sabato 18 gennaio 2020

Libra: Facebook vuole controllare i tuoi soldi

Tony Cartalucci 
Sa Defenza 




Libra diventerà la valuta digitale globale

Utilizzato da Facebook (e supportato da alcune delle più grandi banche e società sulla Terra) per riaffermare il dominio occidentale sull'economia globale? Molti probabilmente hanno già familiarità con i giganti dei social media con sede negli Stati Uniti come Facebook e Twitter che svolgono ampie campagne di censura eseguite in linea con gli obiettivi della politica estera degli Stati Uniti. Lo stesso New Eastern Outlook è stato eliminato da entrambe le reti - è solo uno tra le molte migliaia di account cancellati nella guerra di informazioni virtuali. Molti probabilmente sono anche consapevoli di come Facebook, in particolare, abbia calpestato la privacy dei suoi utenti, manipolato inconsapevolmente gli utenti attraverso esperimenti involontari e controllando ciò che molte persone in tutto il mondo vedono online, il più delle volte senza che gli utenti se ne accorgano.

Ma immaginate invece di mettere a tacere ed emarginare gli avversari o controllare le informazioni a cui il pubblico ha accesso e quindi manipolare il pubblico stesso, Facebook è stato anche in grado di controllare la stessa valuta che le persone usano nella loro vita quotidiana. Il suo controllo sul pubblico, sia all'interno degli Stati Uniti che oltre, non avrebbe precedenti. La capacità di controllare sia le informazioni che il denaro sarebbe uno strumento potente, migliorando il comportamento già profondamente dirompente e offensivo di Facebook, nonché gli interessi finanziari molto più grandi con cui Facebook collabora e per cui opera.

Entra in Libra

All'inizio di quest'anno Facebook ha annunciato la propria valuta chiamata Libra. Si basa sulla tecnologia blockchain, definita come "criptovaluta", e mira a dominare le attività bancarie e commerciali allo stesso modo in cui Facebook domina già i social media, i messaggi e in generale il flusso di informazioni .



Non c'è dubbio che la stessa cooperazione che Facebook ha fornito al governo degli Stati Uniti e agli interessi che dominano la sua politica interna ed estera nel controllo e nella manipolazione dell'opinione pubblica in tutto il mondo, soffocano le notizie alternative e rovesciano persino i governi che similmente si tradurranno direttamente in un modello di abuso attraverso il  desiderato controllo di una valuta globale.

A differenza della valuta forte che non sai in quali mani risiede e quindi non si è in grado di discriminare il suo detentore - invece  Libra non solo consente a Facebook di sapere in quali mani si trova la sua valuta, ma anche la sua quantità e dove giace, a cosa serve - oltre a tutte le altre informazioni personali a cui ha accesso Facebook. Ciò non solo consente un'ovvia estensione dei già noti abusi motivati ​​politicamente di Facebook, ma offre anche a Facebook la possibilità di indirizzare gli utenti che possono rappresentare una competizione per Facebook o una delle molte più grandi società, con cui o per cui, lavora Facebook.

Immaginate che Facebook stia conducendo una campagna simile alla loro attuale di censura politica, ma con una componente monetaria aggiunta - non solo rimuovendo gli oppositori politici occidentali dalla loro rete di social media e silenziandoli efficacemente, ma paralizzandoli finanziariamente congelando i loro conti e negandoli accesso alla massiccia economia globale digitale che sperano di creare e controllare attraverso Libra.

Mentre i politici e i regolatori statunitensi sembrano ostacolare il lancio di Libra, la verità è che molti degli stessi interessi per i quali questi politici e regolatori lavorano sono direttamente coinvolti nella creazione di Libra.

Non solo Facebook: cos'è l'"Associazione Libra"?

Il libro bianco iniziale che illustrava la premessa di Libra incluso nella sua introduzione:

La missione di Libra è quella di consentire una semplice valuta globale e un'infrastruttura finanziaria che autorizzi miliardi di persone.

Tali nobili intenzioni sono tradite non solo dal coinvolgimento di Facebook, ma anche dai partner inclusi nella creazione di Libra.





