giovedì 4 giugno 2020

STEPHAN KOHN, CONSIGLIERE GOVERNATIVO TEDESCO DEL MINISTERO DEGLI INTERNI,  DENUNCIA LA FALSA PANDEMIA CORONA

Perché un funzionario di crisi sul Corona virus osa ribellarsi

Evelyn Finger e Holger Stark 
Un consigliere governativo presso il Ministero degli Interni considera il Corona virus un falso allarme e la lotta contro le pandemie fatale. Invia le sue tesi in tutta la Germania. Il tutto  ha delle conseguenze.

articolo Zeit on line del 11 maggio 2020


Giochi d'ombra sulla costruzione del Ministero federale dell'interno © Florian Gärtner / imago images Leggi sulla pagina

Venerdì pomeriggio la scorsa settimana, quando la capitale celebra il giorno della liberazione dal fascismo e la stragrande maggioranza dei funzionari si gode le vacanze, qualcosa di insolito sta accadendo all'interno dell'apparato governativo. L'anziano consigliere governativo Stephan Kohn. del Ministero Federale degli Interni invia una e-mail al suo capo dipartimento, al team di crisi Corona, alla cancelleria e poi, alle 15:34, una copia a tutti i governi statali di tutta la Germania. L'e-mail ha un argomento che ha tutto: "Risultati della valutazione interna della gestione delle crisi Corona". Allegato un documento di posizione di 83 pagine.

Stephan K. lavora nel dipartimento di gestione delle crisi e protezione civile del ministero degli Interni, unità KM4, è un consulente responsabile di "infrastrutture critiche", vale a dire le parti del paese che meritano particolare protezione. Lo scienziato politico ha segnato ed evidenziato le sue tre tesi più importanti in rosso: "Analisi interna KM4 mostra: grave fallimento della gestione delle crisi. Deficit nel quadro normativo. La crisi Corona sta probabilmente dimostrando di essere un falso allarme".

Sono passati quasi due mesi da quando il Cancelliere ha imposto rigide restrizioni all'uscita e poco meno di una settimana da quando molti di loro sono stati ritirati. Il paese sta discutendo di come la Germania stia attraversando la crisi e se l'allentamento avvenga troppo lentamente o troppo rapidamente. Ma la crisi della corona - è un "falso allarme"? E un "grave errore nella gestione della crisi"? Cosa sta succedendo al Ministero degli Interni - e di cosa si tratta esattamente la controversia?

Stephan Kohn, il ministero chiarisce nel fine settimana, non ha agito per conto ufficiale, ma per proprio conto. Ha assunto un punto di vista che si è sviluppato da quando il governo federale ha reagito alla pandemia del coronavirus con regole internazionali rigide, sebbene ancora moderate. Fa delle accuse serie, alcune sembrano fondate, altre possono anche essere ascoltate nelle dimostrazioni del fine settimana che i teorici della cospirazione usano come palcoscenico. Il Ministero lo ha sospeso per l'invio non autorizzato del rapporto non coordinato.

L'accusa del consiglio di governo non potrebbe essere più severa: il governo federale aveva deciso di adottare misure estese per contenere il virus corona, ma senza tener conto dei pericoli che queste stesse misure rappresentano. Anche se ha combattuto un grave rischio di infezione, ma non ha esaminato adeguatamente gli effetti collaterali della lotta alla crisi. La questione dei pericoli derivanti non solo dal virus stesso, ma anche da misure di protezione, è al centro del dibattito in corso.


K. considera la pandemia paragonabile a un'onda influenzale normale

Le misure di protezione sono fondamentalmente una fonte separata di pericolo, sostiene Stephan K. Una pandemia può quindi portare a una "situazione a più pericoli". "Le misure di protezione non possono essere utilizzate come misura preventiva perché hanno anche il potenziale di causare danni straordinari", ha detto il funzionario. "In una pandemia, ci sono sempre almeno due pericoli che la gestione delle crisi deve tenere a mente: danni alla salute causati da un agente patogeno e danni collaterali da effetti collaterali delle misure di protezione o (come un caso speciale) un falso allarme".

K. ritiene che la pandemia sia paragonabile a una normale ondata di influenza - e la reazione del sistema sanitario è fatale: "2,5 milioni di persone non sono state curate a seguito di misure governative", afferma, semplicemente a causa di operazioni annullate e trattamenti falliti, diverse decine di migliaia di pazienti morì, probabilmente "fino a 125.000 pazienti". Ma ammette: "Il tasso di mortalità atteso non può essere valutato seriamente".

