mercoledì 12 giugno 2019

Cosa è stato discusso al Bilderberg?

Selva Demiralp

Sintesi sul meeting del Bildeberg a cura del Prof. Selva Demiralp,  insigne professore di  economia all'Università di Koç in Turchia; dal report si colgono alcuni aspetti che comunque sono argomento di conversazione nella società civile , ma nulla trapela sui progetti oscuri che questa élite globalista ha uso mettere nel suo ordine del giorno. Sa Defenza 



La 67a riunione del gruppo Bilderberg si è tenuta la scorsa settimana a Montreux, in Svizzera. I leader e gli esperti nei settori dell'industria, della finanza, del mondo accademico e dei media sono invitati a questi incontri, che hanno lo scopo di rafforzare il dialogo tra Europa e Nord America.

Questi incontri, sono chiusi alla stampa principalmente per consentire ai partecipanti di parlare liberamente nell'esprimere le loro idee, portano con sé diverse teorie di complotto a causa dei personaggi di alto profilo che vi partecipano.

Con la certezza di chi ha partecipato all'incontro di quest'anno, posso chiaramente affermare che in questi incontri non vengono condivisi "segreti nascosti o piani condivisi". In tal caso, ai partecipanti non sarebbe consentito fornire informazioni sul contenuto della riunione come richiesto dalla regola "Chatham House". Su cui dovrei scrivere un articolo.

Ciò che rende unico questo incontro a mio parere e ciò che "aggiunge mistero" ad esso è la curiosità di ciò che questa élite ha evidenziato a porte chiuse e i punti su cui è stato raggiunto un accordo e quelli sui quali son state espresse opinioni diverse.

I problemi economici non sono stati discussi direttamente nelle riunioni del Bilderberg di quest'anno . L'economista che c'è in me preferirebbe senza dubbio discutere eventi di dimensioni economiche  direttamente e in modo più dettagliato. Tuttavia, la tendenza da parte statunitense di prendere in considerazione le preoccupazioni ideologiche anziché quelle economiche in relazione alla formazione di un'alleanza contro la Cina possono aver relegato l'economia in in secondo piano.

Il tema generale dell'incontro è stato quello di consentire all'Europa e agli Stati Uniti di incontrarsi su un terreno comune e di essere in grado di produrre soluzioni comuni per l'attuazione delle minacce. Ma quali sono queste crescenti minacce?

Innanzi tutto, sono state discusse le preoccupazioni riguardanti il ​​futuro dell'Unione europea.

È stato espresso che quando problemi come la guerra commerciale, il terrorismo e il cambiamento climatico vengono aggiunti al problema attuale dell'immigrazione, l'UE non è in grado di produrre soluzioni efficaci a questi problemi.

È stato notato che questa preoccupazione alimenta movimenti populisti e nazionalisti e causa frattura nell'UE.

Hanno affermato che per eliminare i movimenti populisti e nazionalisti, la libertà dovrebbe essere preservata tramite la prosperità, una comprensione comune dell'identità e della comunità che eviti che si creino divisioni nella società e si rafforzino le basi della democrazia e della supremazia della legge.

Se l'Europa entra crisi... ?

I cambiamenti climatici hanno svolto un ruolo fondamentale nell'agenda dell'incontro. C'erano molti rappresentanti dei partiti verdi e dell'industria verde tra i partecipanti. Si è detto che il dovere dei governi in merito a questo problema è di indicare chiaramente e in modo trasparente la direzione per il lungo termine, per rafforzare la convinzione che questa rotta sarà seguita con determinazione e, così facendo,  garantire che il l'industria faccia gli investimenti desiderati.

Ma se l'economia europea rallenta e si trova sull'orlo di una nuova crisi, ci sono abbastanza strumenti per affrontarla? Un quadro pessimistico è stato disegnato per quanto riguarda questo problema. È stato notato che c'è stata una perdita di credibilità dopo l'ultima crisi finanziaria e quindi sarà difficile garantire stabilità in un ambiente di sfiducia. Si è anche affermato che l'Italia in particolare è un importante fattore di rischio.

Un altro tema principale discusso all'incontro è basato sulla natura della riconciliazione tra le differenze ideologiche esistenti tra l'Occidente e la Cina per un ordine globale in cui i paesi si leghino gradualmente gli uni agli altri con legami più forti in termini commerciali e tecnologici.

È stato sottolineato che si dovrebbe evitare una guerra fredda tecnologica con la Cina, che dividerebbe sia le reti di comunicazione che la tecnologia.

Sembra che la parte europea sia alquanto a disagio con l'atteggiamento degli Stati Uniti nei confronti della Cina e con l'aspettativa di schierarsi con gli Stati Uniti su questo ambiente.

Possiamo dire che ci sono due ragioni dietro questa apprensione: preoccupazioni economiche che saranno innescate da un deterioramento delle relazioni commerciali con la Cina e dal fatto che gli Stati Uniti non sono percepiti come alleati affidabili a causa dell'implementazione delle tariffe e dazi sull'Europa.

Questo rimprovero è stato espresso durante la riunione. L'accento è stato posto sui sentimenti di sfiducia e spiacevoli causati dagli Stati Uniti, mentre chiedono il sostegno dell'Europa contro la Cina, attuano tariffe elevate contro l'Europa.

È stato inoltre osservato che gli Stati Uniti si sono rifiutati di costruire un approccio politico comune  con l'Europa  nei confronti della Cina e che un'eventuale divisione tra Europa e Stati Uniti avrebbe creato opportunità per la Cina.

È stato sottolineato, invece, che sarebbe stata una politica più costruttiva e corretta competere con la Cina nel settore della tecnologia attraverso investimenti e protezione comuni e che a questo punto una zona euro forte e un'unione dei mercati dei capitali servirebbero a questo scopo.

Si è detto che l'intenzione dell'Europa non è seguire gli Stati Uniti ma lavorare con gli Stati Uniti.

Per quanto riguarda l'S-400 non saranno fatte concessioni alla Turchia .

La Turchia non era nell'agenda principale dell'incontro. Tuttavia, a seguito di una domanda, si è discusso anche della Turchia, anche se brevemente.

È stato notato che se la Turchia insiste sull'acquisto del sistema di difesa missilistica S-400 dalla Russia, ci saranno sanzioni statunitensi, non verranno fatte concessioni ad Ankara, la Turchia sarà rimossa dal consorzio F-35 e il suo ruolo nella catena di fornitura verrà chiusa.

Inoltre, è stato sottolineato che se la Turchia sottoscrive l'accordo S-400, avrà un enorme effetto negativo sulla NATO.

È stato notato che la NATO è un'organizzazione il cui scopo non è la strategia ma la sicurezza e che se il controllo della Russia nella regione aumenta, questa sarà una minaccia importante per la NATO.

A questo punto, è stata dichiarata la necessità di coinvolgere i democratici e i repubblicani negli Stati Uniti per il fatto che la NATO non è un'organizzazione strategica.

Credo che il disgusto sul ruolo, non tiene conto della NATO, interpretato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla vicinanza della Turchia alla Russia, sia implicitamente condannato.

-----

Selva Demiralp è professore di economia all'Università di Koç. Questo articolo è stato originariamente scritto in turco per BBC Turkish il 4 giugno.

*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.


Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli  ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!