mercoledì 27 settembre 2017

La Corea del Nord afferma: gli USA  hanno dichiarato guerra

Margaret Besheer 

Il Segretario di Stato USA Rex Tillerson e il ministro degli Esteri della Corea del Nord Ri Yong Ho. AFP FOTO

Il ministro degli esteri della Corea del Nord, Ri Yong Ho, ha dichiarato che Lunedì  gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra al suo paese e che Pyongyang avrebbe intrapreso misure contro le azioni se viene minacciata, inclusi il ritiro dei piani di guerra americani nella regione.

Ri ha direttamente collegato i commenti del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di sabato sera sul social media Twitter come una minaccia.

In un tweet di sabato sera tardi che rispondeva all'intervento dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, di quel giorno, Trump ha scritto: "Ho appena sentito il ministro degli Esteri della Corea del Nord  parlare all'ONU Se riecheggia i pensieri di Little Rocket Man, non starà in giro ancora per molto ! "

Lunedì il ministro degli esteri della Corea del Nord ha risposto:
"Dato che il messaggio arriva da chi attualmente risiede alla presidenza degli Stati Uniti, questa è chiaramente una dichiarazione di guerra", ha detto Ri ai giornalisti al di fuori del suo hotel a New York. "Tutti gli Stati membri che partecipano alle Nazioni Unite e il mondo intero devono ricordare chiaramente che gli Stati Uniti hanno dichiarato guerra al nostro paese".
Il ministro degli Esteri nordcoreano ha aggiunto: "...abbiamo ogni diritto di prendere tutte le contromisure, compreso il diritto di abbattere i bombardieri strategici americani anche quando non hanno ancora violato il nostro spazio aereo. Quanto a chi durerà 'di più', la risposta arriverà dopo", ha ammonito.

Gli Stati Uniti rispondono

La segretaria della stampa della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha dichiarato: "Non abbiamo dichiarato guerra alla Corea del Nord", aggiungendo che il suggerimento è "assurdo".
Al Pentagono, il portavoce del colonnello dell'esercito Robert Manning ha detto ai giornalisti: "Se la Corea del Nord non interrompe le sue provocazioni, noi (militari) offriremo varie opzioni al presidente per affrontare la Corea del Nord. Abbiamo il diritto di volare , navigare e operare laddove è legalmente permesso in tutto il mondo ".
Sabato si sono alzati , i bombardieri strategici  B-1B da Guam accompagnati da aerei da combattimento F-16 provenienti da una base statunitense in Giappone hanno volato nello spazio aereo internazionale sulle acque a est della Corea del Nord.

Manning ha dichiarato che l'esposizione di forza, è inteso a dimostrare alcune delle opzioni militari disponibili al presidente Trump,  "il più lontano luogo periferico a nord della zona demilitarizzata che qualsiasi aereo militare o bombardiere americano mai abbia volato sulla costa nordcoreana nel ventunesimo secolo".
"Siamo in  posizione, e pronti a combattere pure stasera", ha osservato il portavoce del Pentagono, mentre si è rifiutato di discutere eventuali movimenti di truppe nella regione alla luce delle tensioni crescenti.

'Uomo razzo'

La retorica tra i leader del Nord Corea e Trump è aumentata la settimana scorsa, sia durante che ai margini dell'assemblea generale delle Nazioni Unite.

Descrivendo il leader della Corea del Nord Kim Jong Un come "Rocket Man" in missione suicida, Trump ha usato il suo posto al Consiglio dell'UNGA martedì scorso per avvisare il regime di Pyongyang che il suo corso attuale potrebbe portare alla "distruzione totale".

Il leader del Nord Corea, Kim Jong Un, ha chiamato Trump un "rimbambito" che esprime un "comportamento mentale squilibrato".

Ri ha minacciato sabato che il suo paese potrebbe condurre una sperimentazione con una bomba a idrogeno atmosferica sull'Oceano Pacifico.

Il Segretario alla Difesa americano Jim Mattis ha risposto lunedì che se la Corea del Nord  insiste con la sua minaccia, "questa sarebbe una sconvolgente esposizione di irresponsabilità verso la pace globale, verso la stabilità, verso la non proliferazione nucleare"


William Gallo e la corrispondente dal Pentagono Carla Babb hanno contribuito a questa relazione

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!