martedì 14 maggio 2019

Stati Uniti, la Russia coinvolta nel Venezuela

MK BHADRAKUMAR
Sa Defenza 

(I sostenitori del governo affollano le strade se Caracas dopo il fallimento del tentativo di colpo sostenuto dagli Stati Uniti, Venezuela, 1 maggio 2019) 


Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha sottolineato giovedì scorso a Mosca che non si prevedono contatti tra il presidente russo Vladimir Putin e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump al vertice del G20 in Giappone dal 28 al 29 giugno. "Un incontro non è pianificato finora e non si parla di incontro", ha detto Peskov.

Questa osservazione è stata fatta in vista della prossima visita in Russia del Segretario di Stato Mike Pompeo il 12-14 aprile. C'è stata molta speculazione sui media statunitensi che un incontro al vertice tra Trump e Putin sarebbe stato probabilmente tra i punti di discussione di Pompeo con la leadership russa.

Le"digressioni aperte" cui Trump ha fatto ricorso a margine degli eventi internazionali per avere uno scambio veloce di opinioni con Putin è caduto. In primo luogo, le cose sono rimaste strettamente tra i due statisti a livello personale e in secondo luogo, Trump ha dovuto fare attenzione a non irritare nessuno mentre era in corso l'inchiesta di Robert Mueller sulla "collusione russa". L'accordo ha scontentato la parte russa, poiché le conversazioni informali non essendo strutturate alla fine non hanno portato che al nulla. Le relazioni russo-americane hanno continuato a deteriorarsi.

Non sorprende che Pompeo abbia impiegato più di un anno per programmare la sua prima visita a Mosca dopo essere diventato segretario di stato nell'aprile 2018. (Nessun segretario americano della difesa ha ancora visitato la Russia durante la presidenza Trump). La proposta della visita di Pompeo  è stata disbrigata da Washington solo pochi giorni fa, all'inizio del mese. Pertanto, se la visita di Pompeo viene trattata con poco entusiasmo, potrebbe essere dovuto al fatto che Mosca non si aspetta grandi risultati.

Il punto è che, sebbene l'inchiesta di Mueller non ha provato alcuna "collusione" tra Trump e il Cremlino, ma, la Russia continua ad essere argomento spinoso negli Stati Uniti. Per i detrattori di Trump, lui e la Russia sono spesso sinonimi. La narrativa che Trump e le persone intorno a lui erano impegnate in attività improprie con la Russia non si estingue, anzi,  ci sono ulteriori ricerche nella Washington Beltway per scoprire se possibile altri possibili collegamenti tra l'organizzazione di Trump e persino la sua famiglia con entità o oligarchi russi. 

Quindi, vi è la controversa questione delle sanzioni statunitensi contro la Russia, che limitano intrinsecamente la portata di ogni significativa espansione dai vincoli. Le sanzioni post-2016 non derivano da ordini dell'esecutivo, ma derivano da leggi approvate dal Congresso degli Stati Uniti, che impediscono a Trump di poterle rimuovere e, allo stesso tempo, non sono neppure collegate a specifici comportamenti russi. I russi comprendono che le sanzioni non saranno revocate per tanto tempo.

Dunque con questi limiti, che cosa sperano di ottenere con la visita di Pompeo? Durante un briefing del dipartimento di stato, il 10 maggio, un anonimo alto funzionario degli Stati Uniti ha rivelato che il controllo degli armamenti sarà l'obiettivo principale di Pompeo durante la visita in Russia. Ha detto che Trump cerca nuovi accordi con la Russia "che riflettono la realtà moderna. Questi accordi devono includere una più ampia gamma di paesi e rappresentare una gamma più ampia di sistemi d'arma rispetto ai nostri attuali trattati bilaterali con la Russia. " Inoltre, ha affermato:" Ci sarà una gamma completa delle sfide globali di cui discutere, tra cui l'Ucraina, il Venezuela, Iran, Siria e Corea del Nord. "

Tuttavia, ci sono sufficienti segni che la cosa principale da vedere potrebbe essere un accordo possibile USA-Russia sul Venezuela. Tre settimane fa, Fiona Hill, senior director per gli affari europei e russi al Consiglio di sicurezza nazionale alla Casa Bianca, aveva visitato Mosca per consultazioni . Tra gli altri, ha incontrato Yuri Ushakov, consigliere per la politica estera di Putin. Secondo i resoconti dei media, Hill ha definito prioritario il Venezuela come argomento attuale, più importante, nelle relazioni USA-Russia.

Probabilmente, più del petrolio o della Monroe Doctrine, ciò che motiva Trump potrebbe essere l'impatto di un cambio di regime in Venezuela sugli elettori ispanici nella corsa presidenziale del 2020 in Florida. Questa impressione sarebbe stata rafforzata solo la scorsa settimana quando Pompeo ha incontrato Lavrov a margine del Consiglio Artico di Helsinki quando, ancora una volta, il Venezuela ha avuto un ruolo di primo piano nella discussione.

