sabato 16 marzo 2019

Glifosato: L'Agenzia Governativa lo dichiara sicuro affidandosi esclusivamente a studi finanziati dall'industria chimica.  

Ethan Huff
Natural News 

Sa Defenza   





Quando l'Agenzia statunitense per la Protezione dell'Ambiente (EPA) ha annunciato la designazione di "sicuro ed efficace" il famigerato diserbante Roundup (glifosato) della Monsanto, in diretta contraddizione con i risultati opposti dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) che identifica il glifosato come "probabile cancerogeno umano", la lobby pro-chimica si è rapidamente dichiarata vincitrice in questo acceso dibattito in corso. Ma ciò che al pubblico non è mai stato detto è che l'EPA si è basata in gran parte sulla pseudoscienza finanziata dall'industria nel dare la sua approvazione per il glifosato, mentre la IARC ha attentamente considerato studi scientifici legittimi e sottoposti a peer review prima di concludere e dichiarare che Roundup più che probabile la causa cancerogena .

Come riportato da Colin Todhunter di Off-Guardian.org (e ripubblicato da CounterPunch.org ), questi disparati risultati tra EPA e IARC hanno continuato ad alimentare una battaglia in corso da parte di attivisti indipendenti contro  Big Agrochemical, in particolare in Europa dove il Dr. Charles M Benbrook ha pubblicato uno studio  che svela tutta la verità sulla corruzione all'interno dell'EPA che ha portato la compromessa agenzia  a fare una dichiarazione palesemente falsa sulla presunta sicurezza ed efficacia di Roundup e glifosato.

Come rivelato dal dott. Benbrook nel suo articolo,  le  "prove" del consorzio EPA che dimostrano la sicurezza e l'efficacia del glifosato derivano principalmente dalle stesse società che traggono profitto dalla sua vendita. IARC, d'altra parte, ha esaminato la scienza pubblicata reale che non è stata condizionata dall'industria chimica e che ha valutato il glifosato da una prospettiva neutrale.

"L'EPA e la IARC hanno raggiunto conclusioni diametralmente opposte sulla genotossicità del glifosato per tre ragioni principali", spiega il dott. Benbrook nel suo articolo, questi tre motivi, alla lettera, sono:


• "(1) nelle tabelle principali compilate da EPA e IARC, l'EPA si basava principalmente su studi normativi non pubblicati commissionati dai dichiaranti, il 99% dei quali era negativo, mentre lo IARC si basava principalmente su studi peer-reviewed di cui il 70% era positivo (83 di 118). " 
• (2) "La valutazione dell'EPA si basava in gran parte su dati provenienti da studi tecnici sul glifosato , mentre la revisione della IARC poneva un forte peso sui risultati dei saggi formulati GBH e AMPA ." 
• (3) "La valutazione dell'EPA è stata incentrata sull'esposizione dietetica tipica della popolazione generale, assumendo usi legali, per colture alimentari e non ha tenuto conto, né ha affrontato rischi e esposizioni professionali generalmente più elevati. La valutazione dello IARC comprendeva i dati relativi a tipici scenari di esposizione alimentare, ed elevata  professionale. "

Per notizie su glifosato e Roundup, assicurati di controllare Glyphosate.news e Roundup.news . Editor di Environmental Sciences Europe scrive un commento a sostegno dello studio del dott. Benbrook

Il professor Thomas Backhaus, redattore capo della rivista in cui è stato pubblicato lo studio pionieristico del dott. Benbrook, Environmental Sciences Europe , fu costretto dopo le rivelazioni del Dr. Benbrook a scrivere un suo commento a sostegno dello studio, sapendo che avrebbe ricevuto reazioni negative da parte dell'industria chimica.
"Siamo convinti che l'articolo fornisce nuove informazioni sul perché delle diverse conclusioni riguardanti la cancerogenicità del glifosato e GBH [gli erbicidi a base di glifosato] sono state raggiunte dall'EPA statunitense e dalla IARC", ha scritto il professor Backhaus. "È un contributo importante alla discussione sulla genotossicità dei GBH."
La dottoressa Rosemary Mason, un'attivista che ha lavorato duramente per fermare l'uso di glifosato e Roundup in Europa, a gennaio ha presentato una denuncia al Mediatore europeo basata su questa e altre prove che suggeriscono che il glifosato non è affatto sicuro. Dice che le agenzie di regolamentazione europee sono colluse con l'industria Big Agrochemical per far approvare sostanze chimiche pericolose che danneggiano e uccidono le persone.

Il Mediatore europeo ha respinto la denuncia della dott.sa  Mason, che in risposta ha scritto un documento di 25 pagine che illustrava i molti effetti negativi del glifosato e del Roundup sulla salute umana e sull'ambiente.  In questo articolo spiega anche come l'industria chimica ha fatto una rapida comparsa pubblica corrompendo gli organismi di regolamentazione per mantenere l'erbicida sul mercato, nonostante i suoi ben noti pericoli.

Assicurati di leggere il rapporto completo di Colin Todhunter su questi recenti eventi a questo link .

Le fonti per questo articolo includono:

NaturalNews.com

CounterPunch.org

EnvEurope.SpringerOpen.com

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2019/03/glifosato-lagenzia-governativa-lo.html

Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!