domenica 2 dicembre 2018

Mosca riprende il dialogo con gli Stati Uniti non appena Washington è pronta - Lavrov

© Sputnik / Alexey Druzginin / Anton Denisov / Ufficio stampa presidenziale russo
Mosca riprende il dialogo, con gli Stati Uniti, non appena Washington è pronta - Lavrov

Sputnik 
Sa Defenza 


In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin ha espresso disappunto per la decisione del Presidente Trump di cancellare il loro incontro programmato al G20 in Argentina, dicendo che i due paesi hanno molto di cui discutere su questioni come la stabilità strategica nucleare alla luce del discorso degli Stati Uniti di ritirarsi dal Trattato  nucleare "Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty".


La Russia è pronta per la normalizzazione del dialogo con gli Stati Uniti non appena i suoi colleghi americani sono pronti a farlo, ha annunciato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

"Il Consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti al presidente John Bolton ha contattato Yuri Ushakov, assistente del presidente russo per questioni di politica estera, e ha confermato che la parte americana vorrebbe riprendere e normalizzare il dialogo", ha detto Lavrov durante un'intervista con la televisione russa.

"Siamo pronti per questo appena i nostri colleghi lo sono ", ha osservato Lavrov.

Alla domanda se avesse incontrato il suo omologo americano Mike Pompeo al G20, che si è concluso sabato a Buenos Aires, Lavrov ha detto di no. "No, naturalmente, non l'ho rincorso, e lui non mi si è avvicinato."

"Ad essere onesti, non so nemmeno se fosse lì o no, perché non ho visto l'intera delegazione degli Stati Uniti", ha aggiunto Lavrov.

Alla domanda sul prossimo incontro tra Putin e Trump, il ministro degli Esteri russo ha detto di non sapere quando si farà, e che non si azzarda, nemmeno, a indovinare alcuna data.

Ha aggiunto che non poteva escludere che l'incidente della scorsa domenica nello Stretto di Kerch, che ha visto la Russia arrestare tre navi della Marina ucraina e due dozzine di marinai dopo aver violato i confini marittimi russi, potrebbe essere stato solo un pretesto per interrompere il previsto incontro tra Putin e Trump.

"Non sono un sostenitore delle teorie del complotto e di tutti i tipi di speculazioni cospirative, ma ultimamente ci sono state troppe coincidenze di casi in cui, alla vigilia di eventi significativi, si verifica una sorta di provocazione,  vengono immediatamente utilizzati per intensificare le sanzioni retoriche ", Ha spiegato Lavrov.

"Giochi pericolosi degli Stati Uniti in Siria"

Commentando l'attuale situazione in Siria, il ministro degli Esteri russo  accusa gli Stati Uniti di provare a giocare la "carta Kurda" a est del fiume Eufrate, e  afferma che questo "gioco" è molto pericoloso.

"Parte delle azioni [degli Stati Uniti] ad est dell'Eufrate e in altre zone della Siria, dove hanno le loro forze speciali e consiglieri, sta giocando  la" carta Kurda ".Questo è un gioco molto pericoloso, data l'urgenza della questione curda in diversi paesi della regione - non solo in Siria, ma anche in Iraq, in Iran e, naturalmente, in Turchia ", ha spiegato Lavrov.

Secondo il ministro degli esteri, sta diventando "ovvio" che le potenze occidentali coinvolte nel conflitto siriano non hanno una strategia alternativa. Ciò è stato evidenziato dal fatto che gli Stati Uniti si sono impegnati a "cercare di formare strutture quasi-statali" nei territori controllati dai curdi, "versando centinaia di milioni di dollari per ricostruire  queste aree in modo che le persone potessero riprendere vite normali e pacifiche, mentre si rifiutano di far ripristinare l'infrastruttura nei territori controllati dal governo siriano ", ha detto Lavrov.


Nessun Meeting Tra Putin e Trump 
Il Presidente Donald Trump ha inaspettatamente cancellato il suo incontro con il Presidente Putin al G20 a Buenos Aires giovedì dopo essere stato informato sull'incidente dello Stretto di Kerch. Trump ha twittato che avrebbe rimandato un incontro ad alto livello con il suo omologo russo fino a quando "la situazione" che circonda le navi e i marinai ucraini detenuti non sia "risolta". Putin ha espresso delusione per la decisione di Trump, affermando che ci sono importanti "questioni di stabilità strategica" da discutere "alla luce dell'annuncio del presidente secondo cui intende far ritirare gli Stati Uniti dal Trattato INF".


Trump ha annunciato l'intenzione di ritirarsi dal trattato sulle forze nucleari di intermedio  intervallo  a ottobre, accusando la Russia di violare le sue disposizioni. Il trattato sul controllo degli armamenti, firmato dagli Stati Uniti e dall'URSS nel 1987, proibiva ai due paesi di sviluppare e mettere in campo missili balistici e da crociera nucleari a terra nell'intervallo 500-5.500 km. La Russia ha negato di aver violato il trattato e ha sottolineato le palesi violazioni del trattato da parte di Washington, incluso lo spiegamento di componenti di scudo di difesa missilistica a duplice uso in Romania e Polonia. Insieme a Mosca, gli alleati europei di Washington hanno espresso preoccupazione per le intenzioni degli Stati Uniti nel voler demolire l'INF.
*****
https://sadefenza.blogspot.com/2018/12/mosca-riprende-il-dialogo-con-gli-stati.html


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!