sabato 8 giugno 2019

PELASGI : I problemi dell'archeologia e della lingua albanese


 Prof. Dr. Luftulla PEZA Archeologo
Sa Defenza 

Riceviamo questo articolo via mail dall'Albania che pubblichiamo, una storia quella dei Pelasgi che viene attribuita totalmente ai greci, ma da quanto si evince dall'articolo in realtà si tratta di storia albanese , è un po come quel che accade qui in Sardinya tutto quello che trovano negli scavi o dentro i nuraghi (oltre ottomila torri)  per gli archeologi è di origine punica o filistea, ma mai che dicano la verità , ovvero che quanto troviamo sia di epigrafo (stele di nora) che i vari cocci trovati che sono veri e propri documenti epigrafi e quant'altro scritto sulle pietre dei nuraghi  si continua a negare che sia lingua antica di origine sarda... Sa Defenza

La storia albanese inizia molto presto nella preistoria, 10-15 mila anni prima di tutti gli altri popoli. I nostri antenati, i Pelasgi, hanno innalzato i "campi" e le "prime" fattorie della storia umana, segnando l'inizio dell'attività agricola dei Balcani. Questo alla fine rimuove l'uomo dal vecchio modo di "cacciatore-raccoglitore", che ha viaggiato giorno e notte per rifornirsi di cibo. Uomini costruirono i campi e gli insediamenti permanenti, piantarono semi delle piante (dalla parola "i semi" della lingua pelasgica), le case, loro filano il filo e usano le pezzature del tessere per le loro vesti con il merletto da loro inventato. Fustanella pelasgico / albanese è uno dei primi capi creati dall'uomo.

Queste persone di talento prima hanno innalzato un sistema pagano religioso con molti dei, guidati da Zeus-Signore pelasgi e altri dei dell'Olimpo. Scavato miniere per fondere poi il metallo che ha aperto nuove grandi strade all'umanità.

la grande invenzione dei Pelasgi erano le lettere e il primo alfabeto, con il quale ha scritto la loro lingua, dove le parole "acqua" e "DORA" scritte su stoviglie risalenti a 6 mila anni prima di Cristo, conservata oggi con la lingua albanese, che stabilisce il rapporto  pelasgico-albanese. Tutti questi miracoli si trovano nella Cultura Pelasgi del Vinka-Turdas (Balcani centrali), che costituisce la prima rivoluzione agricola, tecnologica e culturale dell'antichità. Usa la scrittura e inizia la storia umana.

I Pelasgi hanno dato gli scrittori all'umanità e i primi studiosi: Omero ha scritto Iliade e l'Odissea, Esiodo Teogonia dei pelasgi, prima che le opere di letteratura europea, filosofi della razza pelasgia  Anaksimandri, Ksenofani, Pitagora, ecc,  guida l'umanità verso la conoscenza e la prosperità.

I pelasgi dei Balcani si trovano in Anatolia, nel Medio Oriente, nel Nord Africa, nel Mediterraneo Etruria, Sardegna e oltre. Ovunque hanno lasciato la loro lingua scritta. Pertanto, le antiche lingue dei Balcani, l'Anatolia e del Mediterraneo hanno un grande vicinanza con l'altro e con la lingua albanese, perché sono tutti derivati dall'antica lingua Pelasgi (L.Peza & Lpez: Lingue Antiche dei Balcani e l'Anatolia ..., TR 2018 ).

I Pelasgi hanno lasciato il ricco patrimonio con molti altri oggetti, come templi antichi, Dodona, costruito in onore dei loro dei  Zeus, Hera, Acropoli di Atene, Apollonia ecc, Castelli con mura spesse di grosse pietre,  posizionati uno sull'altro senza malta, "Pelasgie o mura ciclopiche", le prime Olimpiadi, ecc. Questi muri sono ovunque, dove vivevano pelasgi in città, il loro paese: Scutari, Lezha, Kruja, Dyrach, Berat, Apolloni, Ohrid, Pogradec, Vlore, Orik, Himara, Borsh, Xara, Butrint, Creta, Micene , Sparta, Troia, Siberia e oltre.

Molte guerre sono state fatte in queste antiche fortezze e molte storie e artefatti di combattimento sono conservati nel loro seno. L'aquila nera bicipite della bandiera albanese è l'antico simbolo dei pelasgi, simbolo di Zeus, perché l'aquila era una parabola di Zeus e di uccelli pelasgi, che lo accompagna e protegge in tutto il mondo. L'aquila è conservata in nero sulla bandiera albanese mentre veniva disegnata nell'originale ceramica di fusione su pietra nera. Il nome Albania deriva anche dai tempi più antichi dell'albanese e Zeus Pelasgi.

