sabato 15 novembre 2014

TTIP TRATTATO DI LIBERO SCAMBIO USA-UE ACCORDO DI GUERRA CONTRO LE NAZIONI NON AMERICANIZZATE E PER LA DEFINITIVA PRIVATIZZAZIONE DEL POTERE LEGISLATIVO

Una parola contro le guerre
A. Boassa

Data la complessità del problema l'argomentazione è stata suddivisa per capitoli : a) obiettivo esterno b)obiettivo interno c) bozza di mandato negoziale .

A) L'OBIETTIVO ESTERNO
Come il trattato sia innanzitutto un accordo di guerra contro le nazioni non americanizzate si evince da un capoverso del documento di Confindustria "USA ed UE si riconoscono rilevanza strategica non solo vicendevolmente , ma anche impegnandosi a contrastare il protezionismo a livello globale ,agendo di comune accordo per combattere comportamenti anticoncorrenziali ,sussidi statali , sostegni alle aziende di stato , restrizioni all'export di materie prime , sostegno discriminatorio ad imprese nazionali ..." . Si rende necessario perciò rafforzare "le norme multilaterali ed internazionali sui diritti di proprietà , sul lavoro ,sull'ambiente " .

Con scarni accenni che alla nostre "sinistre" maggiormente decerebrate potranno apparire "moderni" , vengono indicati obiettivi che messi in pratica abbatterebbero l'indipendenza delle nazioni che per sostenere i loro popoli non si sono arrese del tutto al neoliberismo ,cioè allo strapotere della finanza ,delle multinazionali , delle provocazioni terroristiche e militari .

LA NAZIONE CHE VOLESSE MANTENERE IL CONTROLLO STATALE SUI TRASPORTI ,SULLA SANITA' ; SULL'ISTRUZIONE... DIVENTEREBBE UNA NAZIONE FUORILEGGE .

E fuorilegge anche qualora disponesse di meccanismi protezionisti per tutelare l'agricoltura o ponesse dei limiti all'esportazione di materie prime necessarie al Paese . Non potrebbe opporsi per la difesa dello stato sociale in nome della libera concorrenza . E neanche disporre di una legislazione autonoma sulla proprietà intellettuale , sul lavoro , sull'ambiente ...

CREARE DIFFICOLTA' ad un paese che voglia trasgredire regole imposte non è difficile : restrizioni al credito , difficoltà di accesso ai mercati , embargo ...Altrimenti ci sono dei modi più spicci che gli States e le altre potenze imperiali minori hanno sempre saputo praticare con perizia : l'omicidio mirato , il colpo di stato ,l'intervento militare diretto , favorendo l'ascesa al potere di personaggi compiacenti che fanno collassare il Paese rendendolo facile preda degli avvoltoi di turno .

TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP)
E' vero .La "superiore civiltà" occidentale è stata costretta , per imporre i suoi indiscutibili valori , al genocidio ,"suo malgrado" . Ma ciò è avvenuto perchè chi doveva subordinarsi si è invece ribellato . Ma se si accettasse ,almeno oggi nella postmodernità , con serenità, lo spirito liberatorio del neoliberismo e lo stile di vita americano ...


B) L'OBIETTIVO INTERNO
L'accordo dovrebbe entrare in vigore nel 2017 ed essere definitivamente attuato nel 2027 (va detto tuttavia che in questo periodo assistiamo a delle zuffe tra i grandi potentati su questioni di "dettaglio" che poi sono quelle che interessano immediatamente ,il che potrebbe far scivolare le date di cui sopra) .
L'avvio dei negoziati è stato annunciato come buona novella da Obama e dalla commissione europea durante il G8 in Irlanda .


Le due potenze garantiscono il 50% del PIL mondiale e 1/3 degli scambi commerciali . Se ne vuole di più . Si dice ,tanto per non apparire avidi ed egocentrici , che tale accordo genererebbe un aumento della ricchezza globale di 100 miliardi di euro ,secondo quella storica propensione del capitalismo nel favorire prosperità e benessere a tutte la nazioni del pianeta .
In Europa si avrebbe un aumento del reddito annuale medio di 545 euro per una famiglia di quattro persone e negli Stati Uniti di 655 .


Le "DUE COMUNITA' D'AFFARI" (è detto proprio così nel documento di Confindustria , con un linguaggio che evidenzia sia l'assunzione degli esseri umani a merci ,esseri umani il cui valore è dato dal loro costo in quanto merci , sia la sicumera dei "lor signori" di essersi sbarazzati di ogni opposizione che facesse riferimento alla dignità della persona ,alla reale uguaglianza dei diritti sociali ) ritengono che tale accordo si renda necessario per riavviare il rilancio dei flussi commerciali "dato il sostanziale declino verificatosi nell'ultima decade " a causa del disturbo creato dai Paesi "emergenti" e dalla crisi economica e finanziaria .

