sabato 20 aprile 2019


Fallisce Golpe  Guaidò, e gli 
Stati Uniti Perdono Controllo Sul Venezuela

Fort Russ 



WASHINGTON DC - Mercoledì gli Stati Uniti hanno imposto nuove sanzioni contro la Banca Centrale del Venezuela. Nel frattempo, lo scienziato politico Vladimir Shapovalov ha dichiarato che tutte le sanzioni che gli Stati Uniti avrebbero potuto adottare contro il Venezuela sono già state attuate.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha detto che le nuove sanzioni introdotte dagli Stati Uniti daranno nuova forza al Paese.

"Le sanzioni sono assolutamente immorali, la banca centrale non è sacra. Lasciatemi dire che le sanzioni ci danno ancora più forza ", afferma  Maduro in una dichiarazione trasmessa dalla TV di stato.

Secondo le parole del leader venezuelano, la Banca centrale del Venezuela  supererà queste difficoltà.

John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha annunciato il 17 aprile che avrebbe introdotto nuove sanzioni contro la Banca centrale del Venezuela. Le restrizioni dovrebbero mettere in guardia anche i paesi terzi, inclusa la Russia, contro qualsiasi dispiegamento di forze militari in Venezuela volte a sostenere il presidente Nicolas Maduro, ha detto Bolton.

Lo scienziato politico Vladimir Shapovalov, vice direttore dell'Istituto di storia e politica dell'Università statale di pedagogia di Mosca, ha commentato la situazione.

Ha sottolineato che queste non sono le prime sanzioni introdotte contro il Venezuela. E che gli Stati Uniti stanno facendo pressione su Caracas in vari modi, incluso l'uso del linguaggio degli ultimatum e delle minacce.

"Questa [misura] ha un carattere apparente, e per definizione non può avere effetti gravi. Tutto ciò che gli Stati Uniti avrebbero potuto fare non ha fatto altro che spingere un intervento militare diretto, durante la crisi durata tre mesi, il presidente nominato dagli Stati Uniti non è riuscito a  prendere il controllo del potere del paese, quindi è ovvio che gli Stati Uniti stanno perdendo il controllo sulla situazione del Venezuela e dimostra la sua incapacità di organizzare un colpo di stato ", ha detto Vladimir Shapovalov.

Il 21 gennaio sono iniziate le proteste di massa in Venezuela a favore e contro l'attuale presidente Nicolás Maduro. Dopo l'inizio delle manifestazioni, Juan Guaidó si è dichiarato presidente in carica. La Russia, la Cina e altre nazioni sostengono il legittimo presidente venezuelano.





*****

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!