sabato 24 giugno 2017

Accettereste 4499, 33 $ per essere deliberatamente infettati con la pertosse?

Isabelle Z.
naturalnews.com
Sa Defenza 













Tutti abbiamo messo un prezzo alla nostra salute, se è nostra volontà di sborsare qualche dollaro in più per comprare frutta biologica  o decidere di fare lezioni di yoga considerandole un buon investimento. Tuttavia, avete mai pensato al lato opposto della medaglia? Accettereste una somma considerevole di denaro per mettere a rischio la vostra salute? Questo è esattamente ciò su cui, alcuni ricercatori dell'Università di Southampton, contano.

Nel tentativo di fare una migliore il vaccino per “proteggere” le parti vulnerabili contro la pertosse, i ricercatori, attraverso l'offerta di denaro alla gente, dispongono di 3.526 £ ($ 4499,33 al cambio odierno)  chiunque si faccia infettare con una malattia per poi vivere in isolamento per 17 giorni. Ciò significa che non solo i volontari si ammalano di proposito, ma che contribuiscono a creare vaccini pericolosi che i genitori  forzati faranno somministrare ai loro figli negli anni a venire. Non c'è abbastanza denaro nel mondo per convincere tutti noi ad essere partecipi di un tale sistema, ma probabilmente non avranno molti problemi a trovare un numero sufficiente di persone che firmano per il loro incentivo finanziario.

Il team di ricercatori ha in programma di infettare persone sane con la pertosse mettendo gocce infette con batteri della pertosse nel naso e poi tenere traccia della reazione e di come se la caveranno. La pertosse è caratterizzata da sintomi simili al raffreddore e da una tosse persistente che può durare per mesi.

I volontari devono essere individui sani di età compresa tra i 18 e i 45. Mentre alcune persone si ammalano,  altri non sviluppano alcun sintomo dopo l'esposizione, come altre persone hanno un'immunità naturale all'infezione. Questi portatori sani però possono diffondersi, come molti altri. Tali individui si ritiene abbiano sufficiente immunità per combattere in modo naturale la malattia pur non essendo mai stati vaccinati per essa, e queste sono le persone che gliscienziati sono più interessati a studiare.

I partecipanti avranno una stanza privata con bagno e area ricreativa. saranno forniti di pasti e di intrattenimento, e indosseranno maschere quando interagiscono con visitatori o il personale per evitare la diffusione di infezioni. Saranno inoltre invitati a fornire tamponi nasali e della gola nel corso dello studio, che comporterà lavare le loro narici e mettere pezzi di carta da filtro dentro il naso per diversi minuti ogni volta. I ricercatori capiscono che potrebbe essere scomodo, ma sostengono che non dovrebbe essere ne doloroso ne rischioso.

Inoltre, i volontari devono sedersi all'interno di una piccola stanza di vetro nota come la “scatola della tosse”, dove gli verrà chiesto di tossire, parlare e cantare per creare goccioline di saliva nell'aria che i ricercatori possono testare. Saranno utilizzati anche test psicologici per monitorare il loro benessere emotivo durante lo studio. Infine, saranno dati degli antibiotici per pulire da eventuali infezioni di pertosse prima di essere re-inviati nella comunità.

È la pertosse davvero, così malevola, come dicono gli spacciatori dei vaccini?

Ci dobbiamo fare delle domande concrete sulla malattia: se la pertosse è veramente la malattia estremamente pericolosa che gli spacciatori dei vaccini vorrebbero farci credere, come potrebbe un tale processo essere etico? 
Se si soffre di un attacco di questa malattia - che promettono si guarisce alla fine dello studio, con un ciclo di antibiotici - per un valore di qualche migliaio di dollari, vitto e alloggio inclusi per due settimane e mezzo,  e si può facilmente curare con antibiotici, è veramente necessario che tutti siano vaccinati contro la pertosse?

Una cosa è giusta, naturalmente: Il vaccino attuale non è molto efficace, con la tosse enorme che colpisce i bambini vaccinati ha quasi lo stesso ritmo del resto della popolazione . Inoltre, gli effetti collaterali e dei pericoli del vaccino Tdap (tetano , difterite e pertosse) corrente -  includono danni al cervello, encefalite, e la morte - che superano di molto il rischio di contrarre la malattia.

Non a caso, l'esperimento umano è stato finanziato dall'industria farmaceutica e dalla Fondazione Bill e Melinda Gates . Se questo non vi spaventa, invece, vi dovreste preoccupare eccome; Gates ha detto in passato che vuole ridurre la popolazione mondiale con il cambiamento climatico e in qualche altro modo lento, e ora sembra pare che sia disposto a pagare per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi.


http://sadefenza.blogspot.it/2017/06/accettereste-4499-33-per-essere.html

fonti:

BBC.com

NaturalNews.com

NaturalNews.com

NaturalNews.com


BENJAMIN FULFORD : RE DAVID PEII 2°


Re David Peii II ottiene il supporto della White Dragon Society per il suo popolo

venerdì 23 giugno 2017

PERCHÉ L'OBIETTIVO DEGLI STATI UNITI E' IL CAMBIO DI REGIME DELLE DEMOCRAZIE?

Darius Shahtahmasebi
TheAntiMedia
Sa Defenza



Il Segretario di Stato americano Rex Tillerson ha recentemente ammesso che la politica estera ufficiale dell'America include un'operazione di cambio di regime in Iran. La CIA ha creato un ufficio per questo solo scopo,  Michael D'Andrea - è conosciuto anche come il Principe Oscuro o Ayatollah Mike - come il principale di questa operazione.

L'Iran ha appena avuto le elezioni a maggio, e l'affluenza alle urne è stata più  alta sul 70 per cento. Anche i carcerati sono stati ammessi al voto , qualcosa che i cosiddetti paesi democratici moderati come la Nuova Zelanda non consente .

Al contrario, l'affluenza alle urne nelle elezioni americane del 2016 era intorno al 58 per cento , e il supporto per l'impeachment di Donald Trump è oggi superiore a quello supportato per la sua presidenza.

Anche l'Iran che non è affatto democratico per gli standard occidentali, dati i severi requisiti per diventare un candidato politico, in primo luogo, è di gran lunga più democratica della maggior parte dei più stretti alleati dell'America nella regione. Secondo un documento  del Dipartimento di Stato :
“Il Regno di Arabia Saudita è un monarchia governata dalla famiglia Al Saud ... sono stati segnalati i seguenti problemi significativi sui diritti umani: il diritto di cambiare il governo pacificamente ; torture e abusi fisici; condizioni dei poveri in prigione e centro di detenzione; arresti arbitrari e detenzione in isolamento; negazione di processi equi e pubblici e la mancanza di un giusto processo nel sistema giudiziario; prigionieri politici; restrizioni alle libertà civili come la libertà di parola (compreso Internet), libertà di riunione, associazione, movimento e severe restrizioni alla libertà religiosa; e la corruzione e la mancanza di trasparenza del governo . La violenza contro le donne e la mancanza di pari diritti per le donne , le violazioni dei diritti dei bambini, la tratta di persone, e la discriminazione sulla base di sesso, religione, setta, ed etnia sono comuni . La mancanza di diritti dei lavoratori, compreso il sistema di sponsorizzazione e di occupazione, è rimasto un grave problema.” [Enfasi aggiunta]  
Nonostante questo triste realtà, l'Arabia Saudita rimane uno stretto alleato degli Stati Uniti mentre l'Iran è nel mirino per il cambio di regime, anche se il popolo iraniano ha appena eletto un governo riformista popolare - senza interferenze americane.
Nel 1953, il popolo iraniano ha democraticamente eletto Mohammad Mossadegh.  
Mossadegh ha immediatamente rappresentato una minaccia per gli Stati Uniti e gli interessi economici britannici nella regione, e la CIA ha lavorato con gli inglesi per farlo cadere e sostituirlo con un brutale dittatore, Shah Mohammad Reza Pahlavi. Secondo il The Guardian :
“La Gran Bretagna, in particolare Sir Anthony Eden,  ministro degli Esteri, ha considerato Mosaddeq come una seria minaccia per i propri interessi strategici ed economici , dopo che il leader iraniano ha nazionalizzato il British Anglo-Iranian Oil Company, ultimamente noto come BP. Il Regno Unito aveva bisogno del sostegno degli Stati Uniti. L'amministrazione Eisenhower a Washington fu facilmente persuasa. ” [Enfasi aggiunta]
L'idea che gli interessi e le priorità dell'America siano cambiate più di mezzo secolo più tardi è chiaramente insostenibile considerando le considerazioni dell'attuale presidente americano ,  ha apertamente suggerito che l'America dovrebbe prendersi il petrolio iracheno come “rimborso”.

Nel 2011, Barack Obama e Hillary Clinton - insieme a David Cameron della Gran Bretagna e della Francia Nicolas Sarkozy - ci hanno detto che il mondo aveva bisogno di bombardare la Libia per salvare il paese da un massacro. Non importa che sotto Gheddafi, il popolo della Libia avevesse una sanità sponsorizzata dallo stato, l'istruzione, l'edilizia convenzionata e il trasporto , apprezzato per l'alto tenore di vita in tutta la regione . Non importa che Sarkozy sia stato indagato per aver accettato 50 milioni di euro da Gheddafi  per la sua campagna presidenziale del 2007.

Non importa che la Libia in realtà avesse un sistema democratico pienamente funzionante che permetteva  il processo decisionale a livello locale. 

