martedì 15 giugno 2021




La Turchia non ha detto l'ultima nel nord della Siria, poiché la situazione sembra peggiorare.



Il 12 giugno, almeno 22 persone, per lo più civili, sono state uccise in pesanti bombardamenti nella città di Afrin occupata dai turchi.

Almeno 35 sono rimasti feriti nell'attacco.

Il bombardamento della città di Afrin ha anche causato ingenti danni materiali a proprietà civili, comprese case, automobili e negozi.

Il target dell'ospedale Al-Shifa ha portato alla  sua chiusura e sono state segnalate vittime tra il personale ospedaliero.

Non è chiaro chi abbia compiuto il bombardamento, ma la colpa iniziale è stata data ai gruppi curdi e in particolare alle Forze di liberazione di Afrin posizionate in molti dei villaggi circostanti.

Alcune fonti hanno affermato che le forze turche hanno bombardato la città, citando gli sforzi di Ankara per sfruttare l'attentato e le sue vittime alla vigilia dell'incontro di Erdogan con Biden.

La risposta è arrivata piuttosto rapidamente, quando le forze turche e i militanti sostenuti da Ankara hanno effettuato bombardamenti estesi e su larga scala verso i villaggi fuori dal loro controllo e dove sono schierate le Forze di liberazione di Afrin.

Il 13 giugno, gli sforzi della Turchia sono proseguiti.

Una serie di attacchi turchi ha colpito la città siriana di Tell Rifaat e la sua periferia nella campagna settentrionale di Aleppo.

Ci sono rapporti contrastanti, con alcuni che affermano che i droni turchi hanno effettuato gli attacchi, mentre altri hanno affermato che i droni sono stati semplicemente usati per correggere il fuoco dell'artiglieria turca.

Il ministero della Difesa nazionale turco ha ritenuto SDF responsabili dell'attacco mortale ad Afrin.

Nella sua risposta iniziale, l'esercito turco ha sparato più di 180 razzi e proiettili sulle posizioni del gruppo guidato dai curdi intorno a Tell Rifaat.

SDF hanno negato la responsabilità dell'attacco nonostante avesse una storia di lancio di razzi nella città di Afrin.

Il 17 febbraio, 13 persone, tra cui sei bambini e tre donne, sono rimaste ferite quando il gruppo ha sparato una raffica di razzi contro Afrin.

Il 2 maggio, una bambina di 5 anni è stata uccisa e i suoi genitori sono rimasti feriti in un altro attacco missilistico sulla città.

Nel frattempo, la Turchia si sta preparando a respingerli a Idlib, in risposta ai pesanti bombardamenti e attacchi aerei dell'esercito arabo siriano con il sostegno russo sui militanti di Hay'at Tahrir al-Sham.

Secondo quanto riferito, la Turchia si sta preparando per un'offensiva.

L'esercito turco ha intensificato le spedizioni di munizioni ai militanti.

Almeno 12 camion carichi di proiettili e razzi sono arrivati ​​nella città di al-Bara nel sud di Idlib dalla Turchia attraverso il valico di frontiera di Kafer Lusin.

HTS sta radunando le sue forze su diverse linee del fronte nella Grande Idlib in preparazione di un'offensiva su larga scala.

Il gruppo affiliato ad al-Qaeda ha schierato dozzine di combattenti e diversi carri armati.

L'intero nord della Siria – sia le aree popolate dai curdi, sia la Grande – Idlib potrebbero dirigersi verso il caos orchestrato dalla Turchia.


Categories: , ,

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!