venerdì 22 dicembre 2017

LA LOTTA PER L'INFLUENZA E LE RISORSE IN MEDIO ORIENTE È ESACERBATA 

Evgeny Satanovsky
vpk-news.ru
SouthFront.org/
Sa Defenza 



Il Medio Oriente, con la sua continua lotta di attori interni ed esterni per il potere e il controllo sulle risorse rimane una delle regioni più travagliate del pianeta. E questo vale per i paesi ricchi come l'Arabia Saudita e la periferia: Yemen, Libia e Somalia, afferma che di fatto sono "ex stati".

Vedremo alcuni processi che vi si svolgono, basati sul materiale degli esperti dell'Istituto mediorientale A. Bystrov, P. Riabov e Yu. Schelgovin.

Una cospirazione di principi

L'epurazione del governo, dell'intelligence e dell'élite finanziaria dell'Arabia Saudita, lanciata nella lotta per il potere dal principe ereditario Mohammed bin Salman (foto sotto), è in corso. Trecentoventi persone sono state convocate dal Comitato Supremo nella lotta alla corruzione dall'inizio delle indagini. Alcuni sono stati inviati all'ufficio del procuratore generale, 159 persone sono state arrestate. Tuttavia i processi, avviati dall'erede, hanno grossi problemi. Il principe miliardario Al-Waleed bin Tatal, detenuto con l'accusa di corruzione, ha rifiutato di andare alla mediazione pre-processuale proposta dal governo ed è pronto a difendersi in un tribunale internazionale. Rifiuta la colpevolezza e le richieste di introdurre società di revisione straniere per stabilire le fonti delle sue entrate e risorse,

Riyadh sta affrontando un ostacolo insormontabile: i discendenti arrestati dei rami influenti della famiglia reale si sono resi conto che il tempo e la reazione dei suoi partner stranieri stanno lavorando a suo favore perché fin dall'inizio gli organizzatori della campagna hanno escluso l'opzione di un sistema giudiziario di  investigazione, soprattutto internazionale. Le prove contro gli arrestati sono deboli e possono rivelare informazioni sulle attività commerciali di Re Salman e della sua cerchia ristretta. Alla fine, le autorità saudite hanno raggiunto un punto morto. Hanno bisogno di raccogliere e trasmettere al tesoro il denaro "corrotto" confiscato, indebolendo così i potenziali nemici di Bin Salman. Quindi l'obiettivo principale di tutta la campagna non è nemmeno la ricostituzione del tesoro,

Secondo i resoconti dei media arabi, l'ex ministro della guardia nazionale, il principe Mutaib bin Abdullah bin Abdulaziz Al Saud e il capo del Protocollo reale del re Abdullah Muhammad al-Taberi, hanno accettato i termini proposti. Secondo le informazioni, hanno trasferito alle autorità più di un miliardo di "fondi sottratti" e hanno lasciato l'hotel Ritz Carlton, dove sono stati detenuti. Il principe Mutaib era uno degli obiettivi principali di questa campagna, ma non erano in grado di convincerlo del tutto sull'errore del suo comportamento. Quello che è elencato dal tesoro è stato quasi un miliardo di dollari, e dice tutto. Le autorità saudite stavano dicendo che hanno in programma di sequetrare ai detenuti circa 800 miliardi di dollari, ed è chiaro che non è realistico.

Mohammed bin Salman sta chiaramente perdendo lo slancio. Gli oppositori del regime si stanno coalizzando insieme per il compromesso, compreso il lavoro attraverso la lobby negli Stati Uniti e in Occidente in generale. I rappresentanti del ramo della famiglia reale di bin Tatal e bin Abdel stanno consolidando gli sforzi nell'organizzazione della resistenza contro il principe ereditario. Svolgono consultazioni segrete con il capo clan della famiglia reale di Sudairy Ahmed bin Abdul Aziz, incoraggiandolo a trasferirsi come alternativa a Bin Salman. Ahmed bin Abdel Aziz, è stato ministro degli Interni per 40 anni ed è stato rimosso dalla linea diretta di successione nel 2014. All'epoca è stato sostituito come principe ereditario da Muqrin bin Abdulaziz. Uno degli strumenti di influenza che l'ex ministro ha a disposizione sono i contatti tra i circoli jihadisti e i rappresentanti del clero radicale stabiliti durante il suo lavoro al ministero dell'Interno. Quest'ultimo è estremamente insoddisfatto delle azioni del giovane erede e di alcuni recentemente arrestati. Tuttavia, di gran lunga non di tutti. Ma il loro impatto sui circoli radicali non può essere sottovalutato; queste persone sovrintendono alle opere di beneficenza del regno, attraverso le quali mantengono i contatti con i circoli islamisti di tutto il mondo. Nei vertici della KSA (=Regno dell'Arabia Saudita) un collegamento tra i rappresentanti dei principali rami di opposizione della famiglia reale nelle persone della cerchia ristretta di al-Walid bin Talal, bin Abdullah e la famiglia Sudairi. Solo il tempo dirà chi vincerà questa battaglia.

