domenica 30 giugno 2019

Thierry Meyssan: Siamo tutti bugiardi

Thierry Meyssan


Thierry Meyssan reagisce alla commemorazione del D-Day in Normandia, alla commemorazione del massacro di Tiananmen e alla campagna per le elezioni del Parlamento europeo. Sottolinea che continuiamo a mentire deliberatamente e che ne siamo persino orgogliosi. Eppure solo la verità ci renderà liberi.

La propaganda è un mezzo per diffondere idee, siano esse vere o false. Ma mentire a noi stessi non è altro che rifiutarsi di ammettere le nostre colpe, tentando di convincerci che siamo perfetti: significa scappare di fronte alle nostre responsabilità.

La Turchia illustra il parossismo di questo atteggiamento. Persiste nel negare che abbia cercato di sbarazzarsi delle minoranze non musulmane, in diverse ondate, durante lo spazio di una generazione, dal 1894 al 1923.

Gli israeliani non sono troppo malvagi in ​​questo, fingendo di aver creato il loro stato per offrire una vita dignitosa agli ebrei sopravvissuti allo sterminio da parte dei nazisti, quando in realtà Woodrow Wilson accettò di fondare lo stato nel 1917 e che oggi la loro terra natale, oltre 50.000 fuggiaschi dai campi di sterminio vivono miseramente al di sotto della soglia di povertà.

Ma le potenze occidentali sono le uniche a costruire un consenso sulle loro bugie, sostenendo che siano verità rivelate.

Lo sbarco in Normandia

Stiamo celebrando il 75 ° anniversario dello sbarco in Normandia. Secondo la stampa, è quasi unanime, fu qui che gli alleati lanciarono la liberazione dell'Europa dall'occupazione nazista.


Eppure sappiamo che questo non è vero

  • Gli sbarchi non erano opera degli Alleati, ma quasi esclusivamente dell'Impero Britannico e della Forza di Spedizione degli Stati Uniti.
  • Non mirava a "liberare l'Europa", ma a "marciare su Berlino", per afferrare quei brandelli del Terzo Reich che potevano ancora essere presi in prestito dagli eserciti sovietici vittoriosi.
  • L'invasione non fu accolta con gioia dai francesi, ma, al contrario, con orrore. Robert Jospin (padre dell'ex primo ministro Lionel Jospin) ha denunciato, sulla prima pagina del suo giornale, l'importazione anglosassone della guerra in Francia. I francesi seppellirono i loro 20.000 morti, uccisi dagli attentati anglo-sassoni, che erano solo intesi come diversivo. Un'immensa manifestazione si è radunata a Lione attorno al «capo dello stato», l'ex maresciallo Philippe Petain, per rifiutare il dominio anglosassone. E mai, assolutamente mai, il capo di La France Libre, il generale Charles De Gaulle, accettò di partecipare a qualsiasi commemorazione di questa sinistra invasione.
La storia è più complicata di un film western. Non ci sono «bravi ragazzi» o «cattivi», ma uomini che cercano di salvarsi con la maggior umanità possibile. Nel migliore dei casi, siamo stati in grado di schivare le orrende dichiarazioni di Tony Blair che, durante le commemorazioni del 60 ° anniversario, provocò la rabbia della stampa britannica fingendo nel suo discorso che il Regno Unito era entrato in guerra per salvare gli ebrei dalla "Shoah" »- ma non per salvare gli zingari dallo stesso massacro. La distruzione degli ebrei europei non ebbe inizio se non dopo la conferenza di Wansee nel 1942.

Il massacro di Tienanmen
Celebriamo il doloroso anniversario del massacro di Tienanmen. Leggiamo continuamente che il crudele regime imperiale cinese ha massacrato migliaia di cittadini che erano pacificamente radunati nella piazza principale di Pechino, solo perché chiedevano un po di libertà.



Eppure sappiamo che questo non è vero

  • Il sit-in in piazza Tienanmen non era tra i cinesi, ma un tentativo di colpo di stato da parte dei partigiani dell'ex premier Zhao Ziyang.
  • Dozzine di soldati sono stati linciati o bruciati vivi sulla piazza da «manifestanti pacifici» e centinaia di veicoli militari sono stati distrutti, prima che qualsiasi intervento dei soldati di Den Xiaoping fosse attuato contro di loro.
  • Gli specialisti statunitensi delle "rivoluzioni colorate", tra cui Gene Sharp, erano presenti sulla piazza per organizzare gli uomini di Zhao Ziyang.

L'Unione Europea

Abbiamo appena votato per nominare i nostri deputati al Parlamento europeo. Da settimane siamo bombardati da slogan che ci assicurano che «l'Europa significa pace e prosperità» e che l'Unione europea è l'apice del sogno europeo.

Il presidente del Consiglio dell'Unione europea Donald Tusk guida una marcia per celebrare i 15 anni di Polonia nell'UE


Eppure sappiamo che questo non è vero

  • L'Europa è un continente - che raggiunge "da Brest a Vladivostok", secondo la frase di Charles De Gaulle - ed è una cultura di apertura e cooperazione, a differenza dell'Unione europea, che non è altro che un'amministrazione anti-russa che continua la marcia su Berlino sulla scia dello sbarco in Normandia.
  • L'Unione europea non è pace a Cipro, ma vigliaccheria di fronte all'occupazione militare turca. Non è per la prosperità, ma per la stagnazione economica, mentre il resto del mondo si sviluppa con crescente rapidità.
  • L'Unione europea non ha nulla a che fare con il sogno europeo che esisteva tra le due guerre mondiali. I nostri antenati nutrivano l'ambizione di unire i regimi politici che servivano l'interesse generale - le Repubbliche, nel senso etimologico del termine, in conformità con la cultura europea, indipendentemente dal fatto che fossero situate nel continente o altrove. Aristide Briand ha quindi parlato a favore dell'Argentina (un paese di cultura europea in America Latina), ma non del Regno Unito (una società basata sulla classe).

Et cetera, ecc. ...

Ci siamo capitati per caso alla cieca

Dobbiamo distinguere la verità dalla falsità. Possiamo essere contenti che l'hitlerismo abbia fallito, ma senza necessariamente credere che gli anglosassoni ci hanno salvato. Possiamo denunciare la brutalità di Den Xiaoping senza necessariamente negare che in questo modo sanguinoso ha salvato il suo paese dal ritorno del colonialismo. Possiamo celebrare il fatto che non siamo stati dominati dall'Unione Sovietica senza vantarci necessariamente di essere vassalli degli anglosassoni.

Ci mentiamo continuamente per mascherare la nostra vigliaccheria e i nostri crimini. E poi fingiamo la sorpresa perché non siamo in grado di risolvere i problemi umani.


**
Thierry Meyssan Consulente politico, Presidente-fondatore del Réseau Voltaire (Rete Voltaire). Ultimi lavori in inglese – Before Our Very Eyes, Fake Wars and Big Lies: From 9/11 to Donald Trump, Progressive Press, 2019.

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/06/thierry-meyssan-siamo-tutti-bugiardi.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!