venerdì 15 febbraio 2019

L'ELEFANTE (GOVERNO ITALIOTA) HA PARTORITO  UN TOPOLINO (AUMENTO 5 CENT PREZZO LATTE )

SA DEFENZA



Dopo giorni e giorni di dure proteste, in Sardinya, con lo sversamento di migliaia di litri di latte per le strade,  dei Pastori sardi, protesta dovuta alla miseria con cui viene pagato il latte, che a dire il vero è a prezzi che oscillano da 60 cent € in giù ben sapendo che il costo per litro è molto più alto e perciò venduto sottocosto.

Il Governo italiota si cimenta a una ulteriore grande provocazione contro il settore dell'allevamento sardo proponendo un prezzo irrisorio di 70 cent€ litro, ben sapendo che i costi sono bel al disopra quella proposta. Così chi si fosse fatto un'idea e pensava fosse un governo amico , si può ravvedere e capire che non esistono governi amici, da Gilet Gialli della Sardinya sosteniamo e solidarizziamo con la giusta lotta dei pastori da sempre.

Ma  è venuto il momento di ragionare su questa situazione  che non è di certo piacevole per le famiglie  degli allevatori,  che come sappiamo si trovano in gravi difficoltà economiche; ciononostante azzardiamo fare una proposta solidale, ovvero di trasformare  il latte giacente negli ovili in formaggi da distribuire  ai compaesani, che in modo solidale permettono alle famiglie degli allevatori di poter racimolare, con un giusto prezzo da loro imposto, le risorse per i loro bisogni.

Quanto accade in Sardinya non è una novità , il potere politico che è sempre servo di altri interessi superiori a loro , élite private e spesso sovranazionali , esprime  il limite a cui sono sottoposti per incapacità relazionale e di visione chiara sugli interessi da fare. 

La maggioranza delle genti pensa che siamo in una democrazia  e spesso si rifà alla costituzione della repubblica. che come sappiamo i partiti hanno modificato a favore di situazioni trasnazionali con il pareggio di bilancio trasformando di fatto  la repubblica in azienda, atto preso dal governo servo degli interessi esteri del criminale Mario Monti e company sostenuto da tutti i partiti, e rendendo la nazione italica incapace di reagire  alle difficoltà economiche.

La proposta che facciamo tutti insieme  al movimento dei pastori è di non fermarsi alla sola richiesta di un prezzo migliore ma si deve chiedere anche l'assorbimento totale della produzione, blocco importazione del latte, oltre a un controllo del prodotto finale, perchè con uno stato non stato come quello che abbiamo le cose continuano ad essere negative per le genti del paese , dunque oltre alla giusta retribuzione del duro lavoro che la categoria di allevamento esegue deve essere richiesta il cambiamento di paradigma che metta la persona al centro della politica  economica e sociale e non la competizione sfavorevole proposta dal globalismo esasperato che favorisce solo gli interessi delle multinazionali.

Proponiamo che tutte le categorie dei lavoratori subordinati , autonomi  , artigiani e commercianti e tutte le classi esistenti in terra italica e sarda , si cimentino in una nuova proposta costituente ove le leggi siamo diretta espressione delle istanze del popolo per le diverse appartenenze categoriali e delle varie classi sociali, e che si ribalti la conformazione del potere centrale non più per delega ma assunzione orizzontale  popolare, assembleare di democrazia diretta e partecipativa; 

Pensiamo che la soluzione che può risolvere tutte le problematiche delle categorie e classi sociali attuali , sia  solo il superamento dell'attuale visone neoliberista, con una sterzata a 180 gradi che può cambiare il paradigma a favore dei molti e non dei pochi com'è l'attuale sistema di potere politico ed economico.

Perciò solidarietà con i PASTORI  ma al contempo prepariamoci al cambiamento pacifico radicale della visione statuaria con una nuova COSTITUENTE DELLO STATO dalla parte delle genti , senza più dare delega a personaggio corrompibili , con la democrazia diretta e partecipativa che serva le istanze popolari e non privatistiche, fuori dal globalismo imposto dalle multinazionali per meri interessi di parte, si alla partecipazione del locale con adeguate dogane in difesa e per proteggere il nostro lavoro e famiglie. 

Apriamo il dibattito ed esponiamo le nostre idee per la salvaguardia dei nostri interessi di categoria e di classe, riuniamo attorno tutti assieme  e collaboriamo tutti come i Gilet Gialli.


A proposito di latte sardo è interessante sapere chi sono i concorrenti che stanno mettendo in ginocchio i pastori:

Nel 1991 nasce la SIMEST: azienda controllata dal Ministero dello Sviluppo economico che, attualmente per un 76%, appartiene alla Cassa Depositi e Prestiti, quindi di fatto un’azienda di Stato.
SIMEST affianca le imprese per tutto il loro ciclo di sviluppo internazionale, dalla prima valutazione di apertura ad un nuovo mercato, fino all'espansione attraverso la partecipazione al capitale di società estere o italiane. Opera attraverso Finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione, il Credito alle esportazioni, e la Partecipazione al capitale di rischio. Tutto ciò alla fine si è trasformato in un’incentivo statale alla delocalizzazione. 


Significa che noi spendiamo i nostri soldi per favorire privati ad aprire stabilimenti all’estero che guadagnano maggiormente per effetto del minor costo della manodopera è al contempo tolgono lavoro agli italiani. Bei furbi che siamo !!!. Ma questa faccenda non finisce qui. 


SIMEST è azionaria per un 29,5%, quindi in pratica mette soldi pubblici in un’azienda privata ma non ha alcun potere decisionale, della LACTITALIA


LACTITALIA è un’azienda che ha sede a Timisoara, Romania, e, per il rimanente 70,5 %, è di proprietà di una famiglia sarda, la famiglia Pinna. Lo Stato italiano è quindi, in parte, proprietario di una industria che in Romania, con latte romeno e ungherese, produce formaggi di pecora che vengono spacciati come Made in Italy sui mercati europeo e statunitense.

In sostanza ha favorito un’azienda italiana a delocalizzare e a fare concorrenza sleale ai produttori italiani di pecorino, e tutto questo in modo che non si sappia.



È opinione diffusa tra i sardi che l'unico modo di superare questa impasse si deve puntare alla legge 75/98 su zona franca integrale,  così da levare tutte le tasse e accise un male che  riducono la Sardegna  a zona depressa, de-industrializzata de-popolata e non competitiva, a motivo della insularità e dei costi di trasporto e dell'energia troppo alti...


*****

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Reazioni:

1 commenti:

ancor ha detto...

Le solite birberie degli italioti lestofanti e vili. Chi è responsabile delle correttezze e degli accorgimenti da instaurare sono perennemente manchevoli, ma sempre presenti ad intascare il loro stipendio, finanche qualche...tangente tanto per arrotondare, non si sa mai...

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!