Mentre Facebook funge da volto per Libra, essa e la sua sussidiaria Calibra sono solo due tra i molti membri dell'Associazione Libra con sede a Ginevra . Altri partner includono Mastercard, Visa, Lyft, Uber, Vodafone ed eBay insieme a una manciata di società di capitali di rischio e organizzazioni no profit. Queste organizzazioni no profit includono Women's World Banking  finanziato da Visa, Credit Suisse, MetLife, Citi Bank, Exxon, Bloomberg, Mastercard, Goldman Sachs e molte altre grandi società e interessi bancari. Vi è anche MercyCorps il cui sito Web è particolarmente oscuro per quanto riguarda il suo finanziamento, ma include il neo-conservatore inveterato, l'ex presidente della Banca Mondiale e il vice segretario di stato americano sotto George Bush Jr.,  Robert Zoellick , nel suo "Global Leadership Council".

Kiva - come MercyCorps - è un'altra associazione "senza scopo di lucro" associata a una serie di banche e società tra cui Google, HP, Mastercard, PayPal, Capital One, Deutsche Bank, MetLife, PepsiCo, Citi Bank, eBay, BlackRock , Bank of America, JP Morgan e Chevron.

Sarebbe difficile costruire un elenco più discutibile di partner, donatori e associati nella narrativa rispetto a quello che sta dietro Libra nella realtà. A giudicare dalla composizione di coloro che spingono Libra in avanti, possiamo fare due ipotesi:


  1. I fondatori di Libra hanno gli stessi interessi speciali che guidano la politica, la legislazione e le normative statunitensi. La prospettiva del governo americano di valutare e regolare legittimamente Libra in linea con i migliori interessi del pubblico americano e globale è inesistente;
  2. Nonostante la missione dichiarata di Libra di "dare potere a miliardi", il suo lancio assomiglia più alla ristrutturazione dell'egemonia finanziaria americana sui  miliardi di persone. Libra cerca di eludere le alternative create per aggirare le reti finanziarie globali già abusive e coercitive che gli Stati Uniti dominano e armano a proprio vantaggio.


F. William Engdahl nel suo articolo, "Is the Fed Preparing to Topple US Dollar?", Ha giustamente osservato che il governatore della Banca d'Inghilterra , Mark Carney , in un simposio sponsorizzato dalla Federal Reserve americana ha proposto una valuta digitale globale citando Libra specificamente come modello.
Considerando gli stessi interessi che costituiscono il sistema bancario e finanziario occidentale sono coinvolti nella creazione di Libra - è ovvio che Libra è più di un semplice modello come citato - sono gli addetti alla valuta digitale globale come Carney ha proporgli di prendere vita.

Ricordando la lunga storia degli abusi di Facebook

Mentre molte delle società e istituzioni finanziarie coinvolte nella creazione di Libra sono sistematicamente corrotte da sole, la condotta del passato e del presente di Facebook illustra in modo più appropriato gli abusi che ci si aspetta se Libra dovesse essere adottata a livello globale.



Mentre Facebook si pone come una società indipendente che monopolizza e abusa della sua rete di social media e delle sue sussidiarie, in realtà Facebook ha commesso questi abusi in collaborazione con il governo degli Stati Uniti e la raccolta di interessi speciali che monopolizzano la politica interna ed estera degli Stati Uniti. La supervisione del governo degli Stati Uniti - comprese le audizioni passate e le inchieste normative su Libra stessa - è spesso fatta solo per consumo pubblico - altrimenti com'è che Facebook  continua nell'impunità assoluta.

Abuso di privacy: un riassunto di questi abusi inizia meglio citando lo stesso Mark Zuckerberg . La rivista Elle in un articolo intitolato "Quick Reminder: Zuckerberg Once Called People Who Trust Him With Their Data ‘Dumb F*Cks’ ", riassume l'opinione del CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, sul pubblico e il loro affidamento di informazioni personali a Zuckerberg e ai suoi social media in Rete.

Mentre Zuckerberg si scusa per questo, ma,  è chiaro che gli dispiaceva solo perché era venuto alla luce e divenuto pubblico. Facebook continua ancora oggi ad abusare della fiducia di chi utilizza i suoi servizi fornendo involontariamente le informazioni personali di decine di milioni di utenti di Facebook a terzi.