All'inizio del millennio scorso lo sviluppo della società pelasgica nata dai giovani: macedoni, Illiria, Epiro, Dardania, Tracia, Peonia, Dacia,  erano i primi regni in Europa, parlavano e scrivevano in diversi dialetti, molto vicini tra di loro e Lingua albanese,  Filippo II di Macedonia e Alessandro Magno, due tra i più gloriosi della storia albanese, ha portato l'impero macedone in India, dove ha sviluppato il linguaggio e la cultura pelasgi / Macedone / albanese.

Durante la sua permanenza nei Balcani sono cresciuti i regni Illirico, Macedone, Epiro, Tracia, Dacia ecc, nel Centro e Nord Europa e il mondo intorno al Mediterraneo erano ancora all'età della pietra le tribù disorganizzate e semibradi: galli, celti, germanii, Slavi, siberiani, mongoli, tibetani, arabi, berberi, ecc. (Fig.1). Questo dimostra la grande abilità dei popoli pelasgi.


Dopo la morte di Alessandro il Macedone dell'impero fu diviso tra i suoi generali e Cassandro divenne re di Macedonia, che si estende a nord di Pela, Tessaglia, Livadia, Attica, AKEJ, Peloponneso Morea, e le isole a sud. confine Macedonia con Illiria, Epiro, Dardania, Dakine, Paeoninë e la Tracia, il reddito parlando da dialetti della lingua pellazge.

Dopo feroci guerre con gli Illirici, macedoni, Epiroti in 167-146 aC, l'Impero romano conquistò i Balcani, che ha riorganizzato in tre province: italica, illirica, che include i Balcani e l'Oriente, che include l'Anatolia in India (figura 2 ). Poi si formò l'impero bizantino, con le ultime due province. Tutti i popoli dell'impero parlavano diversi dialetti molto vicini alla lingua albanese, perché tutti discendono dagli antichi Pelasgi (confermati nel nostro recente libro, lingue antiche dei Balcani e l'Anatolia ..).

Durante l'invasione romana nei Balcani, la prima tribù conosciuta e culturalmente sconosciuta fu menzionata per la prima volta dai Romani come "Greci". Le origini della tribù greca sono sconosciute, poiché nel paese di origine non hanno lasciato alcun documento culturale e nessuno di loro l'ha portato quando sono venuti nel nuovo paese. I greci non hanno avuto alcun ruolo nella storia balcanica e non hanno avuto alcun territorio. Nel 1832, dopo la ribellione degli Arvanitas del 1831, il regno greco, con un territorio molto piccolo, fu costruito per la prima volta nei Balcani. Tra il VI e il VI secolo gli slavi meridionali si trovavano nei Balcani.

Con il crollo di Costantinopoli nel 453, i turchi iniziarono a diffondersi nei Balcani. I popoli balcanici hanno fatto lunghe guerre per la libertà, ma le guerre albanesi sono famose, sotto la direzione di Skanderbeg. Lui con i combattenti albanesi ha difeso le terre albanesi e la civiltà occidentale, l'Europa non l'ha mai aiutato. Giustamente il  2018 è stato dichiarato anno di Skanderbeg  con  l'organizzazione di un convegno internazionale sul tema "Skanderbeg, il ruolo e l'epoca in cui ha vissuto e combattuto", ma gli storici non l'hanno imposto al ministero della cultura.

Nessun'altra persona al mondo ha una storia così lunga, gloriosa e affascinante e un così grande contributo al progresso dell'umanità come albanesi.


LA STORIA E LA MAGGIORANZA CULTURALE ALBANESE?

Nel corso del XIX secolo apparvero i primi dati sul patrimonio culturale albanese, che suscitarono grande interesse tra gli specialisti. Nel 1924 iniziarono gli scavi archeologici ad Apollonia, guidati da L. Rey, che pubblicò diversi volumi sulla grande civiltà illirica di Apollonia. Nel 1926 ha lavorato per Ugolini in Finiq e Butrint. I materiali archeologici epiroto / albanesi dei 4-5 secoli aC furono pubblicati in tre volumi.

Dopo la seconda guerra mondiale, gli scavi archeologici furono ampliati dagli archeologi locali. Lo stato ha aperto le rispettive istituzioni: il Museo archeologico-etnografico (1948, Tirana), il settore scientifico della ricerca archeologica, nel 1976 il Centro di studi archeologici e nel 1991 l'Istituto di Archeologia. I centri archeologici furono costruiti a Durazzo, Apollonia, Butrinto, Korça, ecc. Dopo il 1990, vari progetti sono stati intrapresi in collaborazione con archeologi stranieri: il progetto greco-albanese a Butrint, il progetto albanese-americano nella grotta di Konispol, Apolloni-Bylis, Korçë, il progetto albanese-francese ad Apollonia e Sovinj (Korça) , Progetto albanese-inglese a Butrint, ecc. La cosa brutta di questi progetti è che gli stranieri  correvano e l'interpretazione dei materiali archeologici è stata fatta secondo il loro punto di vista, poiché non conoscono la storia degli albanesi, i membri albanesi hanno prestato servizio in ruoli non decisionali, più come braccia da lavoro che da studiosi.

