sabato 8 settembre 2018

L'undicesima ora: 8 esempi di media mainstream che ci avvertono di un imminente disastro economico
Sa Defenza 








Siamo sull'orlo di un'altra grande crisi finanziaria, una recessione devastante e un'orribile implosione della bolla del debito globale? Sul mio sito web ho avvertito incessantemente i miei lettori delle inevitabili conseguenze delle azioni economiche insensate, e ora i media mainstream in sintonia con quanto ho detto s The Economic Collapse si sintonizzano sulla mia stessa frequenza. La crisi in arrivo è così vicina ora che molti di loro iniziano a vederla, e naturalmente il disastro economico è già una realtà per gran parte del resto del pianeta. Per anni, i media mainstream ci hanno detto che le cose sarebbero migliorate e in molti modi hanno visto dei miglioramenti. Ma ora il tono dei media mainstream è diventato piuttosto inquietante, e questo non è sicuramente un segnale positivo. 

I seguenti sono 8 esempi dei media principali ci avvisano di un imminente disastro economico 


# 1 Forbes: "Disastro inevitabile le bolle della borsa americana scoppiano" ...


Come mostrato in questo rapporto, il mercato azionario statunitense è attualmente scambiato a livelli estremamente precari e non ci vorrà molto per far cadere l'intero castello di carte. Ancora una volta, la Federal Reserve, che è stata responsabile della creazione della disastrosa bolla dot-com e della bolla immobiliare, ha gonfiato un'altra bolla estremamente pericolosa nel suo tentativo di forzare l'economia per crescere dopo la Grande Recessione. La storia ha dimostrato più e più volte che l'ingerenza del mercato da parte delle banche centrali porta a massicce distorsioni del mercato e ad eventuali crisi. La società, non ha imparato le lezioni che dovevamo imparare dal 1999 e 2008, quindi siamo condannati a ripeterle. 
Lo scopo di questo rapporto è di mettere in guardia la società del percorso e dei rischi che stiamo affrontando.


# 2 CNBC: "Le vendite di titoli hi-tech potrebbero essere solo all'inizio della guerra commerciale con la Cina" ...


Il controllo del Congresso sulle società di social media e le paure del nuovo regolamento hanno fatto a pugni i loro titoli, ma altri nomi di hi-tech potrebbero presto rivelarsi  vulnerabili a un nuovo giro di pressione sulla vendita se il presidente Donald Trump passasse a nuovi dazi sulle merci cinesi.


# 3 Bloomberg: "La disfatta dei mercati emergenti è la più lunga dal 2008 la fiducia crolla" ...

Per le scorte, ci sono 222 giorni. Per le valute, 155 giorni. Per i titoli di stato locali, 240 giorni. 
La rotta di quest'anno nei mercati emergenti è durata così a lungo da aver colto di sorpresa anche gli "orsi * " più ardenti. Non uno dei sette maggiori svantaggi dopo la crisi finanziaria - compreso i cosiddetti capricci dei mercati - hanno inflitto un tale dolore per così tanto tempo al mondo in via di sviluppo.


# 4 CNN: "I mercati emergenti sembrano malati. Infetteranno Wall Street? " ...

Le azioni cinesi sono in un mercato "orso*". La valuta della Turchia è crollata. Il Sudafrica è incappato nella recessione. Nemmeno un salvataggio del FMI evita il sangue in Argentina. 
La tempesta che oscilla sui mercati emergenti ha le sue origini a Washington. Le valute vulnerabili crollarono mentre la Federal Reserve USA aumenta costantemente i tassi di interesse. E il giro di vite del presidente Donald Trump ha aggiunto benzina al fuoco. 
Il problema potrebbe diffondersi, infettando altri mercati emergenti o addirittura Wall Street.


