sabato 22 giugno 2019

Provocazioni nel Golfo di Oman: John Bolton farà la sua guerra personale all'Iran?

Michael Welch , prof. Michel Chossudovsky , Pepe Escobare Yves Engler
globalresearch
Sa Defenza 

"La politica dichiarata dall'America dovrebbe porre fine alla Rivoluzione Islamica del 1979 dell'Iran prima del suo 40esimo anniversario ... Riconoscere un nuovo regime iraniano nel 2019 rovesciare la vergogna vista dei nostri diplomatici tenuti in ostaggio per 444 giorni." - John Bolton (15 gennaio 2018) [1 ]

Per coincidenza o no, la campagna di "massima pressione" americana contro l'Iran è iniziata entro il mese dalla nomina di John Bolton al Consiglio di sicurezza nazionale. L'8 maggio 2018, il presidente Donald Trump annunciò che gli Stati Uniti si stavano ritirando dal piano d'azione congiunta generale (JCPOA), altrimenti noto come Accordo Nucleare Iraniano negoziato dagli Stati Uniti sotto la presidenza Barack Obama insieme agli altri membri permanenti degli Stati Uniti nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Germania e UE nel luglio 2015. Di conseguenza, le sanzioni imposte all'Iran prima del JCPOA sono state ripristinate e ad esse sono state aggiunte e imposte altre sanzioni entro la fine dello stesso anno.


Nell'aprile di quest'anno, l'amministrazione Trump ha compiuto il passo senza precedenti per dichiarare che l'esercito del paese mediorientale, il Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC), è un'organizzazione terroristica.


Due settimane dopo, l'amministrazione Trump  ha posto fine alle deroghe che aveva esteso ad altri paesi, che a quel punto avevano permesso loro di sottrarsi dalle sanzioni sull'acquisto di petrolio iraniano. Lo scopo di questa manovra è di strangolare l'economia iraniana impedendo alla sua capacità di trarre profitto dalla vendita della sua principale fonte di reddito.


Due settimane dopo, Bolton ha annunciato lo schieramento di un gruppo d'attacco di portaerei e bombardieri dell'Air Force in Medio Oriente come parte di uno sforzo per "inviare un messaggio chiaro e inconfondibile al regime iraniano che qualsiasi attacco contro gli interessi degli Stati Uniti o quelli dei nostri alleati saranno riscontrati con inesorabile forza".


La settimana seguente, quattro petroliere sono state attaccate nel Golfo Persico. Bolton e il Segretario di Stato Pompeo accusato l'Iran per gli attacchi.


L'arresto dell'economia iraniana nel continente americano ha continuato a ridursi con le ulteriori sanzioni dell'8 maggio di quest'anno, anniversario della denuncia di Trump degli accordi JCPOA.


Due settimane dopo, il presidente Trump ha portato  altre 1.500 truppe in Medio Oriente, e ha dichiarato l'emergenza sull'Iran, permettendo alla Casa Bianca di eludere il Congresso, e portare avanti le vendite di armi agli alleati Arabia Saudita, Giordania e Emirati Arabi Uniti Emirates.


All'inizio di giugno, l'amministrazione ha iniziato a inviare segnali concilianti. Il presidente ha indicato che, a differenza del suo consigliere per la sicurezza nazionale, non stava cercando un cambio di regime in Iran, e poco dopo, il Segretario di Stato Pompeo ha detto che gli Stati Uniti erano pronti a coinvolgere gli iraniani "senza precondizioni".


Poi, giovedì 13 giugno, due navi nel Golfo di Oman sono state colpite. Funzionari statunitensi, tra cui Trump, hanno indicato l'Iran come il colpevole, sebbene i funzionari iraniani neghino categoricamente l'accusa.


Il mondo è ora in  linea verso la guerra? Forse anche una guerra mondiale? Questa scoraggiante possibilità è al centro del programma radiofonico Global Research News Hour di questa settimana.


Per prima cosa, ascoltiamo il famoso intellettuale canadese Michel Chossudovsky . Il professor Chossudovsky , pur non escludendo completamente la possibilità di un'operazione alla "bloody nose" o altre forme di guerra economica, sostiene che gli Stati Uniti non possono aspettarsi di combattere e vincere un conflitto convenzionale in stile Iraq alla luce degli sviluppi nelle alleanze strategiche regionali dell'ultimo decennio. Chossudovsky spiega il suo ragionamento nella prima mezz'ora del convegno.


