domenica 19 gennaio 2020


De-Bunking Il Mito Della Cospirazione Ebraica


Di recente, ho notato una forte ripresa della tendenza a incolpare di tutti i problemi del mondo "gli ebrei". Almeno il 20% dei miei articoli pubblicati nell'ultimo anno ha indotto i lettori a condannarmi per non aver detto che gli ebrei sono la mano causale che governa il mondo e qui, mi piacerebbe dire qualcosa al riguardo. Penso che questo sia particolarmente importante dal momento che un numero crescente di influenti piattaforme alt-media come Russia Insider si sono spostate non solo verso una narrazione assolutamente anti-ebraica , ma anche pericolosamente pro-Hitler che credo debba essere stroncata sul nascere e messa in una prospettiva razionale.

Giusto per dichiarare chiaramente, non sono un fan dell'ADL, della dinastia bancaria dei Rothschild
della giovane dinastia di Warburg, dei pedofili affiliati al Mossad o di George Soros. Non condono gli intrighi massonici di B'nai Brith, né approvo la logica del "Grande Israele" dei sionisti amanti di Jabotinzky che tendono a credere che l'intero Medio Oriente da Palestina, Giordania, Siria, Iraq, Libano e Iran appartiene giustamente a loro.

Credo tuttavia che ci sia qualcosa di profondamente bello nella matrice culturale ebraica che deriva da pensatori umanisti platonici come il rabbino Filone di Alessandria (20 a.C.-50 d.C.) a Mosè Maimonide (1138-1204) al grande studioso Mosè Mendelssohn (1729- 1786) i cui incredibili contributi alla conoscenza umana diedero vita all'incredibile movimento rinascimentale tedesco del 18-19° secolo. L'aumento di tali artisti ebrei moderni, che ha condotto lo Yiddish rinascimentale come I.L. Peretz, e Shalom Aleichem alimenta le loro anime a tale ispirazione ecumenica alla fine del 20° secolo. L'ascesa del moderno sionismo, come vedremo, fu progettato esplicitamente per distruggere questa tradizione spirituale positiva all'interno del giudaismo, riducendola a un "culto del sangue e del suolo".

Mentre i sionisti radicali tendono ad essere modellati dalla loro auto-immagine elitaria come "popolo eletto" di Dio (mettendoli pericolosamente vicini al concetto ubermenschen di Nietsche che ha ispirato un giovane Hitler), gli umanisti ebrei da Filone a Mendelssohn hanno combattuto la definizione del concetto dell'Antico Testamento di " popolo eletto " scelto per essere il primo in moralità, saggezza e amore. Con questo mandato di amare tutti i nostri simili fatti a immagine del creatore, Mendelsohn spiega nel suo grande libro Gerusalemme (1782) non si può esitare a considerare l'amore sublime e preminenza del potere, e riconoscere all'essere supremo non solo dell'onnipotenza ma anche del bene, che è il Dio della potenza e dell'amore. ” (1)

All'interno di questi testi ebraici, si trova la cura non solo per i fallimenti del sionismo, ma per tutti i mali ideologici della nostra attuale epoca hobbesiana.

Il paradosso sionista di Trump

Con questo quadro generale stabilito, vorrei affrontare il mio tema principale sotto forma di paradosso.

Trump è il primo presidente americano in oltre 50 anni che rappresenta una grave minaccia per lo stato profondo, risulta uno sforzo da ben tre anni,  dei massimi vertici dell'oligarchia anglo-americana, di una campagna per l'impeachment senza prove. Perfino la House of Lords britannica ha dichiarato irrevocabilmente che la rielezione di Trump è uno scenario intollerabile per l'imperoANCORA ... Trump supporta i sionisti e i sionisti in larga misura supportano Trump.

Alcuni influenti mezzi di informazione alternativi sono arrivati ​​al punto di concludere che Obama era un leader di gran lunga superiore a Trump semplicemente perché tali jabotinskyiti come Benjamin Netanyahu lo odiavano per aver parlato occasionalmente contro le offensive israeliane alla Palestina e non sostenere la richiesta di Israele su Gerusalemme. Certo, la politica filo-israeliana di Trump è stata contraria a Obama su molti punti, ma questo lo rende un'esca sionista che merita l'impeachment come sostengono molti dei suoi detrattori?

Bene, se Israele fosse veramente un'agenzia causale negli affari mondiali, si potrebbe dire "". Tuttavia, dal 19°  secolo della creazione del sionismo all'interno delle viscere della Foreign Office britannico da parte del conte di Shaftesbury e l' Exploration Fund palestinese del 1865 al Sykes Pikot accordo anglo-francese del 1916, alla  Dichiarazione Balfour del 1917 al Trattato di Versailles guidato dalla tabella che mise la Palestina sotto il controllo britannico nel 1919 , il sionismo è sempre stato un'agenzia reattiva dell'Impero britannico e mai causale come processo dall'alto verso il basso. Anche il potente B'nai Brith è stato creato dalle organizzazioni massoniche britanniche in America ospita un Gran Maestro, gradi di iniziazione e simbolismo massonico dalla fondazione del 1875 ad oggi.

Non è solo sionismo

La manipolazione britannica di ideologie radicali in tutto il Medio Oriente non si esaurisce con il sionismo, ma si collega direttamente al cuore del wahhabismo e Fratelli musulmani, entrambi sono i frutti di intrighi imperiali britannici al momento della comparsa del 20° secolo. Non mi credete? Bene, sareste sorpresi di scoprire che la Fratellanza Musulmana, che ha avuto un ruolo così importante nell'ascesa del fondamentalismo islamico, è stata creata dai massoni britannici? Perché lo era . Oppure volete essere sorpresi di scoprire che l'Arabia Saudita è una nazione nemmeno pronta a festeggiare il suo 80° compleanno il cui nome stesso deriva semplicemente da una famiglia di signori della guerra che la Gran Bretagna ha deciso di mettere in cima a un nuovo regno nel 1930? Parte di quella storia è stata persino raccontata nel film del 1963 Laurence d'Arabia ... ma solo in parte. L'ascesa del terrorismo islamico che tali geopolitici come Zbigniew Brzezinski, Sir Henry Kissinger e Sir Bernard Lewis hanno scatenato come un'arma contro l'Unione Sovietica era profondamente legata a questa dinamica creata dagli inglesi ... e questi sociopatici anglofili lo sapevano.

Il fatto che Israele odiasse tali tecnocrati di Wellsian come Barack Obama non dovrebbe essere un mistero, né il loro sostegno alla presidenza filo-nazionalista di Trump dovrebbe essere un mistero. Il cambiamento totale nel Modus Operandi della Turchia verso un programma pro-Russia / Cina da quando Putin ha trasformato le "regole del gioco del cambio di regime" in Medio Oriente nel 2015 non dovrebbe essere un mistero. Né le 17 nazioni arabe che hanno aderito alla Belt and Road Initiative cinese, né la tendenza dell'Arabia Saudita di abbandonare il ruolo di fantoccio totale per i globalisti incentrati a Londra.

A tutte queste strutture di potere apparentemente opposte furono promessi alcuni poteri manageriali delle principali giurisdizioni del mondo dopo il crollo dell'ordine neoliberale occidentale a condizione che agissero secondo determinati comandi e facessero il lavoro sporco dei loro padroni. Riciclaggio di denaro? Operazioni nere? Finanziamento del terrorismo? Manipolazione del prezzo del petrolio? Assassinio segreto? Ogni gioco sporco necessario per minare gli stati nazionali sovrani era sul tavolo in quei turbolenti anni post-Seconda Guerra Mondiale e queste strutture di potere controllate dagli inglesi erano disordinate, rumorose ed efficaci.

Anche nel "settore sviluppato", alcuni nefaste strutture  di potere del 20° secolo furono assegnate per assumere il controllo privato di vasti settori dell'economia tra cui energia, agricoltura, medicina, banche, comunicazioni e prodotti farmaceutici. Queste reti si interfacciavano strettamente con le reti criminali organizzate dando vita a sporche operazioni nordamericane come la Famiglia Bronfman, Mayer Lansky e persino a strani politici come Roy Cohn che sosteneva un giovane Donald Trump che entrava in politica negli anni '80. Anche se molti di questi sindacati criminali occidentali erano fortemente collegati al sionismo, sarebbe sbagliato concludere che gli ebrei governano il mondo (2). Significa solo che uno strato di criminalità organizzata ha influenzato i livelli più bassi di criminalità organizzata. A ogni strato venivano promesse grandi ricompense fintanto che accettavano volentieri il crollo del sistema di cui si nutrivano parassiticamente, si adatteranno di conseguenza a quell'ordine spopolato. I britannici ritagliarono (e l'immagine speculare di Soros) Maurice Strong espose questa agenda in modo infame nell'Intervista del 1990 a West Magazine a cui  chiede "ipoteticamente" con una iperbole:
E se un piccolo gruppo di leader mondiali dovesse concludere che il principale rischio per la Terra deriva dalle azioni dei paesi ricchi? E se il mondo per sopravvivere, chiede a quei paesi ricchi di firmare un accordo che riduca il loro impatto sull'ambiente. Lo faranno? La conclusione del gruppo è "no". I paesi ricchi non lo faranno. Non cambieranno. Quindi, per salvare il pianeta, il gruppo decide: non è l'unica speranza per il pianeta che le civiltà industrializzate collassino? Non è nostra responsabilità realizzarlo? ”

Sacrificarsi sull'altare di Gaia ... o fare soldi con la Belt and Road Initiative?

