giovedì 27 aprile 2017

Forti esplosioni vicino all'aeroporto di Damasco, attacco Israeliano?

actualidad.rt.com




Le esplosioni, hanno provocato un grande incendio, sarebbero state causate da un attacco aereo da parte di Israele, secondo i media locali.


Diverse esplosioni di grande entità si sono verificate vicino all'aeroporto internazionale di Damasco, la capitale siriana, provocando un grande incendio . Informazioni e report di testimoni attraverso i social network e media siriani.



La causa delle esplosioni non è stata chiarita, e finora non sono stati segnalati morti o feriti dopo l'evento. Nel frattempo, ci sono state notizie contrastanti non confermate, che suggeriscono si sia trattato di un attacco aereo o il bombardamento di una condotta.


"L'esplosione è stata enorme e potrebbe essere stata sentita a Damasco , " ha detto il direttore dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, Rami Abdel Rahman citato dal 'Times of Israel' , che indica anche che, secondo a media locali, l'azione corrisponde a un attacco aereo da parte di Israele .

Netanyahu giustifica l'attacco aereo in Siria



Intanto fonti dei ribelli hanno riferito che si tratta di almeno cinque esplosioni in un complesso ampiamente conosciuto per essere utilizzato dall'Iran per la fornitura di armi alle varie milizie alleate dell' esercito siriano, riferisce Reuters .


Nel mese di marzo, le Forze di Difesa israeliane hanno lanciato attacchi aerei vicino a Damasco contro diverse postazioni militari siriane e un magazzino dell'esercito. Questo, e altri attacchi aerei in Siria erano stati giustificati dal ministro della Difesa di Israele, Avigdor Lieberman, sostenendo che erano necessari per garantire la sicurezza del loro paese, che viene "prima di tutto".


L'aeroporto di Damasco è stato il più attivo della Siria prima dello scoppio delle ostilità nel 2011. Dall'inizio della guerra, la maggior parte delle compagnie aeree internazionali hanno cessato i voli per la capitale siriana

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!