Il nostro secondo ospite, Yves Engler , porta una parte canadese nella discussione in atto delineando l'inimicizia che il vicino nordamericano ha espresso nei confronti della Repubblica islamica e che non è cambiato sostanzialmente da quando i "progressisti" di Trudeau hanno preso il potere nel 2015. Engler dettaglia i fattori di influenza della politica canadese e come i canadesi possono sperare di reindirizzare le relazioni in una direzione più positiva e pacifica.


Infine, il noto giornalista e analista geopolitico Pepe Escobar condivide le sue intuizioni sugli atteggiamenti mutevoli dell'America nei confronti del governo iraniano, i recenti attacchi alle navi nel Golfo di Oman e ciò che questi sviluppi dicono sulle divisioni all'interno dell'Amministrazione Trump, e la prospettiva di un guerra sanguinosa e depressione economica che competono con qualsiasi cosa il mondo abbia visto nel XXI secolo. (Vedi trascrizione di seguito).


Il professor Michel Chossudovsky è professore emerito di economia presso l'Università di Ottawa e il pluripremiato autore di 11 libri tra cui la sua più recente America's Long War Against Humanity. È anche fondatore e direttore del Centro di ricerca sulla globalizzazione e redattore di Global Research.


Yves Engler è uno dei principali critici e dissidenti canadesi di politica estera canadese. È autore di nove libri sulla politica estera canadese tra cui The Black Book of Canadian Foreign Policy  (2009) e il suo più recente,  Left, Right: Marching to the Beat of Imperial Canada. I suoi articoli sono apparsi su rabble.ca, canadiandimension.com e sul suo sito yvesengler.com.


Pepe Escobar è un veterano giornalista brasiliano, analista geopolitico e corrispondente in generale per Asia Times, con sede a Hong Kong. Ha scritto per Tom Dispatch, Sputnik News, Press TV e RT. I suoi articoli compaiono in numerosi siti web, tra cui Global Research, ed è un frequente commentatore di radio e tv.


Trascrizione - Intervista a Pepe Escobar, 14 giugno 2019.

Global Research: voglio fare riferimento a un recente articolo che hai menzionato su una risposta devastante che l'Iran può usare contro gli Stati Uniti in caso di un attacco. E gli Stati Uniti lo sanno. Che cosa hanno rivelato le vostre fonti sullo Stretto di Hormuz e sulla capacità di combattimento dell'Iran contro un attacco?

Pepe Escobar: Esattamente. Senti, penso che l'ultimo articolo che ho pubblicato a riguardo sia stato dopo gli incontri del Bilderberg. Perché mi è stato chiesto di indagare su almeno alcune delle cose che stavano discutendo all'interno del Bilderberg. In effetti avevo una buona fonte bancaria. Non hanno rivelato molto. Sapete bene voi della Global Research come funziona Bilderberg-

GR: Regole: Chatham House Rule*

PE: Esattamente - puoi scommetterci. Ma ho avuto alcune informazioni interessanti su come vedevano i risultati delle elezioni parlamentari europee come una sorta di vittoria perché ora tutti in Europa sono più o meno il centro-sinistra e il centro-destra e i Verdi sono più o meno sul stesso orizzonte, ma dal punto di vista dei Bilderberger, c'è stata una vittoria.

Poi,  chiedevo, guarda sono sicuro che discutono di Cina e Iran e tutto il resto, la mia fonte  dice, non posso parlarne per ovvi motivi. Ma poi ho ricevuto informazioni da qualcuno che è al di sopra del Bilderberg, se puoi metterlo in questo modo. Questa è una delle mie migliori fonti da anni. Americano, l'unica cosa che posso dire è americana. Non è europeo, ne asiatico.

E mi ha detto, guarda, so di cosa hanno discusso sull'Iran, perché le informazioni chiave sono in realtà sulla scrivania di Trump. Sappiamo tutti che Trump non legge nulla, ma questa informazione è stata supportata dai ragazzi di Wall Street. E sto parlando dei grandi ragazzi. Blackstone, Sumner Redstone, Jamie Dimon di JP Morgan, Goldman Sachs, incluse le proiezioni di Goldman Sachs, lo nominano. Quindi, Trump deve averlo almeno visto, o almeno qualcuno deve averlo letto in due o tre minuti.

