mercoledì 25 novembre 2020

Di Drago Bosnic
fort-russ
Sa Defenza


La Russia potrebbe intervenire in Armenia, mentre Azeri e Turchi iniziano a colonizzare l'Artsakh (Karabakh) con 4000 terroristi

Fonti vicine al governo della Repubblica araba siriana sono riuscite a ottenere informazioni che la Turchia, in collaborazione con l'Azerbaigian, ha fornito documenti legali al primo gruppo di non meno di 4.000 turkmeni (giunti in Azerbaigian come terroristi e mercenari) che presto si stabiliranno in città e nei villaggi nel sud dell'Artsakh (Nagorno Karabakh).

Queste città e villaggi erano precedentemente popolati da armeni, che sono stati costretti a lasciare l'area dopo l'attacco azero del 27 settembre. Poiché questi "coloni" sono per lo più terroristi ed estremisti che hanno combattuto in organizzazioni jihadiste come Jabhat al-Nusra e persino dello stato islamico, non si possono nemmeno escludere  formazioni di roccaforti wahhabite nella zona di confine con l'Armenia, in particolare sul suo confine sud-orientale.

Oltre ad essere un potenziale pericolo per le truppe armene nall'Artsakh (Nagorno Karabakh), così come per le forze di pace russe lungo la LOC (linea di contatto), è probabile che questi terroristi entrino in contatto anche con le truppe armene regolari proprio in Armenia. Le guardie di confine russe aiutano l'Armenia a proteggere i suoi confini da due vicini turchi estremamente aggressivi ed espansionisti.

Questo, a sua volta, è estremamente probabile che porti a un'altra guerra e la Russia potrebbe trovarsi in una situazione in cui dovrebbe scegliere tra placare la Turchia e l'Azerbaigian, o affrontare un confronto su vasta scala per salvare non solo ciò che resta di Artsakh (Nagorno Karabakh ), ma anche l'Armenia vera e propria. Ed è tutt'altro che impossibile, poiché anche gli azeri sono famigerati per orribili crimini di guerra contro gli armeni.

E anche se i turchi sotto il mini-sultano neo-ottomano Recep Tayyip Erdogan e i loro semi-vassalli azeri sotto Ilham Aliyev riescono a prevenire la guerra aperta (a condizione che vogliano anche mantenere l'attuale status quo), è altamente improbabile che impediscano ( ancora una volta, a condizione che vogliano in primo luogo) ai terroristi reali di fare ciò per cui sono stati addestrati a fare: il terrorismo.

D'altra parte, forse è proprio ciò che vuole la Turchia espansionista, poiché Erdogan è stato spiacevolmente sorpreso dall'intervento della Russia che ha impedito la completa vittoria neo-ottomana e l'ennesimo massacro di armeni nelle loro terre ancestrali. La firma del trattato di pace trilaterale tra Russia, Armenia e Azerbaigian ha escluso la Turchia, nonostante il coinvolgimento della Turchia fosse cruciale per l'Azerbaigian.

La strategia di insediare i terroristi così vicini al fianco meridionale critico della Russia, nelle immediate vicinanze del sempre instabile Caucaso settentrionale, potrebbe portare la Russia ad essere messa all'angolo, lasciandola senza altra scelta che intervenire direttamente, il che inevitabilmente porterebbe alla sconfitta del neo-ottomanismo, poiché l'Azerbaigian (e persino la stessa Turchia ) è, militarmente parlando, un nano rispetto al massiccio esercito russo.

E prima che qualcuno in Azerbaijan e  Turchia siano in grado di ripetere con successo  il progettato attacco di droni turco-israeliani e occidentali, che hanno usato contro le forze militari obsolete di Artsakh, il recente  dispiegamento di sistemi di guerra elettronica avanzati russi nella regione potrà sicuramente annullare questo vantaggio. A parte questo, tenete conto che la Russia stessa ha avuto un enorme successo nello sviluppo di droni armati .


Sa Defenza non ha alcuna responsabilità rispetto alle citazioni, informazioni pubblicate, i dati, le singole opinioni contenute in questo articolo.

Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!