martedì 25 febbraio 2020

I Patrioti Filippini Dicono "No Alla Terza Guerra Mondiale" E "Sì Alla Nuova Via Della Seta"



Il recente annuncio del presidente delle Filippine Duterte secondo cui l'accordo con le Visiting Forces Agreement degli Stati Uniti (VFA) e delle Filippine  del 1998 sarebbe stato annullato questo ha rinnovato la speranza che non solo questa ex colonia statunitense  avrebbe finalmente ottenuto la libertà dalla manipolazione imperiale, ma anche che una nuova Era emergente dello sviluppo e infrastrutture possa inaugurare la fine della povertà e della guerra nel Pacifico.

Il 7 febbraio, il presidente delle Filippine ha comunicato agli Stati Uniti che è iniziato un periodo di 180 giorni in cui il personale militare americano dovrà evacuare il territorio mentre il segretario agli Esteri Teodoro Locsin afferma che "il vice capo missione dell'ambasciata degli Stati Uniti ha ricevuto l'avviso di risoluzione dell'Accordo sulle forze di visita. Come cortesia diplomatica non ci saranno ulteriori annunci di fatto a seguito di questo sviluppo autoesplicativo. "

Il motivo per cui i neocon americani sono stati colti alla sprovvista da questo annuncio rimane un mistero poiché Duterte ha minacciato di annullare questo trattato sin dalle sue prime settimane in carica e ha persino detto a RT il 24 gennaio che "l'America non sono le Filippine e le Filippine non sono l'America. Non è più così e mi rifiuto di seguire la politica estera americana ".

Questo annuncio mette ancora un'altra chiave negli ingranaggi di quelle agenzie che tentano di condurre un piano di guerra contro la Cina come parte del perno politico dell'era Obama in Asia e di un più ampio programma di dominazione a spettro completo con una vasta infrastruttura militare sparsa lungo il perimetro cinese. Alcuni dei punti di tensione accumulati con cura nel corso degli anni intorno alla Cina (ognuno dei quali funge da potenziale moccolo per la guerra nucleare) includono la Corea del Nord, il conflitto territoriale del Giappone con la Cina, la Malesia e la disputa delle Filippine con la Cina sulle ricche risorse del Mar Cinese Meridionale.

Con l'espulsione del VFA, verranno eliminati oltre 300 scontri militari , così come la capacità dell'America di far ruotare le truppe statunitensi attraverso le basi militari delle Filippine. La sua fine porta anche Duterte un passo avanti verso la conclusione dell'accordo di cooperazione per la difesa rafforzata firmato sotto il clone di Obama Benigno Aquino III nel 2014. Nel 2015, mentre conduceva una lotta contro l'EDCA, il fondatore della Guardia nazionale del cittadino Butch Valdez è stato il primo analista a dichiarare che le installazioni militari statunitensi avevano probabilmente accumulato armi nucleari mirate. Ed ha affermato che le basi statunitensi "potrebbero essere molto probabilmente silos di missili nucleari a medio-lungo raggio contro la Cina". Negli ultimi mesi Duterte si è unito a Valdez in questa analisi.

Nel marzo 2019, il segretario alla Difesa delle Filippine e collaboratore di lunga data di Duterte con Delfin Lorenzana hanno dichiarato alla rivista EIR :

“Siamo a una distanza impressionante dai missili cinesi di medio raggio. Se le forze statunitensi fossero di stanza qui, e ci fosse un conflitto tra gli Stati Uniti e la Cina, allora saremo un obiettivo  per i cinesi ”.
Sebbene la scusa di superficie usata per giustificare questo atto sia stata la revoca americana del visto al senatore Dela Rosa, le vere ragioni di questa rottura dalla dottrina militare americana vanno molto più in profondità come indicato da Valdez. Dela Rosa è l'ex capo della polizia nazionale a capo della guerra alla droga di Duterte ed è accusato dai circoli neo-liberal occidentali di non rispettare i diritti umani dei potenti terroristi narco delle Filippine - 12000 dei quali sono morti dall'inizio della repressione, e che Trump ha supportato con entusiasmo in più occasioni.