E avevo scritto di questo prima. Ora ... gli studi sono più dettagliati. Si tratta di sapere se, in sostanza, lo Stretto di Hormuz viene chiuso, qualunque sia la ragione, potrebbe essere una falsa bandiera, come molto probabilmente quello che è successo ieri con le due petroliere, la petroliera norvegese e la petroliera giapponese che trasportava prodotti petrolchimici in Asia , non era nello stretto di Hormuz, era più sul mare aperto e sul Golfo di Oman. Se fosse nello stretto di Hormuz, sarebbe molto, molto peggio di quello che è successo ieri.

Quindi le proiezioni, comprese le proiezioni di Goldman Sachs, se questo accade e lo Stretto è chiuso, qualunque sia la ragione, perché la maggior parte degli assicuratori non rischierebbe di assicurare che qualsiasi nave lasci il Golfo Persico attraverso lo Stretto di Hormuz, e poi più lontano, il prezzo del barile di petrolio in meno di 24 ore sarebbe più di 100, dopo un giorno o due, 200, dopo una settimana, 500, e ci sono alcune proiezioni che dopo un po 'arriveremmo anche a 1000. E più ancora, l'implosione del Caos Capitalista come lo conosciamo, soprattutto a causa del ...

E poi abbiamo numeri diversi. I derivati, in particolare derivati ​​del petrolio e altri derivati. Ci sono molti numeri riguardo a quanti derivati ​​ci sono, da 500 miliardi di dollari, che è la cifra ufficiale della Banca dei Regolamenti Internazionali a 2,5 quadrilioni di dollari, in effetti. Quindi, diventa molto complicato. Ho dovuto combattere con ... con Asia Times per dire, guarda, dovresti pubblicare tutte le cifre ma preferiscono andare sulla stima più bassa. E una delle mie fonti mi ha detto di no, è questo  ... i banchieri svizzeri conoscono questa cifra, il che implica più o meno la sua fonte proveniva dalla Bank of International Settlements, ed è fermamente convinto che siano 2,5 miliardi di dollari. Quindi questo significa che l'intera economia occidentale collasserebbe letteralmente in pochi nanosecondi.

Quindi, questo era nel mio report per Asia Times. Ho anche scritto su questo per il Consortium News e altro, e negli ultimi mesi ho discusso di questo con gli iraniani ma non direttamente con le Guardie rivoluzionarie. Persone che hanno accesso a informazioni di IRGC.

L'IRGC è molto riservato. Loro sanno e hanno i mezzi necessari per chiudere lo Stretto, qualunque sia il modo in cui vogliono. Ed è per questo che sono arrivato alle mie fonti iraniane questa volta, sono così sicuro che gli americani non cercheranno di fare nulla di stupido, perché il Pentagono sa che l'Iran ha capacità militari. Sanno che tutti quei missili allineati sulla sponda settentrionale del Golfo Persico sul lato iraniano sono puntati su tutto ciò che si muove nello Stretto di Hormuz e anche nel Golfo di Oman.

E questa era la ragione principale per cui Trump voleva il dialogo. Questo è stato discusso al Bilderberg, di ogni singola cosa che ti sto dicendo. Perché? Perché Mike Pompeo, all'ultimo minuto, ha programmato quella visita in Svizzera, soprattutto a Berna, per parlare con il presidente della Svizzera, ma ha anche parlato con persone del Bilderberg in seguito. Perché il Bilderberg si svolgeva a Montreux, non molto lontano. È andato anche a Montreux. E hanno avuto uno scambio di idee , e sono sicuro che parlano, ovviamente, senza perdite di sorta, ma ovviamente Pompeo ha dovuto parlare soprattutto con gli europei che ne sono terrorizzati, alcuni europei erano a conoscenza di queste informazioni, perché queste informazioni sono state diffuse dai banchieri in Europa. Banchieri e Bilderberg, tutto collegato. Quindi è questo il motivo per cui Pompeo è andato in Svizzera in quel momento. Questa era una visita imprevista;

Quindi ... abbiamo ancora il problema principale sul tavolo, che è riemerso ieri. I neocon in Trump stanno giocando la loro ultima carta per costringerlo a fare qualsiasi cosa da un lato militare contro l'Iran? Perché se fosse ... direi che non abbiamo ancora una mega pistola fumante, ma è più o meno sicuro che quello che è successo ieri è stata una falsa bandiera. Ancora non sappiamo esattamente come ha funzionato. Ma se è così, e Trump dice, no, se chiudono lo Stretto di Hormuz non sarà per molto tempo, è una tattica diversiva, lo sa, dovrebbe sapere ormai cosa significherebbe in termini di disastro per l'economia globale.

