mercoledì 9 ottobre 2019

11 SETTEMBRE 2001: ANCORA UNA COSPIRAZIONE "TIN FOIL HAT"?


Whitney Webb
mintpressnews
Sa Defenza 

I lavoratori usano torce mentre sgombrano il sito degli attacchi dell'11 settembre al World Trade Center di New York, il 23 gennaio 2002. Richard Drew | AP

Più americani si interrogano sulla storia ufficiale dell'11 settembre e vedono le nuove prove che contraddicono la narrativa ufficiale

Le prove continuano a sostenere che la  narrativa ufficiale 
sull'11 settembre,  è una narrativa irrazionale,  e diventa sempre più chiaro che i media sono impegnati più ad impedire che a svelare le domande legittime che su quel giorno  ricevano l'attenzione e le risposte che meritano.



Oggi l'evento che ha definito la politica estera degli Stati Uniti nel 21° secolo, che ha segnato la distruzione di interi paesi, si trasforma. Gli eventi del 11 Settembre 2001 rimangono impressi nella memoria di americani e molti altri, come una tragedia collettiva ciò ha unito gli americani e ha portato anche una decisione generale tra loro che i responsabili fossero assicurati alla giustizia.

Mentre gli eventi di quel giorno unirono gli americani in questi modi per un certo tempo, le diverse traiettorie del funzionario relative alle indagini indipendenti sugli attacchi dell'11 settembre hanno spesso portato alla divisione negli anni dal 2001, con attacchi viziosi o licenziamento definitivo contro quest'ultimo.

Tuttavia, in 18 anni vanno e vengono - e  gli instancabili sforzi delle famiglie delle vittime, dei primi soccorritori, scienziati e ingegneri - la tendenza sembra cambiare, mentre continuano a emergere nuove prove e vengono fatte nuove indagini. Tuttavia, i media corporate americani sono rimasti in gran parte silenziosi, preferendo ignorare i nuovi sviluppi che potrebbero far deragliare la "storia ufficiale" di uno degli attacchi più iconici e devastanti che si siano mai verificati sul suolo americano.



Ad esempio, a fine luglio, i commissari sull'11 settembre, di un Corpo de Vigili del Fuoco della zona di New York, che ha risposto agli attacchi e  ha perso uno di loro proprio quel giorno, hanno chiesto una nuova indagine sugli eventi dell'11 settembre. Il 24 luglio, il consiglio dei commissari per Franklin Square e Munson Fire District, che servono una popolazione di circa 30.000 abitanti vicino al Queens, hanno votato all'unanimità nella loro richiesta di una nuova indagine sugli attacchi.

Mentre la richiesta di una nuova indagine da parte dei vigili del fuoco di New York coinvolti nello sforzo di salvataggio sembrerebbe normalmente degna di nota per i media che spesso convocano gli americani per "non dimenticare mai", la richiesta dei commissari per una nuova indagine è stata accolta con totale silenzio dal media mainstream. Il probabile motivo della mancanza di copertura su un voto altrimenti degno di nota era probabilmente dovuto al fatto che la risoluzione che chiedeva la nuova indagine conteneva la seguente clausola:

"Considerando che, le prove schiaccianti presentate in detta petizione dimostrano oltre ogni dubbio che esplosivi e / o incendiari erano pre-piantati - non solo aerei e  incendi conseguenti - hanno causato la distruzione dei tre edifici del World Trade Center, uccidendo la stragrande maggioranza delle vittime che è morto quel giorno; "

Nel mondo post 11 settembre, coloro che hanno avanzato tali affermazioni, indipendentemente da quanto possano essere fondate le loro affermazioni, sono stati spesso derisi e attaccati come "teorici della cospirazione" per aver messo in dubbio le affermazioni ufficiali secondo cui i tre edifici del World Trade Center  è crollato l'11 settembre non per un qualsiasi motivo ma per quello di essere stato colpito dagli aerei e dagli incendi risultanti. Tuttavia, è molto più difficile lanciare questi stessi attacchi contro membri dei vigili del fuoco che hanno perso un pompiere l'11 settembre e molti dei quali membri sono stati coinvolti nelle operazioni di salvataggio di quel giorno, e di cui alcuni continuano a soffrire di malattie croniche come risultato.