Trump si è  separato alzando la voce contro i falchi della guerra nell'amministrazione, dando il suo pieno sostegno alla decisione di Duterte di porre fine al VFA affermando che "beh, a dire il vero, non mi è mai importato molto. Abbiamo aiutato molto le Filippine. Li abbiamo aiutati a sconfiggere l'ISIS ... Non mi dispiace davvero se volessero farlo. Si risparmieranno molti soldi. Le mie opinioni sono diverse da altre. "

Le ragioni più profonde della fine del VFA e dell'ampliamento dell'accesso militare degli Stati Uniti alle Filippine hanno più a che fare con il fatto che è divenuto evidente che l'agenda americana di guerra con la Cina su un numero qualsiasi di hotspot del Pacifico si tradurrebbe per qualsiasi paese ospitante che lavora con l'America di essere spazzato via dalla mappa della Terra in caso di guerra. Il fatto che il patto di difesa reciproca tra Stati Uniti e Filippine, firmato nel 1951, sia ancora attivo fino ad oggi, rende l'attività militare americana nelle Filippine più pericolosa. Come lamentava il senatore nemico di Duterte, Panfilo Lacson, finire il VFA ridurrebbe il trattato del 1951 "a un semplice trattato di carta per quanto riguarda gli Stati Uniti".

Nella sua intervista EIR , Lorenzana ha continuato a descrivere il pericolo dell'assassinio di Duterte da parte dei neocon statunitensi che si oppongono al rapporto positivo che Duterte condivide con il presidente Trump, e anche l'importanza della svolta delle Filippine verso l'inaugurazione di un'alleanza filo-cinese / russa  di Duterte:

"Siamo stati avvertiti dai nostri amici che i neocon potrebbero tentare di eliminare il presidente. Anche il presidente Duterte ne ha parlato più volte nei suoi discorsi pubblici. Stanno osservando ciò che fa il nostro presidente, se fa cose in linea con i loro interessi, come lo vedono i neocon, o se il presidente Duterte si avvicina ai cinesi, alla Russia e all'India. Ma la Cina ha detto che non vogliono un'alleanza militare con nessuno. Vogliono avere rapporti commerciali con tutti. Vogliono aiutare le persone a migliorare se stesse in modo che possiamo commerciare. "
In effetti, nel novembre 2018, le Filippine hanno firmato la Belt and Road Initiative in Cina e Duterte ha invocato una strategia Build Build Build che si basa fortemente sugli investimenti cinesi nelle infrastrutture delle Filippine. Nella sua intervista di RT, Duterte ha dichiarato: "Voglio nuovi fronti aperti con la Russia e la Cina, abbiamo un aumento del trade e del commercio. È resistente".

Dal 2016, la Cina e le Filippine hanno firmato trattati storici sullo sviluppo delle risorse congiunte attraverso il Mar Cinese Meridionale che i geopolitici americani preferirebbero considerare limitati a una zona di conflitto. Altri progetti finanziati da Pechino che sinergizzano con il BRI includono il collegamento ferroviario dall'ex Clark Base americana alla nuova città costiera di Subic (un'altra ex base USA), la creazione di New Clark City  allevierà la pressione della popolazione su Manila, due ponti sul fiume Pasig nei fiumi Manila e Chico, progetti di irrigazione a pompa nel nord, la diga del nuovo centenario di acqua-sorgente Kaliwa e la ferrovia nazionale filippina a lungo raggio che inizierà presto la costruzione. "Un'età d'oro per le infrastrutture".

Il primo presidente a dare il via a questa politica filo-cinese (dopo il colpo di stato della rivoluzione colorata appoggiata dall'occidente che fece cadere Ferdinando Marcos nel 1986) fu Gloria Arroyo che guidò la nazione dal 2001 al 2010). Arroyo ha avviato un accordo commerciale storico di $ 8 miliardi con la Cina nel 2004 dopo aver rimosso le truppe filippine dall'Iraq all'ira di Dick Cheney e John Bolton. Di recente, Arroyo ha tenuto un discorso per esprimere in modo eloquente la sua comprensione del futuro delle Filippine in questo nuovo paradigma di cooperazione vantaggiosa per tutti: 
"La Cina ha ragione a lottare per il partenariato, la crescita e lo sviluppo con i suoi vicini. Questo atteggiamento illuminato fornisce le basi per una continua amicizia tra Cina e mondo e, in effetti, tra Cina e Filippine."

Finché il vero sviluppo economico e il pensiero a lungo termine guidano tutte le discussioni sulle relazioni bilaterali, piuttosto che chiacchiere vuote di "buon governo" e "libero scambio" oggi così popolari tra i circoli tecnocratici poco profondi, quindi una nuova era di pace e cooperazione per tutti le nazioni sotto un ordine mondiale multipolare possono ancora verificarsi.


Matthew Ehret è caporedattore della Canadian Patriot Review , un esperto BRI sul discorso tattico , e ha scritto 3 volumi della serie di libri "Untold History of Canada" . Nel 2019 ha co-fondato la Rising Tide Foundation di Montreal e può essere raggiunto a matt.ehret@tutamail.com

*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.

Grazie al nostro canale #SaDefenzaChannel su Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!