Quindi ora siamo ben oltre questo, siamo in una fase terribile in cui gli Stati Uniti si sono messi in un angolo,  Pompeo ha detto,  che l'Iran è il responsabile senza esaminare alcuna prova. Oggi, è molto, molto importante, a Bishkek, in Kirghizistan, vertice dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, indovina chi si trovava nella stessa stanza? Putin, Modi, Xi, Imran Khan e come osservatore, Rouhani, Presidente dell'Iran.

E ovviamente, stavano discutendo dell'Iran. Non era sulla dichiarazione finale perché l'Iran era un osservatore della SCO. Ma hanno discusso, per quanto mi è stato detto delle mie fonti, e finora non è trapelato molto, ma hanno discusso dell'Iran, e Rouhani ha fatto una promessa solenne, che è stata brillante in termini geo-economici, per tutte le nazioni membri dello SCO: avrai per le tue aziende, di ognuno di voi, India, Pakistan, Russia, Cina, tutti gli asiatici centrali, le vostre aziende che investono nel mercato iraniano, avrete le migliori condizioni possibili ovunque. Quindi, ci saranno molti investimenti stranieri da parte della SCO, aziende dei paesi membri SCO nell'economia iraniana.

Quindi, Iran, dal punto di vista diplomatico, stanno andando molto bene. Dal punto di vista militare, per quanto ne so dalle mie fonti iraniane che conoscono più o meno in dettaglio ciò che sta facendo l'IRGC, mi dicono, che a loro non importa più, a prescindere dagli americani. E questo arriva direttamente dall'alto, dall'Ayatollah Khamenei quando dice che è assolutamente inutile parlare con gli americani. E Zarif sta dicendo ovunque in un modo più diplomatico possibile ai ministri e ai leader delle relazioni estere, compresi ovviamente Putin e Xi. "Siamo pronti a tutto quel che può accadere, vogliamo ovviamente la diplomazia, ma se aumenta la pressione, aumenteremo la pressione della nostra parte". Ora sta per arrivare uno stallo molto, molto pericoloso, Michael.


GR: Sì, mi stavo chiedendo se potessi affrontare un punto relativo ... Immagino che potresti chiamarlo intrigo di palazzo a Washington. Perché è stato suggerito dal tuo collaboratore del tuo consorzio, John Kiriakou, che i giorni di consigliere per la sicurezza nazionale di John Bolton sono segnati, date tutte le spiacevoli provocazioni che sta dirigendo verso l'Iran. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti, Trump, presumibilmente non vogliono avere una guerra impossibile alla vigilia di una grande campagna elettorale presidenziale degli Stati Uniti, ne vuole abbattere il castello di carta globale capitalista. Quindi, ... quali opzioni ha? Come può Trump evitare l'escalation con l'Iran senza perdere la faccia a questo punto?

PE: Esattamente, questa è un'ottima domanda. Le informazioni di John sono molto buone. Perché si legano alle informazioni che ho da persone di New York che fanno affari con Trump. Mi hanno detto la stessa cosa. È assolutamente furioso,  per il modo in cui è stato messo all'angolo da Bolton. Ma mentre Pompeo, va in giro e parla di voler far saltare in aria l'Iran. Bolton sta effettivamente cercando di implementare qualcosa di pratico o di falso stile falsa bandiera sul terreno. E ora, Trump stesso si vede nella stessa prospettiva. Sta già accusando l'Iran di quello che è successo nel Golfo di Oman. Come farà a tornare indietro da questo? Certo, ora non può tornare indietro senza dire solo oh, guarda che ho sbagliato, ok, ecco un altro tweet, ho cambiato idea!

