sabato 5 gennaio 2019

Mentre I Pupazzi Latinoamericani Di Washington Denunciano Il Venezuela, Il Messico Difende Maduro

Paul Antonopoulos
Sa Defenza 




CITTA' DEL MESSICO, Messico - Il governo del Messico ha deciso di non sostenere la dichiarazione del gruppo di Lima sul Venezuela in merito all'autodeterminazione dei popoli. La posizione è stata presentata dal Sottosegretario Maximiliano Reyes Zúñiga, responsabile dell'America Latina e dei Caraibi del Ministero degli Esteri messicano.

"Il governo del Messico, segue fedelmente i suoi principi costituzionali in politica estera, e si asterrà dal rilasciare qualsiasi decisione sulla legittimità del governo venezuelano. L'autodeterminazione e il non intervento sono principi costituzionali che il Messico deve seguire ", ha detto Zúñiga.

Zúñiga ha partecipato all'incontro dei ministri degli esteri del gruppo, tenutosi nella capitale peruviana, al posto del ministro degli Esteri, Marcelo Ebrard.

Ha aggiunto che "promuovere il dialogo tra le parti per trovare una soluzione pacifica alla situazione in Venezuela continuerà ad essere una priorità della politica estera del Messico, quindi questa volta il Messico non seguirà il testo in discussione".
Tuttavia, Zúñiga ha detto ai ministri degli Esteri che il Messico "ribadisce la sua preoccupazione per le dinamiche che hanno alterato la pace e la prosperità del popolo venezuelano e la situazione relativa al rispetto dei diritti umani ".

Nella dichiarazione del gruppo di Lima venerdì, i 13 paesi firmatari indicano di NON riconoscere la legittimità del nuovo mandato presidenziale di Nicolás Maduro in Venezuela.


I governi del Perù, Argentina, Brasile, Canada, Colombia, Costa Rica, Cile, Guatemala, Guyana, Honduras, Panama, Paraguay e Santa Lucia hanno chiesto a Maduro di non assumere la presidenza del Venezuela il 10 gennaio e di trasferire il potere esecutivo all'Assemblea (parlamento unicamerale con la maggioranza dell'opposizione) fino a quando si terranno nuove elezioni democratiche.

Il Messico è l'unico paese membro del gruppo di Lima a non firmare la dichiarazione.

Il gruppo di Lima ha anche espresso la "grave preoccupazione per l'esodo di massa di migranti e richiedenti asilo a seguito della grave crisi politica e umanitaria in quel paese".

Allo stesso modo, i paesi firmatari hanno annunciato che rivaluteranno le loro relazioni diplomatiche con il Venezuela, "a causa del ripristino della democrazia e dell'ordine costituzionale in quel paese".


Hanno anche concordato di impedire l'ingresso nei loro territori di alti funzionari del governo venezuelano e di stabilire sanzioni finanziarie per le persone e le società collegate all'esecutivo di Caracas.

*****


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!