Con il recente tentativo di colpo di stato appoggiato dagli Stati Uniti in  Venezuela il 30 aprile, dopo aver fallito in modo spettacolare, la probabilità di un intervento americano definitivo è bassa, quasi inesistente. Trump starebbe cercando aiuto russo per una transizione costituzionale a Caracas che potrebbe proiettare come una "vittoria". Sia Washington che Mosca hanno grande esperienza nell'adozione di un approccio transazionale alla loro relazione.

Per la Russia, d'altra parte, il suo sostegno al governo Maduro a Caracas è guidato tanto dagli interessi finanziari e energetici quanto dalla visione di Mosca di un ordine mondiale multipolare basato sul diritto internazionale. Come ha scritto recentemente l'analista moscovita Fred Weir, "anche se potrebbe sembrare uno stallo della Guerra Fredda, per la Russia si tratta della questione più semplice di stabilire regole per competere in grandi potenze in un mondo post Guerra fredda. In Venezuela, e tra gli Stati Uniti e la Russia in generale, non esiste una netta divisione ideologica sulle dottrine che modellano il mondo come il comunismo contro il capitalismo ".

In altre parole, la discordia russo-americana sul Venezuela si riduce a questa: Washington vuole che la Russia smetta di "intromettersi" nell'emisfero occidentale, mentre Mosca si aspetterebbe che anche gli Stati Uniti smettano di fomentare rivoluzioni contro Mosca nel cortile della Russia. Altrimenti, gli esperti russi riconoscono che poco importa a Mosca chi governa a Caracas.
L'influente pensatore strategico a Mosca, Fyodor Lukyanov, ha detto a Weir: "Il rapporto tra Russia e Venezuela è stato un incidente. Era principalmente l'iniziativa di Hugo Chávez, che cercava di controbilanciare la dipendenza del suo paese dagli Stati Uniti. Naturalmente questo è stato sostenuto con entusiasmo da Mosca. Ma va sottolineato che in quel momento, all'inizio degli anni 2000, Chavez era ricco e poteva pagare armi e consigli russi. Da quando Chavez è morto e il suo successore non si è dimostrato così abile o popolare, molti a Mosca sono stati preoccupati dei nostri ingenti investimenti in un regime potenzialmente instabile ".
È del tutto immaginabile che questo complicato tango russo-americano di "intromissione" nella regione dell'altra parte potrebbe essere in prima istanza ciò che spinse Washington a programmare la visita frettolosa, del 14 aprile a Sochi, di Pompeo in Russia per incontrare Lavrov e Putin. Evidentemente, La rianimazione della Monroe Doctrine da parte dell'amministrazione Trump fornisce un'apertura diplomatica a Mosca, che naturalmente continua ad amare i territori delle ex repubbliche sovietiche come la loro "sfera di influenza".

Per citare di nuovo Lukyanov, "Questa citazione della Monroe Doctrine è qualcosa di piuttosto intrigante, e sarebbe molto gradita a Mosca se gli americani la prendessero sul serio." In effetti, alcuni rapporti sui colloqui di Fiona Hill a Mosca il mese scorso hanno fatto capire che lei fatto una proposta a ciò che ha coinvolto in modo approssimativo la Russia che ha lasciato il Venezuela in cambio di alcune concessioni statunitensi sull'Ucraina.

Comunque sia, in modo significativo, i ministri degli esteri russi e venezuelani si sono incontrati a Mosca alla vigilia dell'incontro di Lavrov con Pompeo a Helsinki la scorsa settimana. Ciò che deve essere preso in considerazione è che, sebbene il tentativo di colpo di stato del 30 aprile sia fallito, la situazione in Venezuela è fluida. Secondo i media russi , il presidente Maduro ha espulso dozzine di ufficiali dell'esercito per il loro coinvolgimento nel colpo di stato, inclusi ufficiali di alto rango.

Per essere sicuri, Mosca sa che è necessaria una soluzione politica. La parte buona è che il cambio di regime è ormai fuori dal tavolo, il che dà tregua al negoziato. Dopo l'incontro con Pompeo a Helsinki, Lavrov ha detto ai media che avrebbe escluso qualsiasi intervento militare straniero in Venezuela.

Ma il problema è che manca la fiducia tra Washington e Mosca. La Russia non può essere sicura che la parte americana manterrà la sua parte del patto - cioè, supponendo che ci sia una volontà di negoziare. Di nuovo, c'è il problema delle sanzioni statunitensi, che hanno paralizzato l'economia venezuelana negli ultimi anni. Questo è importante perché l'esposizione della Russia con il Venezuela è enorme. Perlomeno, gli investimenti russi (prestiti) in Venezuela dal 2005 ammontano a $ 17 miliardi.

*****

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!