Dopo gli anni '90, furono creati altri centri per assistere all'archeologia. Come affermato da S. Shpuza (Numero 21 marzo 2015) le istituzioni sono state sollecitate ad assistere l'archeologia con il Consiglio nazionale per l'archeologia (ASC), l'ASHA (Agenzia per i servizi archeologici), il DRKK (Dipartimento regionale della cultura nazionale), il dipartimento di archeologia dell'Università di Tirana ecc. Ma sfortunatamente la maggior parte del personale di questi centri non erano archeologi, ma partigiani, amici e militanti del partito politico. Da queste decisioni o conclusioni sull'archeologia, sono stati forniti dai militanti, senza basi scientifiche.

Mentre gli scavi archeologici in Albania si sviluppavano rapidamente, l'interpretazione del materiale archeologico rimase molto indietro, e spesso, avendo poca conoscenza, fu falsificata. Si nota che gli archeologi albanesi non conoscono la storia del paese, ma senza conoscere la storia il materiale archeologico rimane muto. Fornisce esempi per l'illustrazione. Nella pagina di archeologia albanese leggiamo:

"Durante l'era neolitica (7000-3000 aC), il territorio del nostro paese era molto abitato, come testimoniano dozzine di insediamenti scoperti che sono stati trovati in campi fertili, argini e grotte. Le loro abitazioni erano semplici capanne di fango. A Dunavec e Maliq sono state scoperte abitazioni su hunj (palafite) .... La vita degli abitanti del Neolitico, l'attività principale era l'agricoltura e l'allevamento, così come la preparazione e la produzione di terrecotte ". Di particolare valore, oggi, sono alcuni contenitori dipinti trovati a Dunavec, Cakran e Maliq I, che vengono importati dalle culture di Dimin in Tessaglia (Grecia). Sono la prima prova di scambio tra i territori del nostro paese con le civiltà più avanzate dell'Europa sud-orientale del Neolitico. "

La storia fornisce prove complete del fatto che nella Tessaglia la guarnigione neolitica è stata abitata dai Pelasgi, menzionano i loro insediamenti Sesklo e Dimini. Erodoto menziona anche che questi Pelasgi della Tessaglia furono i primi ad abitare l'Acropoli di Atene.

Inaccurati, ma importanti, dati scientifici sono negati alle interpretazioni dei nostri archeologi. I reperti archeologici di Dunavec e Maliq mostrano che durante il Neolitico queste regioni sono state abitate da Pelasgi, come in Tessaglia, con cui hanno avuto legami molto stretti sia nel commercio che in altre aree. L'interpretazione distorta del materiale archeologico dall'ignoranza dell'istologia porta la deliberata distorsione delle prove scientifiche dei Pelasgi, gli antenati degli Albanesi.

Di seguito nel Wikipedia albanese osserviamo altri falsi:
"Il fattore principale sono le prime relazioni con il mondo greco e in particolare il processo di urbanizzazione accelerato con l'istituzione di colonie greche sulle rive dell'Illiria. Così i coloni provenienti da Korkyra il 627a.c fondato Dyrrah, 588 a.c. fondato Apolonia e intorno alla prima metà del XIII secolo. VI è stabilito e Orikumi ".
Questo è ciò che scrive l'archeologo albanese, che non conosce la storia del suo popolo e ignora l'indignazione, e quindi la storia degli albanesi del perdono per gli altri. Non sorprende, abbiamo notato che la tribù greca senza nome e non greca arrivò nei Balcani durante l'invasione romana, ma , sono definiti con il nome di "greci". Ma oltre a questo, i Romani, quando giunsero nei Balcani, fondarono i regni Illirico, Macedone, Rumeno, Dacia, Dardano, con i quali combatterono lunghe guerre. Non è possibile per un popolo che non era nei Balcani come greci durante il diciannovesimo secolo. 7-2 aC abbiano fondato città in Illiria e nell'Epiro. D'altra parte, i Corinzi erano Pelasgi, come evidenziato dall'iscrizione corinzia, che è in lingua pelasgica (vedi L.Peza Korinthasit Pashtriku org.). Anche i nomi delle città Dyrah o Epidamn, Apolloni, Sarand, Orik ecc. sono esplicati solo in lingua albanese. Pertanto, coloro che scrivono sopra da archeologhi-storico albanesi, dimostrano che non ha conoscenza della storia e la loro arretratezza, la storia degli albanesi la regalano agli altri.


