domenica 17 dicembre 2017

Scienziati dimostrano che le persone vaccinate per l'herpes zoster possono infettare gli altri con la varicella
Sa Defenza





Per molti anni, il governo degli Stati Uniti e i media mainstream hanno continuato a incolpare la comunità non vaccinata per la diffusione di malattie infettive. Siamo costantemente bombardati da affermazioni come quella scritta da Philip Ross e pubblicate sull'International Business Times , che affermava:
(Articolo di Claire Dwoskin ripubblicato da Info.CMSRI.Org )
"L'aula americana è diventata un campo di battaglia per i genitori che sono minacciati dal crescente numero di bambini non vaccinati contro il morbillo, uno dei virus più altamente contagiosi al mondo. L'attuale epidemia di morbillo negli Stati Uniti, che ha avuto inizio a Disneyland e si è diffusa in 14 stati, ha sollevato preoccupazioni per il crescente movimento anti-vaccinazione del paese, tra l'altro si chiedono se la decisione di vaccinare contro una malattia così pericolosa debba essere lasciata ai genitori, e cosa costituisce la responsabilità dei figli.  Se un bambino i cui genitori hanno scelto di non vaccinare può essere consentito loro di condividere le stesse matite e il parco giochi dei bambini vaccinati?"
Anche se l'International Business Times ha tentato di presentare al pubblico una revisione equilibrata della situazione di fronte i genitori, c'è da chiedersi se hanno presentato alcuna prova reale a sostegno delle loro affermazioni, visto che hanno lasciato molti lettori con domande senza risposta.

I vaccini di herpes zoster causano la varicella nel non vaccinato



Nel 2011, un team di scienziati guidato da Duane L. Pierson ha pubblicato il libro Varicella Zoster Virus DNA at Inoculation Sites and in Saliva After Zostavax Immunization .

Nel loro articolo si dibatte sul fatto se gli individui vaccinati con il vaccino zoster possano restare infettivi con il virus della varicella dopo essere stati vaccinati. Per studiare questa preoccupazione più in dettaglio, il team ha studiato 36 individui di età maggiore ai 60 anni che erano stati vaccinati recentemente  con il vaccino zoster, Zostavax. Gli scienziati hanno scoperto che sebbene il vaccino fosse efficace nel ridurre l'incidenza di herpes zoster negli anziani, molti dei campioni di pelle e saliva sono risultati positivi al virus del varicella zoster (VZV) fino a 28 giorni dopo la vaccinazione.

Maggiori informazioni su: Info.CMSRI.Org

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!