Come ha spiegato da Counterpunch  :
“Lungi dal controllo di essere nelle mani di un solo uomo, la Libia era fortemente decentrata e divisa in diverse piccole comunità che erano essenzialmente 'Unità mini-autonome' all'interno di uno Stato. Questi Stati autonomi hanno il controllo sui loro distretti e potrebbero prendere una serie di decisioni, tra cui come allocare le entrate del petrolio e i fondi di bilancio. All'interno di questi Stati autonomi mini, i tre corpi principali della democrazia della Libia erano Comitati Locali, di base Gente di Congressi e Consigli direttivi rivoluzionarie “.
Questo sistema era un segreto per i media mainstream, come spiegato ulteriormente da Counterpunch:
“Nel 2009, il signor Gheddafi ha invitato il New York Times in Libia per trascorrere due settimane osservando la democrazia diretta della nazione. Il New York Times , [che] è tradizionalmente molto critico dell'esperimento democratico del Colonello Gheddafi, ha ammesso che in Libia, l'intenzione era che tutti fossero coinvolti in ogni decisione ... Decine di migliaia di persone che partecipano alle riunioni dei comitati locali per discutere di questioni e votare su tutto, dai trattati stranieri a costruzione di scuole. '”
Gheddafi era un leader brutale che torturava e opprimeva la sua stessa gente? Molto probabilmente.

È il governo iraniano un regime teocratico brutale che opprime anche la propria gente? Quasi certamente.

Tuttavia, le preoccupazioni dell'America con questi paesi non sono radicati in obiettivi di promozione della “libertà” o della “democrazia”. Questi paesi hanno già avuto  istituzioni democratiche che hanno lavorato in modo più o meno efficace.

Come le  note del Times , sul sistema sanitario della Libia dice che era “una volta l'invidia della regione.” Ora, la Libia non è più l'invidia di nulla. Migliaia di persone stanno morendo e cercano di fuggire dal paese.

L'Iran aveva già la democrazia prima che gli Usa la rovesciassero in favore di un monarca nel 1953. Ora, gli Stati Uniti stanno tentando la stessa strategia con la piena consapevolezza che  movimenti di ispirazione sunnita, come ISIS , sono i tipi di elementi che attualmente esercitano pressione sul governo iraniano.

C'è un motivo per cui “diffondere la democrazia” è non è più la spiegazione ufficiale per le avventure militari americane in Medio Oriente: questa affermazione è una completa menzogna  (non credibile).

E' il momento di vedere questa strategia per quello che è - una inutile, priva di fondamento, non democratica, che priva i diritti e abusa l'agenda neoconservatrice che vedrà la regione di esplodere con innumerevoli altre vite che si perdono in un prossimo futuro.

L'Iran non pone alcuna minaccia tangibile per gli Stati Uniti - e nemmeno la Libia lo era  nel 2011. rovesciare il governo iraniano non porterà alla stabilità o la sicurezza oltre a non avere alcuna base giuridica , in primo luogo, qualcosa di cui  i media mainstream e la comunità internazionale raramente discute.

Tutto questo pone la domanda: perché Stati Uniti si rivolge a democrazie funzionanti per un cambio di regime e si schiera con le dittature in tutto il mondo?

Le democrazie rappresentano una minaccia per gli Stati Uniti? Pare che gli Stati Uniti pensino così.

In questo contesto, non può essere una sorpresa apprendere che uno studio del Princeton e Northwestern University sostiene che gli Stati Uniti non sono una democrazia, ma piuttosto, un'oligarchia che serve gli interessi dei ricchi e dei potenti, ignorando la maggior parte della sua gente.


giovedì 22 giugno 2017

BENJAMIN FULFORD: Il mio buon amico William Twofeather ha bisogno di fondi per il processo dopo essere stato attaccato dal lato oscuro.

Benjaminfulford.net
Sa Defenza



Twofeather ha soggiornato a casa mia a Tokyo per sei mesi, molti anni fa , e posso garantire personalmente  in quanto non violento e di natura mite e spirituale.

Ecco un link a un video che abbiamo pubblicato.



Ecco il link al suo appello di cofinanziamento. Si prega di aiutarlo.

https://www.generosity.com/emergencies-fundraising/two-feather-legal-fund/x/16816266

http://sadefenza.blogspot.it/2017/06/benjamin-fulford-il-mio-buon-amico.html

mercoledì 21 giugno 2017

Trump e l'inversione a U  torna la Guerra Fredda con Cuba 

Ron Paul




La nostalgia sembra essere molto popolare a Washington. Mentre i neocons e quelli della linea dura del Partito Democratico sono riusciti a riportare in auge la guerra fredda con la Russia, sembra che il presidente Trump sia determinato a un replay della Baia dei Porci!

A Miami Venerdì, il Presidente ha annunciato che stava sbattendo la porta su uno dei pochi successi in politica estera del Presidente Obama: facilitare l'uscita da 50 anni di sanzioni degli Stati Uniti contro Cuba. La nostalgia era così forte che Trump, nel suo discorso, ha anche annunciato che i partecipanti della CIA al disastroso tentativo di golpe del 1961 alla Baia dei Porci di Cuba erano in mezzo al pubblico! 

Il Presidente Trump ha detto che la sua nuova politica sarebbe, a dir poco, per un “cambio di regime” a Cuba. Non ci deve essere nessun allentamento delle sanzioni degli Stati Uniti contro Cuba, ha detto, “fino a quando tutti i prigionieri politici vengono liberati, le libertà di riunione e di espressione sono rispettate, tutti i partiti politici sono legalizzati, e le elezioni libere e sorvegliate a livello internazionale sono in agenda.

Sì, questo è lo stesso Donald Trump che ha dichiarato come Presidente eletto a Dicembre che il suo regime entrante avrebbe “perseguito una nuova politica estera che avrebbe finalmente imparato dagli errori del passato. Smetteremo di cercare di rovesciare i regimi e rovesciare i governi”.
Ora, con un altro dietro front che va a favore dei neocon, il Presidente Trump sta portando avanti un cambiamento di regime a Cuba con il pretesto delle violazioni dei diritti umani.

Il governo cubano non ha record di impeccabilità quando si tratta di diritti umani, ma,  dopo aver messo al dito questo governo isolano,  il Presidente Trump con noncuranza, solo poche settimane fa, aveva elogiato il peggiore se non l'unico stato al mondo che abusa dei diritti umani,  l'Arabia Saudita. Inoltre in quel paese, ha partecipato a una cerimonia bizzarra con al centro l'anti-estremismo globale in  casa , praticamente , degli sponsor mondiali dell'estremismo di stato!

Nel mentre che il Presidente Trump sconvolge tutte le riforme politiche con  Cuba avviate dal presidente Obama - l'Ambasciata degli Stati Uniti rimarrà aperta,  reintegrerà di nuovo le restrizioni sui viaggi a Cuba rendendo molto difficile per le aziende americane farci affari. Certamente i concorrenti stranieri di costruzioni e di viaggi saranno entusiasti di questa nuova politica, poiché metterà le imprese americane fuori dal mercato. Quanti americani rimarranno senza lavoro con questa sciocca trovata politica? 

C’è una grande ironia. Il Presidente Trump parla del brutto record sui diritti umani a Cuba e giustifica un ritorno delle sanzioni e sui divieti di viaggio. Mentre il governo degli Stati Uniti impedisce agli americani di viaggiare e spendere il proprio denaro dove vogliono che sono di per sé una violazione dei diritti umani fondamentali. Storicamente sono stati solo i regimi più totalitari a impedire ai loro cittadini di recarsi all’estero. Pensate alla Germania Est, l’Unione Sovietica, e alla Corea del Nord. Gli Stati Uniti non sono in guerra con Cuba. Non c’è alcun motivo per impedire agli americani di andare dove gli pare.

Sicuramente, un irrigidimento della politica degli Stati Uniti nei confronti di Cuba darà fiato a coloro che avevano avvertito che degli Stati Uniti non ci si potevano fidare di partner onesti.
I neocon tengono sempre sempre più Trump per l’orecchio, anche se è stato eletto con delle promesse di ignorare le loro richieste continue di guerra e di conflitti. Quanti altri rovesciamenti ci vorranno prima che i suoi sostenitori non lo riconoscano più come loro leader ?

lunedì 19 giugno 2017

BENJAMIN FULFORD: Il Qatar rompe ranghi, con i petrodollari, e vende il petrolio in Yuan

Benjamin Furford
19 Giugno 2017
Sa Defenza


La crisi del Qatar segna un importante punto di svolta nella lotta contro la mafia Khazariana. Apparentemente, l'Arabia Saudita e altri stati esportatori di petrolio, hanno deciso di bloccare il Qatar “perché sosteneva il terrorismo”. In reazione a questa mossa, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha mostrato al mondo che non era a capo degli Stati Uniti, sostenendo in primo luogo  il blocco, per poi essere costretti dal Pentagono a cambiare posizione, di 180 gradi, il giorno successivo. Ciò che sta realmente accadendo, è che il Qatar ha fatto un accordo con l'Iran per l'esportazione di gas all'ingrosso dai suoi giacimenti di gas, e , non in cambio degli euro o dei dollari occidentali senza valore, ma piuttosto, si è rivolto a est a paesi come l'India e la Cina in cambio delle loro valute.

