venerdì 1 dicembre 2017

IL PORTAVOCE MILITARE ISRAELIANO ELOGIA LA "GUERRA PSICOLOGICA" CONTRO HEZBOLLAH

southfront.org
Sa Defenza 



Il primo ministro Benjamin Netanyahu con il capo dell'IDF, il generale Benny Gantz (in piedi direttamente dietro di lui) e l'allora ministro della difesa Moshe Ya'alon (seduto a destra), monitorando le operazioni a terra dell'IDF a Gaza durante un incontro presso il quartier generale militare Kirya a Tel Aviv il 18 luglio 2014. (Haim Zach / GPO / Flash90)

Il portavoce militare israeliano Ronen Manelis ha detto che Israele sta conducendo una "guerra psicologica" contro Hezbollah e sta preparando le operazioni convenzionali contro il gruppo sostenuto dall'Iran.

Manelis ha detto che queste operazioni includevano il targeting del leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah. "Non ci sarà una chiara immagine della vittoria nella prossima guerra, anche se è chiaro che Nasrallah è un bersaglio", ha spiegato .

Manelis ha detto che la guerra di propaganda si sta spostando dai media tradizionali a quelli online: "Una delle cose di cui parliamo è la transizione dal consumo dei media tradizionali ai social media. Siamo anche attivi in ​​questo teatro, ed è un teatro operativo sotto ogni aspetto. Proprio nelle ultime settimane abbiamo preso molte azioni che hanno causato costernazione dall'altra parte ".

Secondo il Guardian , il governo israeliano è stato impegnato nel reclutamento di quelle che ha definito "unità di copertura" dal 2013. Queste unità consistono in una miscela di studenti internazionali e studenti impiegati da Israele in una capacità di "trolling professionale" per sconfiggere una vasta gamma di nemici dal movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) ai governi stranieri.

Durante la guerra di Gaza del 2014, il gruppo studentesco "Israele sotto il fuoco" è emerso come una voce chiave sui social media per promuovere la narrativa israeliana del conflitto. "I social media sono un altro posto dove la guerra va avanti. Questo è un altro modo per raccontare la nostra storia ", ha detto il leader del gruppo, Yarden Ben-Yosef.

Hezbollah ha anche una notevole presenza mediatica, con un settimanale al-Ahad, due stazioni radio e una stazione televisiva, al-Manar, creata alla fine degli anni '80. Più recentemente Hezbollah ha rafforzato la sua presenza sui media, gestendo più di 50 siti web tra cui il sito web del suo leader Hassan Nasrallah. Sul sito web del leader di Hezbollah sono disponibili gli archivi dei suoi discorsi e dichiarazioni.

Le tensioni sono aumentate tra Israele e Hezbollah con i suoi sostenitori in Iran nelle ultime settimane. In una recente dichiarazione il Corpo di Guardia Rivoluzionaria Islamica (IRGC) dell'Iran ha attaccato Israele, dicendo che Israele sarebbe stato "sradicato" nella prossima guerra con Hezbollah. Il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammed Bin Salman, ha detto  che l'ayatollah iraniano Ali Khameni, il leader supremo dell'Iran, era il "nuovo Hitler del Medio Oriente". Ha poi continuato a confrontare la lotta settaria di potere nella regione tra Riyadh e Teheran con l'Europa della seconda guerra mondiale.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/12/il-portavoce-militare-israeliano-elogia.html


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!