venerdì 11 gennaio 2019

Politico francese ordina alla polizia di "sparare e uccidere" i manifestanti anti-globalisti

Sean Adl-Tabataba
Sa Defenza 

Politico francese di spicco ha chiesto alla polizia di usare, contro migliaia di manifestanti anti-globalisti in Francia, tattiche con "ordine di sparare" .

L'ex ministro della formazione francese, Luc Ferry, ha ordinato alla polizia di iniziare a far fuoco sulla folla di manifestanti, sostenendo che se morissero insensatamente porrebbe " fine alla violenza".

In un'intervista su Classic Radio, il signor Ferry ha detto: "Non capisco perché non diamo i mezzi, alla polizia, per porre fine a questa violenza".

Quando è stato suggerito all'ex ministro Ferry, che se la polizia  usasse le armi potrebbe portare a vittime, il signor Ferry ha risoposto: "E allora?"

"Ascolta, francamente, quando vedi ragazzi che picchiano uno sfortunato poliziotto sul pavimento, è allora che dovrebbero usare le loro armi una volta per tutte. È abbastanza!"

Report di Dailymail.co.uk : La polizia è stata attaccata nelle principali città, tra cui Parigi, sabato scorso, in occasione del "VIII"  Giorno della rabbia dei Gilet Gialli; nel mentre si  attende della "IX settimana" di protesta si preparano altre leggi speciali contro i Gilet Gialli.

Il movimento - prende il nome dei poliziotti messi in bella vista sulle giacche ad alta visibilità che tutti gli automobilisti devono portare in Francia - e ha incendiato anche edifici mentre i bastoni della polizia, i gas lacrimogeni e i cannoni ad acqua venivano usati contro di loro.

Scene particolarmente aggressive sono state registrate nella capitale francese, dove un ex pugile  ha abbattuto a pugni due gendarmi su un ponte della Senna.


Parlando a Classic Radio, il signor Ferry ha aggiunto: "Abbiamo il quarto più grande esercito al mondo, ed è in grado di porre fine a questo c ***.

"Questo tipo di teppisti, questo tipo di c *** dell'estrema destra, dell'estrema sinistra e delle case popolari che vengono a colpire la polizia, è abbastanza."

Il presentatore di Classic Radio ha corretto Mr Ferry, affermando che la maggior parte dei rivoltosi non proveniva da insediamenti suburbani, ma erano invece della classe  lavoratrice delle province.

Quei Gilet Gialli arrestati finora sono lavoratori, e in gran parte conservano punti di vista conservatori.

Il signor Ferry ha ammesso: "Il problema è che si tratta di un movimento che ha attratto l'80% dei francesi. Quando arriveremo al punto, dobbiamo tornare alle elezioni. "

Ferry è un ex amante di Carla Bruni, la modella e cantante pop che è diventata la terza moglie del primo ministro conservatore Nicolas Sarkozy quando era in carica.

Ferry è stato ministro dell'istruzione nel governo del predecessore di Sarkozy, Jacques Chirac, agli inizi dei primi anni 2000.

Il governo del signor Macron ha lanciato un giro di vite sui Gilet gialli, promettendo una nuova legge anti-sommossa per affrontarli.

Lunedì, il primo ministro del signor Macron, Edouard Philippe, è andato in diretta TV per annunciare le misure più severe.

Il governo vuole redigere una nuova legge che metterà al bando gli automobilisti riconosciuti nelle proteste e impedirà di indossare maschere  durante le dimostrazioni.

Philippe ha anche annunciato che ci saranno 80.000 poliziotti e gendarmi per le strade della Francia questo fine settimana, di cui 5000 a Parigi.

"Coloro che mettono in discussione le nostre istituzioni non avranno l'ultima parola", ha affermato Philippe, che ha rifiutato di segnalare uno stato di emergenza ufficiale.

*****




Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!