La Camera delle Puttane, oops! Volevo dire la Camera dei Rappresentanti ha reagito a questo sviluppo, votando nuove sanzioni contro la Russia, e, ha chiesto all'Europa di acquistare il costoso gas americano ,  invece del gas russo a basso costo. Tedeschi e austriaci hanno reagito chiedendo, agli americani, di smetterla.


http://www.bbc.com/news/world-europe-40299760

Questi sviluppi mostrano chiaramente che il vecchio regime sta cadendo a pezzi creando fratture sempre più marcate, tra Washington e Unione europea, di giorno in giorno.

La mafia Khazariana che controlla i sauditi, e i loro partner israeliani complici,  hanno visto il loro intero progetto di “Nato araba,” disintegrarsi davanti ai loro occhi. I veri paesi musulmani come la Turchia, l'Iraq, l'Iran, il Pakistan  insieme ad altre superpotenze come la Russia e la Cina si sono schierati nel sostenere il Qatar, lasciando l'alleanza israelo-saudita isolata. India e Pakistan hanno dimostrato di essere dalla parte della Russia e Cina unendosi alla Shanghai Cooperation Organization, inoltre si prevede che l'Iran faccia altrettanto il prossimo anno.

I militari degli Stati Uniti, dal canto loro, hanno mostrato di essere contro la mafia Khazariana mettendo in scena esercitazioni militari congiunte, con il Qatar, la settimana scorsa, nel mentre anche la Cina ha organizzato esercitazioni con l'Iran. Fonti del Pentagono spiegano “L'esercito degli Stati Uniti ha bisogno del Qatar a causa della base aerea di Al Udeid.” Le fonti del Pentagono non hanno menzionato il fatto che il Qatar ha offerto di acquistare per $ 12 miliardi di dollari i jet militari degli Stati Uniti per aiutare a mantenere e finanziare il Pentagono. In ogni caso, la base aerea ha anche funzioni di garanzia dal pazzo satanista primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu e gli altri mafiosi khazariani non abbiano alcuna possibilità di dar inizio alla 3° Guerra mondiale, dicono le fonti. Il messaggio più diretto sarebbe “ARRENDERSI O MORIRE”.

La battaglia per rimuovere i Khazariani da tutte le leve di comando a Washington DC si è intensificata. La finta campagna che tutto è colpa della Russia inventata dai Khazariani sta soffiando con l'ausilio delle proprietà dei tirapiedi di media di propaganda delle corporate a partire da esporre nel modo più completo fasullo.

La tempesta rilasciata su Twitter da Donald Trump riassume abbastanza bene come la lotta di potere in DC sta andando:
“Voi siete testimoni della più grande  CACCIA ALLE STREGHE della storia politica americana - guidata da alcune persone molto cattive e conflittuali! 
Hanno messo in piedi una falsa collusione con il racconto sui russi, hanno trovato prove pari a zero, e ora fanno ostruzione alla giustizia su una storia completamente fasulla. Bello 
Sono indagato, per il licenziamento del direttore dell'FBI, dalla persona che mi ha detto di rimuovere il direttore dell'FBI! 
Caccia alle streghe 
Perché  il rapporto della famiglia di  Hillary Clinton e dei DEM con la Russia non traspaiono, mentre i miei inesistenti rapporti si? 
Disonesti hanno distrutto i cellulari a martellate, ‘cancellato’ e-mail, che avevano del marito degli incontri con  l'Attorney General (Lynch), giorni prima che fosse chiarito- e che si parlasse di ostruzionismo? 
L'AG Lynch (foto sotto sx) ha preso decisioni sulle forze dell'ordine per fini politici ... ha dato a Hillary Clinton un pass di protezione. Totalmente illegale!”
Fonti del Pentagono dicono che la prossima fase nella battaglia sospesa contro la mafia khazariana in DC , inizierà con l'arresto del Vice Procuratore Generale Rod Rosenstein, speciale consigliere Robert Mueller, nonché Hillary Clinton (anche se fonti della CIA dicono che lei sia morta l'anno scorso), Barack Obama, l'ex procuratore generale] Loretta Lynch, l'ex consigliere della sicurezza nazionale Condoleezza Rice, l'ex capo della CIA John Brennan, ex direttore della NSA Michael Hayden e gli altri “ del 2° stadio dello stato profondo da decapitare

Il licenziato direttore dell'FBI James Comey ha “cantato come un canarino,” sulla mafia Khazariana così come sulla loggia massonica P2, confermano fonti della CIA.

“Comey è stato costretto a commettere 2 harakiri di scena davanti al Congresso,” dicono le fonti. "Ha iniziato a dare valutazioni sui suoi colleghi per evitare di essere accusato dai molteplici ricorsi per le perdite, i misfatti (nascondendo volutamente la conoscenza) e i crimini, di favoreggiamento e ostruzionismo della giustizia, ecc” continuano le fonti del Pentagono.

L'attacco contro il genero di Trump,  Jared Kushner, si è  intensificato quando Trump ha scelto l'avvocato del governatore Chris Christie del New Jersey e amico Chris Wray (foto a dx) per dirigere l'FBI. "Kushner odia Christie perché ha fatto incarcerare il padre , un criminale del mossad,  Charles quando era procuratore del New Jersey", notano le fonti.

I Khazariani  naturalmente stanno letteralmente lottando per la loro vita mentre  la loro griglia di controllo continua a crollare. “In casa repubblicana frusta la maggioranza (# 3) Steve Scalise potrebbe essere stato sparato a causa del suo sostegno alla legge contro il traffico sessuale sui bambini mentre si aggrava la battaglia contro la pedofilia,” notano le fonti del Pentagono.

La fazione di George Bush padre, della mafia Khazariana,  sta lavorando alacremente e con diligenza per eliminare il percorso di prove sconvolgendo gli ex compagni di alto locati. È per questo che l'ex dittatore panamense Manuel Noriega  braccio e rivenditore della CIA con Adnan Khashoggi sono stati recentemente eliminati, dicono fonti del Pentagono.

Le élite di Washington DC sono in una situazione di stallo a causa del MAB o assicurato ricatto reciproco nella prevenzione degli arresti di massa tanto attesa di criminali noti come John McCain. La risposta sarà probabilmente quella di rimuovere il 70% o giù di lì dei politici di Washington DC, sia repubblicani che democratici, che sono stati corrotti con le droghe, la pedofilia, e le tangenti, ecc

In Europa, nel frattempo il regime di Vichy tedesco controlla la Francia gestita dai Rothschild tramite il fantoccio Emmanuel Macron che ha rubato l'elezione parlamentare di Domenica per dare, al suo regime schiavo, un aspetto di sostegno popolare.

Il regime francese dei Rothschild ha serrato i ranghi, come Wikileaks con le e-mail di Hillary Clinton, rivela al mondo in generale ciò che questo bollettino ha riferito anni fa, il fatto che i francesi hanno rovesciato il regime libico di Muammar Gheddafi perché ha minacciato il loro controllo dell'Africa Francese con il suo piano di emettere un Dinaro sostenuto dall'oro.

http://www.globalresearch.ca/hillary-emails-reveal-nato-killed-gaddafi-to-stop-libyan-creation-of-gold-backed-currency/5594742

Nel segno della battaglia per l'Africa è tutt'altro che finita, i francesi sono in scena per rapinare le miniere d'oro in Mali  è sotto un rinnovato attacco , la scorsa settimana un resort per espatriati è stato attaccato.

(foto a sx militari francesi in Mali)

http://www.bbc.com/news/world-africa-40322039

I tentativi Khazariani di prolungare il loro sistema finanziario, rubando l'oro, continua in molte parti del mondo.
Nelle Filippine, l'esercito americano ha aiutato il presidente Rodrigo Duterte a combattere i Khazariani che hanno ingaggiato i mercenari di Daesh per rubare l'oro di Marawai.

La settimana scorsa, nell'isola di Bougainville, sono stati spediti dieci camion pieni di mercenari per cercare di catturare i rappresentanti della White Dragon Society, tra cui il sottoscritto, in visita a Re Davide Peii II. Il Bougainville Rebel Army sono stati fermati dal taglio degli alberi e la chiusura di una strada dopo che i rappresentanti del WDS sono stati evacuati. Il ramo francese della famiglia Rothschild, attraverso la loro controllata Rio Tinto Zinc corporation, stanno cercando ancora una volta di costringere i proprietari terrieri di Bougainville a cedere i loro i diritti sulla miniera d'oro dell'Isola. I Rothschild, inoltre, non vogliono che il mondo in generale venga a sapere che sono colpevoli della eliminazione di almeno il 10% della popolazione dell'isola. È a causa di questa storia di abbattimento e distruzione ambientale che la gente del posto preferisce combattere un'altra guerra piuttosto che lasciare a quei criminali di guerra, perpetrare ulteriori assassini di massa.

Scriveremo di più su questa e altre notizie correlate in una relazione speciale che rilascerò entro questa settimana. Basti dire per ora che i Rothschild, in particolare la filiale francese guidato dal criminale ricercato David de Rothschild,(foto a dx) NON metterà affatto le sue mani su uno dei qualsiasi enormi rifornimenti d'oro dell'isola.

In Giappone, nel frattempo, il regime fantoccio Khazariano di Shinzo Abe ha mostrato la sua insicurezza presentando un disegno di legge “anti-cospirazione” che dà il potere al governo di arrestare le persone per crimini che non hanno ancora commesso. Questa sorta di accelerazione delle misure repressive si è vista anche in Europa orientale in paesi come la Romania poco prima del crollo del regime.
Fonti di circoli delle forze dell'ordine e militari giapponesi dicono che non obbediranno agli ordini criminali dei politici per opprimere il popolo, nonostante questa nuova legge.

