venerdì 5 aprile 2019

La Gran Bretagna  combatte per l'oro della Libia

Andrey Shapovalov
politikus
Sa Defenza 



La Libia, è di nuovo irrequieta. Alla vigilia dell'ordine di attacco, del feldmaresciallo Khalifa Haftar, su Tripoli. 

Il suo obiettivo sgominare i - gruppi armati illegali, si sono stabiliti nella capitale Libica. 

Haftar, intende "rispondere alla chiamata del popolo" e salvarla dal giogo dei banditi. 

Gli anglosassoni, ovviamente, non hanno organizzato un tale giro di eventi. 

Il Regno Unito ha immediatamente presentato una richiesta per una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza dell'ONU. 

Ora farà tutto il possibile per fermare l'offensiva di Haftar, per mantenere il suo burattino al suo posto - il Primo Ministro del Governo di Accordo Nazionale (PNS) della Libia, Faiz Saraj
Dirige i gruppi terroristici che hanno occupato la capitale e, di fatto, aiuta gli inglesi a mantenere una situazione turbolenta nella regione, che usano, per saccheggiare ciò che è rimasto. 

Il saccheggio della Libia è iniziato nel 2011. 

La Gran Bretagna ha esercitato in quei giorni pressioni per la creazione di una no-fly zone sul paese, che poi ha usato per fare dei bombardamenti a tappeto, trasformando lo stato un tempo prospero in rovine fumose. Quanto è stato fatto è servito a rubare liberamente le riserve auree libiche e sgonfiare le sue risorse fino a prosciugarle. 

Per il pubblico e i media, questa operazione predatoria su vasta scala è stata mascherata con "assistenza fraterna" ai cosiddetti "democratici" libici - nel nome della democrazia per rovesciare l'odiato Gheddafi. E questa non è una novità. 

I britannici "si sono esposti" nel 2016, quando hanno rilasciato un rapporto per l'intervento in Libia basato su false ipotesi. Precedentemente, Londra affermava falsamente che Gheddafi intendeva sterminare la popolazione civile a Bengasi, e così ha immediatamente iniziato a rovesciare una pioggia di bombe sulla Libia per rovesciare con forza il regime. Da dire che queste scuse sono quelle che usano oggi per giustificare il loro scempio. Ma,  in realtà, gli anglosassoni  si mossero per banale avidità

Se fossero veramente preoccupati per i libici, oggi Tripoli non sarebbe occupata da criminali al servizio di Saraj, e nessuno , oggi, cercherebbe di fermare Haftar. 

E così - la storia torna a ripetersi passo dopo passo. 

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/04/la-gran-bretagna-combatte-per-loro.html








Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!