Abbiamo visitato i forti di Scutari, Lezha, Durazzo, Berat, Apollonia, Borshi, Butrinto e ovunque le spie affermano che si tratta della fortezza illirica del "periodo ellenistico". Questa spiegazione non è in linea con la storia. Quasi tutti i nostri forti sono stati costruiti durante l'età del bronzo, poiché si è notato che nelle loro fondamenta ci sono grandi pietre rettangolari ben arrotondate, note come Pelasgico o Ciclope. Tali grandi pietre poste l'una sull'altra senza malta sono di bronzo e caratteristici della costruzione del bacino. I pesci pelagici furono poi fatti rivivere dagli illirici, ma le pareti illiriche furono lapidate, simili a stucchi. Queste fortezze mezzo demolite, durante il Medioevo, furono rianimate da Skanderbeg e utilizzate per la guerra contro i Turchi. Anche in questo caso la spiegazione distorta deriva dalla scarsa conoscenza della storia da parte di archeologi e storici albanesi e dalla loro intenzione di alienare questi monumenti come greci. Nessun segno di alcun "periodo ellenistico" è notato nella nostra storia.L'archeologo noto a molte pubblicazioni scientifiche Halil Shabani (foto sopra) del direttore culturale di Saranda, Panagiot Gunari, minoranza di origine greca , è richiesto sui siti archeologici greco / greco di siti archeologici illirici / epiroti. Quando non ha eseguito l'ordine di falsificare le carte, è stato licenziato, e al suo posto come esperto di archeologia hanno messo un economista della minoranza greca.

"Il motivo del mio licenziamento è il mio rifiuto di inserire schede e passaporti culturali non professionali e di entrare in conflitto con la ricerca scientifica", afferma l'archeologo Shabani. Secondo lui le carte, della direzione dei monumenti, secondo i suoi studi e altri specialisti è segnata ovunque l'affiliazione illiro-epirota. Ecco uno sguardo sull'impiego sbagliato di una minoranza greca nella municipalità di Saranda, anziché preservare la cultura albanese.

Questo è uno scandalo in tutto il paese, perché non è l'unico caso. Questo è stato fatto anche in altri luoghi a Durazzo, Butrinto, Orik, ecc., Fortificando l'idea che oggetti culturali illirici o epirotici siano manufatti greci. Questo ha portato alla conclusione errata che gli oggetti appartengono al "periodo ellenistico (greco)".

Questi falsi  sono diretti dal Centro Albanese di Tirana, dove antiche iscrizioni illiriche e epirote e altri oggetti sono falsificate come fossero di origine greca.

Nel 2016 siamo stati invitati e ha prendere parte alla conferenza scientifica dell'Istituto di Linguistica di Tirana, dove abbiamo presentato la lezione "Continuiamo con i Pelasgi e la lingua illirica in lingua albanese", con molte interpretazioni delle iscrizioni pelasgiche e illiriche, legate alla lingua albanese. Senza alcuna revisione scientifica, la nostra relazione non è stata accettata ne pubblicata insieme ad altri documenti della conferenza, perché le iscrizioni pelasgiche e illiriche che avevamo analizzato secondo i linguisti dell'istituto sono in greco, anche se non vi è alcuna parola greca in esse, ma solo parole di lingua albanese. In questo centro le iscrizioni illiriche di Durazzo, Apollonia e dell'Epiro a Butrinto sono forgiate come se fossero in greco, sebbene ci siano solo parole di lingua albanese. Questo centro è stato istituito dall'accademia e la sua opera anti-albanese con iscrizioni, altri oggetti archeologici e la storia è divenuta in realtà Accademia ellenistica anti-albanese.

L'Accademia delle Scienze albanese in questo senso non è in ritardo. Il grande libro "La storia del popolo albanese" in 4 volumi, è considerato il capolavoro dell'Accademia delle scienze, ma non costituisce un'opera scientifica e distorce la storia degli albanesi. Gli autori del libro hanno ricevuto molte informazioni da altri autori ma non li citano nel testo. Questo costituisce un furto di copyright.

a storia albanese in questo libro, rivolto solo all'interno del territorio ridotto, gli albanesi che ha lasciato le grandi potenze dopo 1913. Il resto dei Balcani, come la Macedonia, Tracia, Dacia, Tessaglia, Peloponneso Morea ecc, abitati da albanesi e in arvanitas l'antichità non è trattata. In questo libro molto debole, pieno di falsi e furti, il calendario in pietra e bronzo della Civiltà Pelasgi, il più antico del mondo e ancestrale degli albanesi, è descritto molto brevemente e male. La parte pelasgica della storia degli albanesi è stata volutamente non trattata, dagli autori, le uniche persone rimaste senza origine.



