mercoledì 15 novembre 2017


IL REGNO UNITO RITIENE CHE GLI HACKER RUSSI MIRANO ALLE TELECOMUNICAZIONI  AI MEDIA , E ALLA RETE  ENERGETICA  DEL PAESE


HA STATO PUTIN! AHAHAHAH farebbe venire voglia di riderci sopra , ma questi millantatori pusillanimi e irresponsabili occidentali, ne dicono una peggio dell'altra tanto da farle sembrare delle barzellette che qui da noi usiamo raccontare, con ironica iperbole,  dei carabinieri , male loro non sono barzellette  ma pura  realtà, dichiarazioni insulse di criminali al potere.  SD









Ciaran Martin, capo del National Cyber ​​Security Center del Regno Unito (NCSC), ha affermato che gli hacker russi si sono interessati alla rete energetica britannica, alle telecomunicazioni e ai media nell'ultimo anno.
"Non posso entrare in dettagli precisi sulla materia dell'intelligence, ma posso confermare  l'interferenza russa, vista dal National Cyber ​​Security Center nel corso dell'ultimo anno, ha incluso  attacchi nei settori dei media, delle telecomunicazioni e dell'energia britannica", ha detto Martin.

Secondo Martin, NCSC ha "coinvolto attivamente" i partner internazionali, l'industria e la società civile ad affrontare la minaccia. Minaccia, che , come al solito, non è specificata.

"La Russia sta cercando di compromettere il sistema internazionale. Quella è molto chiara. Il PM ha fatto il punto lunedì sera - l'ordine internazionale come lo conosciamo rischia di essere indebolito ", ha aggiunto.

Lunedì 13 novembre, il primo ministro del Regno Unito, Theresa May, ha accusato la Russia di intromettersi nelle elezioni, tramite hacking, nei governi occidentali  perseguendo i propri interessi "a qualsiasi costo" mentre ha avvisato Vladimir Putin: "Sappiamo cosa stai facendo ma non riuscirai
" Rivolgendosi al banchetto del sindaco dei signori, il primo ministro ha avvisato che il Regno Unito lavorerà con gli alleati per" intraprendere le azioni necessarie "per assicurare che lo stato non riesca nella sua campagna a " seminare la discordia in Occidente "e causare una divisione tra gli alleati della NATO . Ha anche accusato la Russia di  usare le " informazioni come armi " e "inventando false informazioni con  fotomontaggi " nel tentativo di minare l'Occidente.

Il ministero degli Esteri russo ha risposto alle accuse di May dicendo che dimostra una " fondamentale mancanza di comprensione dei processi in corso a livello mondiali".

Il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha aggiunto che queste accuse non sono che un altro passo nella campagna in corso contro la Russia e i media russi.
"Siamo abituati al fatto che alcuni dei nostri partner occidentali non hanno niente altro da fare , che accusare i media russi di intromettersi negli affari di altri Stati e definirli agenti stranieri", ha detto Lavrov.
Dalle elezioni presidenziali americane del 2016, gli hacker russi sono diventati l'ultimo uomo nero, permettendo alle varie amministrazioni di dare la colpa alla presunta "interferenza russa" per qualsiasi cosa vado loro storto, senza il bisogno di mostrare alcuna prova. Questo sentimento è attivamente stimolato dai nuovi rapporti, uno dei quali è emerso il 2 novembre. Ha affermato che gli hacker russi, oltre a dire che influenzare le elezioni avevano una "hotlist" (ricercati) composta da ufficiali ucraini, esponenti dell'opposizione russa, contractors della difesa americani (mercenari) e di migliaia di altri soggetti.

Il 13 novembre,  funzionari spagnoli hanno dichiarato di credere che gruppi di hacker russi hanno utilizzato i socialmedia online per promuovere con forza il referendum per l'indipendenza della Catalogna del mese scorso, nel tentativo di destabilizzare la Spagna, con  affermazioni messe in evidenza come "gran parte di questi gruppi provenivano dal territorio russo", gli stati del caso e dei gruppi russi privati ​​sono stati accusati di utilizzare Twitter, Facebook e altri siti Internet per pubblicizzare massicciamente la causa separatista e far cambiare l'opinione pubblica a favore di essa prima del contenzioso del referendum Catalano per l'indipendenza del 1 ottobre.

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!