mercoledì 15 agosto 2018

GLI STATI UNITI HANNO FORNITO "INTELLIGENCE" E  BOMBE USATE NEL MASSACRO DELLA SCOLARESCA YEMENITA

Whitney Webb 

 MintPress


Il coinvolgimento dell'intelligence militare statunitense nella "messa a punto" degli obiettivi dei raid aerei della coalizione Sauidita è probabilmente il fattore principale che spiega perché il governo degli Stati Uniti ha rifiutato di condannare l'attacco aereo e si è rifiutato di sostenere un'indagine indipendente sulle atrocità.

L'orribile bombardamento di un autobus pieno di scolari nel nord dello Yemen, avvenuta lo scorso giovedì, è stato effettuato utilizzando armi USA vendute alla coalizione guidata dall'Arabia Saudita , lo ha rivelato la prova fotografica del sito della bomba.

Le foto scattate sulla scena da Ahmed AbdulKareem per MintPress News e da altri giornalisti locali indicano che una bomba Mark 82 (MK-82), prodotte congiuntamente dalle aziende d'armi statunitensi Lockheed Martin e General Dynamics, era stata utilizzata nell'attacco.

L'attacco ha ucciso almeno 50 persone e ne ha ferite altre 60, la maggior parte delle quali erano bambini piccoli. Nonostante il fatto che quelli presi di mira fossero civili e per lo più bambini, la coalizione guidata dai sauditi ha difeso l'attacco, definendolo una "legittima operazione militare".

Le bombe MK-82, insieme ad altre bombe serie MK "general purpose", sono state vendute alla coalizione a guida saudita dagli Stati Uniti attraverso una serie di contratti stipulati nel 2016 e 2017 . Oltre alle atrocità di giovedì scorso, la coalizione guidata dai sauditi ha usato le bombe MK-82 per colpire i civili yemeniti in passato, come l' attentato della coalizione a un funerale nel 2016 che ha causato oltre 140 morti e 525 feriti.



Un primo piano di un frammento di bomba trovato sulla scena del raid aereo su uno scuolabus yemenita giovedì scorso. Ahmed AbdulKareem | MintPress News

Più di 10.000 bombe della serie MK sono state vendute alla coalizione dall'inizio della guerra, nonostante una protesta internazionale sulla costante attenzione della coalizione contro civili e infrastrutture critiche della coalizione. Nel complesso, gli Stati Uniti hanno venduto miliardi di dollari di bombe ai sauditi da quando la guerra nello Yemen è iniziata nel 2015, approvando di recente oltre $ 110 miliardi di vendite di armi all'Arabia Saudita nel maggio dello scorso anno.
Gli Stati Uniti si affidano alla scusa "nebbia di guerra" per evitare responsabilità

Nonostante i frammenti di munizioni prodotte negli Stati Uniti trovate nel sito dei bombardamenti, l'esercito americano ha rifiutato di riconoscere che la bomba usata nell'attacco era stata venduta alla coalizione dagli Stati Uniti. Il maggiore dell'esercito Josh Jacques - portavoce del Comando centrale degli Stati Uniti - ha detto a Vox : "Non possiamo sapere se la bomba [usata] è stata venduta dagli Stati Uniti", affermando come sua ragione il fatto che l'esercito americano non "Hanno molto personale sul terreno". Eppure, gli Stati Uniti hanno un numero imprecisato di truppe di terra attive nello Yemen che sono coinvolte nella "condivisione dell'intelligence" e negli interrogatori nelle prigioni "black-site" gestite dagli EAU.




Un bambino detiene un frammento della bomba MK-82 prodotta negli Stati Uniti utilizzata nel massacro dello scorso anno di scolari yemeniti. Ahmed AbdulKareem | MintPress News

Tuttavia, la complicità degli Stati Uniti nel bombardamento di giovedì scorso di uno scuolabus va ben oltre la semplice fornitura delle munizioni utilizzate. In effetti, dal giugno scorso, le forze armate statunitensi hanno fornito alla coalizione guidata dalla saudita "l'intelligence per mettere a punto la loro [la coalizione] lista di bersagli aerei" nello Yemen - il che significa che l'esercito americano era o, nella peggiore delle ipotesi, è coinvolto nella scelta del luogo del bombardamento, o per lo meno è consapevole dell'intenzione della coalizione di prendere di mira lo scuolabus.

Il coinvolgimento dell'intelligence militare statunitense nella "messa a punto" degli obiettivi dei raid aerei della coalizione è probabilmente il fattore principale che spiega perché il governo statunitense ha rifiutato di condannare il bombardamento e si è rifiutato di sostenere un'indagine indipendente sulle atrocità, sostenendo invece solo una inchiesta saudita. In effetti, se il coinvolgimento degli Stati Uniti nei bombardamenti della scorsa settimana fosse stato chiarito, il governo degli Stati Uniti potrebbe trovarsi nei guai, poiché alcuni funzionari governativi potrebbero essere accusati di complicità nei crimini di guerra della coalizione nello Yemen.

Tuttavia, le fabbriche stesse d'armi, indipendentemente dal danno causato dai loro prodotti mortali, continuano a non mostrare alcuna responsabilità.

PIÙ FOTO POSSONO ESSERE TROVATI QUI


Whitney Webb è un giornalista dello staff di MintPress News e collaboratrice di Truth in Media di Ben Swann. Il suo lavoro è apparso su Global Research, Ron Paul Institute e 21st Century Wire, tra gli altri. Ha anche fatto apparizioni radiofoniche e televisive su RT e Sputnik. Attualmente vive con la sua famiglia nel sud del Cile.

http://sadefenza.blogspot.com/2018/08/gli-stati-uniti-hanno-fornito.html

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!