Il libro parla anche della costruzione di colonie greche nel territorio illirico e nel nostro epiro e città

Butrinto, Apollonia, Oriku, Durazzo, ecc. trattate come edificate dai greci. Questa è una brutta falsificazione della storia, perché queste città potrebbero essere costruite solo da Illiri e Epifite, che nei secoli si sono succeduti. erano popoli organizzati e costituivano i loro regni, mentre i greci non erano ancora arrivati nei Balcani. Sebbene durante l'impero bizantino i Balcani fossero sotto il dominio illirico (fig.2), nel libro non si dice nulla.

Persino il "Dizionario delle enciclopedie albanesi" in tre volumi, redatto da questa accademia, è un grave difetto e una falsificazione della nostra storia. In molte voci in questo dizionario, vari autori sono stati censurati e rimosso il trattamento delle parti pelasgiche della nostra cultura, le divinità pelasgiche, la prossimità della lingua albanese con la lingua pelasgica. Nei trattati di De Rada. Krispit ecc. nessuna parola è scritta sul loro grande contributo al riconoscimento della civiltà pelasgica e all'autenticazione della lingua albanese, che deriva dalla lingua pelagica. Anche le voci sull'archeologia del paese, nella maggior parte dei casi, sono state deformate, in contraddizione con la storia. Gli autori che trattano la civiltà pelasgica non sono coinvolti nel dizionario, causando gravi danni alla nostra cultura e scienza.

Due libri voluminosi sono stati pubblicati dall'Accademia di Atene sotto la direzione del capo musicista M.V. Sakellariou: "Epiro-4000 anni di storia e civiltà greca" e "Macedonia - 4000 anni di storia e civiltà greca" pieno di falsi, che sono alienati come regioni greche nel corso della storia. In questi libri è falsificata la storia di Epiro e Macedonia, due stati di lingua albanese nei tempi arcaici, come se fossero parte della Grecia, che in questo momento non esisteva. Solo il prof. Kristo Frasheri (foto a sx) ha compreso queste contraffazioni anti albanesi e si è opposto con forza alla stampa. Dove sono gli accademici, gli storici e gli archeologi albanesi? Dovrebbero tutti scrivere  una recensione su questi libri, dove falsificano scientificamente la storia degli albanesi e pubblicarli in un libro speciale. Questo è il percorso scientifico che corrisponde ai nostri interessi nazionali. Il silenzio su queste falsificazioni indica un basso livello di conoscenza degli archeologi e degli storici albanesi, che beneficiano della Grecia.


Nel VI Colloquio Internazionale al Centro di Albanologia di Tirana il 20-23 maggio 2015, si riferiva l'archeologia e la storia del territorio albanese, che chiaramente distorto la storia del nostro popolo. Nella conferenza "L'Illyrie meridian et dans l'Epiro antiquité-VI", preparato dagli autori: Bjorn Forsen, Brikena Scutari Street, Kalle Kerhonen Edward Square, Rudenc Ruka e Esko Tikkala, apertamente falsificato la storia del popolo albanese. Questi autori lavorano al progetto internazionale congiunto "Durrachium hinterland Projekt", si sono dati il compito di falsificare la storia degli albanesi. Prove archeologiche tra Kavaja e la Roccia di Kavaja e quelle della valle di Erzeni, delle V  e poi, gli autori includono nel "Periodo ellenistico (greco)" e il romano. Così gli Illiri sono negati, che in questo periodo avevano il loro regno e la loro cultura, mentre i Greci non erano nemmeno conosciuti nella storia in quel momento. Anche i romani sono venuti dopo.

Nello scrivere "nell'entroterra di Apollonia", gli autori JLDavis, M.Korkuti, L.Bejko, MLGalatri, S.Muçaj e SR Stocker (Illiria, n. 1-2, 2003-2004) ha riportato molti falsi sulla città maestosa illirica di Apollonia. Gli autori scrivono che il sistema di fortificazione "è stato sviluppato sotto l'influenza di influenza greca" e che "questi sono aiutati dalle trasformazioni sociali drammatiche, politiche ed economiche, che si verificano nel periodo compreso tra la colonizzazione greca e l'annessione romana dell'Illiria."

In un altro articolo "Lo scavo ellenico in un Agriturismo nella vicinanze di Apollonia" (autori Golody, S.Muçaj, S.Stocker, M.Thompson, J.Davidson e M.Korkuti), presentato al simposio Grenoble a Illiria e Epiro del 2002, in modo che la storia antica di Apollonia falsificati e realizzazione di parchi in questa città inclusi nel periodo ellenistico, che non è mai esistito nella storia e la contraffazione reato.

