martedì 18 febbraio 2020

Esclusivo: Erdogan ha rivelato prematuramente le sue vere intenzioni
... non aveva altra scelta


Gordon Duff 


Vivi e in custodia dell'esercito arabo siriano,

Nana Lancaster / Gordon Duff 
Esclusivo da fonti di agenzie di intelligence di alto livello
~

Uno dei principi precedentemente proclamati da Erdogan - "zero problemi con i vicini" sta subendo un terribile crollo. I problemi della Turchia stanno crescendo da tutte le parti, sia con l'Iran che con la Siria, ma soprattutto, la posizione di Stati Uniti e suoi "alleati della NATO" nella forma della Francia è completamente incomprensibile.

La Francia è la "Spada Rothschild". E i Rothschild non sono contenti di Erdogan.

Sultano Erdogan sta davvero inciampando in quella roba

Hanno bisogno del controllo sul gasdotto Israele-Egitto-Grecia-UE e il resto della ricchezza di idrocarburi della Libia è necessario per i proprietari di Macron, per i quali ha lavorato presso la "banca" (ha quasi scritto "il perimetro") .

Aggiungete a ciò che, nonostante tutte le dichiarazioni di bravura delle "vittorie" sui ribelli, le loro perdite stanno crescendo e il panico sta emergendo nei ranghi militari. Inoltre, nei discorsi di Erdogan, la parola "senza speranza" è sempre pronta ad essere ascoltata, forse attraverso il silenzio e l'inganno.

In Siria, Erdogan si trova di fronte a un vicolo cieco politico.

La situazione in sé non può essere regolata dalla forza delle armi. Ovviamente, i Mujahideen turchi non saranno in grado di vincere una vittoria militare decisiva, anche se la Turchia starà dalla loro parte. Né gli Stati Uniti né l'UE o la NATO sosterranno i turchi e non permetteranno mai ai Mujahideen di Erdogan di prendere il potere a Damasco.

Israele non permetterà mai all'esercito turco di arrivare ai suoi confini. Questo è un vicolo cieco.
In Libia, la situazione è ancora peggiore, Erdogan non sembra capire con chi ha fatto contratto, Sarraj e il suo PNS, questi sono solo burattini che non controllano la situazione nel paese.

C'è una guerra inter-tribale nel paese e lo strumento principale è suonato dai combattenti di Misurata, che sono essenzialmente tribù cripto-ebraiche, un tempo formalmente convertite all'Islam. In realtà, perseguono solo i loro obiettivi e quelli di Israele, attraverso il suo burattino Abdel Fattah al-Sisi in Egitto che sostiene Haftar.
Gli israeliani operano in Libia attraverso i loro compagni della tribù di Misurata, che gestiscono un'enclave di gangster a cui si rivolgono varie forze oscure in Medio Oriente. Risolvono problemi, a partire dal traffico di stupefacenti, per andare a finire con il traffico di persone e organi umani.

Non è del tutto chiaro come Erdogan, che bussa alla porta dell'UE per  diventare membro dell'UE, voglia unire la sfida a tutte le "grandi potenze" con il desiderio di aderire all'UE?

Erdogan sta chiaramente creando un conflitto aperto con uno dei pilastri della vecchia Europa, la Francia. Il suo elenco, in quanto non solo erede ottomano ma anche bizantino, potrebbe averne altri nella sua lista, la Grecia certamente, l'Italia, forse.

In Europa, Francia e Grecia, oltre a riflettere (ancora) l'Italia, hanno creato una coalizione anti-turca. E se la Russia si unisse a questa coalizione? Certo, la Russia non ha assolutamente bisogno di un'alleanza contro la Turchia, ma ha i suoi interessi in Libia e Siria. Inoltre, nessuno in Europa nel suo insieme è disponibile a vedere il nuovo impero ottomano ai suoi confini.

È abbastanza ovvio che Erdogan ha rivelato prematuramente i suoi piani per la costruzione di un nuovo impero ottomano, ma non ha altra scelta. E questo è perché, la sconfitta del partito al potere dell'estate scorsa, alle elezioni di Istanbul, dove ha vinto il candidato dell'opposizione kemalista, ha mostrato la precarietà dell'attuale governo.
Non dimenticate che, in Turchia, l'insoddisfazione delle politiche di Erdogan sta maturando tra le élite della società. L'élite vuole aggregarsi all'UE. E il neo - ottomanismo in Turchia non è compatibile con l'adesione all'UE, così come l'islamismo.

Erdogan è ed è sempre stata una Fratellanza Musulmana, e ciò non sarà mai permesso in Europa. Chavushoglu, l'altro giorno con irritazione, ha detto di non capire perché la Turchia non possa aderire all'UE. E rimarcato che la pazienza della Turchia si sta esaurendo. E poi? Operazione militare contro l'UE?

Ma questo è di cattivo gusto o uno "scherzo - umorismo". Chavushoglu ha promesso la rapida crescita economica europea e in generale la prosperità sotto la bandiera ottomana, ma non ha  collegato l'attuale confronto militare con la Grecia, Cipro e la Francia con l'ingresso nell'Unione europea.
L'UE sta già attraversando periodi difficili e la comparsa di neo-ottomani nei suoi ranghi significherà che le due battaglie di Vienna sono state vane. La Turchia inizierà a schiacciare i bulgari, i macedoni e i bosniaci, e persino gli stessi greci, con metodi puramente economici ed espansione economica.

E gli eventi degli ultimi mesi, quando Erdogan non solo ha rivelato i suoi piani, ma ha anche confermato la sua determinazione ad attuare azioni specifiche, suggeriscono che in caso di conflitto di interessi in Europa, i turchi non trascureranno di usare la forza militare. E altrettanto imprudentemente come lo sta facendo ora in Libia e Siria.

L'economia turca non è nelle migliori condizioni, mentre l'UE e gli Stati Uniti stanno pensando di imporre sanzioni alla Turchia, ma anche se l'ombra di tali sanzioni sale sopra la testa di Erdogan, la valuta turca potrebbe immergersi nell'abisso. E la popolazione prima delle elezioni potrebbe non resistere a un'altra caduta della lira turca.

Erdogan ha rivelato prematuramente i suoi piani. La Turchia non ha nemmeno raggiunto il livello di macrostabilità, che consente di raggiungere una crescita economica sostenibile. Le operazioni militari, in Siria e specialmente in Libia, possono rovesciare questa instabile speranza che l'economia esca dalla crisi. 
Erdogan crede erroneamente che l'Europa osserverà con calma la vendetta neo-ottomana in Medio Oriente. Ma non ha scelta. O ha successi nella politica estera, sostenuti da slogan filo-islamici, o viene sconfitto alle elezioni.
Inoltre, è chiaro che, oltre alla retorica militante, la Turchia non ha né la forza né i mezzi per condurre operazioni militari su vasta scala in Medio Oriente. Finora, si tratta di indicare attacchi e dichiarazioni minacciose.

In un modo o nell'altro, l'intera politica estera della Turchia in qualche modo gioca a favore della Russia.

*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/02/esclusivo-erdogan-ha-rivelato.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali.


Grazie al nostro canale #SaDefenzaChannel su Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!