giovedì 17 ottobre 2019

LA CHIESA CATTOLICA HA PAGATO 213 MILIONI di $  A 4.445 BAMBINI VITTIME DI ABUSI SESSUALI DA PARTE DI SACERDOTI PEDOFILI IN AUSTRALIA


JOHN SCOTT
news.nbcm.ca

In questi giorni, la Chiesa cattolica romana è sinonimo di abusi sessuali su minori. Non dobbiamo le scuse a nessuno per averlo detto. È la verità. Casi di abusi sessuali su minori e successivi insabbiamenti commessi nel XX e XXI secolo da sacerdoti, suore e membri dell'ordine cattolico romano hanno portato a numerose accuse, indagini, processi e condanne. Tra gli abusi vi sono ragazzi e ragazze, alcuni anche di 3 anni,  la maggioranza tra gli 11 e i 14 anni. Non è immaginabile che questi cosiddetti uomini e donne di Dio abbiano molestato bambini innocenti in modo diffuso. 
L'abuso è un problema mondiale nella chiesa. Non ci sono statistiche accurate per determinare il numero di bambini che questi pedofili nella chiesa hanno abusato in tutto il mondo a causa della enorme portata. Dal 2001 al 2010, la Santa Sede, che funge da organo di governo centrale della Chiesa cattolica, ha considerato le accuse di abuso sessuale che coinvolgono circa 3000 sacerdoti risalenti a cinquanta anni fa. I casi in tutto il mondo riflettono modelli di abusi a lungo termine e della gerarchia ecclesiale che copre regolarmente i rapporti di presunti abusi.



Funzionari e accademici diocesani ben informati sulla Chiesa cattolica romana hanno rivelato che gli abusi sessuali da parte dei pedofili nella chiesa non sono generalmente discussi, e quindi è difficile da definire. Nel 2014, il Vaticano ha affermato che 3.420 accuse credibili di abusi sessuali commessi da sacerdoti sono state deferite alla sua istituzione negli ultimi 10 anni e che 824 chierici sono stati ribaltati di conseguenza. 

Tuttavia, una nuova indagine condotta in Australia ha fatto luce sulla dannosa pratica di sacerdoti e suore cattolici nel paese. Secondo il rapporto, la Chiesa cattolica ha pagato 213 milioni di dollari USA alle vittime di abusi sessuali commessi da sacerdoti in Australia nel corso di decenni. Nel 2002, un'indagine critica condotta da The Boston Globe negli Stati Uniti ha portato alla copertura mediatica mondiale di abusi sessuali su minori nella Chiesa cattolica romana. Entro il 2010, gran parte delle segnalazioni si è incentrata sugli abusi in Europa. 

Nel 2012, l'Australia ha anche annunciato che avrebbe indagato sugli abusi della chiesa. Entro il 2013, la Royal Commission australiana sulle risposte istituzionali agli abusi sessuali su minori ha iniziato le udienze su presunti abusi sessuali da parte della Chiesa cattolica nei confronti dei bambini, principalmente ragazzi. A metà febbraio 2017, la commissione ha pubblicato un rapporto che rivelava: "Le autorità della Chiesa cattolica hanno effettuato pagamenti totali di [AU] $ 276,1 milioni [US $ 213 milioni] in risposta a richieste di abusi sessuali su minori ricevute tra il 1° gennaio 1980 e il 28 febbraio 2015, tra cui compensazione monetaria, trattamento, spese legali e altri. "Dei 4.445 casi che la chiesa ha ricevuto tra gennaio 1980 e febbraio 2015 nel paese, il rapporto afferma che la chiesa è riuscita a identificare 1.880 presunti responsabili, tra cui 597 (32%" fratelli religiosi, '572 (30%) sacerdoti, 543 (29%) laici e 96 (5%) religiose o suore. Secondo il rapporto, il 90% degli autori di abusi era di sesso maschile, mentre gli abusi erano principalmente su maschi. Secondo la commissione, le vittime di abusi sessuali hanno ricevuto un risarcimento di 91.000 dollari australiani. 




Il rapporto della commissione ha anche affermato che il gruppo Christian Brothers ha ammesso durante l'audizione che sia il pagamento totale più elevato che il numero più elevato di pagamenti totali è di $ 48,5 milioni. È stato pagato in relazione a 763 pagamenti ad una media di circa $ 64.000 per pagamento. The Christian Brothers è una comunità religiosa mondiale nella Chiesa cattolica. Inoltre, la commissione ha affermato che i Gesuiti hanno il primato del pagamento più alto totale medio con una media di circa $ 257.000 per ogni pagamento (di quelle autorità della Chiesa cattolica che hanno effettuato almeno 10 pagamenti). I Gesuiti sono un ordine di religiosi della Chiesa cattolica romana (pure Papa Francesco è di quell'ordine) . I critici, compresi quelli della Chiesa cattolica che vogliono giustizia per le vittime, affermano che il sistema dei pagamenti è ingiusto e non tutte le vittime ricevono le stesse opportunità o indennità.


Francis Sullivan, amministratore delegato del Consiglio per la Giustizia e la Guarigione della Verità, ha ammesso candidamente ai media locali che non tutte le vittime hanno pari opportunità o indennità. "Anche se la chiesa ha pagato $ 270 milioni e ci è voluto molto tempo per mettere insieme i suoi atti per farlo, non c'è dubbio che il sistema di pagare le persone e compensarle sia fatto meglio indipendentemente dalla chiesa attraverso un sistema di ricorso nazionale. Alcune congregazioni pagano molto più di altre. Alcune diocesi pagano molto più di altre. Non è ancora un sistema equo ", ha aggiunto. "È un quadro di grande ingiustizia e disuguaglianza tra i sopravvissuti in tutta l'Australia a seconda di dove hanno presentato la loro richiesta", ha dichiarato Helen Last, Amministratore delegato di In Good Faith Foundation, che rappresenta 460 vittime di abusi in un'intervista all'agenzia di stampa Reuters.

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/10/la-chiesa-cattolica-ha-pagato-213.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!