In ogni caso, le fonti della destra vicino all'imperatore dicono che Abe è molto malato e gli è stato consigliato dal medico di dimettersi, rischia di morire entro sei mesi. Tuttavia, dice la fonte, Abe intende morire facente le sue funzioni.

Mediatori di potere giapponesi sono in attesa della guerra civile nel governo degli Stati Uniti prima di porre fine e fare grandi cambiamenti, concordano più fonti. Quindi per ora il vecchio regime controllato da Rockefeller / Rothschild resta al potere anche se non ha alcun sostegno da parte dei militari o di altri gruppi armati nel paese.

 Tuttavia, dietro le quinte, i Khazariani hanno già perso il Giappone e la Corea del Sud.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/06/benjamin-fulford-il-qatar-rompe-ranghi.html


domenica 18 giugno 2017

Nuovo documento Majestic 12, rivela che gli Stati Uniti hanno relazioni diplomatiche con gli extraterrestri

Michael Salla
exopolitics.org
Sa Defenza
traduzione di 
NewDisclosure  




E’ trapelato un nuovo Documento Majestic 12, rilasciato il 14 Giugno, che descrive una serie di incontri di extraterrestri con l’umanità.

Questo documento include affermazioni di pionieristiche trasmissioni radiofoniche di Nicola Tesla nello spazio esterno verso la fine del 1800 per comunicare a lontani extraterrestri dell’esistenza dell’umanità, che li ha portati a viaggiare verso il nostro pianeta, e più tardi il presidente Eisenhower ha stabilito piene relazioni diplomatiche con questi extraterrestri, in visita nel 1954.

Il documento di 47 pagine è attualmente in fase di revisione da parte di un certo numero di ricercatori per una loro autenticazione, ma la conclusione preliminare redatta dal veterano ricercatore Stanton Friedman è che non ci sono prove di falsificazione, secondo Heather Wade di Midnight in the Desert.

Heather Wade (foto a dx) ha ricevuto i documenti la scorsa notte da una fonte attendibile. Ha subito contattato Stanton Friedman, per fargli dare un’occhiata a questi documenti, che ha detto: “Non ho mai visto nulla di simile, queste sono nuove informazione MJ12”.

Stanton Friedman è continuerà l’esame di questi documenti per l’autenticità, ma in questo momento non si è in grado di trovare alcuna la prova di falsificazione.

Allo stesso modo, il Dr. Robert Wood, un altro eminente ricercatore di documenti Majestic, ha condiviso il suo parere preliminare in un’email che conferma che “i bolli, marcature, lo stile, il contenuto, i nomi” sembrano genuini.

I documenti sono stati inviati a Wade, da una fonte informatrice anonima, che ne ha rivelato l’esistenza durante il suo spettacolo del 14 Giugno, insieme ai dettagli di background dei documenti. Wade afferma che l’informatore è a lei noto per la sua affidabilità, ma lei non ha intenzione di svelare l’identità di questa persona.



MJ-1

Ulteriori informazioni sono state fornite a Linda Moulton Howe a Earthfiles.com che confermano che ci sono in realtà due fonti, entrambe da personale militare in pensione. Wade ha in programma di intervistare Howe e altri ricercatori UFO per aiutare accertare la legittimità e l’importanza del documento.

Nel frattempo, i lettori sono invitati a leggere il documento che Wade ha reso disponibile gratuitamente sul suo sito web.

Quello che segue è una descrizione dei punti chiave contenute nel documento, e la loro importanza. Un’analisi approfondita del documento saranno fornite in seguito.



Majestic-12


Secondo la pagina di copertina, i documenti sono una “conferenza preliminare” creata da Office of Counter Intelligence, della Defense Intelligence Agency l’8 Gennaio 1989.

Il titolo completo del pacchetto conferenza è “Valutazione della Situazione/Dichiarazione di Posizione sugli Oggetto Volanti Non Identificati”, ed è indirizzata all’Ufficio del Presidente.

L’ufficiale referente è descritto come “MJ-1“, che, sulla base di precedenti storici, è il direttore della CIA.

Il direttore della CIA nel 1989 fu William Webster, ( nella foto) che ha servito come direttore dal 26 Maggio 1987 al 31 Agosto 1991.

In precedenza è stato direttore dell’FBI dalla 23 Febbraio 1978, prima di andare alla CIA sotto il presidente Reagan.

Le informazioni di Wikipedia affermano che lui è l’unica persona ad aver mai tenuto entrambe queste posizioni.

Il documento informativo si riferisce a quattro gruppi di visitatori extraterrestri che sono elencati in ordine di importanza per il nostro pianeta, e cita se sono amichevoli o no.

Ci sono quattro tipi fondamentali di EBE confermati fin’ora. Sono elencati qui in ordine decrescente le loro influenze sul nostro pianeta. 
A. Umanoidi Simili ai Terrestri 
Ci sono diverse varianti, più o meno come noi. La maggior parte di questi sono cordiali e sono la maggior parte dei nostri contatti EBE. La maggior parte ha un alto grado di capacità psichiche e tutto l’uso della scienza e l’ingegneria di natura avanzata. 
B. Piccoli Umanoidi o “Grigi” 
I Grigi, così detti per la tonalità della loro pelle, sono una sorta di drone. Essi non sono molto differenti delle formiche operaie o dalle api… Sono per lo più sotto il controllo psichico degli umanoidi simili ai Terrestri che li allevano come animali domestici (o una sorta di schiavi). Assumendo che i Grigi siano sono sotto controllo benigno, sono innocui.
C. EBE Non-Umaoidi 
Questi sono in diverse classi e provengono da mondi dove la morfologia dominante ha preso un corso evolutivo diverso. Molti di questi sono pericolosi non per le intenzioni ostili organizzate, ma perché queste creature non considerano la vita umana sacra… Finora, il contatto è stato minimo con solo una manciata di sfortunati incontri. 
D. Entità Transmorfiche 
Di tutte le forme di EBE studiate finora da Operation Majestic, questi sono i più difficili da capire o addirittura da descrivere. In sostanza, tali entità non sono “esseri” o “creature”… esistono in qualche altra dimensione o piano, che è per dire che non sono nel nostro spazio o tempo. Non usano dispositivi e non viaggiano nello spazio… In sostanza queste entità sono composte da pura energia… Si dice (da altri EBE) che sono in grado di assumere qualsiasi forma fisica, che essi “canalizzano” la loro energia… in materia. 
Nuovo Documento Majestic 12

Come la descrizione di cui sopra suggerisce, le interazioni con gli extraterrestri sono raffigurate come amichevoli, in particolare quelli che coinvolgono i soggetti simili agli umani.

Essi si sono impegnati in una serie di interazioni non ostili con l’umanità che risalgono a programmi radiofonici e di energia pionieristici di Nikola Tesla alla fine del 1800.

Il documento informativo continua:



Nicola Tesla
Nel 1899, lo scienziato elettronico Jugoslavo, Nicola Tesla, più noto per la sua scoperta della corrente alternata e un dispositivo di laboratorio che porta il suo nome (la bobina di Tesla) ha intrapreso una serie di ricerche che hanno reso questo il secolo dei Dischi Volanti. 
Tesla aveva da tempo proposto che sarebbe stato possibile trasmettere direttamente energie elettriche pure a distanza senza perdita di potenza e senza fili. Nel 1899, e con… il governo e il supporto scientifico privato, Tesla aveva scelto un sito vicino a Colorado Springs, in Colorado, per condurre un esperimento di massa e mai ripetuto…. lo scopo di Tesla era di raccogliere il campo magnetico della Terra e di utilizzarlo come un enorme trasmettitore per inviare segnali nello spazio nel tentativo di contattare chiunque potesse vivere lì. 
Tesla non aveva idea che il tipo specifico di potere che aveva generato ha attraversato lo spazio e ha causato grande scompiglio a molti anni luce di distanza. 
Nuovo Documento Majestic 12


Laboratrio Tesla Colorado Springs


Senza rendersene conto, l’uso di Tesla del campo magnetico terrestre per le trasmissioni radio dirette nello spazio aveva creato un’arma di energia dirompente.

In sostanza, la prima arma al mondo ad energia diretta, ma su scala planetaria!

L’effetto di questa operazione è stato analogo allo sviluppo del Motore a Curvatura, nell’immaginario serie di Star Trek, e l’umanità è ora sul radar Galattico per la prima volta.

Il documento informativo descrive quello che è successo in seguito agli esperimenti di Tesla:
L’intelligenza extraterrestre (EI) ha tentato di rispondere alle sue trasmissioni in forma di codice binario che abitualmente utilizzano per le comunicazioni a lungo raggio (evidentemente queste energie agiscono istantaneamente a distanza e non si limitano alla velocità della luce) chiedendo che cessasse l’invio. 
Naturalmente, Tesla non ha avuto modo di comprendere il messaggio che ha ricevuto indietro dallo spazio. Fortunatamente, la rabbia dei residenti locali a causa degli gli effetti collaterali della sua ricerca lo ha costretto a terminare gli esperimenti a Colorado Springs nello stesso anno in cui li aveva iniziati. 
Nuovo Documento Majestic 12

Significativamente, il documento informativo riconosce che le comunicazioni erano istantanee, e che la velocità della luce non è un limite assoluto, almeno per il tipo di comunicazioni utilizzate dagli alieni.