Lo Yemen dopo Saleh

L'omicidio dell'ex presidente Ali Abdallah Saleh ha semplificato la situazione nel paese. In Yemen, dopo 15 anni, il potere che determinava e complicava le cose è scomparso. Un grave errore dei politici coinvolti attivamente nella "rivoluzione yemenita" è stato di non aver eliminato Saleh fin dall'inizio. Sebbene sia stato fatto un tentativo, l'ex presidente perse una gamba e un braccio ma sopravvisse. Di fatto, tutto ciò che vediamo nello Yemen si sta disintegrando, ed è stato in larga misura il lavoro del defunto Saleh.

Ha approfittato della lotta tra le fila all '"Unità dell'Opposizione" e incoraggiato il rafforzamento degli Houthi, usandoli per punire i suoi ex alleati del partito "Islah" e il suo vicepresidente Abdrabbuh Mansur Hadi. Per questo Saleh fornì gli arsenali missilistici agli Houthi, le attrezzature pesanti e la finanza, che aveva accumulato sui conti degli Emirati Arabi Uniti, e poi trasferito nello Yemen. L'ex-presidente ha sostenuto le "marce forzate dei ribelli" su Aden, che hanno cambiato il corso della storia nel paese. Non ci sono state marce forzate da Nord a Sud degli Houthi. Nel suo nome fu emesso un ordine per una rivolta della Guardia Repubblicana, con guarnigioni da Taiz ad Aden e basi militari nelle aree circostanti. La marcia "velocità della luce"  è collegata proprio a questa circostanza.

Saleh ha avviato l'attiva interferenza KSA e UAE nel conflitto yemenita, provocando tendenze centrifughe nello Yemen meridionale. Riyadh, Abu Dhabi e gli altri giocatori yemeniti hanno sostenuto gli Houthi, fino ad allora nella loro lotta contro il partito Islah. La campagna nel sud, provocata da Saleh, cambia la situazione, prefigurando la creazione della coalizione araba e le protratte crisi politiche, militari e umanitarie. Su questo sfondo, Saleh progettava di tornare al potere come unica forza stabilizzatrice.

Per quanto riguarda il futuro, la partenza di Saleh significa il crollo dell'influenza del suo clan e del partito "General People's Congress" (GPC) nello sviluppo della situazione nello Yemen. Tutte le unità leali della Guardia Repubblicana scompariranno dall'equilibrio militare del potere, perché non ci sono finanziamenti. Andranno ad Ali Mohsen al-Ahmar o agli Houthi, ma non saranno separati. L'equilibrio di potere nel paese è definito e questo semplifica la situazione. Ora solo la posizione degli Houthi e dell'Iran definisce la situazione nel nord. Aspettarsi che la stratificazione tra gli Houthi sia difficile perché l'ala dei "compromessi" è neutralizzata.

D'altra parte, lo Yemen del Sud, è di fatto sotto il protettorato degli Emirati Arabi. Per Abu Dhabi, il controllo dei porti sulle sponde del Mar Rosso e dell'Oceano Indiano all'interno dell'ex Yemen del Sud è importante, così come la creazione nel nord delle forze di contrappeso, l'equivalente della Fratellanza Musulmana, il partito Islah. Gli Emirati Arabi Uniti non invaderanno Sana'a.

