il presidente Donald Trump di ottenere l'approvazione di questa nomina? È una storia triste. Il sondaggio mostra che la maggior parte degli americani, compresi i cattolici, sono persuasi, dai film e dalle serie TV di Hollywood, e degli altri media e dallo stesso Trump , che le torture funzionano.
"Assolutamente, penso che funzioni", ha dichiarato Trump a ABC News a gennaio 2017.

Dato il tono utilitaristico che domina la discussione, mi riferirò in primo luogo all'esistenza di prove che dimostrino che la tortura "funziona ", e poi commenta la tendenza a equivocare, in quello che si potrebbe definire un metodo gesuitico, sulla morale della tortura. Devo tuttavia sottolineare anticipatamente che il mondo civilizzato ha da  deciso da molto tempo , che la tortura è intrinsecamente dannosa e inaccettabile: è sempre un torto. È contraria alla legge nazionale e internazionale, ovviamente. Ma la tortura non è sbagliata perché è illegale. È il contrario. La tortura è illegale perché è un ABUSO inumano, sempre.

Costringono con Falsa 'Intelligence'

Il 6 settembre 2006, il generale John Kimmons , allora viceministro dell'esercito per l'intelligence, scelse di affrontare pubblicamente questo problema durante una conferenza stampa del Pentagono solo un'ora prima che sapesse che il presidente George W. Bush avrebbe pubblicamente esaltato le virtù dei metodi di tortura che sono diventati noti come "tecniche avanzate di interrogatorio". Il Gen. Kimmons afferma:
"Nessuna buona informazione arriverà dalla pratica di abusi. Penso che la storia ce lo dica. Penso che le prove empiriche degli ultimi cinque anni - anni difficili - ce lo espongono".
Ecco tuttavia, l'eccezione: la tortura può "funzionare" come incantesimo quando agli interrogatori viene detto di costringere con false "informazioni" per essere usate, ad esempio, per iniziare una guerra.

Il colonnello dell'Esercito Lawrence Wilkerson , che era a capo dello staff del Segretario di Stato Colin Powell, ha spiegato chi fosse il suo capo.

Il direttore della CIA George Tenet e il suo vice John McLaughlin nel ruolo del colonnello Wilkerson stavano facendo gli ultimi ritocchi al "falso" discorso del segretario Powell sull'Iraq al Consiglio di sicurezza dell'ONU il 5 febbraio 2003. Il sig. Tenet usava le informazioni che sapeva essere frutto della tortura per indurre in errore Powell nel sostenere che c'era un "nexus sinus" tra Saddam Hussein e al-Qaeda.

Secondo il colonnello Wilkerson, Tenet non disse a Powell che questa "informazione" proveniva da una fonte, Abu Yahya al-Libi , che era stata "data" e approvata dall'intelligence egiziana. La Defense Intelligence Agency aveva ufficialmente dichiarato inaffidabile ciò che aveva detto al-Libi, ma Tenet non lo aveva mai detto a Powell. Al-Libi ha poi ritrattato meno di un anno dopo, ammettendo di aver inventato la storia di Saddam e di Al Qaeda per bloccare la tortura.

"Il Male intrinseco"

Quelli di noi che hanno frequentato le istituzioni gesuite qualche decennio fa hanno insegnato che esisteva una categoria morale chiamata "male intrinseco" - le cui azioni erano sempre sbagliate, inclusi lo stupro, la schiavitù e la tortura. Purtroppo, alla mia università Fordham, la tortura sembra essere uscita da quella ben definita nella categoria morale il "mondo grigio".

Immagine sotto: polemica su Rose Hill.

Nella primavera del 2012, i laureati senior che erano a conoscenza, dell'Homeland Security Advisor (e in seguito del capo della CIA) , della carriera altalenante di John Brennan si opposero fortemente alla decisione del presidente di Fordham, Joseph M. McShane, SJ , di invitare Brennan, che si laureò al Fordham College nel 1977, per dare indirizzo all'inizio universitario nel campus del Bronx ed essere premiato - di tutte le cose - un dottorato in lettere umaniste, honoris causa. Brennan era già impegnato nella difesa delle "consegne straordinarie", nelle prigioni segrete all'estero e nelle "tecniche avanzate di interrogatorio".

Molti studenti di Fordham videro l'evidenza dello scandalo in quanto le violente politiche sostenute da Brennan erano in netto contrasto con i principi che la Fordham University avrebbe dovuto rappresentare come Università Cattolica dei Gesuiti. Scott McDonald , un laureato senior, ha chiesto di incontrare il presidente McShane per discutere tali preoccupazioni, ma Brennan è rimasto egualmente come relatore. McDonald lasciò la riunione chiedendosi se i teologi morali di Fordham ora consideravano la tortura della "zona grigia" [accettabile].

Lo scorso anno , la Fordham ha di nuovo onorato Brennan nominandolo per essersi distinto nella sicurezza globale presso il Center on National Security . E Brennan ha approvato la nomina Haspel.

Sento tutto questo a un livello personale profondo. Non solo sono stato orgoglioso della  Fordham Ram dal 1953, ma, cosa più importante, abbiamo nove nipoti, sette dei quali non hanno ancora scelto il loro college. Mi fa molto male non poterli raccomandare alla mia alma mater.


*

Ray McGovern ha originariamente redatto questo articolo su richiesta del settimanale gesuita, America. È stato fatto circolare internamente ma poi è stato bocciato per la pubblicazione.

Ray McGovern lavora con Tell the Word, un braccio editoriale della Chiesa ecumenica del Salvatore nel centro di Washington, DC. Un alunno di Fordham, ha trascorso 27 anni come analista della CIA, dall'amministrazione Kennedy alla prima amministrazione Bush. Ha conseguito un certificato in studi teologici da Georgetown e si è laureato in Advanced Management Program della Harvard Business School.


Disclaimer: il contenuto di questo articolo è di esclusiva responsabilità dell'autore/i. Il Centro per la ricerca sulla globalizzazione non sarà responsabile per qualsiasi dichiarazione inesatta o errata in questo articolo.


http://sadefenza.blogspot.com/2018/05/un-torturatore-diventera-direttore.html



Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli 



Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!