I soccorritori si arrampicano su mucchi di macerie al World Trade Center di New York, 13 settembre 2001. Beth A. Keizer | AP

Un'altra probabile ragione per cui i
 media hanno evitato monoliticamente la copertura del voto era perché preoccupati che avrebbero indotto un maggior numero di vigili del fuoco ad approvare risoluzioni simili, il che avrebbe reso più difficile a tali notizie evitare di avere la copertura nazionale. Tuttavia, il commissario Christopher Gioia, che ha redatto e presentato la risoluzione, ha dichiarato ai presenti alla conclusione della riunione che comunque tutti i distretti antincendio di New York erano a bordo ed era il loro piano.


"Siamo una comunità affiatata e non dimentichiamo mai i nostri fratelli e sorelle caduti. Faresti meglio a credere che quando l'intero corpo dei vigili del fuoco dello Stato di New York sarà a bordo, saremo una forza inarrestabile ", ha detto Gioia. "Siamo stati i primi vigili del fuoco a approvare questa risoluzione. Non saremo gli ultimi ", ha aggiunto.

Mettere in discussione le conclusioni ufficiali della prima indagine federale sull'11 settembre è stato trattato come un tabù nel panorama dei media americani per anni, vale la pena notare che anche coloro che hanno guidato la commissione hanno affermato che l'indagine è stata "avviata al fallimento" fin dall'inizio e che furono ripetutamente fuorviati dalle menzogne dei funzionari federali in relazione agli eventi di quel giorno.

Ad esempio, il presidente e il vicepresidente della Commissione sull'11 settembre, Thomas Kean e Lee Hamilton, hanno scritto nel loro libro 
Without Precedent che non solo la commissione era affamata di fondi e i suoi poteri di indagine stranamente limitati, ma che erano ostruiti e sono stati apertamente citati da alti funzionari di stato e funzionari del Pentagono presso la Federal Aviation Authority (FAA). Loro e altri commissari hanno affermato chiaramente che il rapporto "ufficiale" sugli attacchi è incompleto, imperfetto e incapace di rispondere alle domande chiave sugli attacchi terroristici.

Nonostante l'incapacità dei media corporate americani di riportare questi fatti, gli organi legislativi locali di New York, a partire dai distretti antincendio che hanno perso i loro cari e amici quel giorno, stanno aprendo la strada nella ricerca per risposte reali che persino quelli che hanno scritto il " storia ufficiale "dicono che sono state deliberatamente tenute lontano da loro.


Prove scientifiche persuasive continuano ad arrivare


Non molto tempo dopo che Franklin Square e Munson Fire District avevano richiesto una nuova indagine sull'11 settembre, uno studio universitario rivoluzionario ha aggiunto ancora più peso alla richiesta dei commissari di dare una nuova occhiata alle prove riguardanti il ​​crollo del complesso dei tre edifici al World Trade Center. Mentre la maggior parte degli americani sa perfettamente che le torri gemelle sono crollate l'11 settembre, meno sono consapevoli che anche un terzo edificio - World Trade Center Building 7 - è crollato. Quel crollo è avvenuto sette ore dopo la caduta delle torri gemelle, anche se il WTC 7, o "Edificio 7", non è mai stato colpito da un aereo.

Non è stato fino a quasi due mesi dopo il suo crollo che i 
rapporti hanno rivelato che la CIA aveva un "ufficio segreto" nel WTC 7 e che, dopo la distruzione dell'edificio, "una squadra speciale della CIA ha perlustrato le macerie in cerca di documenti segreti e rapporti di intelligence archiviati nella stazione, su supporto cartaceo o informatico." Il WTC 7 ospitava anche uffici per il Dipartimento della Difesa, il Servizio Segreto, l'ufficio del Sindaco di New York per la gestione delle emergenze e la banca Salomon Brothers. Anche se la storia ufficiale del crollo del WTC 7 cita "incendi di edifici incontrollati" che hanno portato alla distruzione dell'edificio, la maggior parte degli americani che ha visto il filmato della torre di 47 piani scendere da quattro diverse angolazioni respinge in modo schiacciante la storia ufficiale, basato su un nuovo sondaggio condotto da YouGov per conto di Architects &Engineers for 9/11 Truth e pubblicato lunedì.




