mercoledì 22 gennaio 2020

Breaking news: È confermato, la Turchia  chiude il Mar Nero alla US Navy-NATO

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha ripetutamente parlato  di rendere il passaggio dello stretto del Bosforo esclusivamente per le navi a carico secco.


[ Nota della redazione : questa è una realtà piuttosto strana, specialmente perché è stata nascosta dalle notizie per tre giorni...
Il battibecco aggressivo  con gli Stati Uniti nel Mar Nero, è come avere più di una nave pronte a lanciare un attacco alla Turchia.
Il sistema missilistico Aegis terrestre degli Stati Uniti presente è quello di cui si era lamentato Putin , perché poteva essere convertito in una struttura per il lancio di missili da "primo colpo" in poche ore ricaricando le rampe di lancio con missili offensivi per intercettare, oppure potrebbe configurare i lanciamissili con la metà di ciascuno. 
Quindi ho dovuto porre la domanda sul libro di testo "perché adesso", e quello che è successo tre giorni fa è stato Haftar a dire "fottetevi" ai colloqui permanenti sul cessate il fuoco, in cui sia Putin che Erdogan avevano investito un notevole capitale politico. All'inizio Haftar ci stava, poi ha cambiato idea, come se qualcuno avesse tirato la catena. Indovinate chi avrebbe potuto essere? 
E poi boom, cambio del gioco " fuori il coniglio dal cappello" per il Mar Nero. Aggiorneremo questa news appena avremo maggiori informazioni ... Jim W. Dean ]



Erdogan, in un'intervista con la CNN-Turchia, ha annunciato che lui; "Intende porre fine al libero passaggio di navi nel canale del Bosforo, come stabilito dalla Convenzione di Montreux del 1936."

Da Avia Pro:

“La Turchia ha iniziato a bloccare il passaggio delle navi della NATO dal Mar Mediterraneo al Mar Nero, indicando così la sua posizione con l'Alleanza del Nord Atlantico. Secondo Nordic Monitor, le restrizioni al passaggio delle navi da guerra della NATO dal Mar Mediterraneo al Mar Nero sono già in vigore e, pertanto, anche le navi della Marina statunitense non possono entrare liberamente nella regione del Mar Nero.
Durante l'incontro, i funzionari turchi hanno sottolineato che dovrebbe essere mantenuta la stabilità nel Mar Nero (paragrafo 2.a); Le attività della NATO saranno sostenute conformemente alle restrizioni imposte dalla Convenzione di Montreux (paragrafo 2.b); la Russia non dovrebbe essere provocata indebitamente (paragrafo 2.b), i protocolli militari sono divulgati. La Turchia è un paese chiave nel Mar Nero perché controlla l'ingresso e l'uscita in mare tramite un sistema di stretti, che comprende lo stretto di Istanbul / Bosforo, lo stretto dei Dardanelli / Canakkale e il Mar di Marmara, che collega il Mar Mediterraneo " - сообщает " Nordic Monitor "fornendo i documenti pertinenti."

Secondo i dati attuali, a diverse navi da guerra della NATO è già stato negato il passaggio attraverso il Bosforo, inoltre Ankara lo ha motivato con la convenzione e gli accordi esistenti, tuttavia, gli esperti attirano l'attenzione sul fatto che la Turchia sostiene attivamente la Russia cercando di prevenire qualsiasi provocazione dalla NATO o Alleanza del Nord Atlantico.Подробнее на: http://avia-pro.net/news/turciya-zablokirovala-bosfor-dlya-korabley-nato


Cosa farà Erdogan

Il leader turco prevede di scavare un nuovo canale entro la fine del 2025, che "aggira il Bosforo e collegherà il Mar Nero e il Mar di Marmara".

"Erdogan ha sostenuto che, dice lo scrivente quotidiano greco Ekathimerini,  gli americani si sentono troppo liberi nel Mar Nero"

Cosa ha già iniziato a fare la Turchia

Le conversazioni sono disposizioni e, come riporta oggi AVIA.PRO con riferimento al portale Nordic Monitor, "la Turchia ha iniziato a bloccare il passaggio delle navi della NATO dal Mar Mediterraneo al Mar Nero."


Secondo l'autore della pubblicazione, in questo modo Erdogan alla fine "indica una posizione contro l'Alleanza del Nord Atlantico". Secondo Nordic Monitor, le navi della Marina americana non possono entrare nella regione del Mar Nero senza ostacoli.

“Le attività della NATO saranno sostenute in conformità con le restrizioni imposte dal paragrafo 2. b della Convenzione di Montreux. Questo è il requisito della Turchia, che si considera un paese chiave nel Mar Nero sulla base del fatto che controlla l'ingresso e l'uscita in mare attraverso un sistema degli stretti, tra cui, tra gli altri, lo stretto del Bosforo, che collega il Mar Nero e il Mar Mediterraneo , "Afferma Nordic Monitor.


Perché Erdogan si sovrappone al Bosforo

Secondo la pubblicazione, a diversi tribunali militari della NATO (il numero non è specificato) È già stato negato il passaggio attraverso lo stretto.

"E sebbene la motivazione di Ankara sia confermata dalla convenzione, ci sono tutte le ragioni per credere che Erdogan stia provando il più attivamente possibile a prevenire provocazioni contro la Russia dell'Alleanza del Nord Atlantico", si afferma nel materiale.

