martedì 30 luglio 2019

ABBANOA, ENNESIMA BATOSTA AL TAR - SUI CONGUAGLI IL TAR NON SOSPENDE LA MULTA DA 4 MILIONI DI EURO
Sa Defenza 



Il TAR Lazio ha appena deciso di non sospendere la maximulta dell’Antitrust contro Abbanoa

No alla sospensione urgente maximulta Abbanoa 3.850.000 euro per pratica commerciale aggressiva

Ancora una sonora bocciatura per Abbanoa sulla partita dei conguagli retroattivi e dichiarati prescritti. Un nuovo provvedimento, quello del Tar Lazio, conferma che la società Abbanoa ha operato fuori legge, come ormai da soli denunciamo da anni.

Adesso non resta che attendere la decisione finale dei giudici del Tribunale Civile di Cagliari che in autunno dovrà pronunciarsi sulla nostra class action.

La decisione del Tar Lazio va verso una auspicabile positiva condanna di Abbanoa con i relativi risarcimenti.

Nessuna sospensione cautelare provvisoria e urgente della maxi multa da 3.850.000 euro inflitta ad inizio luglio dall'Antitrust alla societa' Abbanoa, gestore unico del servizio idrico integrato in Sardegna, a conclusione di un procedimento istruttorio che ha accertato la realizzazione di una pratica commerciale aggressiva.

Il decreto monocratico è del presidente del Tar del Lazio, Carmine Volpe;

Il prossimo 11 settembre la vicenda arriverà al vaglio del tribunale in composizione collegiale in camera di consiglio.

L'Antitrust aveva accertato contro Abbanoa l'esistenza di pratiche commerciali aggressive per i conguagli pregressi e il

1) "mancato trattamento delle istanze di prescrizione relative a fatture risalenti a oltre cinque anni dalla data del consumo o mancato riconoscimento della stessa, a causa della non corretta individuazione del termine di decorrenza della prescrizione e degli atti interruttivi della stessa, anche in tale caso senza sospensione delle procedure di riscossione e di distacco in pendenza di reclamo; 

2) mancata gestione delle istanze di rettifica delle fatture in presenza di perdite idriche occulte, quelle che avvengono a valle del contatore e non sono rilevabili se il gestore non registra e comunica il consumo anomalo, superiore a quello abituale, ovvero applicando criteri stringenti e ostativi ai fini dello storno parziale degli importi fatturati in caso di perdita occulta, relativi ai canoni di depurazione e fognatura";

Abbanoa voleva bloccare la pubblicazione sui giornali della decisione dell’Antitrust e per questo motivo aveva fatto ricorso urgente al TAR Lazio.

Richiesta bocciata in toto considerato che "l'adozione di misure cautelari provvisorie presuppone l'esistenza di una situazione di estrema gravità e urgenza tale da non consentire neppure di attendere il tempo intercorrente tra il deposito del ricorso e la prima camera di consiglio utile" e "il pregiudizio dedotto, inerente solo l'obbligo di provvedere alla pubblicazione del comunicato stampa, non acquista nell'intervallo anzidetto i caratteri dell'estrema gravita' e urgenza, anche a causa del suo carattere meramente ipotetico ed eventuale", ha ritenuto difettino i presupposti per la concessione della sospensione cautelare urgente del provvedimento sanzionatorio, fissando l'udienza di discussione dell'11 settembre prossimo.

*****

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.



Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!