In particolare, l'oratore ha criticato che le precedenti conoscenze sul danno collaterale erano state ignorate. "Un risultato chiave di tutti gli studi, esercizi e analisi dei rischi precedenti è che la lotta contro una pandemia provoca sempre un danno collaterale" e questo "può essere significativamente maggiore del danno causato dal patogeno". Al momento, gli aspetti sanitari dominerebbero così fortemente il team di gestione delle crisi che altri aspetti altrettanto importanti possono essere trascurati e trascurati. Ciò ha gravi conseguenze per il proprio campo di lavoro, la protezione delle infrastrutture critiche. K. si preoccupa per la fornitura di elettricità, acqua potabile, Internet. La sopravvivenza dipende dal loro funzionamento.

Insediamento politico generale


È noto da tempo che le relazioni sistematiche devono essere prese in considerazione nel caso di gravi situazioni di perdita come una pandemia. È fondamentale che siano correlati diversi pericoli. "La gestione delle crisi 2020 non ha registrato sistematicamente queste interazioni e non ha contato i loro effetti".

Nella sua furia, tuttavia, il consiglio di governo va ben oltre la critica della mancanza di considerazione dei rischi. "Questo stato ha fallito in modo quasi grottesco nella crisi del virus corona", afferma. Si potrebbe temere che le misure del governo che hanno già avuto luogo nella crisi del corona abbiano spazzato via la durata della vita potenziale fino a diversi milioni di anni per la popolazione tedesca - perché le persone diventerebbero depresse e violente e la salute generale peggiorerebbe.

E poi aggiunge una soluzione politica generale: "La proporzionalità degli interventi nei diritti dei cittadini, ad esempio, non è attualmente disponibile", ritiene. "Potrebbero sussistere dubbi sul fatto che l'obiettivo di protezione della gestione nazionale delle crisi non sia più la sicurezza e la salute della popolazione, ma la credibilità e l'accettazione dei partiti e dei membri del governo". E: "I deficit e i fallimenti nella gestione delle crisi hanno conseguentemente portato alla comunicazione di informazioni errate e provocato così la disinformazione della popolazione". Se segui K., il team di crisi non protegge principalmente la popolazione dalle infezioni, ma il governo dalle critiche e fuorvia le persone. Questo è solo fumo negli occhi.

Il dipartimento di Stephan K. presso il Ministero degli Interni non è coinvolto nella lotta contro la crisi della corona, K. non fa parte della squadra di crisi stessa. Da marzo lavora alle sue tesi, scrivendo a dieci medici e professori esterni chiedendo consigli, legge molto su Internet. Nel suo position paper, l'Oberregierungsrat fa riferimento ai piani di pandemia del governo esistenti che richiedono una valutazione del rischio, di stimati scienziati e cita l'ex ministro degli Interni Thomas de Maizière. Ma aggiunge anche fonti discutibili, come una raccolta di materiale dal discutibile portale Internet "Swiss Propaganda Research", che è gestito da creatori anonimi ed è a sua volta sospettato di fare propaganda.

Quando l'appello cadde inascoltato, si rivolse a Horst Seehofer


Quando presentò una prima versione del suo position paper a marzo, il suo capo unità all'epoca lo informò che "non vedeva la connessione ufficiale". Quando anche lui è rimasto sordo al suo capo dipartimento, ha protestato ufficialmente. Alla fine, ha scritto al ministro federale dell'interno Horst Seehofer (CSU) una lettera personale. Ma il direttore dell'ufficio di Seehofer ha rifiutato di presentare il documento di sintesi. Per motivi personali, K. ha annullato una conversazione con il direttore dell'ufficio del ministro prevista per la scorsa settimana, e non voleva aspettare che si svolgesse un nuovo appuntamento questa settimana.

Con motivo, per cui "invia queste informazioni direttamente senza prima consultare altri organi responsabili", cita una sorta di emergenza: "È un pericolo imminente! Le misure di protezione supposte stanno causando ogni giorno ulteriori danni gravi, materiali e sanitari un gran numero di morti prevenibili ".

Un colloquio di staff è previsto per questo lunedì presso il Ministero degli Interni. "Ognuno ha il diritto di esprimere liberamente la propria opinione", afferma una dichiarazione di  Seehofer. Tuttavia, era "inaccettabile e incompatibile con i doveri generali nel servizio pubblico se le opinioni private e le raccolte di idee fossero pubblicate utilizzando simboli ufficiali".

Alla domanda del ZEIT, Stephan K. dice: "Non posso darvi alcuna informazione al riguardo. Sono un dipendente pubblico e voglio comportarmi in modo adeguato". 



*****
https://sadefenza.blogspot.com/2020/06/stephan-kohn-consigliere-governativo.html

Sa Defenza non effettua alcun controllo preventivo in relazione al contenuto, alla natura, alla veridicità e alla correttezza di materiali, dati e informazioni pubblicati, né delle opinioni che in essi vengono espresse. Nulla su questo sito è pensato e pubblicato per essere creduto acriticamente o essere accettato senza farsi domande e fare valutazioni personali
Grazie al nostro Sa Defenza Channel su Telegram potete rimanere aggiornati sulla pubblicazione di nuovi articoli ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!