Fonte | Architects & Engineers for 9/11 Truth



Quel sondaggio ha rilevato che il 52 percento di coloro che hanno visto il filmato erano sicuri o sospettavano che la caduta dell'edificio fosse dovuta a esplosivi e che fosse una demolizione controllata, con il 27 percento che affermava di non sapere cosa farne del filmato. Solo il 21% degli intervistati concorda con la storia ufficiale secondo cui l'edificio è crollato a causa dei soli incendi. Prima di vedere il filmato, il 36 percento degli intervistati ha dichiarato di non essere a conoscenza del fatto che un terzo edificio è crollato l'11 settembre e oltre il 67 percento non è stato in grado di nominare l'edificio che era crollato.
Ted Walter, direttore della strategia e dello sviluppo di architetti e ingegneri per la verità sull'11 settembre, ha detto a MintPress che la mancanza di consapevolezza del WTC 7 presso il grande pubblico "dimostra che i media mainstream non sono riusciti a informare il popolo americano sui fatti di base relativi all'11 settembre". In qualsiasi altro giorno nella storia, se un grattacielo di 47 piani cadesse sulla sua impronta a causa di "incendi negli uffici", tutti nel paese ne avrebbero sentito parlare. "


Il fatto che i media abbiano scelto di non coprire questo, ha affermato Walter, dimostra che "i media mainstream e l'establishment politico vivono in un universo alternativo e il resto del pubblico americano vive in un universo diverso e risponde a ciò che vede di fronte di loro ", come si evince dai risultati del recente sondaggio YouGov.

Un'altra scoperta significativa del sondaggio YouGov è stata che il 48 percento degli intervistati ha sostenuto, mentre solo il 15 percento si è opposto, una nuova indagine sugli eventi dell'11 settembre. Ciò dimostra che non solo è stata la recente richiesta del Franklin Square Fire District di una nuova indagine in linea con l'opinione pubblica americana, ma la visione delle riprese del crollo del WTC 7 solleva più domande che risposte per molti americani, domande che non sono state adeguatamente affrontate dalle indagini ufficiali della Commissione sull'11 settembre.

Gli americani  hanno ritenuto che le riprese video del crollo del WTC 7 non si adatta alla narrazione ufficiale e sembrava mostrare una demolizione controllata ora hanno più prove scientifiche su cui ripiegare dopo che il rilascio di un nuovo studio universitario ha scoperto che l'edificio non è crollato a causa di un incendio ma "dal cedimento quasi simultaneo di ogni colonna dell'edificio". L'ampio studio di quattro anni è stato condotto dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell'Università dell'Alaska e ha utilizzato complessi modelli computerizzati per determinare se l'edificio è stato davvero il primo grattacielo con struttura in acciaio ad essere crollato a causa dei soli incendi degli uffici.

Lo studio, attualmente disponibile come 
bozza , ha concluso che "gli incendi dell'edificio incontrollati" non hanno portato l'edificio a crollare su se stesso sulla sua stess base - facendo precipitare più di 100 piedi al tasso di caduta libera per gravità di 2,5 secondi di crollo in sette secondi - come è stato affermato ufficialmente. Invece, lo studio - scritto dal Dr. J. Leroy Hulsey, dal Dr. Feng Xiao e dal Dr. Zhili Quan - ha scoperto che "il fuoco non ha causato il crollo del WTC 7 l'11 / 9, contrariamente alle conclusioni del NIST [National Institute di standard e tecnologia] e società di ingegneria private che hanno studiato il crollo ", pur concludendo" che il crollo del WTC 7 è stato un cedimento globale [cioè completo] e ha comportato il crollo quasi simultaneo di ogni colonna dell'edificio ".

