martedì 17 aprile 2018

Propaganda e disinformazione britannica, una tradizione imperiale e coloniale

Wayne MADSEN



Quando si tratta di creare notizie false e avanzare false narrazioni, i servizi di intelligence britannici hanno pochi colleghi [che possono competere]. In effetti, il Secret Intelligence Service (MI-6) ha aperto la strada ai suoi "cugini" americani e ai partner britannici del Commonwealth - dal Canada e Australia in India e Malesia - nell'arte oscura di diffondere le falsità come verità. Recentemente, il mondo è stato testimone di tali sotterfugi dell'MI-6 in notizie che affermano che la Russia ha effettuato un attacco di agente nervino novichok contro un emigrante russo e sua figlia a Salisbury, in Inghilterra. Questo fuoco di sbarramento di propaganda è stata subito seguita da un'altra, l'ultima di una serie di analoghe dimostrazioni, secondo cui il governo siriano avrebbe attaccato i civili a Douma, al di fuori di Damasco, con armi chimiche.

Non dovrebbe sorprendere che le reti delle news americane facciano affidamento sui corrispondenti britannici di stanza nella Siria settentrionale e a Beirut come fonti primarie. L'MI-6 ha storicamente fatto affidamento su agenti di copertura non ufficiali (NOC) mascherati principalmente da giornalisti, ma anche da operatori umanitari, ecclesiastici della Chiesa d'Inghilterra, banchieri internazionali e direttori di hotel, per svolgere attività di propaganda. Questi NOC sono collocati in posizioni in cui possono diffondere la disinformazione del governo britannico a ignari giornalisti e diplomatici.

Per decenni, una sezione poco conosciuta del Foreign Office britannico - il Dipartimento di Ricerca dell'Informazione (IRD) - ha realizzato campagne di propaganda utilizzando i media internazionali come piattaforma per conto di MI-6. Anni prima il Bashar al-Assad della Siria, Saddam Hussein in Iraq, Muammar Gheddafi in Libia e Omar al-Bashir in Sudan divennero obiettivi di destabilizzazione occidentale e "cambio di regime". IRD e i suoi associati presso la British Broadcasting Corporation (BBC) e nelle redazioni e gli uffici editoriali di Fleet Street, tabloid, servizi telegrafici e riviste, in particolare "The Daily Telegraph", "The Times", "Financial Times", Reuters, "The Guardian" e "The Economist", lanciavano campagne di diffamazione mediatica contro un certo numero di leader considerati di sinistra, comunisti o FT (compagni di viaggio).

Questi leader includevano il presidente indonesiano Sukarno, leader nordcoreano (e nonno dell'attuale leader di Pyongyang) Kim Il-Sung, l'egiziano Gamal Abdel Nasser, l'arcivescovo di Makarios, il cubano Fidel Castro, il cileno Salvador Allende, il britannico Guiana Cheddi Jagan, il vescovo Maurice di Grenada, la Giamaica Michael Manley, Daniel Ortega del Nicaragua, Sekou Toure della Guinea, Thomas Sankara del Burkina Faso, Gough Whitlam in Australia, David Lange in Nuova Zelanda, Norodom Sihanouk in Cambogia, Dom Mintoff di Malta, padre Walter Lini di Vanuatu e Kwame Nkrumah del Ghana.

Dopo la Guerra Fredda, questa stessa operazione di propaganda prese di mira il presidente serbo Slobodan Milosevic, il leader dello Sinn Fein Gerry Adams, il venezuelano Hugo Chavez, il somalo Mohamad Farrah Aidid e il Jean-Bertrand Aristide di Haiti. Oggi, è il turno di Assad, il primo ministro ungherese Viktor Orban e il leader dell'indipendenza della Catalogna, Carles Puigdemont, a essere nel mirino anglo-americano di propaganda di stato. Persino la leader del Myanmar Aung San Suu Kyi, a lungo amante dei media occidentali e di questi magnati della propaganda come George Soros, è ora oggetto di divieti di visti occidentali e sanzioni sulla situazione dei ribelli musulmani Rohingya nello stato di Rakhine.

Attraverso le operazioni di propaganda congiunte dell'IRD-MI-6-Central Intelligence Agency, molti giornalisti britannici hanno ricevuto pagamenti, consapevolmente o inconsapevolmente, dalla CIA attraverso un fronte a Londra chiamato Forum World Features (FWF), di proprietà di John Hay Whitney, editore del " New York Herald Tribune " e un ex ambasciatore degli Stati Uniti a Londra. Non è una forzatura credere che oggi esistano relazioni simili e persino più formali tra l'intelligence americana e quella britannica e i cosiddetti "giornalisti" britannici che riferiscono di zone di guerra come la Siria, l'Iraq, la Libia, lo Yemen, l'Afghanistan e la Striscia di Gaza, così come da luoghi di attacco di agenti nervini molto battuti come Salisbury, in Inghilterra.

Non appena hanno avuto notizie recenti notizie da Douma di un attacco di gas cloro siriano e agente sarin che ha ucciso tra i 40 e i 70 civili, i giornalisti britannici in Medio Oriente e Londra hanno iniziato a echeggiare dichiarazioni verbali degli "elmetti bianchi" siriani e dell'Osservatorio siriano per i diritti umani.

In realtà, gli elmetti bianchi - sostenuti dai media occidentali come primi soccorritori della difesa civile - ma sono attivisti islamici collegati a gruppi radicali jihadisti finanziati dall'Arabia Saudita - si ritiene abbiano messo in scena l'attacco chimico a Douma entrando nell'ospedale municipale , cercano i pazienti  e li irrorano con secchi d'acqua, con delle videocamere riprendono le scene . Gli elmetti bianchi hanno distribuito i loro video ai media globali, con la BBC e Rupert Murdoch Sky News che forniscono un imprimatur britannico alla campagna di propaganda affermando che Assad ha effettuato un altro attacco chimico con "bombe barili" contro "la sua stessa gente". E, come sempre, l'MI-6 che finanzia l'Osservatorio siriano per i diritti umani, un fronte di notizie anti-Assad  affermano sia l'opera di un espatriato siriano e cittadino britannico di nome Rami Abdel Rahman che trasmette dal suo negozio di abbigliamento a Coventry, in Inghilterra,

Con il presidente Trump che porta con se sempre più neo-conservatori, screditati dalle loro massicce operazioni di propaganda anti-Iraq durante l'era Bush-Cheney, nella sua amministrazione, per questo motivo il mondo sta assistendo al prolungamento della "Trump Doctrine".

La Dottrina Trump può essere meglio spiegata come segue: Una nazione sarà soggetta ad un attacco militare USA a seconda che Trump stia affrontando un grave scandalo politico o sessuale in patria.

Tale era il caso nell'aprile 2017, quando Trump ordinò un attacco con missili da crociera sulla base aerea russo-siriana a Shayrat, in Siria. Trump si stava ancora riprendendo dalle dimissioni del suo consigliere per la sicurezza nazionale, il tenente generale Michael Flynn, a febbraio per il mixaggio della sua attività di consulenza privata con le sue funzioni ufficiali della Casa Bianca. Trump aveva bisogno di un diversivo e la falsa accusa secondo cui Assad avrebbe usato il gas sarin nel villaggio di Khan Sheikoun il 4 aprile 2017 ha fornito la favola necessaria ai media affamati di guerra.

Il più recente attacco missilistico da crociera è stato quello di distogliere l'attenzione del pubblico dall'aggressione personale di Trump che è seguita alla perquisizione ddella Federal Bureau of Investigation, per uno scandalo sessuale che coinvolge Trump e un'attrice porno, e un "racconto" del direttore dell'FBI licenziato da Trump, James Comey.

Sebbene questi due scandali offrissero ai neo-con l'opportunità di testare Trump con operazioni di falsa bandiera in Siria, non erano la prima volta che tali azioni venivano eseguite. Nel 2013, il governo siriano è stato accusato di un simile attacco chimico ai civili a Ghouta. Quell'anno, i ribelli siriani, sostenuti dalla Central Intelligence Agency, hanno ammesso al giornalista dell'Associated Press sul terreno in Siria che avevano ricevuto armi chimiche vietate dall'Arabia Saudita, ma che i contenitori di armi sono esplosi dopo essere stati maneggiati impropriamente dai ribelli. Immediatamente, l'Osservatorio siriano per i diritti umani e le organizzazioni ribelli siriane che operavano fuori dalla Turchia affermarono che Assad aveva usato bombe a barile a carica chimica sul "suo popolo". Tuttavia, fonti turche, americane e libanesi hanno confermato che si trattava dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (ISIL) che aveva malamente imbastito un attacco di agente nervino sarin in falsa bandiera a Ghouta.

Pochi media occidentali si sono preoccupati il 19 marzo 2013,  per l'agente nervino sarin del gruppo ribelle della Brigata Bashair al-Nasr, legati al Free Syrian Army esercito mercenario proxi di USA e britannici. I ribelli hanno usato un proiettile non guidato "Bashair-3", contenente l'agente mortale del sarin, sui civili di Khan al-Assal, fuori Aleppo, almeno 27 civili uccisi e decine di altri sono rimasti feriti nell'attentato. l'uso di armi chimiche su di loro durante lo stesso periodo dai gruppi ribelli siriani sostenuti da Stati Uniti, Turchia e Arabia Saudita. I soliti operatori di propaganda - Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, Medici senza frontiere, BBC, CNN e Sky News - sono rimasti tutti zitti senza riferire nulla in occasione di questi attacchi.

Nel 2013, aprile 2017 e aprile 2018, la camera di eco dei media occidentali ha diffuso gli stessi punti di discussione: "Assad uccide la sua stessa gente", "Le armi siriane di distruzione di massa" e "l'omicidio di massa di donne e bambini". Le reti di news occidentali presentavano video di donne e bambini morti, mentre i propagandisti pagati, noti come "contributori" delle reti di news corporate - tutti con legami con il complesso di intelligence militare - richiedevano un'azione da intraprendere contro Assad.

Trump, ha ora come  consigliere  il famigerato falco da guerra neocon John Bolton, il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale, ha iniziato a riferirsi ad Assad come a un "animale" e a un "mostro". Bolton, insieme al capo dello staff del vicepresidente Dick Cheney, Irving Lewis "Scooter" " Libby, ha contribuito a creare un linguaggio simile contro Saddam Hussein prima dell'invasione e dell'occupazione dell'Iraq del 2003. Non a caso Trump - su sollecitazione di Bolton e altri neo-con - ha concesso il perdono a Libby lo stesso giorno in cui ha ordinato l'attacco con missili da crociera su Damasco e altri obiettivi in ​​Siria. Libby è stato condannato nel 2005 per falsa testimonianza e divulgazione illegale di informazioni sulla sicurezza nazionale.

Al mondo viene chiesto di prendere, come valore nominale, la parola di bugiardi brevettati come Trump, Bolton e altri neocon, che ora sono impegnati a unirsi all'amministrazione Trump a una velocità vertiginosa. I mass media delle corporate  agiscono spudoratamente come se non mentisse mai sui motivi addotti dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna per andare in guerra in Iraq e in Libia. Perché gli si dovrebbe credere ora?

Reazioni:
Categories: ,

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!