Maurice Strong è stato uno dei primi architetti di un programma che oggi è divenuto noto come "The Green New Deal", progettato per adempiere al mandato stabilito da HG Welles decenni prima nell'opus del 1928 The Open Conspiracy: Blueprint for a World Revolution dove il leader della Fabian Society ha chiesto al governo mondiale, spopolamento e controllo del pensiero dicendo:
"The Open Conspiracy riposa su una mancanza di rispetto per la nazionalità, e non vi è alcun motivo per cui dovrebbe tollerare governi nocivi o ostruzionisti perché si tengano questo o quel pezzo di territorio umano."
Con l'eccezione di qualche singhiozzo di tanto in tanto, le cose sono andate molto rasenti al piano ... fino al successo del 2013. Che cosa è successo nel 2013? Proprio mentre Obama e i suoi padroni si stavano preparando a celebrare un nuovo ordine mondiale non vedendo alcuna possibile opposizione a questa dottrina di fine storia da ogni angolo del mondo, il cinese Xi Jinping ha gettato una chiave inglese ne[gli ingranaggi] della macchina annunciando la Belt and Road Initiative (BRI). Nel 2015, il BRI è stato ufficialmente unito all'Unione economica eurasiatica (EEU) della Russia e da allora oltre 135 nazioni hanno aderito a questo nuovo quadro operativo, riconoscendo che nessun altro "gioco in città" ha offerto una garanzia di sopravvivenza ai suoi partecipanti.

Quindi, ecco il punto: se non ci fosse un partenariato strategico per la sopravvivenza tra Russia, Cina e tutte le altre nazioni che saltano su quel nuovo paradigma, Trump non sarebbe andato al potere e il nazionalismo non avrebbe avuto tale capacità in tutte le nazioni dell'alleanza occidentale dominate dalla NATO.

Come ho affermato molte volte nei miei articoli e scritti, questi gruppi sionisti non sono causali, ma reattivi e adatti al più ampio quadro BRI che molto probabilmente diventerà globale come l'unica alternativa praticabile quando il sistema bancario crollerà sotto una bomba a orologeria da $ 1,5 quadrilioni di derivati . Ecco perché l'Impero britannico ha messo tutte le sue risorse  sull'impeachment. Non è perché hanno paura di Trump di per sé, ma piuttosto per la sua volontà di adattamento ( come la Power Corporation del Quebec / la fazione Chretien che ha recentemente sconfitto Freeland) alle nuove regole anti-entropiche del gioco che vengono stabilite dalla Russia e dalla Cina. Se questo adattamento non viene sabotato, allora tali oligarchi che si considerano i legittimi padroni del mondo, sanno che la migliore natura storica dell'America costituzionale che credevano fosse stata uccisa con JFK, MLK e RFK potrebbe essere ancora risvegliata.

Ancora più importante, l'oligarchia sa che le tradizioni rinascimentali dimenticate del giudaismo, dell'islam e del cristianesimo possono essere facilmente risvegliate sotto un clima culturale positivo che l'alleanza multi-polare scatenerebbe.


Note
(1) Stabilendosi saldamente nelle più grandi tradizioni filosofiche di Platone, Agostino e Cusa, Mendelsohn definì i due stati di esistenza (divina e materiale) dicendo: “Proprio come secondo Platone esiste un amore terrestre e anche celeste, c'è anche una politica terrena e celeste, per così dire ... Proprio come l '"amante" non conosce nient'altro che amore ma la soddisfazione della lussuria comune, il politico discute lo statismo puramente in termini di potere, liquidità, commercio, equilibrio di potere e popolazione ; e la religione è per lui il mezzo del legislatore per tenere sotto controllo l'uomo ribelle e i mezzi del sacerdote per succhiarlo e consumare il suo midollo ”.(2) Gran parte di questa storia è stata raccontata nella straordinaria conferenza dello storico Anton Chaitkin sponsorizzata da EIR nel 1993:



Matthew Ehret è caporedattore della Canadian Patriot Review e ha scritto 3 volumi della serie di libri "Untold History of Canada". Le sue opere appaiono regolarmente su The Duran, Strategic Culture, Sott, Fort Russ, Zero Hedge, Global Times, LA Review of Books, LeSaker.fr, Vigile Quebec, South Front e Veterans Today. È un corrispondente / esperto BRI per i colloqui tattici . Nel 2019 Matthew ha co-fondato la Rising Tide Foundation di Montreal .

Matthew Ehret , chi lo desidera, può  contattarlo con  e-mail : matt.ehret@tutamail.com

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/01/de-bunking-il-mito-della-cospirazione.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!