mercoledì 4 febbraio 2015

La più grande crudeltà inimmaginabile da  mente umana, contorta: Chiudere in gabbia un uomo e bruciarlo vivo... sono DIAVOLI!



       foto tratte dal sito twitter di Rita katz
FDR: "...we have learned in the agony of war that great power involves great responsibility."   trd:  "..ci hanno insegnato nell'agonia della guerra che un grande potere comporta grandi responsabilità."
Un video dello Stato islamico mostrerebbe la terribile sorte del pilota giordano preso in ostaggio


BEIRUT - Dapprima bruciato vivo in una gabbia, poi sepolto da un bulldozer sotto le macerie. Queste le immagini della morte del pilota giordano nel video dello Stato islamico, che poco prima, nello stesso filmato, aveva mostrato i corpi carbonizzati di vittime di bombardamenti aerei della Coalizione internazionale.

Ad appiccare il fuoco con una torcia ad una striscia di benzina che poi si propaga alla gabbia ed investe il pilota è un "emiro (comandante) di una regione dello Stato islamico colpita" dai bombardamenti, afferma una voce fuori campo. L'uomo, come altri miliziani armati che lo attorniano, indossa una mimetica color khaki e ha il viso coperto. Non è quindi vestito di nero, come il boia che ha decapitato gli ostaggi americani, britannici e il giornalista giapponese Kenji Goto.

Il prigioniero, invece, indossa l'ormai tristemente famosa tuta arancione dei detenuti di Guantanamo e degli altri ostaggi dello Stato islamico finora uccisi, che questa volta è imbevuta di benzina. Nelle immagini precedenti, il pilota giordano viene fatto vedere mentre cammina apparentemente tra le macerie di una località colpita dai bombardamenti della Coalizione a guida americana.
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!