Molti secoli prima della conquista romana (167 aC), nei Balcani sono esistevano regni di Illiria, Epiro, Macedonia, Tracia, Dacia, tutto ha avuto origine con i Pelasgi, che ha parlavano diversi dialetti, molto vicini alla lingua albanese. Non esisteva alcun regno greco. Non c'è "spirito ellenistico" nella storia, è solo il lavoro fatto da falsari l'attribuire la storia degli albanesi ai greci. È mettere le mani sulla testa per la poca conoscenza della storia albanese da parte degli archeologi albanesi, che la forgiano con zelo. Nel "periodo ellenistico", i contraffattori contavano il tempo di Alessandro Magno, 336 p.e. fino alla conquista dell'Egitto da parte dei Romani, c. II del nostro vento. Tutti gli oggetti, la cultura e la lingua di questo tempo sono attribuiti ai greci, quando i greci non sono menzionati nella storia in questo periodo e Alessandro Magno non li ha mai conosciuti. Alexander le macedoni e Illiri, che gestiva, ha raccolto più di 100 città nel impero macedone, tra i quali Alessandria d'Egitto, dove ha costruito i più grandi biblioteche del periodo antico, che è stato bruciato in seguito dai Romani, la città Antiochia Siria, città di Pergamo in Asia Minore, ecc., Che sono state costruite sulla base dell'antica architettura pelagica, che sono attribuite inconsapevolmente ai greci. Questa è una grande falsificazione della storia, perché Alessandro Magno conquistava territori balcanici meridionali, che poi abitate da arvanitas, Illiri, macedoni, Epiroti, quando i Greci né conosciuto nella storia.

Nell'impero macedone e regni illirici sono stati sviluppati Epirote cultura macedone, illirica e Epiro e loro dialetti, nei pressi della lingua albanese. Intorno territori balcanici allungato tribù non organizzati e semibrado: gallico, celtica, germanica, slava, bene, sibriane, mongolo-turco, tibetano, sono tribù arabe del sud, berberi, ecc (Figura 1). Questi mostrano che la cultura e la lingua balcanica di origine pelasgica avevano raggiunto la più alta cultura del tempo.

Dopo la morte di Alessandro, l'impero macedone si divise tra i suoi generali, e Cassandra divenne re di Macedonia, tra cui Tessaglia, Livadia, Atika, Peloponneso, Morea. Il Regno di Macedonia in Occidente è delimitato dai regni di Illiria ed Epiro, mentre ad est con il regno di Tracia. In tutti questi regni hanno parlato il proprio dialetto, molto vicini l'uno all'altro e con loro originato dalla più antica lingua pelasgica. Nessun regno greco esisteva durante questo periodo.

Durante il Medioevo e l'occupazione ottomana è stata sollevata diverse vilayet (province) e gli albanesi sono stati concentrati in cinque di essi: Vilayet di Janina, Scutari, il Kosovo, Monastir e Salonicco. I greci si chiamavano ed erano conosciuti come Momaioi (romano, romanzo). Nessuno stato greco menziona la storia prima e durante questo periodo. Nel 1831 si verificò la rivolta di Arvanitas e nel 1932 fu dichiarato il regno di Grecia. Chameria e Macedonia entrarono a far parte della Grecia dopo il 1913 come dono delle grandi potenze.

Dichiarazione dell'autonomia Albanese 1914
L'ellenismo è contraffatto, falso, che non si basa su prove storiche, in base alle quali i greci con storie antiche cercano di presentare la storia degli albanesi. Anche il nome "infernale" per i greci è in contrasto con i fatti storici, perché questo è un nome preso dal mitologo pelvi Esiodo e non ha alcuna relazione con i greci. Il racconto per questo è il seguente:

Nella Teosofia di Esiodo, Deucalione e sua moglie Pirha furono incaricati da Zeus di navigare insieme al loro bestiame durante la grande alluvione di 9000 anni per salvare l'umanità. Le altre persone sono tutte annegate. Salparono verso il monte Argos nel Peloponneso e fuggirono dalla grande alluvione. Da Deucalione e Pirha nacque Helen, che a sua volta ebbe tre figli: Dorin, Ksuthin ed Eolin. Avevano, secondo la mitologia, alcuni ragazzi, tra cui Akain, Jonin, Macedon e altri.

Secondo la mitologia, questi furono seguiti da tribù pelasgiche, Dori, Eoli, Achei, Ioni, Macedoni ecc. Così, i greci, definendosi "inferno", rivendicano di essere il popolo europeo più antico e che appartengono a tutto il patrimonio culturale lasciato dai pelasgi. Ma tutto questo è stato copiato dall'antica mitologia pelasgica e non vi è alcuna nascita storica con i greci. D'ora in poi, i falsificatori compiono sforzi per negare la civiltà di Pelasgi e le origini pelasgiche della lingua albanese e  di lasciare la gente greca libera di acquisire l'antica cultura pelagica / albanese.