Criticamente, è stato l’esperimento di Tesla, secondo il documento informativo, che ha inaugurato l’Era dei Dischi Volanti a causa del potente effetto delle sue trasmissioni di energia usando il campo magnetico della Terra.
Questo, dunque, è stato l’inizio effettivo della cosiddetta “età dei dischi volanti” dei nostri tempi. 
Come è apparso chiaro che la nostra razza era sull’orlo di un’esplosione del progresso tecnico, gli EI hanno deciso di attuare un programma a lungo termine di contatto attentamente calcolato e apparentemente casuale con l’obiettivo finale di aumentare la nostra consapevolezza del nostro posto nella comunità galattica. 
Con l’avvento dell’era atomica, questo programma è stato aumentato includendo eventuali contatti diplomatici con molti dei governi della Terra. Lo stesso approccio di messa in scena di un apparente contatto “accidentale” è stato scelto per il suo basso impatto psicologico sulla razza umana. Questa era la situazione nel caso degli Stati Uniti d’America (es: Roswell e Aztec, file New Mexico, in questo briefing). 
Nuovo Documento Majestic 12

Il documento informativo si riferisce al famoso caso di Roswell del 1947 di un crash di un UFO e del meccanismo di sicurezza nazionale, che era stato sviluppato per indagare e mantenere un sistema di segretezza.

Mentre il Crash di Roswell è ben noto, il prossimo caso descritto nel documento non lo è.

C’è stato un “atterraggio controllato” di un disco volante il 25 Marzo 1948 a Aztec, nel New Mexico, che il documento informativo descrive:


Aztec New Mexico UFO Crash

L’atterraggio controllato si è verificato in un piccolo canyon del deserto sul pascolo privato di un agricoltore e rancher locale… a circa 12,2 miglia a nord est di Aztec New Mexico. 
La nave è stata determinata essere di circa 30 metri di diametro. All’interno della cabina superiore… la squadra ha trovato i corpi di due piccoli umanoidi di circa 1,3 metri di altezza legati in posti come quelli di una cabina di pilotaggio di un jet…
Gli extraterrestri erano morti. 
Nuovo Documento Majestic 12

Il documento informativo ha riportato che gli extraterrestri erano morti a causa di una perdita d’atmosfera interna causato dall’impatto con una parete rocciosa nelle vicinanze.

Il rapporto ha poi descritto la scoperta di tubi criogenici con corpi umani dall’aspetto del livello più basso, quattro dei quali sono stati rianimati con successo:
Uno sguardo più da vicino ai tubi sigillati che sembravano le porte delle asciugatrici di una lavanderia ha rivelato che erano una forma complessa di un sistema di refrigerazione. 
Due erano vuoti e dodici contenevano i corpi di quello che sembravno adulti umani e bambini piccoli e neonati, tutti congelati come se conservati come campioni… 
Alla fine il team medico è stato in grado di rianimare un adulto simile maschio umanoide e tre neonati umanoidi, tutti di circa sei mesi di età, due maschi e una femmina. Il resto dei bambini, uno più iccolo, uno dalla pelle grigia con la testa larga da OBE, perirono. 
Nuovo Documento Majestic 12

Il sopravvissuto adulto, secondo il documento informativo, sembrava umano, ma era chiaramente un extraterrestre che somigliava ad un umano, aveva delle differenze fisiologiche, incluso il fatto che aveva due fegati. Il documento descrive come le trattative diplomatiche sono iniziate con l’extraterrestre adulto sopravvissuto.
Dopo una frettolosa tele-conferenza con il presidente Truman, è stato spiegato al visitatore che se le sue intenzioni non si fossero dimostrate ostili e avesse collaborato in uno scambio di informazioni, gli sarebbe stato concesso lo status di diplomatico e presto rimpatriato alla propria razza quando fosse stato possibile. 
Questo ha prontamente accettato, a condizione che non gli fosse chiesto di rivelare segreti scientifici che potrebbero alterare il corso del nostro sviluppo culturale naturale. 
Nuovo Documento Majestic 12

Che cosa avviene dopo i dettagliati scambi diplomatici durati un anno tra il visitatore extraterrestre e l’amministrazione Truman, prima di essere restituito al suo popolo:
Complessivamente, l’EBE di Aztec visse sotto la nostra custodia protettiva nel complesso di Los Alamos per quasi un anno intero, da fine Aprile 1948 fino a Marzo del 1949. 
Dopo di che, è stato sequestrato in una casa di sicurezza privata creata dalla Army Intelligence… durante questo tempo si è incontrato con il Presidente e gli altri amministratori superiori governativi e militari, prima di essere restituito al suo popolo nel mese di Agosto del 1949. 
Ha dato gli scienziati e ai militari debriefers e una grande quantità di informazioni, per lo più non tecniche, sulla sua civiltà e sulle motivazioni che lo hanno portato sulla Terra; In totale sono state redatte 683 pagine di trascrizioni delle conversazioni registrate. 
Nuovo Documento Majestic 12

Il documento informativo prosegue spiegando come la tecnologia data dagli extraterrestri alle autorità militari degli Stati Uniti sarebbe stata anche data all’Unione Sovietica.

L’EBE ha visto poco danno nel permette di tenere i resti della sua nave spaziale per lo studio, dal momento che aveva capito che avrebbe portato solo a uno sviluppo graduale. 
Egli ha suggerito che il suo popolo avrebbe potuto “probabilmente lasciato caderne uno in condizioni simile in Unione Sovietica, solo per mantenere l’equilibrio” e “Siete invitati a prendervela con qualsiasi autorità superiore disposta ad ascoltarvi, se non approvate questo…” 
Nuovo Documento Majestic 12

Nel 1948, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica erano le sole potenze nucleari conosciuti al mondo e leader dei due più potenti blocchi politici, quindi ha senso perché sono stati specificamente aiutati in questo modo. Ancora più sorprendente è quello che hanno detto gli extraterrestri sui bambini alieni:

Al team di scienziati è stato detto che i neonati simili agli umani, erano in ogni caso destinati al nostro mondo, e siamo stati invitati a tenerli. Il 21 Agosto 1949, l’EBE di Aztec è stato restituito al suo popolo in un sito d’incontri a sud ovest di Kirtland Air Force Base… e sono stati presi accordi per una prossima riunione nella stessa posizione, per aprire relazioni diplomatiche. 
Nuovo Documento Majestic 12

Nel regalare tre simil umani dall’aspetto di neonati extraterrestri alle autorità degli Stati Uniti, l’intento evidente è che gli alieni avrebbero voluto essere allevati nella società umana ed in futuro contribuire a stabilire relazioni amichevoli tra i nostri due mondi.

Presumibilmente, la stessa cosa è successa in URSS. Nel 1989, quando il documento informativo è stato preparato, i bambini alieni avrebbero avuto circa 40 anni di età terrestri.


C’erano bambini alieni che risiedevano negli Stati Uniti e Unione Sovietica, e sono stati loro un fattore per la fine della guerra fredda?

Nel 1954, il documento informativo si riferisce al viaggio del presidente Eisenhower alla Kirtland Air Force Base dove ha stabilito piene relazioni diplomatiche con extraterrestri dall’aspetto umano.

Il trattato diplomatico precedente è stato redatto dal direttore delle operazioni Majestic-12 e da un comitato congiunto di visitatori extra-terrestri e rappresentanti del Corpo Diplomatico degli Stati Uniti, come una dichiarazione di intenti. E’ stato ratificato e firmato ala Kirtland Air Force Base… il 18 Luglio 1954 dal presidente Dwight Eisenhower e B. un individuo per conto degli EBE. 
Nuovo Documento Majestic 12

Come accennato in precedenza, l’autenticazione del documento informativo è appena iniziata, ma gli esperti finora non hanno individuato alcun segno di frode.

L’importanza di questo documento è particolarmente straordinaria perché un certo numero di alti funzionari sono chiamati in causa. Se William Webster era MJ-1 al momento del briefing allora questo sarebbe altamente significativo.

Attualmente è presidente del Consiglio di Homeland Security Advisory, ed è in grado di andare sul record ufficiale circa la genuinità del documento informativo.

Se Webster non conferma o suggerisce la sua legittimità, e/o il suo coinvolgimento diretto, questo avrà un effetto potente sulle prospettive di divulgazione ufficiale.

Nella seconda parte di questa serie cercheremo di fornire un’analisi esopolitica dei contenuti del presunto documento MJ-12, di come si confronta con le informazioni divulgate da una serie di informatori sui programmi spaziali segreti, e il suo potenziale impatto sugli eventi mondiali.

sabato 17 giugno 2017

Jo Cox : un anno dopo la "morte"

Rixon Stewart 
thetruthseeker
Sa Defenza


Un evidente caso di PsyOp , attuato per cambiare gli eventi e l'opinione del popolo britannico sulla Brexit, impedirne con questo efferato atto l'uscita dalla UE. La "vittima" politica si è prestata, al gioco di, un possibile False Flag, e , per non far trasparire il bluff, è stato usato un povero malato mentale preparato per l'occasione da psichiatri dell'intelligence, uomo in cura psichiatrica da decenni, incapace dell'uso della violenza su cui è stata fatta ricadere la colpa, inoltre la persona è incapace di gestirsi e autodifendersi, l'arguta preparazione del false flag è tramato per i fini politici al servizio delle élite UE, mentre la presunta uccisa, la deputata Laburista Jo Cox ... ha sacrificato la sua carriera per il bene della causa, ma come si evince dall'investigazione giornalistica appare evidente che i fatti diffusi dai media, subito dopo l'attentato, e la propaganda con la famiglia affranta, non corrispondono al vero ... 
Sa Defenza


L'anniversario del “omicidio” di Jo Cox incombente ci sarà presto vedendo un sacco di omaggi multimediali incandescente alla ex deputato.