Questo "fallimento quasi simultaneo di ogni colonna" nel WTC 7 suggerisce fortemente che gli esplosivi sono stati coinvolti nel suo crollo, che è ulteriormente supportato dalle dichiarazioni rilasciate da Barry Jennings, l'allora vicedirettore del dipartimento dei servizi di emergenza per l'edilizia abitativa di New York City Autorità.  Jennings ha detto a un giornalista il giorno dell'attacco che lui e Michael Hess, allora consigliere della Corporation di New York City, avevano sentito e visto esplosioni nel WTC 7 diverse ore prima del suo crollo e in seguito hanno ripetuto quelle affermazioni al regista Dylan Avery. I primi soccorritori che hanno aiutato a salvare Jennings e Hess hanno affermato di aver sentito esplosioni nel WTC 7. Jennings è morto nel 2008, due giorni prima della pubblicazione del rapporto ufficiale del NIST che incolpa gli incendi del crollo del WTC 7. Ad oggi, non è stata data ancora nessuna causa ufficiale sulla morte per Jennings.

Ancora "pazzi" dopo tutti questi anni?

Diciotto anni dopo gli attacchi dell'11 settembre, mettere in discussione la narrativa ufficiale del governo sugli eventi di quei giorni è ancora un tabù per molti, poiché il semplice porre domande o chiedere una nuova indagine su uno degli eventi più importanti della recente storia americana spesso porta a derisione e licenziamento.

Eppure, questo anniversario dell'11 settembre - con un nuovo studio che demolisce la narrativa ufficiale sul WTC 7, e un nuovo sondaggio che mostra che più della metà degli americani dubita della narrazione del governo sul WTC 7 e con i Vigili del Fuoco che hanno risposto  chiedendo una nuova indagine  sull'11 settembre - si è ancora "pazzi" perché scettici sulla storia ufficiale?


I pompieri rimuovono i resti fumanti del 7 World Trade Center martedì 18 settembre 2001 a New York. Ryan Remiorz | AP

Anche negli anni passati, porre domande difficili sull'11 settembre era ancora considerato "
off limits", spesso erano i primi soccorritori, i sopravvissuti e le famiglie delle vittime a porre il maggior numero di domande su ciò che era realmente accaduto quel giorno e che avevano condotto indagini alla ricerca della verità per quasi due decenni - non i "teorici della cospirazione" , come molti hanno affermato.

L'unico motivo per cui rimane tabù porre domande sulla narrativa ufficiale, i cui gli stessi autori ammettono che è sia imperfetto che incompleto, è che le forze dominanti nei media americani e il governo degli Stati Uniti hanno convinto con successo molti americani che farlo non è solo pericoloso ma irrazionale e non americano


Tuttavia, poiché le prove continuano a sostenere che la stessa narrativa ufficiale è narrativa irrazionale, diventa sempre più chiaro che il motivo di questa campagna mediatica è impedire alle domande legittime su quel giorno di avere l'attenzione che meritano, al punto di gettare discredito e fango sulle famiglie delle vittime e sui malati primi soccorritori. Per troppo tempo, "Never Forget" (non dimenticare mai)  è stato quasi sinonimo di "Never Question" (non chiedere mai). 

Tuttavia, il non riuscire a porre queste domande - anche quando più americani che mai sono a favore di una nuova indagine  scartando la spiegazione ufficiale del crollo del WTC 7 - è divenuta l'ultima ingiustizia, non solo per coloro che sono morti a New York l'11 settembre, ma anche per quelli che sono stati uccisi in loro nome negli anni che seguirono.





Whitney Webb è una giornalista di MintPress News con sede in Cile. Ha contribuito a diversi media indipendenti tra cui Global Research, EcoWatch, Ron Paul Institute e 21st Century Wire, tra gli altri. Ha fatto diverse apparizioni radiofoniche e televisive ed è la vincitrice nel 2019 del Serena Shim Award per l'integrità senza compromessi nel giornalismo.
Ripubblica i nostri articoli! MintPress News è sotto licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 International.
*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/10/11-settembre-2001-ancora-una.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personale


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!