sabato 13 luglio 2019

Che cosa trasportava il sottomarino russo in panne?



I russi non dicono nulla , ma questo potrebbe essere un indizio:
I militari russi "hanno evitato una catastrofe planetaria" durante l'incidente al sottomarino nucleare, sono le dichiarazioni ufficiali dei militari durante  la cerimonia funebre

Il Cremlino si rifiuta di rivelare la missione della nave, adducendo il segreto di stato

le dichiarazioni sopra  provengono da The Independent e prima ancora da  ZeroHedge 



Il Barents Observer ha fatto del suo meglio per capire cosa sia successo, a partire dal loro primo rapporto: 


L'incendio è iniziato nel vano batterie, [del sommergibile], ma non ha interessato il reattore, riferisce  il Ministro della Difesa Sergey Shoigu a Vladimir Putin. ...
Tragico, e potenzialmente disastroso per l'area immediata se l'involucro del reattore avesse ceduto sarebbe avvenuto qualcosa come una "catastrofe planetaria".

Tra le altre segnalazioni che abbiamo ricevuto (non verificate o raffinate) è che sette dei morti sono degli ufficiali , dei capitani, il che significa che qualsiasi cosa stessero facendo era piuttosto importante. 

Il fatto che i russi stanno riparando e riportando l'imbarcazione dalla sua missione punta su un fatto sempre in quella direzione.

Allora, qual era il sottomarino o il sommergibile, capace di immergersi sotto i 20.000 piedi?



La migliore ipotesi che ho visto è una bomba termonucleare ad alto rendimento, 100-200 megaton, al cobalto.

Una bomba delle dimensioni, da due a quattro volte più potente della più grande mai esplosa, la bomba sovietica Tsar (limitata a 50 MT per consentire al piano di consegna il tempo di scappare) una bomba di quelle dimensioni è orribile e se è racchiusa con cobalto diventa la munizione più letale mai costruita.

Ecco il fisico del MIT Max Tegmark all'HuffPo nel 2015: il dottor Stranamore è tornato: "Ciao" alla bomba al cobalto! 


Devo confessare che, come professore di fisica, alcuni dei miei incubi sono extra geek. La mia peggiore è la C-bomb , una bomba all'idrogeno circondata da grandi quantità di cobalto. Quando ho sentito per la prima volta di questo dispositivo da giorno del giudizio da satira nucleare di Stanley Kubrik, del dottor Stranamore, non ero sicuro che fosse fisicamente possibile. Ora, con rammarico ne sono cosciente, e sembra che la Russia la stia costruendo. 

L'idea è terrificante: racchiudere una potente bomba H in enormi quantità di cobalto.

Quando esplode, rende il cobalto radioattivo e lo diffonde nella zona o nel globo, a seconda del progetto. L'emivita del cobalto radioattivo prodotto è di circa cinque anni, il che è abbastanza lungo da dare il tempo di fallout sufficiente per insediarsi prima che decada e uccida, ma abbastanza breve da produrre radiazioni intense per molto più tempo rispetto a un rifugio antiatomico. Non c'è quasi nessun limite superiore a quanto cobalto e potenza esplosiva si possano mettere nelle bombe che sono interrate per deterrenza o trasportate via mare, e le simulazioni climatiche hanno dimostrato come le bombe all'idrogeno possono potenzialmente sollevare ricadute abbastanza alte da avvolgere il globo, quindi se qualcuno davvero volevo rischiare l'estinzione dell'umanità, l'avvio di una corsa agli armamenti con bombe atomiche è probabilmente una delle strategie più promettenti.

Non che qualcuno sano di mente farebbe mai una cosa del genere, l'ho capito quando ho visto il film per la prima volta. Anche se il generale americano Douglas MacArthur ha suggerito di abbandonare alcune piccole bombe al cobalto sul confine coreano negli anni '50 per scoraggiare le truppe cinesi, la sua richiesta è stata respinta e, per quanto ne sappiamo, non sono mai state costruite bombe al C. Mi sentivo sollevato dal fatto che il mio geniale incubo non era nient'altro che un brutto sogno.
Non è una idea nuova, il New York Times ha avuto una storia nel 1954, " Now Most Dreaded Weapon, Cobalt Bomb, Can Be Built " che includeva questa linea:
È di questo tipo di bomba all'idrogeno che Albert Einstein ha commentato: "Se avviene con successo, l'avvelenamento radioattivo dell'atmosfera, e quindi l'annientamento di qualsiasi vita sulla terra, viene portato dalla gamma di possibilità tecniche".

Più recentemente, 14 giugno 2016 Il Bulletin of the Atomic Scientists, volume 72, 2016 - Numero 4 : Sicurezza in mare, e sotto ha pubblicato : Would Russia’s undersea “doomsday drone” carry a cobalt bomb?
In seguito alla fuoriuscita, nel novembre 2015, di una diapositiva classificata destinata a mostrare un drone russo a propulsione nucleare con armi nucleari, destinato a creare "zone di contaminazione radioattiva di lunga durata",  sia osservatori russi che occidentali hanno suggerito che Mosca sta sviluppando una bomba al cobalto


L'esplosione subacquea  massiccia al cobalto o di un'arma nucleare "convenzionale" potrebbe creare zone di contaminazione di lunga durata, i decisori russi avrebbero poca fiducia che queste aree si troverebbero nelle posizioni previste, minando il caso strategico di tali attacchi. Questi risultati suggeriscono che il Cremlino non stia perseguendo l'idea di "bombe del giorno del giudizio" radioattive, anche se il drone a propulsione nucleare sulla diapositiva sembra essere un vero progetto di ricerca.

Persone più intelligenti di me ipotizzano che potrebbe essere quello che sta succedendo nell'Artico.

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/07/che-cosa-trasportava-il-sottomarino.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!