L'Arabia Saudita ha una posizione diversa: la monopolizzazione del potere nelle mani degli iracheni filo-iraniani lascia a Riyadh alternative di forte impatto  sulla situazione.

In questo contesto non è escluso che le milizie tribali di Hashid rinasceranno e il vicepresidente Ali Mohsen al-Ahmar, in assenza del suo fratellastro e dei suoi figli, diventa l'unico candidato come capo dello Yemen (almeno nel nord) per la KSA, fortunatamente chi in quel momento fu designato dagli sceicchi Hashid come successore di Saleh. Tuttavia, il tempo dirà fino a dove sarà in grado di mobilitare risorse tribali. Abu Dhabi non gradirà questo,  AM al-Ahmar, è il capo preferito dell'ala militare di Islah. È all'incirca nella stessa posizione del presidente "legittimo" del paese AM Hadi, che è sotto il controllo della KSA e non ha alcuna influenza nel paese. A medio termine le prospettive l'obiettivo principale non ha modo e possibilità di  successo militare delle forze al-Ahmar nell'assedio di Sana'a .

Secondo dati recenti, emerge un quadro di collusione tra Abu Dhabi e Saleh (il collegamento è stato fatto da suo figlio Ahmed, residente negli Emirati Arabi Uniti) in negoziati segreti con la KSA. Dopo che sono arrivati ​​al nulla (Riyadh ha deciso di aspettare), gli Emirati e Saleh sono andati in rovina. Si presumeva che Saleh si sarebbe ammutinato e avrebbe battuto gli Houthi a Sana'a e le forze della coalizione (gli Emirati Arabi) lo avrebbero appoggiato, chiudendosi nella capitale. Come capo del "consiglio militare", che avrebbe dovuto guidare la guarnigione della capitale dopo il successo della ribellione e avrebbe potuto rivendicare il potere supremo nel paese (almeno nel nord o parte del territorio), vi era il nipote di Saleh, al comando le truppe del generale di brigata VNK Tareq Mohammed Abdullah Saleh (ucciso a Sana'a all'inizio della fallita ribellione).

Riyadh, da un lato, avrebbe accolto con favore la sconfitta degli Houthi, la loro emarginazione e il blocco a Sa'da. Dall'altro, ai sauditi non piace il rafforzamento degli Emirati Arabi Uniti nel nord, nonostante il fatto che controllino già lo Yemen del Sud. Inoltre, questo scenario ha significato l'oblio del principale seguace saudita nello Yemen, AM Hadi. Il clan Saleh farebbe di tutto per tenere Hadi lontano dalla capitale e disconoscerne la sua autorità. Riyadh perderebbe la possibilità di influenzare la situazione attraverso "il governo legittimo e ufficialmente riconosciuto dello Yemen". Da qui, l'attenta passività della KSA all'inizio della ribellione. Il regno ha facilitato il reciproco indebolimento degli avversari, senza interferire nella situazione. Questo suggerisce che a Riyadh manchi il supporto sul terreno nello Yemen.

Battaglia per i porti somali

Lo scorso 13 novembre l'elezione del capo dell'enclave del Somaliland, secondo gli esperti, non ha apportato alcun serio cambiamento all'allineamento delle forze politiche interne. Musa Bihi Abdi, il candidato del partito Kulmiye, è divenuto il Presidente. Al momento, era impegnato a stabilire rapporti con i principali sponsor che gli avevano fornito un sostegno finanziario. Sono i capi di Établissements Djama e Ominco Group, rispettivamente Omar Said e Abdurahman Mahmoud Bor. Hanno sponsorizzato la vittoria del Presidente in cambio della promessa di abbassare i dazi sulle importazioni di cibo e beni di consumo. Con il capo di Somcable Mohamed Saeed Guede, dovranno pagare tutto il monopolio del settore delle telecomunicazioni e una quota in contratti futuri per l'importazione di energia elettrica.

