sabato 8 aprile 2017

I medici svedesi per i diritti umani (swedhr.org) hanno analizzato i video con i bambini assassinati per propaganda

a cura de Sa Defenza 


GAS SUI BAMBINI I SIRIA...

Il medico, Shajul Islam, è stato usato come fonte dai media statunitensi e britannici, nonostante fosse accusato di terrorismo per il rapimento e la tortura di due giornalisti britannici in Siria, e nonostante sia stato radiato dal registro medico. L'organizzazione responsabile per l'invio di apparecchiature a questo "medico" è sotto accusa per l'utilizzo delle donazioni destinate ai rifugiati.

Il presidente israeliano Benjamin Netanyahu si è affrettato a gettare la colpa sul governo siriano, come ha fatto Amnesty International. La Francia ha chiesto una riunione del Consiglio di sicurezza per l'incidente.


I Caschi Bianchi hanno filmato gran parte delle riprese rilasciate sull'attacco chimico. E' anche noto che loro hanno girato video in passato con la messa in scena di finti “salvataggi” . Tuttavia, questa volta sembra che i bambini siano stati effettivamente uccisi nella realizzazione di questa “campagna mediatica”.



 I medici svedesi per i diritti umani (swedhr.org) hanno analizzato i video, del salvataggio dopo un presunto attacco da parte delle forze governative siriane. I medici hanno scoperto che i video sono stati contraffatti, sono state udite anche didascalie in arabo, e che il presunto “Soccorso” è in realtà un omicidio. Sulla prima analisi, sembrava che i medici che lavorano sul bambino in trattamento pareva già morto.


Tuttavia, dopo un'indagine più acurata, il nostro team ha accertato che il ragazzo era privo di sensi da un'overdose di oppiacei. Il video mostra il bambino che riceve iniezioni sul petto, forse nella zona del cuore e finalmente è stato ucciso mentre gli somministrano un'iniezione di adrenalina chiaramente falsa .


Questo è stato un omicidio.

I medici determinato nella loro analisi:

• Il video dovrebbe avere la misura di salva-vita dopo un attacco chimico con
gas di cloro (ora affermano che sia Sarin- ma, non è possibile), compresa l'iniezione di adrenalina tramite siringa con un ago lungo nel cuore di un bambino. In nessun modo sono stati usati o dati trattamenti corretti per qualsiasi agente chimico potenziale.

• La manipolazione e il trattamento del bambino è stata fatta in un modo  imprudente, e pericoloso e può causare gravi danni.

• Più eloquenti sono le ripetute finte iniezioni  di adrenalina, presumibilmente al cuore. Il personale medico, lo possiamo tranquillamente definire degli attori, a questo punto, non sono riusciti a spingere lo stantuffo della siringa. Pertanto, il contenuto della siringa non è mai stato iniettato come è chiaramente visibile nel video stesso.

• La diagnosi visibile da un team di esperti medici reali, sulla base di ciò che si osserva nel video, indica che il bambino era affetto da un'iniezione di oppiacei ed era probabile morire di overdose. Non v'è alcuna prova di qualsiasi altro agente, chimico o altro.

• Nessuno dei bambini nei video ha mostrato alcun segno di essere vittima di un attacco chimico.
Da un precedente video dai caschi bianchi:


• Era chiaro che l'iniezione simulata con l'ago lungo somministrata attraverso i punti indicati nel video hanno, in realtà, assassinato il bambino . Questo è stato un omicidio mirato di scena da far apparire come trattamento medico.

• Dietro la traduzione del falso video, dall'arabo, include nelle didascalie il posizionamento del bambino per il video, non certo per le cure mediche.


• I video caricato erano del canale dei  Caschi Bianchi- “protezione civile siriana nella provincia di  Idlib ”.  I video sono stati prodotti dai Caschi Bianchi, insieme all'organizzazione “coordinamento sarmin”, il loro logo una bandiera nera jihadista (Al Qaeda). Nel video sono presenti anche caschi bianchi basta guardare.

http://theindicter.com/white-helmets-movie-updated-evidence-from-swedish-doctors-confirm-fake-lifesaving-and-malpractices-on-children/

Il presidente dell'associazione, il professor Prof. Marcello Rada de Noli (nella foto a sx), ha pubblicato all'inizio di marzo 2017 un primo articolo con un'analisi del caso: “I medici svedesi per i Diritti Umani: I Caschi Bianchi del video, la manipolazione macabra di bambini morti e messi in scena come vittime di attacco con armi chimiche  per giustificare una”no-fly zone‘ in Siria’.

