lunedì 12 agosto 2019

IRAN:  LA PRESENZA ISRAELIANA NEL GOLFO PERSICO PORTA ALLA GUERRA

southfront





La presenza di Israele nel Golfo Persico potrebbe portare a una guerra nella regione, ha detto il contrammiraglio Alireza Tangsiri, comandante della Marina della Rivoluzione Islamica (IRGC) , al canale televisivo libanese Al Mayadeen.
"Gli Stati Uniti e il Regno Unito devono assumersi la responsabilità della presenza illegale del regime sionista nelle acque del Golfo Persico". 
"Qualsiasi presenza del regime sionista nelle acque del Golfo Persico è illegale, in quanto può provocare guerre e scontri nella regione", ha avvertito Tangsiri.

Tangsiri ha affermato che gli Stati Uniti e il Regno Unito sono responsabili della situazione nel Golfo Persico, principalmente fabbricando i vari scenari che usano come giustificazione per i loro schieramenti.



L'ammiraglio Tangsiri ha dichiarato che la Marina dell'IRGC è responsabile di garantire la sicurezza dello Stretto di Hormuz e del Golfo Persico e "non abbiamo bisogno della presenza di stranieri".
"La sicurezza del Golfo Persico è tra le priorità dell'Iran e riteniamo che le rotte marittime dell'Iran debbano rimanere internazionali", ha aggiunto. 
“L'Iran è il portatore di bandiera della sicurezza nel Golfo Persico, ma ciò dipende dall'esportazione del nostro petrolio e dalla capacità del paese di utilizzare la regione. Garantiremo la sicurezza del Golfo Persico finché sarà garantita la nostra sicurezza ", ha concluso l'Ammiraglio.

Infine, Tangsiri ha avvertito che qualsiasi nave che l'Iran desidera catturare nel Golfo Persico o nello Stretto di Hormuz potrebbe essere facilmente sequestrata e che gli Stati Uniti o il Regno Unito non potrebbero impedirlo. Ciò è in linea con un recente video pubblicato su motoscafi iraniani che inseguono una nave da guerra nel Golfo Persico.



Nello stesso periodo, l'Iran ha svelato un nuovo sistema di difesa aerea - il Khorad 15 , secondo l'ISNA .

"Il sistema di difesa aerea" Khordad 15 "è un simbolo di autostima, prodotto da esperti iraniani", ha dichiarato il ministro della Difesa Amir Hatami, "È un importante risultato difensivo  avanzato, basato sull'attuale  tecnologia mondiale ".

Secondo il ministro della difesa, il sistema è in grado di rilevare jet da combattimento e combattere droni alla distanza di 150 chilometri e di rintracciarli entro 120 chilometri.

Il sistema avanzato è inoltre in grado di rilevare bersagli invisibili fino a 85 chilometri di distanza e coinvolgerli e distruggerli entro 45 chilometri.

"Khordad 15" è progettato per rilevare, intercettare e sparare contemporaneamente sei bersagli, può anche essere preparato per l'azione in meno di cinque minuti, ha osservato il ministro della difesa.

Ciò è avvenuto dopo il 7 agosto , il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha detto che il paese avrebbe preso parte alla missione navale guidata dagli Usa per garantire la sicurezza nel Golfo Persico. È probabile che Tel'Aviv partecipi solo fornendo informazioni di intelligence e "altre" attività, ma non dispiegherà navi.

Il 9 agosto , il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Seyyed Abbas Mousavi ha avvertito che il paese considera possibile la presenza israeliana in una coalizione guidata dagli Stati Uniti nel Golfo Persico come una chiara minaccia alla sua sicurezza nazionale, e si riserva il diritto di contrastarla.


Nell'ambito della dissuasione e della politica difensiva del Paese, la Repubblica islamica dell'Iran si riserva il diritto di contrastare questa minaccia e difendere il proprio territorio. Il regime USA e il regime illegittimo sionista sono responsabili di tutte le conseguenze di questa mossa pericolosa.

L'8 agosto , il ministro della Difesa Amir Hatami ha avvertito che una missione navale guidata dagli Stati Uniti sarebbe solo “aumentare l'insicurezza” e che il coinvolgimento di Israele avrebbe “conseguenze disastrose”.


"La coalizione militare che l'America sta cercando di formare con la scusa di garantire il trasporto marittimo non farà che aumentare l'insicurezza nella regione", ha affermato.

Nel frattempo, l'amministrazione marittima degli Stati Uniti ha emesso un avviso  secondo il quale le navi potrebbero incontrare interferenze GPS, comunicazioni fuorvianti e altre molestie da parte delle forze iraniane nella regione del Golfo Persico.

Le tensioni nella regione rappresentano gravi minacce per le navi commerciali, ha avvertito MARAD. Le navi che operano nel Golfo Persico, nello Stretto di Hormuz e nel Golfo dell'Oman possono incontrare "interferenze GPS, spoofing delle comunicazioni da ponte a ponte e / o altre comunicazioni inceppate con un preavviso minimo o nullo".

Sono state inoltre inviate indicazioni in caso di "aggressione" iraniana, per consentire alle navi commerciali statunitensi di seguire se possibile di impostare una situazione di  falsa bandiera lontano dalla guerra.

  • Assicurarsi che AIS stia trasmettendo in ogni momento
  • Monitor VHF Channel 16
  • Registrarsi presso l'Ufficio del commercio marittimo del Regno Unito (UKMTO) e la Cooperazione navale della flotta statunitense e le linee guida per la spedizione (NCAGS). Osservare quando si entra nell'area la segnalazione volontaria dell'Oceano Indiano (VRA)
  • Fornire piani di transito dettagliati per lo stretto di Hormuz (SoH) e il Golfo Persico (PG) verso UKMTO e NCAGS della quinta flotta statunitense
  • In caso di incidenti o attività sospette, chiamare UKMTO o Quinta flotta e attivare l'SSAS
  • Rispondere a tutte le chiamate VHF delle marine della coalizione
  • Segnalare eventuali chiamate da una fonte che afferma falsamente di essere una nave della coalizione o degli Stati Uniti alla Quinta flotta.
  • Se accolti dalle forze iraniane, le navi commerciali di bandiera degli Stati Uniti dovrebbero affermare che stanno procedendo in conformità con il diritto internazionale e informare la Quinta Flotta
  • Se le forze iraniane cercano di imbarcarsi su una nave commerciale di bandiera degli Stati Uniti, il comandante della nave dovrebbe, se la sicurezza della nave e dell'equipaggio non fosse compromessa, rifiutare il permesso di salire a bordo e notificarlo immediatamente alla quinta flotta
  • Se le forze iraniane si imbarcano su una nave commerciale battente bandiera degli Stati Uniti, l'equipaggio non dovrebbe resistere con forza alla parte di imbarco. Astenersi dalla resistenza con forza non implica il consenso o l'accordo a tale imbarco.

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/08/iran-la-presenza-israeliana-nel-golfo.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.




Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!