Quindi, ... quello che sappiamo per certo è che non vuole nessun tipo di scenario militare perché sembra sapere cosa implicherebbe. Considerando l'IRGC, la loro forza, quello che hanno, i missili e,  e naturalmente la prospettiva finanziaria, che è la crisi dei derivati. Allo stesso tempo, continuano a far aumentare la pressione sotto la cosiddetta campagna di massima pressione descritta. E non c'è possibilità di dialogo perché, quello che è successo ieri,  ... quando il primo ministro Shinzō Abe stava parlando con Khameini nell'ufficio di Khameini a Teheran, cercava di disinnescare l'intera situazione, il Giappone si poneva come intermediario, messaggero di Washington a Teheran, e quanto accade,  è completamente insensato a chiunque abbia un QI superiore a 12 lo può capire.


GR: Mentre parlava al primo ministro per conto di Trump.

PE: A nome di Trump - esattamente, esattamente! Aveva una lettera. Aveva una lettera che probabilmente è stata inviata dal team di Trump all'Ayatollah Khameini. Khameini, dall'inizio, ha detto guarda, non c'è niente di cui parlare. In effetti è fantastico. Qualcuno ha inventato due foto diverse. Abe aveva la lettera con sé, l'ha messa sul tavolo mentre stavano parlando, e dopo un po ha tolto la lettera dal tavolo. Un segno per  Khameini che non era pronto a leggere quanto scritto dal team di Trump.


GR: Bene, Pepe, vorrei avere più tempo per discuterne, ma so che entrambi dobbiamo andare, ma voglio ringraziarvi per aver prestato la vostra voce molto competente a questa discussione critica sugli eventi di rottura.

PE: Spero che questo sia utile per tutti.


-fine dell'intervista -


The Global Research News Hour airs every Friday at 1pm CT on CKUW 95.9FM out of the University of Winnipeg. The programme is also podcast at globalresearch.ca .

The Global Research News Hour now airs Fridays at 6pm PST, 8pm CST and 9pm EST on Alternative Current Radio (alternativecurrentradio.com)

Community Radio Stations carrying the Global Research News Hour:

CHLY 101.7fm in Nanaimo, B.C – Thursdays at 1pm PT

Port Perry Radio in Port Perry, Ontario –1 Thursdays at 1pm ET

Burnaby Radio Station CJSF out of Simon Fraser University. 90.1FM to most of Greater Vancouver, from Langley to Point Grey and from the North Shore to the US Border.

It is also available on 93.9 FM cable in the communities of SFU, Burnaby, New Westminister, Coquitlam, Port Coquitlam, Port Moody, Surrey and Delta, in British Columbia, Canada. – Tune in at its new time – Wednesdays at 4pm PT.

Radio station CFUV 101.9FM based at the University of Victoria airs the Global Research News Hour every Sunday from 7 to 8am PT.

CORTES COMMUNITY RADIO CKTZ 89.5 out of Manson’s Landing, B.C airs the show Tuesday mornings at 10am Pacific time.

Cowichan Valley Community Radio CICV 98.7 FM serving the Cowichan Lake area of Vancouver Island, BC airs the program Thursdays at 6am pacific time.

Campus and community radio CFMH 107.3fm in Saint John, N.B. airs the Global Research News Hour Fridays at 10am.

Caper Radio CJBU 107.3FM in Sydney, Cape Breton, Nova Scotia airs the Global Research News Hour starting Wednesday Morning from 8:00 to 9:00am. Find more details at www.caperradio.ca

RIOT RADIO, the visual radio station based out of Durham College in Oshawa, Ontario has begun airing the Global Research News Hour on an occasional basis. Tune in at dcstudentsinc.ca/services/riot-radio/

Radio Fanshawe: Fanshawe’s 106.9 The X (CIXX-FM) out of London, Ontario airs the Global Research News Hour Sundays at 6am with an encore at 3pm.

Los Angeles, California based Thepowerofvoices.com airs the Global Research News Hour every Monday from 6-7pm Pacific time.

Notes:
John Bolton (January 15, 2018), ‘Beyond the Iran Nuclear Deal: U.S. Policy should be to end the Islamic Republic before its 40th anniversary’, Wall Street Journal; https://www.wsj.com/articles/beyond-the-iran-nuclear-deal-1516044178


Note di SD

*La Chatham House Rule è una regola convenzionale che disciplina la confidenzialità, in relazione alla fonte di informazioni scambiate nel corso di discussioni in riunioni a porte chiuse. Questa regola nasce nel giugno 1927 presso il Royal Institute of International Affairs, noto anche come Chatham House. Wikipedia

***** 
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!