lunedì 4 novembre 2019

Sacerdoti sposati e statue incinte distraggono dai veri problemi della chiesa.



Da questo articolo possiamo trarre almeno una convinzione che chi scrive e chi ha partecipato a questo sinodo sull'Amazzonia non ha le idee chiare  su almeno tot  aspetti :  la dea madre Pachamama adorata dai frati , il Papa non ha detto nulla dunque approvava sotto sotto,  e pensare che lui non si genuflette neanche alla croce eppoi accetta che i frati si genuflettono a Pachamama... E' evidente a tutti che ormai la cosiddetta  chiesa cattolica è divenuta una spelonca di massoni, pederasti, gay e idolatri del sesso ... Dunque cosa si perdono i fedeli ? Nulla  devono semplicemente volgersi altrove e trovare Iddio in se stessi, poiché questi prelati non meritano certo di rappresentarlo essendo loro il peggior esempio di etica e di morale religiosa , sono li solo per prendersi uno stipendio dalla stato italiano alla faccia di chi ha fede . Auguri  a tutti i delusi e ai frustrati da questi pusillanimi del malaffare religioso, si deve tornare alle catacombe incontrare i fedeli veri e con loro ricostruire la chiesa messianica  nell'attesa del regno del Cristo.
Sa Defenza


Il sinodo sull'Amazonia si è concentrato sulle soluzioni sbagliate a problemi molto profondi




Breda O'Brien
irishtimes
Sa Defenza 



Pachamama dea madre delle Ande data in adozione dell'Amazonia 



Il Vaticano ha criticato il furto in una chiesa della statuetta di legno di Pachamama rappresentata da una donna incinta nuda e gettata nel fiume Tevere a Roma. Fotografia: Vincenzo Pinto / AFP


Due aspetti del Sinodo dei vescovi sull'Amazzonia hanno fatto notizia: in primo luogo, le caute proposte di ordinare uomini sposati con famiglie stabili in aree remote che sono già diaconi, e in secondo luogo lo status di statue lignee di donne incinte nude.

I problemi vitali sono stati minimizzati. C'è stata poca attenzione a ciò che il documento sinodale finale definiva una "crisi socio-ambientale unica" di sfruttamento del bacino amazzonico. Ha provocato "traffico di stupefacenti, gruppi armati illegali, alcolismo, violenza contro le donne, sfruttamento sessuale, tratta di persone, vendita di organi, turismo sessuale, perdita della cultura e dell'identità originali (lingua, pratiche e costumi spirituali) e la criminalizzazione e l'omicidio di leader e difensori del territorio ”.

La Chiesa cattolica è stata una spina nel fianco degli avidi che sfruttano la foresta pluviale e i suoi popoli a scopo di lucro, attraverso la produzione industriale di carne bovina, miniere d'oro ed estrazione di petrolio e gas.
Gesù predicava più sulla cura dei poveri che su quasi ogni altra questione. Una chiesa che non si prende cura dei poveri e degli emarginati sta fallendo in modo fondamentale

Papa Francesco ha mostrato una leadership visionaria nella sua enciclica, Laudato 'Si: Sulla cura per la nostra casa comune.

Ci sono molti interessi acquisiti che vorrebbero vedere diminuita l'influenza della Chiesa cattolica, tra cui il presidente brasiliano Jair Bolsonaro , la cui retorica ha accelerato lo sfruttamento dell'Amazzonia.

Gesù predicava più sulla cura dei poveri che su quasi ogni altra questione. Una chiesa che non si prende cura dei poveri e degli emarginati sta fallendo in modo fondamentale. Tuttavia, la chiesa non è solo una sorta di agenzia non governativa con una missione sociale.

Semina rapidamente i semi della propria irrilevanza se non è radicato in una visione del mondo distintamente cristiana che enfatizza la nostra relazione e dipendenza da Dio, da cui scaturisce la nostra cura reciproca e una ricca vita spirituale e di preghiera sacramentale.

Troppo accomodante

Il pericolo di essere così accomodanti con altre culture è che qualcosa di distintamente cattolico è perduto. Probabilmente è per questo che c'era un tale clamore nelle figure di legno intagliato che raffiguravano una donna con un bambino non ancora nato nel suo grembo.

