giovedì 12 aprile 2018

Trump: "Non ho mai detto quando avverà un attacco alla Siria, potrebbe accadere presto ma anche non così presto!"

actualidad-rt
SA DEFENZA 


Il presidente degli Stati Uniti ha alimentato l'incertezza riguardo a un possibile intervento militare in Siria per il presunto attacco chimico.




Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha esordito dicendo, anche se in modo confuso, della possibilità che il suo paese perpetrasse aggressioni militari contro la Siria, in rappresaglia per il presunto attacco chimico riportato nella città siriana di Douma.
"Non ho mai detto quando avverrà un attacco alla Siria , potrebbe accadere presto o anche non così presto !"  Ha detto il presidente giovedì, aggiungendo incertezza alla situazione.
In precedenza, Trump aveva pubblicato un allarmante tweet in cui avvertiva la Russia di prepararsi per un attacco americano alla Siria con missili "belli, nuovi e intelligenti".




Never said when an attack on Syria would take place. Could be very soon or not so soon at all! In any event, the United States, under my Administration, has done a great job of ridding the region of ISIS. Where is our “Thank you America?”

Alla domanda se il recente avvertimento del presidente complica la pianificazione di una risposta degli Stati Uniti o costituisca una minaccia per la sicurezza nazionale, la Casa Bianca afferma  la portavoce Sarah Sanders: "No, per niente".

"Grazie America"


Trump si è affrettato a dare la colpa a Damasco sul presunto attacco chimico, del 7 aprile, anche se i ricercatori dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ancora non hanno iniziato l'indagine ufficiale. Martedì, l'entità ha promesso di inviare un gruppo di propri esperti alla suddetta città siriana.

D'altra parte, Trump ha elogiato il lavoro del proprio governo nella lotta contro il terrorismo. "In ogni caso, gli Stati Uniti, sotto la mia amministrazione, hanno fatto un ottimo lavoro liberando la regione dallo Stato Islamico (IS)." Dov'è il dovuto Grazie America? " , Ha continuato il presidente.

Tuttavia, alla fine di marzo il presidente ha criticato il modo in cui Washington usa i soldi all'estero. "Abbiamo speso $ 7 trilioni in Medio Oriente e sapete cosa abbiamo ottenuto con questo? Niente", ha detto Trump un giorno dopo che il Pentagono ha ammesso la morte di 855 civili per mano della coalizione guidata dagli Stati Uniti. nella sua lotta contro IS.

NEL FRATTEMPO A DOUMA STAMANE LA GENTE SCENDE IN STRADA A FESTEGGIARE LA LIBERAZIONE DELLA CITTA' DALLE FORZE JIHADISTE


Secondo fonti filo-governative siriane, Jaysh al-Islam ha consegnato le sue armi pesanti prima di andarsene. Le fonti non hanno specificato il tipo di queste armi. Tuttavia, alcune fonti locali hanno ipotizzato che la lista potrebbe includere il sistema missilistico tattico terra-aria di Osa a corto raggio che è stato usato da Jaysh al-Islam per abbattere diversi aerei da guerra siriani negli ultimi anni.

Al-Mayadeen ha anche riferito che la polizia militare russa ha iniziato a schierare le sue unità a Douma nel quadro dell'accordo di evacuazione raggiunto il 7 aprile . La tv libanese ha anche confermato che la polizia siriana sarà di nuovo schierata a Douma.

Ora, quando il distretto della Douma è assicurato, gli osservatori locali sperano che il comitato investigativo dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) possa svolgere la propria missione nell'area senza minacce o pressioni da nessuna parte.



http://sadefenza.blogspot.it/2018/04/trump-non-ho-mai-detto-quando-sarebbe.html


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!