domenica 4 dicembre 2022

FBI ammette di aver dato istruzioni di targeting ai giganti della tecnologia e alle società di social media

Centro operativo FBI
di Sundance 
Sotto deposizione, l'FBI ammette di aver dato istruzioni di targeting ai giganti della tecnologia e alle società di social media per la rimozione di blocchi e contenuti

È ormai risaputo che gli agenti dell'FBI hanno lavorato all'interno di reti di social media come Facebook, Twitter e Instagram attraverso portali diretti che collegano il governo alle backdoor delle reti. Il Dept of Homeland Security (DHS) continua a operare in collaborazione con vari sistemi e piattaforme tecnologiche per monitorare i contenuti.

Durante una deposizione di questa settimana l'FBI ha ammesso di aver dato istruzioni a società tecnologiche come Google, Apple e Microsoft di bloccare gli URL senza una base di legalità. Essenzialmente l'ideologia dell'FBI e del DHS determina gli obiettivi della rimozione, del blocco e/o della censura dei contenuti.

Per ripetere, queste non sono istruzioni dell'FBI e del DHS basate su attività criminali definite, si tratta di istruzioni del governo basate su disaccordi sulle "informazioni" come sposate dal fornitore di contenuti.

Le informazioni con cui il governo è d'accordo sono sicure; tuttavia, le informazioni con cui il governo degli Stati Uniti non è d'accordo vengono prese di mira. Ovviamente, una persona di ragionevole intelligenza può vedere il problema di consentire alle forze dell'ordine di determinare quali informazioni sono valide e quali informazioni non sono valide.
( Fox News ) – Martedì, gli avvocati degli uffici dei procuratori generali Eric Schmitt del Missouri e Jeff Landry della Louisiana hanno deposto l'agente speciale di supervisione dell'FBI Elvis Chan come parte della loro causa contro l'amministrazione Biden . Quella causa accusa funzionari governativi di alto rango di lavorare con gigantesche società di social media "con il pretesto di combattere la disinformazione" per ottenere una maggiore censura.

Chan, che presta servizio nell'ufficio dell'FBI di San Francisco, è stato interrogato sotto giuramento per ordine del tribunale sul suo presunto "ruolo critico" nel "coordinamento con le piattaforme dei social media relative alla censura e alla soppressione della parola sulle loro piattaforme".

Durante la deposizione, Chan ha affermato di aver avuto riunioni settimanali con le principali società di social media, insieme alla Task Force sull'influenza straniera dell'FBI e agli alti funzionari dell'Agenzia per la sicurezza informatica e la sicurezza delle infrastrutture... Fox News Digital ha anche appreso che, secondo la testimonianza di Chan, l'FBI regolarmente invia alle società di social media elenchi di URL Internet e account di social media che dovrebbero essere rimossi perché sono "disinformazione" da "operazioni di influenza straniera maligna". L'FBI chiede quindi se le piattaforme hanno rimosso il contenuto. In molte occasioni, le piattaforme eliminano gli account contrassegnati dall'FBI.

"Da quando abbiamo intentato la nostra causa, abbiamo scoperto reperti che mostrano una massiccia 'impresa di censura'", ha dichiarato il procuratore generale Eric Schmitt a Fox News Digital. “Ora, stiamo deponendo alti funzionari governativi e siamo uno dei primi a dare un'occhiata sotto il cofano: le informazioni che abbiamo scoperto attraverso quelle deposizioni sono state a dir poco scioccanti. È chiaro dalla deposizione di martedì che l'FBI ha un ruolo estremamente importante nel lavorare per censurare la libertà di parola". ( leggi di più )

Nessun commento:

► Potrebbe interessare anche: