martedì 8 gennaio 2019

CATTURATO DI NUOVO: Drone USA Riscoperto a Spiare la Crimea ; Inoltre i Marines Statunitensi Entrano Nel Mar Nero A Bordo Dell'USS Fort McHenry  



CRIMEA, Russia - Il drone spia Global Hawk RQ-4B-30 della United States Air Force ha eseguito una missione di ricognizione lungo la costa della Crimea lunedì, ha detto il sito di monitoraggio PlaneRadar su Twitter.

Secondo il portale, l'UAV è decollato al mattino dalla base aerea di Sigonella in Italia e si è diretto alla linea di demarcazione a Donbass. La notte dello stesso giorno, il veicolo aereo ha iniziato un volo di ricognizione lungo la costa russa del Mar Nero e si è avvicinato alla costa nella regione di Sebastopoli, a una distanza di 33 chilometri. Finalmente, alle 11 in punto ora di Mosca, il drone è tornato all'aeroporto di origine in Sicilia (Sigonella)



08:30 мск.
Стратегический разведывательный беспилотный летательный аппарат RQ-4B-30 Global Hawk, ВВС США🇺🇸, позывной , взлетевший с авиабазы 🇮🇹, в воздушном пространстве Украины🇺🇦, направился к линии разграничения на Донбассе.


Il drone strategico di ricognizione Global Hawk RQ-4B-30 United States Air Force, numero #UAVGH000, è decollato dalla base aerea di Sigonella, è entrato nello spazio aereo ucraino e si è diretto verso la linea di demarcazione in Donbass.

Lo stesso giorno, un aereo antisommergibile e da ricognizione della Marina degli Stati Uniti, un Poseidon del Boeing P-8A, è stato anche visto vicino alla costa della Crimea. Ha completato la missione alle 10:50 pm ora di Mosca.

Recentemente, l'attività di aerei da ricognizione e droni stranieri vicino ai confini della Russia è aumentata. Questi aerei sono stati avvistati sia nella regione della Crimea sia a Krasnodar, così come vicino ai confini occidentali del paese.

Il ministero della Difesa russo ha ripetutamente invitato Washington ad abbandonare tali operazioni, ma il Pentagono si rifiuta di farlo.

Questa scoperta arriva mentre la nave americana d'assalto anfibia, Fort McHenry, è arrivata ieri al porto rumeno di Costanza, dove rimarrà per tre giorni a svolgere esercitazioni militari congiunte con una fregata rumena nelle acque internazionali del Mar Nero.

Le esercitazioni sono in preparazione per il 10 gennaio, secondo la Marina Militare rumena pubblicata lunedì.
"Tra il 7 e il 10 gennaio, la nave di assalto anfibio, USS Fort McHenry (LSD-43), visiterà il porto di Costanza e rimarrà per tre giorni sul molo del passeggero. Dopo aver lasciato il porto, giovedì 10 gennaio, il L'USS Fort McHenry e la fregata Regele Ferdinand (Romania) condurranno esercitazioni congiunte nelle acque territoriali della Romania e nelle acque internazionali del Mar Nero ", si legge nella dichiarazione della Marina rumena.
Lo Stato maggiore rumeno ha sottolineato che durante la visita i rappresentanti della nave nordamericana incontreranno il comando della flotta rumena e il distaccamento dei soldati del 307° battaglione navale, e vi sarà una visita alla nave militare statunitense.
*****
I Marines Statunitensi Entrano Nel Mar Nero A Bordo Dell'USS Fort McHenry  "Per rassicurare i nostri alleati e partner della NATO"

Una grande nave da sbarco della marina statunitense è entrata nel Mar Nero a Kiev, il 7 gennaio.
La grande nave da sbarco della US Navy Fort McHenry è passata attraverso lo stretto dei Dardanelli ed è entrata nel Mar Nero. A bordo della nave ci sono i soldati del ventiduesimo distaccamento di spedizione del Corpo dei Marines (500 uomini) degli Stati Uniti.

La visita della nave al Mar Nero è stata annunciata il mese scorso, quando alcuni funzionari di Washington hanno affermato che l'invio di forze americane nel Mar Nero era collegato alla provocazione di Kiev nello Stretto di Kerch.

Il comandante della sesta flotta della US Navy, che è responsabile per il Mar Mediterraneo e le acque adiacenti dell'Oceano Atlantico, il vice ammiraglio Liza Franchetti ha definito l'entrata della nave nel Mar Nero "necessaria per la sicurezza nella regione", così come per rafforzare i legami USA con alleati e partner della NATO. [Rileviamo che i membri dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico con una Costa nel Mar Nero sono Romania, Bulgaria e Turchia.]

"Il passaggio della USS Fort McHenry conferma la nostra determinazione collettiva a fornire sicurezza sul Mar Nero e rafforza le nostre forti relazioni con alleati e partner della NATO nella regione", ha commentato l'ammiraglio e pubblicato sulla pagina Facebook della sesta flotta. (con sede a Napoli)

Notiamo che le navi da guerra della NATO periodicamente entrano nel Mar Nero. Così, alla fine di dicembre 2018, la Gran Bretagna ha inviato una nave a Odessa. Come ha affermato il Segretario alla Difesa britannico Gavin Williamson, Londra ha quindi "inviato un segnale alla Russia". Inoltre, ha definito la presenza della nave nella regione un segnale che l'Ucraina "può contare su un partner affidabile nel Regno Unito".

A sua volta, l'ambasciata russa a Londra ha criticato la decisione delle autorità britanniche di incitare Kiev alle successive provocazioni militari con il pretesto di "risolvere il conflitto ucraino interno".

È curioso che il cosiddetto "segnale alla Russia" britannico sia stato ridicolizzato anche dalla rivista americana The National Interest . "Come ha notato l'autore di un articolo, il Regno Unito ha inviato a Odessa una nave idrografica polivalente che è in grado di svolgere solo compiti scientifici, essendo armata solo di due cannoni da venti millimetri. Secondo la rivista, anche le barche della marina ucraina, che organizzavano una provocazione nello stretto di Kerch, avevano un armamento migliore."Nota: abbiamo trovato l'articolo. Cliccate sul link  - è una lettura veramente divertente.

*****




Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!