Business Insider nel suo articolo, "The Cambridge Analytica whistleblower explains how the firm used Facebook data to sway elections", osserva come Facebook non solo ha fornito informazioni personali alla società britannica Cambridge Analytica, e come tali informazioni sono state utilizzate per intromettersi nelle elezioni statunitensi.

Ingerenza politica: lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica è stato lieve rispetto ad altri episodi di ingerenza politica in cui è stato coinvolto Facebook. Forse l'episodio più distruttivo più grande è stato prima e durante la cosiddetta "Primavera araba". Mentre i media occidentali lo hanno descritto come una rivolta spontanea in tutto il Nord Africa e il Medio Oriente - prove documentate rivelano che il governo degli Stati Uniti insieme ai suoi partner delle Corporation, tra cui Facebook, ha iniziato a formare e ad equipaggiare gli agitatori anni prima dell'inizio dei disordini. Facebook è stato uno dei principali partner di Movements.org che ha organizzato seminari di formazione annuali per leader dell'opposizione che sono poi tornati a casa e hanno tentato di rovesciare i rispettivi governi nel 2011.

Perfino il New York Times in un articolo dell'aprile 2011 intitolato "U.S. Groups Helped Nurture Arab Uprisings," alla fine avrebbero ammesso:
Alcuni giovani leader egiziani hanno partecipato a una riunione tecnologica del 2008 a New York, dove è stato insegnato loro a utilizzare i social network e le tecnologie mobili per promuovere la democrazia. Tra gli sponsor della riunione c'erano Facebook, Google, MTV, la Columbia Law School e il Dipartimento di Stato.

Censura: costruire eserciti di agitatori filo-occidentali non è il limite del coinvolgimento di Facebook in politica. Svolge inoltre campagne sistematiche di censura rivolte ai critici della politica estera occidentale.

Di recente ha bandito New Eastern Outlook e molti dei suoi autori tra cui me stesso dalla sua rete. Più recentemente, ha sistematicamente rimosso i conti nel tentativo di contrastare la propaganda finanziata dagli Stati Uniti riguardo ai disordini che Washington sta sponsorizzando a Hong Kong, in Cina.

L'affermazione di Facebook sulla sua censura selettiva riguardo alla Cina è ironicamente intitolata "Removing Coordinated Inauthentic Behavior From China" . Non fornisce alcuna prova delle sue affermazioni e include deliberatamente un contesto politico per demonizzare gli utenti e le pagine rimosse. La sua affermazione è ironica perché le stesse proteste di Hong Kong sono certamente coordinate da un comportamento non autentico - finanziate da Washington DC e che usano attivamente Facebook per far avanzare la loro agenda.

Manipolazione della percezione pubblica: Nel 2013, Facebook è stato sorpreso a manipolare i feed di notizie di utenti inconsapevoli per influenzarli psicologicamente. Un rapporto pubblicato negli Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America (PNAS) intitolato "Experimental evidence of massive-scale emotional contagion through social networks", affermava nel suo abstract che:

Mostriamo, attraverso un massiccio esperimento (N = 689.003) su Facebook, che gli stati emotivi possono essere trasferiti ad altri tramite contagio emotivo, portando le persone a provare le stesse emozioni senza esserne consapevoli. Forniamo prove sperimentali che il contagio emotivo si verifica senza interazione diretta tra le persone (l'esposizione a un amico che esprime un'emozione è sufficiente) e in completa assenza di segnali non verbali. Non solo i risultati sono preoccupanti - dimostrano che Facebook possiede la capacità di influenzare le emozioni dei suoi utenti inconsapevolmente attraverso un'attenta manipolazione dei loro feed di notizie - ma anche i metodi invasivi e non etici con cui Facebook ha condotto l'esperimento sono preoccupanti.

Facebook manipola regolarmente anche i feed di notizie dei suoi utenti attraverso il suo algoritmo che elude le preferenze degli utenti e mostra loro tutto ciò che Facebook stesso decide che dovrebbero vedere. Questo di solito include post sponsorizzati contenuti di notizie da account di utenti che non sono nemmeno  seguiti e di solito vanno a scapito del vedere contenuti da account che gli utenti seguono.