Tuttavia, uno sguardo alle circostanze della sua morte solleva questioni sulla possibilità che i tributi siano realmente garantiti?
Jo Cox è stata presumibilmente pugnalata e uccisa durante la campagna contro il Brexit, pochi giorni prima del voto vero e proprio. La richiesta di conferma delle domande sull' “omicidio”, se  è stata davvero assassinata, o era stata programmato per far volgere il voto alla campagna Remain.

Ci sono troppe discrepanze nella narrazione ufficiale per poter resistere a un esame rigoroso.

Per esempio chi conosceva il suo presunto assassino, Thomas Mair, sono rimasti scioccati dalle affermazioni che egli era coinvolto. Molti dei suoi vicini, e altri che lo conoscevano da decenni, affermano che Mair non aveva mai mostrato il minimo interesse per la politica e non era certamente un “estremista di destra”.

Nella foto a dx Thomas Mair, il presunto assassino di Jo Cox.

  Tra coloro che hanno espresso incredulità vi è il fratellastro di Thomas Mair, Duane St Louis, che ha detto al Daily Mail :

'Non ha mai espresso alcun opinioni circa la Gran Bretagna, o la politica o tendenze razziste. Sono di razza mista, io sono il fratellastro, siamo stati allevati e tirati su per bene.'
Ha poi aggiunto: 'Ci si sente come un sogno che voglio svegliarmi da. Non ci potevo credere quando ho visto una foto di lui sulle notizie in manette '.

Il fratello Mair Scott, 50 anni, ha detto: 'Lui ha una storia di malattia mentale, ma è stato aiuto. Mio fratello non è violento e non ha mai fatto politica. Io non so nemmeno per chi vota '.

Tutto ciò è completamente in contrasto con la rappresentazione dei media corporativi di Thomas Mair.
Naturalmente tutto questo non mette in conto della natura discutibile delle prove contro Thomas Mair, che Nick Kollerstrom esamina qui e qui . O il fatto che il corpo di Jo Cox non è stato visto in che in una foto sulla scena del crimine . O la completa assenza di sangue nelle foto, il che è strano dato che Mair si suppone abbia accoltellato Jo Cox quindici volte e rigirato la lama più volte.

Né questo tiene conto delle contrastanti testimonianze oculari di ciò che è accaduto. Per esempio Thomas Mair è sospettato di aver gridato “prima la Gran Bretagna”, mentre pugnala Cox.

Secondo l' Independent :
Aamir Tahir, della Dry Clean Center, ha detto che l'uomo armato è stato sentito gridare “prima la Gran Bretagna”.
Eppure, tale affermazione è stata contestata da Ahmed Tahir se stesso , che ha anche messo un cartello in vetrina del Dry Clean Center negando di aver sentito gridare quelle parole. E non è il solo: altri testimoni oculari hanno affermato che “non si è sentito gridare “ lo slogan che dicono i giornali.

Forse ancora più significativo sono richieste di risarcimento di Kim Leadbeater , la sorella di Jo Cox, che sono delle vere è proprie “montagne russe” emozionali dopo la morte della sorella. lo sono veramente? Date un'occhiata al suo discorso a seguito del presunto “omicidio” di Jo.



Non v'è alcun accenno di vero e proprio dolore qui . La donna esegue semplicemente una lettura come una incapace attrice.

E' anche interessante notare che il marito di Jo Cox, Brendan Cox, non faceva del volontariato completamente o del tutto disinteressato. Oltre a guadagnare uno stipendio a sei cifre in varie organizzazioni umanitarie è stato anche consigliere speciale per il primo ministro Gordon Brown durante il suo incarico di PM.

Nella foto Brendan e Jo Cox ritratti all'esterno del Numero 10 di Downing Street.


In altre parole Brendan Cox ha una vita redditizia lavora nel cuore dell'establishment britannico.
Va inoltre ricordato che Cox è stato costretto a dimettersi dal suo lavoro "di beneficienza"  a Save the Children con uno stipendio annuo di £ 160,000  dopo che le colleghe lamentavano il suo “ comportamento inappropriato “.

Questo è importante in quanto riflette il tipo di uomo e di ideali di cui Jo Cox era attratta e disposta a lavorare.
Al momento della sua morte Jo Cox è impegnata in  una campagna a favore dei Caschi Bianchi siriani ( Sa Defenza ha pubblicato un report di medici svedesi che denunciavano questa pseudo-organizzazione umanitaria in mano ai terroristi dell?ISIS . http://sadefenza.blogspot.it/2017/04/i-medici-svedesi-per-i-diritti-umani.html ) ed insignita del premio Nobel (grazie a George Clooney http://sadefenza.blogspot.it/2017/04/george-clooney-lipocrita-getta-la.html ) . Sono  gli stessi Caschi Bianchi siriani fondati originariamente da un ex ufficiale dei servizi segreti britannici di cui era consulente per la sicurezza James Le Mesurier .

Con la scusa di essere “soccorritori” i caschi bianchi siriani vengono utilizzati per promuovere l'agenda dell'occidente in Siria. Tutto ciò potrebbe spiegare il motivo per cui sono stati finanziati dalla Gran Bretagna, Stati Uniti e altre nazioni occidentali per la somma di oltre un centinaio di milioni di dollari.

La campagna a loro favore per per cui sono stati insigniti del premio Nobel, è stato determinante il contributo di  Jo Cox nel facilitare e far avere loro i finanziamenti.

I presunti legami dei Caschi Bianchi siriani con  Al Qaeda e Al Nusra è una delle buone ragioni per mettere in discussione la vera agenda dell'organizzazione. Tanto più visti i collegamenti dei Caschi Bianchi con note operazioni segrete dell'intelligence Inglese e  degli Stati Uniti.

A seguito della presunta morte di Jo Cox i legami tra i Caschi Bianchi siriani, l'intelligence occidentale e militanti sunniti sono diventati più evidenti. Jo Cox era a conoscenza di questi collegamenti? Oppure è stata addirittura “uccisa” per questo?

Nell'analisi finale solo una operazione di PsyOp avrebbe comprovato la storia che Jo Cox è stata presumibilmente assassinata da un “estremista di destra”. Con il racconto “ di un uomo solitario armato”, è una storia di copertura ben vestita e spacciata dai servizi segreti per nascondere un ordine del giorno del tutto oscuro.

Lungi dall'essere una volontaria di beneficenza Jo Cox  promuoveva l'adesione costante della Gran Bretagna all'Unione europea con l'uso di proxy militari per fare il lavoro sporco dell'Occidente in Siria. Il fatto che così pochi abbiano messo in dubbio o guardato oltre la versione ufficiale è in gran parte dovuto all'ingannevole facciata sotto cui operava la “benefattrice”  Jo Cox.

Nel torbido mondo di intelligence e di operazioni segrete l'inganno è il nome del gioco. O come il motto del Mossad ammette: “attraverso l'inganno facciamo la guerra”. 
Jo Cox era un esponente  magistrale di tale principio.


http://sadefenza.blogspot.com/2017/06/jo-cox-un-anno-dopo-la-morte.html


venerdì 16 giugno 2017

IL QATAR NE CAPISCE DI SISTEMI ELETTORALI

Di comidad 
Sa Defenza
Pasdaran della marina Iraniana

La milizia iraniana dei Pasdaran ha attribuito i recenti attentati di Teheran ad un complotto americo-saudita, tesi che ha trovato qualche sostegno anche tra i timidi commentatori nostrani, i quali hanno convenuto sul fatto che vi sia un tentativo di destabilizzazione dell’Iran. 

La destabilizzazione a tutto campo operata oggi dall’Arabia Saudita ha determinato per l’Iran anche uno spazio di nuove opportunità. 

C’è infatti da considerare che una potenza sciita come l’Iran è riuscita ad inserirsi brillantemente nell’attuale crisi che investe i rapporti nel mondo arabo sunnita, cioè tra Arabia Saudita, Egitto ed Emirati Arabi Uniti da una parte ed il Qatar dall’altra.

Anche la Turchia ha preso le parti del Qatar, ed era prevedibile dato che il piccolo emirato di Doha possiede gran parte del sistema bancario turco ed ha regolarmente finanziato le campagne elettorali di Erdogan. 

Ma in questi giorni sono soprattutto gli aiuti iraniani a consentire al Qatar di sopravvivere all’assedio allestito dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati. 

Già nel 2014 sembrava che dovesse scoppiare una crisi del genere nei rapporti tra i Sauditi ed il Qatar. 

Allora però la petro-monarchia di Riad non aveva ancora ricevuto (o, per meglio dire, non aveva ancora pagato) l’investitura statunitense che CialTrump ha elargito ai Sauditi durante la sua recente visita, perciò Riad dovette accontentarsi di una soluzione fittizia, cioè di vaghe promesse e malfermi impegni di Doha, come non attaccare più il regime militare egiziano dall’emittente Al Jazeera (di proprietà dell’emiro del Qatar) e di non sostenere più i Fratelli Musulmani.

