sabato 13 giugno 2020

Facebook porta a bordo e nomina sorvegliante il censore israeliano 

electronicintifada
Sa Defenza 



Facebook ha assunto l'ex direttore generale del ministero della giustizia israeliano come membro del suo nuovo consiglio di sorveglianza .

Questo organismo determinerà efficacemente quali contenuti censurare o consentire sulla piattaforma dei social media.

Emi Palmor (foto a sx con Nethanyau) è stata alla guida del ministero della giustizia dal 2014 fino a quando non è stata licenziata dal suo incarico l'anno scorso.

Sotto la sua direzione, il ministero della giustizia israeliano "ha presentato una petizione a Facebook per censurare i discorsi legittimi di difensori dei diritti umani e giornalisti perché ritenuti politicamente indesiderabili", hanno dichiarato , questo mese, gruppi palestinesi della società civile.

I gruppi hanno condannato la selezione di Palmor da parte di Facebook, avvertendo del suo potenziale ruolo nel mettere a nudo la libertà di espressione e censurare i difensori dei diritti umani, in particolare le voci palestinesi, arabe e musulmane sulla piattaforma.

La Coalizione per i diritti digitali in Palestina, il Consiglio delle organizzazioni palestinesi per i diritti umani e la Rete delle organizzazioni non governative palestinesi stanno esortando Facebook a "considerare le gravi conseguenze che l'elezione di Emi Palmor potrebbe avere in particolare sui difensori dei diritti umani palestinesi e sulla libertà di espressione online in difesa di Diritti dei palestinesi ".

Chi è Emi Palmor?
Il termine a funzionario di Palmor nel ministero della giustizia israeliano ha coinciso con la nomina a ministro di Ayelet Shaked .

Ironia della sorte, Shaked (foto a dx) è diventata famosa prima di assumere quel ruolo per aver pubblicato un post su Facebook che incitava al genocidio dei palestinesi .

Sotto la supervisione di Palmor, il ministero ha formato un'unità informatica che ha portato alla rimozione di decine di migliaia di post palestinesi dalle piattaforme dei social media.

Adalah, un gruppo che sostiene i diritti dei palestinesi in Israele, ha discusso contro la legalità delle pratiche dell'unità.

Secondo Adalah , l'unità presenta richieste al procuratore statale israeliano, facendo appello a "Facebook e Google per rimuovere, limitare o sospendere l'accesso a determinati contenuti, pagine o utenti".

Adalah afferma che ciò viene realizzato senza "alcuna trasparenza o procedura legale di sorta, e senza un quadro per gli utenti di difendersi dalle accuse che i loro posti fossero illegali o garantiti dalla rimozione."

Facebook protegge Israele
Sono state aumentate le richieste di censura sulle piattaforme dei social media da parte dei media e delle élite politiche statunitensi, in particolare dopo aver raccolto le accuse libere o false di un massiccio sforzo sostenuto dalla Russia per utilizzare i social media per influenzare le elezioni presidenziali degli Stati Uniti del 2016 a favore di Donald Trump.

L'Unione europea si è impegnata ad aiutare Israele a  combattere  la libertà di parola.

Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, ha testimoniato 
in ottobre  prima del Congresso degli Stati Uniti, dove gli è stato chiesto di rispondere alle accuse dei politici.

La deputata del New York Alexandria Ocasio-Cortez (D) ha aggiunto la sua voce a un coro bipartisan chiedendo a Facebook di attuare un cosiddetto processo di verifica dei fatti per le pubblicità politiche.


"So, you won't take down lies or you will take down lies? I think that's just a pretty simple yes or no."

Complete exchange between @RepAOC @AOC and Mark Zuckerberg at today's House Financial Services Cmte hearing.

Full video here: https://cs.pn/2W2BqB2 

10.8K people are talking about this

Ma nominare le Corporation di Silicon Valley come arbitri della verità e decidere quale contenuto "togliere o lasciare" alla fine servirà a schiacciare il dissenso e censurare le voci più vulnerabili. I palestinesi possono già testimoniarlo.

Facebook toglie e chiude abitualmente pagine di organizzazioni di notizie palestinesi, spesso senza preavviso o giustificazione.

Spesso, Facebook
 impone la censura da parte di Israele e loda i leader israeliani di destra.
Negli anni ci sono stati molti esempi di piattaforme di social media che hanno chiuso account e pagine di siti di notizie, giornalisti e attivisti palestinesi dopo aver ceduto alle pressioni politiche di Israele.

La documentazione di Facebook rivela che è conforme alla stragrande maggioranza delle richieste di rimozione dal governo israeliano.

Il numero di richieste del governo israeliano è aumentato drasticamente nel corso degli anni, così come la volontà di Facebook di censurare i propri utenti per conto di Israele.


*****

https://sadefenza.blogspot.com/2020/06/facebook-porta-bordo-e-nomina.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali
Grazie al nostro Sa Defenza Channel su Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!