Sradicare la minaccia di Facebook

La capacità di Facebook di attirare centinaia di milioni di utenti per adottare la propria piattaforma, quindi trasformare la natura della sua rete in uno strumento maligno di manipolazione, censura, sorveglianza e propaganda è già una minaccia globale che le nazioni di tutto il mondo stanno finalmente iniziando a riconoscere per rispondere.

L'idea di Facebook che abbina la sua già inquietante presa sulle informazioni al controllo su una valuta globale sostenuta da alcune delle più grandi e corrotte società e istituzioni finanziarie occidentali è un problema ancora più grande.

Non ci vuole un grande balzo dell'immaginazione per vedere quanto abusivo e distruttivo sia per gli individui, le organizzazioni e persino le intere nazioni il dominio di Facebook sulla valuta globale.

Immaginate come la guerra commerciale americana con la Cina si svolgerebbe se Facebook fosse in grado di agganciare centinaia di milioni di utenti in tutto il mondo alla sua valuta Libra. Aziende come Huawei o rivenditori che offrono prodotti Huawei potrebbero vedere i loro negozi online chiusi, i loro account congelati e altrimenti sanzionati e strangolati economicamente dall'esistenza di Facebook.

È chiaro che la promessa di criptovalute monetarie decentralizzate e democratizzate offerte è stata cooptata e sfruttata dagli stessi interessi che si sono persi di più a perdere da un simile futuro.

Le nazioni sarebbero sagge nel rispondere a Libra di Facebook rispondendo alla stessa maniera di Facebook. Nazioni come la Russia e la Cina hanno già ampiamente espulso Facebook all'interno dei propri confini creando alternative. Anche nazioni come in  Vietnam have recently begun creating alternatives

Mentre le organizzazioni dei media come Bloomberg in articoli come, "Facebook’s Latest Competition? Authoritarian Governments", Cercano di inquadrare gli sforzi del Vietnam come una dittatura in difficoltà, cercando di soffocare il libero flusso di informazioni - è chiaro guardando al passato e al presente di Facebook, che Facebook stesso rappresenta una dittatura.

Niente sulle sue politiche è "democratico". L'esecuzione delle sue politiche è unilaterale, priva di un autentico processo di appello o di un controllo indipendente. È in ogni modo un monopolio e una dittatura sull'informazione e sulla crescente varietà di servizi collegati alla sua rete di social media che Bloomberg afferma sia il governo del Vietnam.

La differenza importante è che il governo vietnamita si trova in Vietnam, mentre Facebook si trova nella Silicon Valley a migliaia di miglia di distanza. Il popolo vietnamita ha molte più possibilità di riformare, controllare e bilanciare il proprio governo piuttosto che tenere sotto controllo una società straniera maligna. E alla fine - è un problema che solo il Vietnam e il Vietnam possono risolvere.

Le nazioni stanno cominciando a capire l'importanza di difendere il loro rispettivo spazio di informazioni - sta diventando importante quanto il territorio fisico di una nazione. È ovvio che lo stesso vigore deve essere dedicato alla difesa della politica monetaria di una nazione e all'economia che incolla insieme.

Sradicare il condotto attraverso il quale fluiranno schemi altamente distruttivi come Libra sostituendoli con alternative domestiche controllate da e per gli interessi domestici è l'unico modo per affrontare pienamente la minaccia incombente di Facebook e gli interessi che lavorano con Libra rappresentano.

Le nazioni che credono di poter lavorare con Facebook per garantire che i regolamenti e le politiche siano in linea con le leggi locali devono solo guardare indietro alla "primavera araba". Quando Washington fa una grande mossa contro una nazione presa di mira, questa cooperazione simbolica che Facebook normalmente fornisce evapora. Alle nazioni mancano il tempo e le risorse per rispondere e spesso sono sopraffatte dalla grande influenza che Facebook e altre aziende straniere sono in grado di esercitare durante episodi di disordini concentrati e sponsorizzati.

L'unico modo per essere certi di garantire la sicurezza nazionale e la stabilità monetaria è eliminare Facebook e altre aziende straniere come questa dallo spazio di informazioni di una nazione. La difesa di una nazione non sarebbe mai esternalizzata a una società straniera. Né il flusso di informazioni di una nazione - e ora - il flusso di denaro.

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/01/libra-facebook-vuole-controllare-i-tuoi.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e valutazioni personali

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!