Il contenzioso del 2014 era infatti lo stesso di adesso, cioè l’appoggio finanziario che il Qatar assicura ai Fratelli Musulmani. Proprio grazie a questo appoggio i Fratelli Musulmani avevano stravinto le elezioni in Egitto dopo la “Primavera Araba”, per essere poi rimossi in malo modo da un colpo di Stato militare. 

L’Arabia Saudita accusa il Qatar di finanziare il “terrorismo”. In realtà i principali finanziamenti ai gruppi jihadisti provengono proprio dall’Arabia Saudita e solo in seconda battuta dal Qatar. Quando i Sauditi parlano di “terroristi” si riferiscono in effetti ai Fratelli Musulmani, che sono stati messi fuori legge in Arabia Saudita; e non per gli attentati, ma perché sarebbero i prevedibili vincitori di eventuali “libere elezioni”. 

Il Qatar ha infatti scoperto il recondito segreto del successo elettorale: il denaro. Il risultato elettorale va ad ufficializzare un potere reale e questo si misura in base alla capacità di spesa.


In Italia è appena fallito l’ultimo tentativo di varare una legge elettorale confezionata su misura delle esigenze del Genio di Rignano e del Buffone di Arcore. 

Si allontana perciò la prospettiva di elezioni anticipate, ma un risultato comunque c’è stato: l’ennesima figuraccia del Movimento Cinque Stelle, fattosi irretire in un’assurda trattativa che ha alimentato nei suoi confronti il sospetto di opportunismo. 

Non si tratta di scandalizzarsi, dato che normalmente nelle relazioni umane la slealtà è il criterio fondamentale, perciò le regole “buone” sono quelle che ti fanno vincere e, all’occorrenza, possono cambiare anche a partita iniziata; ciò vale per i politici, ma anche i presidi durante i consigli i classe per gli scrutini. 

Ma la vera questione sta nell’inadeguatezza di questi patetici tentativi di ritagliarsi sistemi elettorali in base alle proprie esigenze; un’inadeguatezza che evidenzia lo storico spiazzamento che ormai subisce in Italia il ceto politico; un ceto politico che non gestisce più il vero ed unico sistema elettorale che funzioni, cioè il denaro. 

Sino al 1992 il sistema italiano dei partiti controllava quasi il 100% del sistema bancario ed un 60% dell’industria. Ancora alla metà degli anni ’90 l’IRI costituiva uno dei maggiori gruppi industriali europei.


Il Trattato di Maastricht, ed il conseguente colpo di Stato di “Mani Pulite” ha spazzato via nel corso degli anni ‘90 quella gestione politica dell’economia e della finanza. 

Esistono ancora forme occulte di finanziamento dei partiti, come l’insider trading da parte di aziende come ENI, ENEL e Finmeccanica che preavvertono i loro amici politici di operazioni di Borsa al rialzo o al ribasso facendo realizzare enormi guadagni con compravendita di azioni. 

Ma si tratta di risvolti in una tendenza che vede comunque i politici confinati al ruolo di lobbisti o speculatori di secondo rango, che non gestiscono più abbastanza denaro da avere una capacità di mobilitazione elettorale. 

Il voto di opinione rappresenta la parte meno rilevante dell’elettorato ed è sempre il voto organizzato a risultare determinante. E “organizzazione” la si può considerare tranquillamente un sinonimo di denaro.

giovedì 15 giugno 2017

Interferenza elezioni? Gli Stati Uniti lo ha fatto in 45 paesi del mondo


Shane Dixon Kavanaugh
vocativ.com
Sa Defenza 

L'America ha una lunga storia di ingerenza nelle elezioni di paesi stranieri, lo dimostra una nuova ricerca




“... gli Stati Uniti hanno una lunga e splendida storia nei loro tentativi di influenzare le elezioni presidenziali straniere, una recente ricerca dal politologo Dov Levin mostra ... quanto  ha rilevato i tentativi degli Stati Uniti di influenzare le elezioni di paesi stranieri sono ben 81 volte tra il 1946 e il 2000 ... Tutto detto, gli Stati Uniti avrebbero preso di mira le elezioni di 45 nazioni nel mondo durante questo periodo, lo dimostra la ricerca di Levin.

“Per costruire la base dei dati, Levin è ricorso a informazioni di intelligence USA  declassificate, inoltre ha fatto ricorso a una serie di relazioni del Congresso sulle attività della CIA. Ha cernito anche racconti che considerava storie affidabili della CIA e delle attività segrete americane, così come la ricerca accademica sulle intelligence degli Stati Uniti, informazioni diplomatiche della guerra fredda, e le memorie di ex funzionari della CIA.

“Gran parte le intromissioni elettorali Americane si sono verificate durante la guerra fredda come risposta per contenere l'influenza sovietica attraverso la diffusione delle presunte deleghe della sinistra, suggeriscono i risultati. E per essere chiari, gli Stati Uniti non era il solo a cercare di influenzare le elezioni straniere. Dice Levin, la Russia ha tentato di interferire nelle elezioni di altri paesi 36 volte tra la fine della seconda guerra mondiale sino alla fine del 20 ° secolo ...”


TENTATIVI DEGLI USA DI INFLUENZARE LE ELEZIONI DEI PAESI STRANIERI

Il tentativo della Russia di influenzare le elezioni presidenziali del 2016 continua a infiammare  la politica americana, l'amministrazione Obama ha colpito di nuovo con una serie di sanzioni  alle agenzie di spionaggio e ai diplomatici Russi. La Casa Bianca, nel Dicembre 2016, ha deciso di espellere 35 presunti agenti dei servizi segreti russi dagli Stati Uniti e di imporre sanzioni su due servizi di intelligence leader del Cremlino in risposta a quello che dicono, gli Stati Uniti, siano stati una serie di attacchi informatici condotti dalla Russia durante la campagna presidenziale. Per il momento, il presidente russo Vladamir Putin ha indicato di non reagire immediatamente, anche se questa reazione potrebbe cambiare.


In segreto ha reso pan per focaccia e mantenuto la questione sull'interscambio elettorale che arroventa la discussione nazionale, alimentata ancor più dalla convinzione dalle agenzie di intelligence statunitensi che la Russia voleva aiutare Donald Trump a prendersi la presidenza. Nessuno dei paesi stranieri ha tentato direttamente di influenzare l'elezione di altre nazioni. Mentre, gli Stati Uniti hanno una lunga e stupefacente storia sui tentativi fatti nel voler influenzare le elezioni presidenziali straniere, lo espongono le recenti ricerche dello scienziato politico Dov Levin.


Quadro dei vari tentativi degli USA di interferenza delle elezioni nelle nazioni del mondo

Levin, ha preso un post-dottorato presso il Politics and Strategy at Carnegie-Mellon University
ha scoperto che gli Stati Uniti ha tentato di influenzare le elezioni di paesi stranieri ben 81 volte tra il 1946 e il 2000. Spesso lo ha fatto in  segreto, e questi sforzi hanno incluso l'agire di agenti della CIA per interferire con successo nelle campagne presidenziali nelle Filippine nel 1950, la fuga di notizie dannose per i Sandinisti marxisti con lo scopo di influenzare gli elettori del Nicaragua nelle elezioni del 1990. In tutto, gli Stati Uniti avrebbero preso di mira le elezioni di 45 nazioni in tutto il mondo, lo mostra la ricerca di Levin durante questo periodo. Nel caso di alcuni paesi, come l'Italia e il Giappone, gli Stati Uniti hanno tentato di intervenire in quattro o più elezioni separate.

Le ricerche di Levin non comprendono colpi di stato militari o cambio di regime o tentativi a seguito dell'elezione di un candidato opposto alle indicazioni degli Stati Uniti, come quando la CIA ha aiutato a rovesciare Mohammad Mosaddeq, democraticamente eletto a primo ministro iraniano, nel 1953. Lo definisce un intervento elettorale come “un atto costoso progettato per determinare risultati delle elezioni [in favore di] una delle due parti “ Secondo la ricerca di Levin, comprende: lo spaccio di propaganda e disinformazione; la creazione di materiale per la campagna dei candidati preferiti o partiti; fornendo o revocando aiuti esteri, e; facendo annunci pubblici che minacciano o favoriscono alcuni candidati. Spesso, include anche che gli Stati Uniti consegnano grosse somme di denaro in segreto, come è avvenuto nelle elezioni in Giappone, Libano, Italia, e in altri paesi.


Per costruire la base dei dati, Levin è ricorso a informazioni di intelligence USA  declassificate, inoltre ha fatto ricorso a una serie di relazioni del Congresso sulle attività della CIA. Ha cernito anche racconti che considerava come affidabili sulla CIA e le attività segrete americane, così come la ricerca accademica sulla intelligence degli Stati Uniti, informazioni diplomatiche della guerra fredda, e le memorie di ex funzionari della CIA. Gran parte della ingerenza degli Stati Uniti nelle elezioni straniere è stata ben documentata - Cile nel 1960 , ad Haiti nel 1990 . Malta nel 1971? Secondo lo studio di Levin, gli Stati Uniti hanno tentato di “fare” economia nella piccola isola del Mediterraneo nei mesi precedenti le elezione quell'anno.