____________________________________________________________________________________________________

La Turchia si è opposta alla presenza permanente della NATO nel Mar Nero, respingendo la proposta rumena


Nordic Monitor


Esercitazione della Marina turca

In vista del vertice di Varsavia della NATO nel 2016, la Romania ha cercato il sostegno della Turchia per stabilire una presenza permanente della NATO nella regione del Mar Nero, ma è stata respinta da Ankara, ha confermato un documento militare turco riservato, ottenuto da Nordic Monitor.

Secondo il verbale di una riunione rilasciata dalla direzione dei piani e dei principi dello Stato maggiore turco nel maggio 2016, i rappresentanti del Ministero della Difesa, del Ministero degli Esteri, delle Forze Armate competenti e del Comando della Guardia Costiera si sono incontrati il ​​26 maggio 2016 per discutere Proposte rumene di istituire una base NATO permanente nel Mar Nero e di rafforzare la cooperazione bilaterale tra i due stati litorali.

Il verbale rivela che la Romania aveva richiesto il sostegno della Turchia alla sua iniziativa diplomatica volta a istituire un Comando Navale Regionale sotto il Comando Marittimo Alleato della NATO (MARCOM), il quartier generale di tutte le forze marittime della NATO. Tuttavia, i funzionari turchi hanno convenuto di respingere la proposta rumena in quanto non conforme alla politica turca sul Mar Nero, afferma il verbale.

In precedenza è stata la Turchia ad esprimere preoccupazione per le percepite ambizioni russe nella regione del Mar Nero e aveva chiesto una maggiore presenza della NATO ; tuttavia, ne frattempo le sue relazioni con la Russia sono migliorate dal 2016 e perciò ora la Turchia oppone resistenza a sostenere un ruolo più sostanziale della NATO nel Mar Nero.
Prima pagina del documento militare turco:




Funzionari turchi hanno sottolineato durante la riunione che la stabilità nel Mar Nero dovrebbe essere mantenuta (paragrafo 2.a); Le attività della NATO vanno sostenute conformemente alle limitazioni imposte dalla Convenzione di Montreux (paragrafo 2.b); e la Russia non dovrebbe essere provocata inutilmente (paragrafo 2.b), hanno rivelato i verbali militari.

La Turchia è un paese chiave nel Mar Nero poiché controlla l'ingresso e l'uscita sul mare attraverso il sistema dello stretto turco, che comprende lo stretto di Istanbul / Bosforo, lo stretto dei Dardanelli / Çanakkale e il Mar di Marmara, collegando il Mar Nero e il Mediterraneo.

La Convenzione di Montreux del 1936 conferiva al paese il controllo del sistema e garantiva il libero passaggio delle navi civili durante il periodo di pace. La convenzione stabilisce che solo gli stati litorali possono avere una presenza navale permanente nel Mar Nero. Il tonnellaggio e il tempo limite nel Mar Nero di navi di Stati non litorali è limitato a 21 giorni e i sottomarini e le portaerei degli Stati non litorali sono banditi del tutto.

Seconda pagina del documento:





Il Ministero degli Esteri lavora sul concetto di sicurezza marittima della Turchia nel Mar Nero e un nuovo documento di concetto doveva prendere in considerazione le proposte rumene e bulgare, ha affermato il verbale. Secondo il documento militare, il piano di cooperazione bilaterale bulgara non è stato discusso durante l'incontro.

Inoltre, il verbale ha sottolineato che i funzionari turchi hanno concordato di non opporsi alla formazione di una brigata di terra multinazionale in Romania, aggiungendo che una brigata turca sarebbe affiliata alla Divisione Multinazionale Rumena sud-est (MND-SE). Anche l'iniziativa della Romania di avviare il Centro Combinato Rafforzato di Formazione Comune è sostenuto dalla Turchia.


Esercizio della NATO nel Mar Nero a luglio 2019 (foto: pagina web della NATO)

La Romania è stata invitata ad aderire all'Alleanza del Nord Atlantico al vertice della NATO a Praga nel 2002 insieme a Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Slovacchia e Slovenia ed è diventata ufficialmente membro della NATO nel marzo 2004. Quattro anni dopo ha ospitato il vertice della NATO a Bucarest, 2-4 aprile 2008.

Secondo il suo documento di strategia militare, la Romania, in termini di Struttura delle Forze della NATO, ospita il Quartier Generale sud-est della Divisione Multinazionale, l'Unità di Integrazione della Forza della NATO, l'elemento del modulo di comunicazione dispiegabile e la base di difesa missilistica Deveselu.

La Romania ha considerato l'acquisizione da parte della Russia della Crimea nel marzo 2014 come una minaccia diretta e ha spinto la NATO ad avere una forte presenza nel Mar Nero. In seguito all'annessione della Crimea, le risorse navali di diverse nazioni alleate e il Standing Maritime Group 2 della NATO hanno aumentato fino a l3 esercitazioni militari nella regione e si allenano regolarmente per migliorare la capacità di combattimento nel Mar Nero. Inoltre, all'interno del MARCOM è stato istituito un Centro Funzionale per il Mar Nero e una Brigata Terrestre Multinazionale è stata formata a Craiova, in Romania.
Ultima pagina del documento:



Nordic Monitor


*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/01/breaking-news-e-confermato-la-turchia.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.


Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!