A questo  sono seguite più macrabe  scoperte nei video che non si vedono inizialmente nell'articolo del film dei Caschi Bianchi: Prove aggiornato da medici svedesi Confermano la pratica del falso salvataggio del bambino.

I risultati collettivi dei medici svedesi (swedhr) per quanto riguarda la propaganda e le falsità di al-Qaeda (Al Nusra)  in Siria: sono in linea con i risultati delle scoperte condotte da Scienziati Tedesci e Internazionali sulla guerra in Siria


Ferrada de Noli è il fondatore e presidente della ong Medici Svedesi per i Diritti Umani (SWEDHR), [36] un istituto di ricerca non governativo integrata da un gruppo di professori e medici che operano nei settori legati alla salute, finalizzato alla ricerca e al rapporto sugli effetti delle atrocità della guerra sulle popolazioni civili, la tortura dei prigionieri e le trasgressioni dei diritti umani.

L'organizzazione è impegnata nelle seguenti aree: Nazioni, paesi-scenari in cui le popolazioni civili sono stati presi di mira da crimini di guerra, trasgressioni da parte dei governi sui diritti umani degli individui che espongono i crimini di guerra, i singoli casi di medici soggetti a violazioni dei diritti umani, e la ricerca sugli effetti delle torture a prigionieri. Vedi ulteriore descrizione nel manifesto dell'organizzazione. [37]

Il primo consiglio eletto di SWEDHR era composta da Leif Elinder, Marcello Ferrada de Noli (Presidente), Martin Gelin, Alberto Gutierrez, Ove B. Johansson, Lena Oske, Armando Popa, Anders Romelsjö (Vice-Presidente), Marita Troye-Blomberg, e Luz Varela. [38] Nel 2015 Ferrada Noli ha fondato con un gruppo di accademici e di editori europei la rivista on line The Indicter , si cui è stato eletto redattore capo . [39]


I professori svedesi e Medici per i Diritti Umani (SWEDHR) è una organizzazione non-profit indipendente, apartitica, un'organizzazione non governativa impegnata nella ricerca e reporting sugli effetti dei crimini di guerra, la tortura e dei diritti umani le trasgressioni sulle popolazioni civili o sugli individui.

SWEDHR è un team formato dalla partecipazione di un certo numero di professori svedesi, dottorati di ricerca, medici e ricercatori universitari nel campo delle scienze mediche e le discipline relative alla salute. Questa partecipazione è puramente volontaria e realizzato su base privata. 
Le dichiarazioni di SWEDHR rappresentano esclusivamente i membri di questa organizzazione, non tutti i medici svedesi o qualsiasi altra istituzione professionale / accademica di associazione che i partecipanti SWEDHR sono associati. 
SWEDHR segue sia la dottrina delle Nazioni Unite per i diritti umani e le norme etiche in base alla dichiarazione etica dell'Associazione medica mondiale la di Helsinki. Continuate a leggere gli obiettivi della nostra organizzazione e le motivazioni per la sua fondazione sul  manifesto di Swedhr . 
A differenza con le altre organizzazioni di questo tipo in Svezia, SWEDHR  a) non amministra fondi di nessun tipo, b) non detiene né chiede sponsorizzazione economica da nessun ente governativo, corporate o private; c) non raccoglie commissioni ( meddlemsavgift ) da suoi sostenitori; d) non fa campagna su questioni economiche o legate e associate ai nostri sforzi HR. Riteniamo, inoltre, che l'astensione dalla suddetta possibilità di contributi esterni è un modo di mantenere assoluta indipendenza e credibilità per quanto riguarda la segnalazione imparziale sulle questioni Human Right. 
SWEDHR è aperto alla partecipazione altruista di qualsiasi medico interessati condividere gli interessi di ricerca di cui sopra. Forme associative ( membro a pieno titolo o membri associati ) sono descritti nelle nostre Statuto . Per domande, commenti, o se si desidera contribuire nelle nostre pubblicazioni online, contattare:
info@swedhr.org
Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!