giovedì 17 gennaio 2019

Serbia Sventato Complotto per Assassinare il Presidente Putin

Catturato sospetto Wahabita con armi da taglio e fucile di precisione da cecchino




BELGRADO, Serbia - Sventato attentato terrorista contro Putin - il presunto assassino sostenuto dall'Arabia Saudita.

Le forze di sicurezza hanno arrestato un uomo nella città serba di Novi Pazar per aver pianificato un attacco terroristico contro il presidente russo durante la visita di Vladimir Putin a Belgrado.

Il ventunenne Armin A. membro del gruppo , Dava Tim Centar,   finanziato dall'Arabia, è stato arrestato domenica nella Serbia sud-occidentale.

È membro di un gruppo Wahabita chiamato Dava Tim Centar, secondo diversi rapporti dei media serbi. Il gruppo Wahabita è di tradizione ultra-conservatrice, nello specifico saudita-islamico dell'Islam sunnita, che è finanziata  massicciamente con fondi sauditi, ha procacciato molti seguaci nei paesi balcanici negli ultimi decenni.

Secondo il quotidiano serbo Alo , Armin A. è sospettato di aver pianificato un attacco terroristico durante la visita del presidente russo Vladimir Putin in Serbia. Putin è giunto a Belgrado giovedì su invito del presidente serbo Aleksandar Vucic.

Il sospetto era sotto sorveglianza e si fermò a Novi Pazar. "Portava uno zaino con un fucile munito di cannocchiale da mira e diversi coltelli", il quotidiano serbo Blic cita una fonte anonima dei circoli polizieschi.

La casa del sospettato piena di materiale di propaganda e ingredienti per fabbricare bombe.

Trovati prodotti chimici per la fabbricazione di ordigni esplosivi
Durante la ricerca della sua famiglia, i funzionari hanno trovato, tra le altre cose, una bandiera dello Stato Islamico e materiale propagandistico dell'organizzazione terroristica. Inoltre, nella soffitta della casa, hanno trovato "prodotti chimici" e oggetti che possono essere utilizzati per la costruzione di ordigni esplosivi.

L'inchiesta ora chiarirà se stava lavorando su una bomba a distanza e cosa aveva pianificato più esattamente. Secondo il report dei media, i servizi di sicurezza serbi hanno individuato a tempo informazioni sull'appartenenza del giovane a un movimento islamico radicale che si dice sia attivo nella regione e intorno alla città di Novi Pazar (circa 70.000 abitanti).

È anche in contatto con altri personaggi  che pare abbiano programmato viaggi in Siria.

Armin A. è già stato interrogato dalla polizia, accusato di produzione illegale possesso e trasporto di armi ed esplosivi.

*****


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!