Per questo motivo, tutti gli autori antichi di vari traduttori sono stati falsificati. Nelle opere di autori antichi, i Greci non sono mai menzionati, perché non sono stati presenti nel loro tempo, ma i falsificatori hanno falsificato i nomi in queste opere di grande valore storico. Dove è scritto "hellen", "akaj" ecc. i contraffattori hanno tradotto con "greco" e "Ellada" è stato falsificato con "Grecia". Quindi non fidarti delle traduzioni, stai guardando gli originali di autori antichi.

Misha Glenny, che conosce i problemi dell'Europa sudorientale, è delineata nel suo libro The Balkans, Nationalism, War and the Great Power (1999, p.26):
"Anni fa il concetto di stato greco (che era il prodotto della politica delle grandi potenze) non esisteva, i greci non sapevano chi fossero. Anche  l'antropologo Roger Just, molti dei greci del 19° secolo che avevano appena acquisito l'indipendenza dalla Turchia, non solo non si definivano Hellenici, non parlavano nemmeno il greco, ma parlavano albanese, Vlach e slavo. "
Falsificatori della storia degli albanesi sono stati catturati dal nostro Centro Accademico Albanese, la maggior parte sono membri dormienti, con laurea, che non li giustifica. Anche quelli che si definiscono professionisti, piangono in TV e stampano contro la Civiltà Pelasgica e i suoi studiosi, ma non possono fare alcuna analisi / revisione scientifica. Incoraggiano studiosi appassionati, perché sostengono le origini pelasgiane di albanesi , ma falsificano il materiale illirico, epirotico e archeologico, alienandoli al greco. Le lingue illiriche, macedone, epirotica, non sono mai state studiate dai linguisti albanesi, sebbene siano pagati per lo studio della lingua albanese. Tutto ciò viene fatto per aiutare l'ellenismo a impadronirsi della storia e della cultura albanese e quindi dei loro territori.

Questi lavori anti albanesi sono condotti con studenti di storia e linguistica e con giovani dottori di ricerca che li preparano a servire l'ellenizzazione della storia albanese. Ho visto i dottorati, che non meritano di essere definiti tali, sull'influenza di greco, serbo, italiano ecc. per la formazione della lingua albanese e della lingua pelasgica / albanese, la più antica scritta al mondo, dicono derivi dalla loro.

Questi dipendente statale frequentemente picchiato stampa del seno nel televisore, cercando di ottenere l'origine pelasgi albanese, essendo çjerrur, gli Illiri erano analfabeti, e vengono cancellati dalla pertinenza macedone albanese, di Tracia e Daci, ecc. Specialisti sani in questi centri devono essere scossi, messi al servizio della scienza e degli albanesi, per non rischiare di chiudersi in un centro ellenistico che lascia gli albanesi senza patria.

Questa è storia e non c'è nazionalismo o odio etnico. Con i greci siamo vicini e amici, ci rispettiamo, abbiamo amici e buoni amici. Si tratta di una storia antica, in cui ciascuno studia e sviluppa la storia della propria gente.

Con questi falsari archeologi, che cercano di ottenere del nostro popolo e nazione lo storico trono krenatinë , ne è piena l'Accademia delle Scienze, il Centro Albanologico e la Facoltà di Storia e Filologia, che è tornato ad essere un ramo della Accademia di Atene. Portano alla rovina l'archeologia Albanese, che li ha portati ai più alti titoli scientifici, senza averne alcun merito, se non si conosce la storia del proprio paese e si copiano quei regimi esteri, contraffatti, che minano alle fondamenta della nostra storia e non si oppongono alla contraffazione della storia degli albanesi. Il nostro popolo paga archeologi e storici per studiare e sviluppare la storia della nostra gente, ma sono pagati da organizzazioni dubbie per alienare i nostri oggetti culturali greci e falsificare la storia della nostra gente?

I giovani studiosi di queste aree devono studiare a fondo la storia della nostra gente prima di pubblicare i loro studi e non far parte dei contraffattori. Le mappe dei parchi archeologici dovrebbero essere controllate le affiliazioni illiriche ed Epiro  devono essere rimossi, il termine "periodo ellenistico" deve essere rimosso e gli autori devono essere ritenuti responsabili. Questo scandalo nell'archeologia albanese dovrebbe essere seguito anche dall'accusa albanese come crimine contro il popolo e la responsabilità di stare davanti alla legge.