Gran parte delle intromissioni elettorali Americane si sono verificate durante la guerra fredda la risposta per contenere l'influenza sovietica attraverso la diffusione delle presunte deleghe della sinistra, suggeriscono i risultati. E per essere chiari, gli Stati Uniti non era il solo a cercare di influenzare le elezioni straniere. Dice Levin, la Russia ha tentato di interferire nelle elezioni di altri paesi 36 volte tra la fine della seconda guerra mondiale sino alla fine del 20 ° secolo, portando il numero totale di interventi elettorali da parte dei due paesi a 117 durante quel periodo.

Eppure, anche dopo il crollo dell'Unione Sovietica nel 1991, gli USA hanno continuato gli interventi sulle elezioni all'estero, comprese le elezioni in Israele, nella ex Cecoslovacchia, e anche in Russia nel 1996 , ha scoperto Levin. Dal 2000, gli Stati Uniti hanno tentato di influenzare le elezioni in Ucraina, Kenya, Libano e Afghanistan, tra gli altri.

http://sadefenza.blogspot.it/2017/06/interferenza-elezioni-gli-stati-uniti.html

Riferimenti
  1. Andrew C, Mitrokhin V (1999) The Sword and the Shield: The Mitrokhin Archive and the Secret History of the KGB. New York: Basic Books. Google Scholar
  2. Andrew C, Mitrokhin V (2005) The World Was Going Our Way: The KGB and the Battle for Third World. New York: Basic Books. Google Scholar
  3. Bapat N, Kwon BR (2015) When are sanctions effective? A bargaining and enforcement framework. International Organization 69(1): 131–162. Google Scholar CrossRef
  4. Barry T, Preusch D (1990) AIFLD in Central America: Agents as Organizers. Albuquerque, NM: The Resource Center. Google Scholar
  5. Berger D, Easterly W, Nunn N, Satyanath S (2013) Commercial imperialism? Political influence and trade during the Cold War. American Economic Review 103(2): 863–896. Google Scholar CrossRef
  6. Blum W (2005) Rogue State. Monroe, ME: Common Courage Press. Google Scholar
  7. Boix C (2011) Democracy, development and the international system. American Political Science Review 105(4): 809–828. Google Scholar CrossRef
  8. Boix C, Svolik M (2013) The foundations of limited authoritarian government: Institutions, commitment, and power-sharing in dictatorships. Journal of Politics 75(2): 300–316. Google Scholar CrossRef
  9. Bunce V, Wolchik S (2011) Defeating Authoritarian Leaders in Postcommunist Countries. Cambridge: Cambridge University Press. Google Scholar CrossRef
  10. Chiozza G, Choi A (2003) Guess who did what: Political leaders and the management of territorial disputes, 1950–1990. Journal of Conflict Resolution 47: 251–278. Google Scholar Link
  11. Colby W (1978) Honorable Men: My Life at the CIA. New York: Simon and Schuster. Google Scholar
  12. Colgan J (2013) Domestic revolutionary leaders and international conflicts. World Politics 65(4): 656–690. Google Scholar CrossRef
  13. Corstange D, Marinov N (2012) Taking sides in other people’s elections: The polarizing effect of foreign intervention. American Journal of Political Science 65(3): 655–670. Google Scholar CrossRef
  14. DeMeritt J (2015) Delegating death: Military intervention and government killing Journal of Conflict Resolution 59: 428–454. Google Scholar Link
  15. Diehl P (2016) Exploring peace: Looking beyond war and negative peace. International Studies Quarterly 60(1): 1–10. Google Scholar CrossRef
  16. Donno D (2013) Defending Democratic Norms: International Actors and the Politics of Electoral Misconduct. Oxford: Oxford University Press. Google Scholar CrossRef
  17. Downes A, Monten J (2013) Forced to be free? Why foreign imposed regime change rarely leads to democratization. International Security 37(4): 90–131. Google Scholar CrossRef
  18. Fearon J, Laitin D (2003) Ethnicity, insurgency, and civil war. American Political Science Review 97(1): 75–90.Google Scholar CrossRef
  19. Findley M, Teo T (2006) Rethinking third-party interventions into civil wars: An actor-centric approach. Journal of Politics 68(4): 828–837. Google Scholar CrossRef
  20. Freedom House (2014) Freedom in the World 2014. Washington, DC. Google Scholar
  21. Gaubatz K (1999) Elections and War: The Electoral Incentive in the Democratic Politics of War. Stanford, CA: Stanford University Press. Google Scholar
  22. Gustafson K (2007) Hostile Intent: U.S Covert Operations in Chile, 1964–1974. Washington, DC: Potomac Books. Google Scholar
  23. Horowitz M (2014) How prior military experience influences the future militarized behavior of leaders. International Organization 68(3): 527–560. Google Scholar CrossRef
  24. Hultman L, Kathman J, Shannon M (2015) United Nations peacekeeping dynamics and the duration of post-civil conflict peace. Conflict Management and Peace Science 33(3): 231–249. Google Scholar Link
  25. Huth P, Allee T (2002). The Democratic Peace and Territorial Conflict in the Twentieth Century. Cambridge: Cambridge University Press. Google Scholar
  26. Hyde S (2011) The Pseudo-Democrat’s Dilemma: Why Election Observation became an International Norm. Ithaca, NY: Cornell University Press. Google Scholar CrossRef
  27. Keller J, Foster D (2010) Rallies and the “first image”: Leadership psychology, scapegoating proclivity, and the diversionary use of force. Conflict Management and Peace Science 27(5): 417–441. Google Scholar Link
  28. Kelly J (2008) Assessing the complex evolution of norms: The rise of international election monitoring. International Organization 62(2): 221–256. Google Scholar
  29. Klein J, Goertz G, Diehl P (2008) The peace scale: Conceptualizing and operationalizing nonrivalry and peace. Conflict Management and Peace Science 25(1): 67–80. Google Scholar Link
  30. Levin DH (2016) When the great power gets a vote: The effects of great power electoral interventions on election results. International Studies Quarterly, http://dx.doi.org/10.1093/isq/sqv016. Google Scholar
  31. Levitsky S, Way L (2005) International linkage and democratization. Journal of Democracy 16(3): 20–34. Google Scholar CrossRef
  32. Lowenthal A (1991) Exporting Democracy: The United States and Latin America. Baltimore, MD: John Hopkins University Press. Google Scholar
  33. Miller J (1983) Taking off the gloves: The United States and the Italian elections of 1948. Diplomatic History 7(1): 35–56. Google Scholar CrossRef
  34. Park J (2013) Forward to the future? The democratic peace after the Cold War. Conflict Management and Peace Science 30(2): 178–194. Google Scholar Link
  35. Pickering J, Kisangani E (2014). Foreign military intervention and post-colonial state-building: An actor-centric analysis. Conflict Management and Peace Science 31(3): 244–264. Google Scholar Link
  36. Potter P (2007) Does experience matter?: American presidential experience, age, and international conflict. Journal of Conflict Resolution 51: 351–378. Google Scholar Link
  37. Prados J (2006) Safe for Democracy: The Secret Wars of the CIA. Chicago, IL: Dee. Google Scholar
  38. Rabe S (2006) U.S. Intervention in British Guiana: A Cold War Story. Chapel Hill, NC: The University of North Carolina Press. Google Scholar
  39. Ray J (1995) Democracy and International Politics: An Evaluation of Democratic Peace Proposition. Columbia, SC: University of South Caroline Press. Google Scholar
  40. Regan P (2014) Bringing peace back in: A presidential address to the Peace Science Society, 2013. Conflict Management and Peace Science 31(4): 345–356. Google Scholar Link
  41. Reiter D, Stam A (1998). Democracy, war initiation and victory. American Political Science Review 92(2): 377–389. Google Scholar CrossRef
  42. Richelson J (2006) The U.S. Intelligence Community, 5th edn. Boulder, CO: Westview Press. Google Scholar
  43. Riva V (1999) Oro Da Mosca. Milan: Mondadori. Google Scholar
  44. Russett B (1993) Grasping the Democratic Peace: Principles for a Post-Cold War World. Princeton, NJ: Princeton University Press. Google Scholar
  45. Schwarz H (1995) Konrad Adenauer. New York: Berghahn. Google Scholar
  46. Shulman S, Bloom S (2012) The legitimacy of foreign intervention in elections: The Ukrainian response. Review of International Studies 38: 445–471. Google Scholar CrossRef
  47. Smith JL (1990) Russia, the Soviet Union and the United States: An Interpretive History. New York: McGraw–Hill. Google Scholar
  48. Sullivan P (2007) War aims and war outcomes: Why powerful states lose limited wars. Journal of Conflict Resolution 51(4): 496–524. Google Scholar Link
  49. Sullivan P, Karreth J (2015) The conditional impact of military intervention on internal armed conflict outcomes. Conflict Management and Peace Science 32: 269–288. Google Scholar Link
  50. Trachtenberg M (1999) A Constructed Peace: The Making of the European Settlement. Princeton, NJ: Princeton University Press. Google Scholar
  51. Vanderhall R (2013) Promoting Authoritarianism Abroad. Boulder, CO: Lynn Rienner. Google Scholar
  52. Westad O (2005) The Global Cold War. Cambridge: Cambridge University Press. Google Scholar CrossRef
  53. Zubok V (2007) A Failed Empire: The Soviet Union in the Cold War from Stalin to Gorbachev. Chapel Hill, NC: University of North Carolina Press. Google Scholar
Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!