sabato 28 luglio 2018

Caricaturista del Jerusalem Post licenziato per avere deriso i "Padroni del Mondo 

VT
SA DEFENZA 


l'immagine usata per la satira del fumettista Avi Katz


Un fumettista israeliano del Jerusalem Post è stato licenziato martedì dall'agenzia di stampa per una vignetta che ritrae il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e altri legislatori del Likud come maiali come nella "Fattoria degli animali" di George Orwell.


Il vignettista Avi Katz, che ha lavorato per il Jerusalem Post per quasi trent'anni, ha recentemente disegnato una vignetta di Netanyahu dove apparivano alcuni membri del suo partito Likud che scattano un selfie dopo che il Parlamento israeliano ha approvato una legge costituzionale lo scorso giovedì dichiarando Israele uno "Stato nazionale degli ebrei",  ...  "e stabilisce che gli ebrei hanno il diritto all'autodeterminazione nel paese" senza menzionare altri gruppi di persone che vivono nello stato d'Israele.

"Questo è un momento decisivo nella storia del sionismo e dello stato di Israele ... Israele è uno stato-nazione ebraico", ha annunciato il primo ministro Benjamin Netanyahu dopo il passaggio della legge, riferisce Sputnik in quei giorni.

La controversa legge ha anche dichiarato l'ebraico l'unica lingua ufficiale in Israele, privando l'arabo dello status di lingua ufficiale e designandolo come una lingua a "status speciale".

La vignetta, pubblicata martedì nel Jerusalem Report, una rivista bisettimanale pubblicata dal Jerusalem Post, è stata accolta con indignazione da alcuni e lodata da altri. Descrive Netanyahu e i membri del suo partito come i capi dei maiali, e include la citazione, di Orwell  "Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri", una citazione diretta da la "Fattoria degli animali". Il libro, che descrive come gli animali si rivoltano contro la fattoria e contro i loro proprietari umani, è un'allegoria che riflette la rivoluzione russa del 1917 e la successiva era stalinista dell'Unione Sovietica.

A seguito delle critiche del fumetto da parte dei lettori, il Jerusalem Post ha annunciato che non avrebbe più collaborato con Katz.

"Avi Katz è un fumettista che ha lavorato come libero professionista al Jerusalem Post, e in base alle considerazioni editoriali, è stato deciso di non continuare, con lui,  la relazione professionale", ha detto il Jerusalem Post in una recente dichiarazione in lingua ebraica, ha riferito l Times of Israel  mercoledì.

In una dichiarazione del mercoledì a Sputnik, il pluripremiato disegnatore americano Ted Rall ha definito il licenziamento di Katz "spregevole" ma ha osservato che "è lontano dal suo solito".


© AP Photo / Gali Tibbon / Pool

"Stava facendo il suo lavoro: assillare i ricchi, i potenti, gli oppressori. Il Jerusalem Post ha fatto una schifosa concessione alle forze della censura e alla reazione accettando, come senza dubbio il risultato di denunce dell'estrema destra e forse  di funzionari del governo, per licenziarlo ", ha detto Rall a Sputnik. 
"Sebbene si possa essere tentati di dire che questo tipo di controversia dimostra il potere delle vignette, a che serve una vignetta satirica se non può essere distribuita a un vasto pubblico come quello del Jerusalem Post? Gli editori sostengono di volere un buon lavoro sui loro giornali. È una bugia. Vogliono un lavoro addomesticato. Se volevano un buon lavoro, avrebbero ingaggiato vignettisti che colpivano duramente. E certamente non licenzierebbero i fumettisti che producono cose che prendono a calci il sedere del politico ", ha aggiunto Rall.
"Dal licenziamento di Rob Rogers da parte di una Pittsburgh Post-Gazette che si ha agito a favore [del presidente degli Stati Uniti] Donald Trump al mio licenziamento da parte del LA Times a favore al Dipartimento di Polizia di Los Angeles - licenziati che continuiamo a difendere, nonostante il fatto che siano stati smentiti e siano stati rilevati da una "nuova" leadership - i vignettisti stanno diventando una specie in via di estinzione ", ha continuato Rall.

Rogers, l'ex disegnatore di fumetti della Pittsburgh Post-Gazette, è stato licenziato all'inizio di questo mese per i disegni critici su Trump.

Nel 2015, il LA Times ha detto che non avrebbe più pubblicato i lavori di Rall dopo aver pubblicato un post sul blog che criticava un ufficiale di polizia di Los Angeles per averlo erroneamente scambiato per jaywalking nel 2001. All'epoca, il LA Times ha messo in dubbio l'accuratezza del post di Rall.

Dopo il licenziamento di Katz, l'Israel's Animix Festival, che organizza un festival annuale che mostra animazione, fumetti e caricature, ha organizzato una raccolta fondi per devolvere al fumettista licenziato, affermando che "nessuno zittirà l'arte e la satira nello Stato di Israele". Finora, sono stati raccolti più di $ 10,610  da quasi 400 persone.

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!