Durante una cerimonia di piantagione di alberi in Vaticano durante il Sinodo, le persone, tra cui un francescano, si sono prostrate davanti ad alcune di queste immagini.

Papa Francesco appariva sconcertato. Abbandonò le sue osservazioni preparate e guidò invece tutti i presenti in un Padre Nostro. Erano i responsabili degli idoli del culto rituale? Ne dubito moltissimo. Era profondamente imprudente prostrarsi, un gesto universalmente riconosciuto come adorazione? Assolutamente.

Non ha aiutato il fatto che nessuno responsabile delle comunicazioni vaticane sembrasse decidersi se questi fossero simboli di fertilità, immagini di Madre Terra o simboli di Nostra Signora dell'Amazzonia. (Quest'ultimo titolo appartiene probabilmente a Nostra Signora di Nazaret, un'immagine venerata, non adorata, da due milioni di cattolici a Belem in Brasile ogni ottobre.)

Papa Francesco lo ha conciliato riferendosi alle immagini come Pachamama, anche se Pachamama è una dea delle Ande, non dell'Amazzonia.


Per quanto riguarda i sacerdoti sposati, potrebbe essere la soluzione sbagliata a un problema più profondo

Alla fine, secondo la rivista online di Crux , P. Fernando Lopez, membro gesuita di REPAM, il Catholic Ecclesial Network cattolico, ha affermato che l'immagine era stata originariamente acquistata dal mercato di un artigiano brasiliano a Manaus. Quando gli è stato chiesto se la piantagione di alberi fosse un rituale pagano, ha risposto con un "no" piatto.

Ma non sarebbe saggio prostrarsi davanti a questa immagine, quanto era saggio o amorevole rubare immagini di donne incinte e gettarle nel Tevere?

Personalmente, è stato difficile per me credere che degli uomini gettano in un fiume un'immagine che onora la donna come creatrice di vita, simboleggiata dal nascituro che porta con sé.

Soluzione sbagliata

Per quanto riguarda i sacerdoti sposati, potrebbe essere la soluzione sbagliata a un problema più profondo, come sottolineato da don Martín Lasarte, un sacerdote salesiano uruguaiano invitato da Papa Francesco al Sinodo. Pur non essendo chiuso ai sacerdoti sposati, don Lasarte ha chiesto perché ci fosse una tale carenza di vocazioni amazzoniche.

Ha confrontato altri due biomi con l'Amazzonia: il fiume Brahmaputra indiano e il bacino del Congo africano. Nel 1923, nel nord-est dell'India , c'erano solo 1.000 cattolici. Oggi ci sono 1.647.765 cattolici in 15 diocesi con 220 lingue. Il rapporto tra sacerdoti e laici è impressionante da 1 a 1.000. Allo stesso modo, nell'area del fiume Congo, che ha affrontato molte sfide e conta 500 popolazioni e lingue, le vocazioni sacerdotali sono cresciute del 23% negli ultimi 10 anni.

Quindi, P. Lasarte si chiede, perché ci sono così poche vocazioni in Amazzonia? Ancora più acutamente, si chiede perché le Chiese evangeliche e pentecostali prosperano mentre i numeri della Chiesa cattolica stanno precipitando?
Se, come suggerisce, c'è una timidezza cattolica nel proclamare un messaggio distintamente cristiano, allora i preti sposati, anche in condizioni strettamente limitate, non inizieranno a toccare il problema.

Questa timidezza su ciò che è distintamente cristiano alla fine mina anche la cura della terra, come ha detto ripetutamente Papa Francesco che ciò che è necessario è una “spiritualità ecologica fondata sulle convinzioni della nostra fede, poiché gli insegnamenti del Vangelo hanno conseguenze dirette per il nostro modo di pensare, sentire e vivere ”. Aumentare le vocazioni e salvare l'ambiente saranno entrambi aiutati da una soluzione: il rinnovamento dell'autentico cristianesimo.


*****
Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali





Grazie al nostro canale Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!