La vittoria di Behing Abdi spicca negli Emirati Arabi Uniti, cercando di consolidare e legalizzare le operazioni per l'acquisizione e l'espansione di basi aeree e navali ex-sovietiche a Berbera. Molto probabilmente Abu Dhabi ci riuscirà. Il nuovo presidente è sotto l'influenza dell'ex first lady, moglie del presidente Silanyo, Amina Weris Sheikh Mohamed Jirde. È la principale lobbista dietro l'accordo con gli Emirati Arabi, per la quale il clan Silanyo, oltre ai contanti, ha ricevuto gratuitamente una villa di lusso negli Emirati Arabi Uniti e un'assicurazione dei servizi presso il prestigioso centro medico del paese, per tutta la vita. Una revisione dello status della base significherebbe almeno l'annullamento delle prestazioni per il clan dell'ex presidente. Il pericolo per gli Emirati Arabi Uniti è la posizione del presidente della Somalia Mohamed Abdullahi Farmajo, che, contando sull'Arabia Saudita, ha avviato una revisione della transazione in un arbitrato internazionale. Vincerà la richiesta, poiché il Somaliland è un'enclave governativa autoproclamata che non è riconosciuta da nessun paese. Mogadiscio può bloccare non solo l'accordo su Berbera, ma anche la consegna prevista delle licenze Hargeisa per l'estrazione esplorativa di minerali nell'enclave.

Riyadh sta tentando di ridurre la presenza militare degli Emirati Arabi Uniti nel Corno d'Africa. La base della strategia di Abu Dhabi nella regione dell'Oceano Indiano e del Mar Rosso è la costruzione di dozzine di basi militari grandi e piccole sulle coste, che consentiranno loro di controllare non solo la logistica di spedizione in questa zona strategicamente importante, ma anche i porti. Qualsiasi iniziativa degli EAU a sostegno di governi o regimi è legata a questa strategia. Riyad in un primo momento ha provocato una fuga tra Gibuti e Abu Dhabi con il risultato che gli Emirati Arabi Uniti hanno abbandonato i piani per collocare in questo paese la loro base navale (il loro posto era occupato dai sauditi). Ora la KSA sta cercando di fare lo stesso contro i berberi.

In questa situazione, Hargeisa è costretta a scendere a compromessi con Mogadiscio e cerca di raggiungere questo obiettivo attraverso l'Etiopia. Addis Abeba si schierava sempre per il Somaliland, trattandolo come un cuscinetto nel contrastare la penetrazione in Etiopia dell'islamista Al-Shabab. I progressi del presidente Silanyo con gli Emirati Arabi Uniti nella transazione su Berbera allarmano gli etiopi. Gli Emirati, alleati dell'Egitto, hanno rapporti tesi con Addis Abeba a causa della costruzione della diga "Revival" sul Nilo Azzurro. A causa del rafforzamento degli Emirati Arabi Uniti a Berbera, l'emergere dell'Air Force egiziana vicino ai confini etiopici diventa una realtà. Organizzando consultazioni tra Mogadiscio e Hargeisa, Addis Abeba sta cercando di riformattare i rapporti con il nuovo presidente Abdi e rafforzare l'influenza su di lui, e attraverso un accordo di compromesso tra Mogadiscio e Hargeisa per limitare la capacità degli Emirati Arabi Uniti di utilizzare la base di Berbera contro l'Etiopia. Ma per ottenere l'annullamento della transazione, tenendo conto dell'interesse dei clan forti nell'enclave, è improbabile che gli etiopi abbiano successo.

Roma, dov'è il denaro?

Il 30 novembre, le milizie tribali Toubou nella regione meridionale della Libia, il Fezzan, hanno preso, senza alcun combattimento, sotto la sua protezione l'aeroporto del centro amministrativo della regione Sabha. L'evento ha conseguenze di vasta portata per la stabilità non solo qui, ma anche per la possibilità di intensificare i canali di migrazione illegale in Europa. Il Toubou prese sotto controllo l'aeroporto del centro amministrativo di Fezzan per bloccarlo. Questo è un chiaro segnale al Ministro degli Interni italiano Marco Minniti. Il Toubou gli ricorda le promesse di pagare i costi di riparazione per il sacrificio della vendetta tra le tribù Toubou e Awlad Suleiman. Roma ha promesso "denaro sporco del sangue" di quest'ultimo, ma non ne  ha dato alcuno.