# 5 The Motley Fool: "6 segnali della prossima recessione che potrebbe essere più vicina di quanto crediamo" ...

Per essere veramente chiari, nel provare a prevedere quando si verificheranno le recessioni è una pura congettura. I principali analisti del mercato hanno chiesto il ritiro dei prodotti sul mercato, senza successo, praticamente ogni anno da quando si è conclusa la Grande Recessione. Ma il ciclo economico non mente: le recessioni sono inevitabili. E secondo me, probabilmente siamo più vicini alla prossima recessione di quanto non si creda. 
Come posso essere così sicuro? Beh, non lo sono. Ricordate, ho appena notato che non c'è praticamente alcuna certezza quando si tratta di prevedere quando si verificheranno le recessioni. Ci sono, tuttavia, sei segnali di allarme che suggeriscono che una recessione potrebbe essere, in termini relativi, dietro l'angolo.


# 6 Forbes: "La ricchezza delle famiglie americane  vive una bolla insostenibile" ...

Sin dai giorni bui della Grande Recessione del 2009, l'America ha vissuto uno dei più potenti boom di ricchezza della sua storia. La ricchezza delle famiglie è aumentata di circa 46 trilioni di dollari o in termini di percentuale dell'83% fino a raggiungere un massimo storico di $ 100,8 trilioni. Mentre la maggior parte delle persone accoglie e applaude un boom di ricchezza come questo, la mia ricerca mostra che in realtà è un'altra bolla pericolosa simile alla bolla immobiliare statunitense della metà degli anni 2000. In questo articolo, spiegherò perché il boom della ricchezza americana è artificiale e si sta dirigendo verso un fallimento devastante.


# 7 Savannah Now: "Il debito globale svanisce, insieme ai timori di una crisi futura" ...

"Dovevamo correggere la bolla del debito", ha detto David Rosenberg, capo economista di Gluskin Sheff, una società di gestione patrimoniale. "Quello che invece abbiamo fatto è stato creare più debito".


# 8 CNBC: "La crisi dei mercati emergenti è tornata. E questa volta è serio " ...

Ma i mercati sentono un senso di déjà vu. Dare la colpa a un dollaro più forte, aumentano le tensioni da quando il presidente Donald Trump è salito al potere, le preoccupazioni di una guerra commerciale con la Cina o l'aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti, questa volta sembra che la crisi sia entrata in una nuova fase. 
Il danno è molto più diffuso. La crisi ha inghiottito paesi di tutto il mondo - dalle economie del Sud America, alla Turchia, al Sudafrica e ad alcune delle maggiori economie dell'Asia, come l'India e la Cina. Alcuni di questi paesi stanno vedendo la loro valuta calare a livelli record, alta inflazione e disoccupazione e, in alcuni casi, si intensificano le tensioni con gli Stati Uniti.

Non credo di aver visto prima dichiarazioni così minacciose dai media mainstream dall'ultima crisi finanziaria globale del 2008.

E i media mainstream non sono soli. Ieri, ho discusso del fatto che i dirigenti tecnologici della costa occidentale stanno installando bunker di sopravvivenza di lusso in Nuova Zelanda per prepararsi a ciò che avanza.

Tutti sanno cosa sta arrivando e sanno anche che si sta avvicinando molto rapidamente.

Questo capitolo della storia americana non finirà bene. A un certo livello, tutti noi lo comprendiamo. Le nuvole temporalesche si sono formate all'orizzonte da un bel po di tempo e i segnali di allarme sono attorno a noi.

La nostra resa dei conti potrebbe essere stata posticipata, ma non annullata. L'America ha un appuntamento con il destino, e sarà estremamente doloroso.

******

Michael Snyder  È editore di The Most Important News e autore di quattro libri tra cui The Beginning Of The End e Living A Life That Really Matters .


Note di SD

* L’Orso (“Bear”) rappresenta le fasi di calo dei prezzi e “bearish” sono gli investitori che si posizionano per trarre profitto dai ribassi. Sono “bearish” anche i segnali nei grafici tecnici dei prezzi (ma non solo) che indicano possibilità di ripiegamento.All’opposto si trova il Toro (“Bull”), che incarna la fase di rialzo dei mercati con il corollario di investitori e segnali “bullish”. In questo caso è diventato un vero e proprio simbolo degli stessi mercati finanziari mondiali il toro di bronzo posto a New York vicino alla Borsa di Wall Street e realizzato dallo scultore siciliano Arturo Di Modica.

*******


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!