Oggi, per lo studio della storia della nostra gente e della sua lingua, lavorano molti studiosi, che con il loro lavoro sono diventati esperti professionisti con profondi studi scientifici. I falsificatori con diplomi non qualificati parlavano in modo oltraggioso, ma non potevano contraddirli, con la loro conoscenza personale. Questi, Krispi, De Rada erano sacerdoti, Adamid era un medico, ma nelle loro opere hanno dimostrato che gli albanesi e la lingua albanese sono di origine pelasgica. Questa è la prima pietra nella nostra storia e lingua. Shlimani era un commerciante, Thomas Edison non era nel campo elettrico, ma ha lavorato con passione e per primo ha scoperto il Troy of Omar, il secondo a inventare la lampadina elettrica. W. John era un avvocato inglese che lavorava a Calcutta (India) e alla fine del XVIII secolo, vedendo la vicinanza tra il sanscrito e la lingua europea giunse alla conclusione della famiglia linguistica indoeuropea. Prof. Benesh era un dottore, ma la sua passione portò alla paleontologia e all'Università Charles di Praga era il capo del dipartimento di paleontologia quando ero studente in questa facoltà. Questi fatti servono a tutti per un equo apprezzamento degli scienziati e non delle barbe e dei diplomi che possiedono.



RISCHIO PER L'ALBANESE

Il pericolo che gli albanesi minacciano dai falsi della loro storia è troppo grande. È molto più grande delle invasioni straniere romane, turche e fasciste, che non potevano annullare il popolo albanese. Ma ora, il nemico invisibile, che riceve due o più salari, ha ovunque in mezzo a noi in archeologia, accademia, albanologia, ministero, governo, assemblea, comune, ecc. Tutti i produttori di fax mirano a lasciare gli albanesi senza storia, senza un eroe, nessun dio, per trasformarli in un popolo errante, che è venuto alla storia e se ne è andato senza lasciare traccia. Gli esempi che abbiamo sono vivi. Traci, Dori, Etruschi, Hitò, connessioni, ecc., Popoli che hanno fatto grandi storie ma sono rimasti come espressioni storiche.

Gli Arvaniti, gli zingari, gli ebrei, un tempo importanti popoli e territori, hanno perso la loro storia oggi, la loro lingua che non sanno scrivere, hanno perso la loro coscienza nazionale. Gli Arvaniti, che fecero la rivolta del 1821 con il finanziamento di Ali Pash Tepelena, dimenticarono la loro storia e i loro eroi. Con l'aiuto dei governi occidentali fu fondato nel 1832, il Regno di Grecia invece dell'Arvanite.

La generazione che dimentica la storia danneggia gravemente il presente e distrugge il futuro della sua gente! In modo che non soffriamo il peggio, i perpetratori e i venditori non li lascino rubare e falsificare la storia della nostra gente. Per questo motivo, l'Accademia delle Scienze, l'Albanologia e alcuni altri centri che sono stati trasformati in forgiati centri ellenistici, archeologia, le antiche iscrizioni e la storia degli Albanesi devono essere temporaneamente chiusi e domani perdono anche la loro terra. Questa strada anti-albanese funge da divisione tra albanesi.

Il governo dovrebbe istituire il più presto possibile presso la Facoltà di Storia - Filologia di UT, il Centro di studi di lingue antiche e storia dei Balcani, dell'Anatolia e del Mediterraneo, dove studiare tutte le lingue antiche vicine alla lingua albanese e la storia degli albanesi. Quindi la nostra scienza servirà la cultura della sua gente e contribuirà al progresso della linguistica e dell'istologia mondiale.


ENCICLOPEDIA BRITANICA: (XI Edizione, 1910-1911, vol.26, p.65) "Il nome Pelasgi, menzionato dagli scrittori greci, mostra un popolo preistorico le cui tracce si ritiene esistano nelle province greche. La loro città (i Pelasgi) si chiama Larissa, è stata ricca, e loro (Pelasgi) sono famosi albanesi. "



G. SERGI (Le origini e la diffusione del tronco mediterraneo, Roma, 1896 - traduzione inglese 1901): "Infine, il carattere del vecchio muro dell'Acropoli di Atene (che è lavoro dei pelasgi) è lo stesso di quello di tutte le opere costruite dall'Asia Minore e in Spagna (pagina 65) ".


Ecco anche un video della professoressa Efthimiou che parla sulla presenza albanese nel paese oggi chiamata Grecia.

https://www.youtube.com/watch?v=iVI6zw4jW3Y



Norbert Jokl: "La lingua albanese funge da fibra che mantiene vivo il tronco e unisce i rami con le radici.
Discendendo lungo questa fibra verso le meraviglie della storia, i fili possono essere seguiti!
C'è uno strumento attraverso il quale il ricercatore è in grado di illuminare il crepuscolo degli inizi del popolo albanese ed entrare nel tempo che si estende oltre l'evidenza storica.
Questo strumento è fornito dalla lingua albanese.
"



I fonti:
http://www.njekomb.com/?p=69206
http://www.pashtriku.org/index.php?kat=45&shkrimi=1708
http://www.njekomb.com/?p=203179
http://www.njekomb.com/?p=203191
http://www.njekomb.com/?p=203195
https://www.youtube.com/watch?v=2Aeg51GP6V0



*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!