Minniti ha sprecato un anno per la creazione di una "guardia di frontiera" congiunta dei rappresentanti delle due tribù per pattugliare i confini della Libia nel sud e bloccare i flussi migratori illegali. Per concludere questo accordo, gli italiani hanno più volte convocato incontri con la partecipazione di rappresentanti tribali a Roma, promesso ai leader cure mediche e formazione dei loro familiari negli Appennini e il pagamento del "denaro sporco di  sangue". Quindi l'Italia, ha un ministro incapace di spiegare questo al Senato, e non ha stanziato i soldi nel bilancio. Il ministro non ha cercato altre fonti finanziarie, a causa delle azioni dei gruppi tribali nel Fezzan è diminuito il numero di migranti illegali. Invece, ha iniziato a fare pressioni per l'apertura di finanziamenti adeguati dal bilancio dell'UE dal programma per combattere l'immigrazione illegale.

Tuttavia, tutto ciò preoccupa molto poco le tribù di Fezzan. Non permetteranno, al Ministro degli Interni d'Italia, di dimenticare la promessa. È possibile che presto i migranti scorrano ancora attraverso la Libia verso l'Europa. L'azione di Minniti non solo viola gli accordi (Trattato di Roma, il Ministro degli Interni ha apposto la sua firma su esso), ma influenza anche maggiormente la reputazione delle strutture del Primo Ministro del National Consensus Government (PNC) Faiza Saraga supportato dagli italiani . Il suo incaricato Abdusalam Kaiman era il principale garante dell'applicazione dei termini del trattato con Tripoli, e ivi, su conti aperti appositamente della Banca Centrale, si supponeva che gli indennizzi venissero assegnati, forniti dagli italiani. Originario di Fezzan, Kaiman rischia di pagare il ritardo con la sua testa.

Tutto questo sta accadendo con allo sfondo il presidente della Francia Emmanuel Macron, che annuncia un piano per combattere il commercio di schiavi in ​​Libia tramite una limitata operazione di polizia militare con finanziamenti dall'UE. La lotta nell'UE per i soldi tra Parigi e Roma è vecchia. Innanzitutto, Roma ha cercato di inserire nel bilancio dell'UE l'iniziativa di creare le guardie di frontiera a Fezzan. Questo tentativo è stato bloccato da Parigi, che non voleva rafforzare il suo concorrente (i francesi scommettono sul feldmaresciallo Khalifa Khaftar). Gli italiani stanno cercando di contrastare i piani di Macron per riunire tutto il potere dell'Unione europea sotto le "operazioni contro il commercio degli schiavi" . Anche Bruxelles non ha risposto all'iniziativa del Presidente francese, grazie agli sforzi del coordinatore delle attività di politica estera dell'Unione Europea Federica Mogherini. Alla fine,

La mancanza ha colpito non solo il Toubou e l'Awlad Suleiman, ma anche altri gruppi pro-italiani in Sabha. I disordini sono scoppiati con mercenari ciadiani e sudanesi all'interno dei membri del gruppo della tribù Gheddafi di Nasser bin Jarad. Durante il quale Jarad fu ferito e cinque ciadiani furono uccisi. Il motivo era la richiesta di pagamento degli stipendi per l'anno. Gli italiani sono i colpevoli, in primo luogo rimuovendo le unità bin Jarad dal Field Marshal Khaftar (interrompendo il sequestro dell'aeroporto di Sabha la scorsa estate), e poi lasciandoli senza stipendio. Jarad ha disertato un anno fa, credendo alle promesse degli italiani. Ora conta sul figlio di Gheddafi Seif al-Islam. La nostalgia per l'era del colonnello a Fezzan sta diventando ovvia, come nella Libia occidentale, dove S. al-Islam è in uno stato di prigionia onorevole dal clan Zintan. Se gli italiani non saranno in grado di trovare finanziamenti a breve termine per i loro progetti a Fezzan, ciò determinerà il trasferimento delle regioni chiave della Libia sotto l'ala di Khaftar e dei suoi sostenitori a Parigi. Questo ci ricorda la lotta di Francia e Italia in Africa durante l'era coloniale.


http://sadefenza.blogspot.com/2017/12/la-lotta-per-linfluenza-e-le-risorse-in.html

Evgeny Satanovsky, presidente dell'Istituto mediorientale
Scritto da Evgeny Satanovsky ; Originariamente apparso su VPK , tradotto da AlexD in esclusiva per SouthFront


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!