sabato 14 maggio 2022

Il Mar Baltico 'diventa il mare della NATO' – Membro dell'UE


RTNews

Il ministro degli Esteri della Lettonia ha abbracciato i piani di Finlandia e Svezia di aderire all'alleanza

Il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevics ha affermato che il suo paese approva l'adesione di Finlandia e Svezia alla NATO, osservando che la loro aggiunta all'alleanza trasforma il Mar Baltico in " un mare della NATO " in un'intervista di venerdì al Financial Times

Insieme ai suoi omologhi in Estonia e Lituania, Rinkevics ha espresso il suo desiderio di ratificare le domande di adesione dei due paesi nordici. Tutti e tre hanno detto al Times che avrebbero beneficiato della forza militare della Finlandia e della Svezia, in particolare della flotta di caccia statunitensi della Finlandia. 

Nonostante il suo incondizionato sostegno all'adesione dei vicini settentrionali della Russia alla NATO, Rinkevics spera in più truppe NATO nel suo paese. La trasformazione del Baltico in una risorsa della NATO " non cambia le nostre richieste di aumento della NATO nella regione baltica ", ha affermato il FM, aggiungendo che " ci sono ancora problemi da affrontare " e che " l'attuale situazione della sicurezza richiede più coraggio piani dell'alleanza.

Mentre la NATO ha inviato 1.000 truppe in più ciascuna in Estonia, Lettonia e Lituania dagli Stati membri europei all'inizio di quest'anno, i paesi hanno chiesto di più, chiedendo brigate da 3.000 a 5.000 soldati e un potenziamento della difesa aerea che consentisse loro di abbattere gli aerei russi in caso di aggressione.

Prima dell'invasione dell'Ucraina, i paesi baltici affermarono di essere preoccupati per la potenziale invasione della Russia nella loro regione attraverso il divario di Suwalki, la regione di confine relativamente breve (65 km) tra Polonia e Lituania inserita tra la Bielorussia e la provincia russa di Kaliningrad, anch'essa situata sul neo-battezzato “ Mare della NATO ”. Secondo quanto riferito, tutte e tre le nazioni stanno aumentando la spesa per la difesa al 2,5% del PIL, rispetto al requisito NATO del 2%.

Giovedì la Russia ha avvertito che l'adesione della Finlandia alla NATO rappresenterebbe una minaccia diretta e richiederebbe una risposta da Mosca dopo l'annuncio del paese che prevedeva di cercare tale adesione con l'obiettivo di presentare una domanda formale non appena lunedì prossimo. La Finlandia condivide un confine terrestre di 833 miglia (1.340 chilometri) con la Russia e mentre Helsinki ha ammesso che il suo vicino non rappresenta una minaccia diretta, l'appartenenza al blocco rappresenta un'escalation diretta, ponendo un'alleanza ostile direttamente al confine con la Russia. 

Secondo quanto riferito, la Svezia prevede di presentare la propria richiesta formale di aderire alla NATO la prossima settimana, sebbene alcune fazioni del governo siano più entusiaste di altre riguardo alla prospettiva.

Nessun commento: