venerdì 6 luglio 2018

Bambini Soldato, Cannibalismo E Altre Atrocità Conseguenza della Guerra in Congo

Gli investigatori delle Nazioni Unite sospettano che tutte le parti coinvolte nel conflitto in Congo nella regione del Kasai siano colpevoli di crimini di guerra e  contro l'umanità




Le Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto il 3 luglio che riporta violazioni e atrocità, come il cannibalismo, commesse nel conflitto armato nella Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Il conflitto è scoppiato alla fine del 2016 tra la milizia del leader locale Kamwina Nsapu, il gruppo Bana Mura e le forze armate della nazione africana insieme ad altri gruppi.

In particolare, l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (EACDH) ha sottolineato che tra gennaio e maggio di quest'anno sono state registrate 2.858 violazioni. Inoltre, il testo del rapporto dell'ONU mette in guardia dall'aumento di questi casi, che nello stesso periodo del 2017 raggiunsero i 2.332.

Gli sfollati

L'organizzazione internazionale sottolinea che attualmente vi sono 4,4 milioni di sfollati interni in tutto il paese a causa della violenza. Le Nazioni Unite hanno espresso particolare preoccupazione per l'ambiente ostile nelle province del Sud e del Nord Kivu, nonché nelle province di Kasai e Maniema, dove è aumentato il numero di operazioni dei gruppi armati.

D'altro canto, il rapporto sottolineava il fatto che un terzo degli abusi, tra cui l'abuso sessuale, "sembra che i  responsabili sono gli appartenenti alle forze armate congolesi".

Sempre secondo gli esperti delle Nazioni Unite, nel conflitto armato molti bambini soffrono perché sono spesso costretti dalle milizie a combattere disarmati o solo con bastoni, "mentre le forze armate usano armi automatiche".

Cannibalismo

Tra le altre crudeltà nel confronto, il rapporto indica casi di cannibalismo: "Una vittima ci ha detto che nel maggio 2017 ha visto un gruppo di miliziani Kamwina Nsapu trasportare genitali femminili come medaglie", ha riportato il documento citato da Reuters.

Altre vittime hanno riferito di aver visto delle persone tagliate  a pezzi, cucinate e mangiare carne umana e bere sangue.

Il rapporto evidenzia anche casi in cui i ragazzi sono stati costretti a stuprare le loro madri, le ragazze erano convinte che la stregoneria avrebbe impedito di cadere sotto il fuoco delle armi  e resi invulnerabili di fronte ai proiettili, mentre altre donne sono state costrette a scegliere tra stupro di gruppo o la morte.

Sfiducia nel processo elettorale

In questo contesto, il documento delle Nazioni Unite afferma che non ci sono garanzie o fiducia nella legittimità di un possibile processo elettorale, previsto per il 23 dicembre.

L'ONU nota che "l'intimidazione degli attivisti per i diritti umani e dei giornalisti si è intensificata e si registrano molti casi di arresti arbitrari da parte delle forze di sicurezza ".

Il documento sottolinea che una delle ragioni della crisi locale potrebbe essere l'eccessiva permanenza nella carica del presidente Joseph Kabila, che salì al potere nel 2001, quando uccise suo padre Laurent-Désiré Kabila.

bambini soldati

 Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!