Nello sport si dice squadra che vince non si cambia . Per l'ideologia neoliberista vige la stessa regola . Dato che negli ultimi trent'anni le ricette neoliberiste hanno realizzato risultati ampiamente soddisfacenti , sopratutto per chi di denaro ne aveva già tanto , è una cosa buona continuare con le stesse strategie dandole un'accelerata a livello europeo e mondiale , sbarazzandosi di tutti quei lacci e lacciuoli che rallentano l'impetuoso galoppo dell'economia : si allude al peso eccessivo dello stato nelle faccende dell'imprenditoria , all'enorme patrimonio mobiliare e museale statale così avaro di fruttosi profitti , agli inutilizzati beni comuni , alla scuola ,alla sanità , all'acqua , servizi fondamentali e gestiti con tanta burocrazia e scarsa professionalità , servizi che solo la mano privata può restituire ad una piena funzionalità e all'eccellenza .

Il "dimagrimento" dello stato come auspicato da Marchionne ,da Renzi , dal PD e lo strapotere del Privato costituiscono l'obiettivo stategico primario interno del TTIP , obiettivo che necessita perchè possa essere realizzato del tutto di una molteplicità di strumenti che vanno da una favorevole legislazione nazionale ( cui ha dato corso con grande determinazione in Italia il governo Renzi ) ed una "legislazione internazionale" ( vedi RDIE e TISA innanzitutto) .


I grandi potentati che governano l'Occidente con i loro maggiordomi di lusso ( Obama , Merkel , Draghi...) hanno imposto questo devastante accordo in totale assenza di partecipazione popolare nell'ormai acclarato dispreggio delle regole democratiche ma si illudono se ritengono possibili i livelli di crescita indicata . Con gli States che hanno serie difficoltà a pagare i suoi debitori , con le sventagliate di dollari immessi nel circuito senza un avallo solido della base produttiva , con il motore Cina in netto calo , gli indicatori previsti sono una bufala . E forse chi governa realmente (e non i maggiordomi) lo sa bene. Non la crescita ci aspetta e nel migliore dei casi , se non una inquietante recessione (perchè non avvenga gli economisti di corte confidano nella ripresa del motore Cina) , una STAGNAZIONE PERMANENTE che potrà favorire ugualmente lucrosi affari e allo stesso tempo determinare un ulteriore arretramento dei diritti conquistati dalle masse popolari nei primi decenni del dopoguerra .


A) L'OBIETTIVO ESTERNO
Come il trattato sia innanzitutto un accordo di guerra contro le nazioni non americanizzate si evince da un capoverso del documento di Confindustria "USA ed UE si riconoscono rilevanza strategica non solo vicendevolmente , ma anche impegnandosi a contrastare il protezionismo a livello globale ,agendo di comune accordo per combattere comportamenti anticoncorrenziali ,sussidi statali , sostegni alle aziende di stato , restrizioni all'export di materie prime , sostegno discriminatorio ad imprese nazionali ..." . Si rende necessario perciò rafforzare "le norme multilaterali ed internazionali sui diritti di proprietà , sul lavoro ,sull'ambiente " .

Con scarni accenni che alla nostre "sinistre" maggiormente decerebrate potranno apparire "moderni" , vengono indicati obiettivi che messi in pratica abbatterebbero l'indipendenza delle nazioni che per sostenere i loro popoli non si sono arrese del tutto al neoliberismo ,cioè allo strapotere della finanza ,delle multinazionali , delle provocazioni terroristiche e militari .

LA NAZIONE CHE VOLESSE MANTENERE IL CONTROLLO STATALE SUI TRASPORTI ,SULLA SANITA' ;SULL'ISTRUZIONE... DIVENTEREBBE UNA NAZIONE FUORILEGGE .

E fuorilegge anche qualora disponesse di meccanismi protezionisti per tutelare l'agricoltura o ponesse dei limiti all'esportazione di materie prime necessarie al Paese . Non potrebbe opporsi per la difesa dello stato sociale in nome della libera concorrenza . E neanche disporre di una legislazione autonoma sulla proprietà intellettuale , sul lavoro , sull'ambiente ...
CREARE DIFFICOLTA' ad un paese che voglia trasgredire regole imposte non è difficile : restrizioni al credito , difficoltà di accesso ai mercati , embargo ...Altrimenti ci sono dei modi più spicci che gli States e le altre potenze imperiali minori hanno sempre saputo praticare con perizia : l'omicidio mirato , il colpo di stato ,l'intervento militare diretto , favorendo l'ascesa al potere di personaggi compiacenti che fanno collassare il Paese rendendolo facile preda degli avvoltoi di turno .


TRANSATLANTIC TRADE AND INVESTMENT PARTNERSHIP (TTIP)
E' vero .La "superiore civiltà" occidentale è stata costretta , per imporre i suoi indiscutibili valori , al genocidio ,"suo malgrado" . Ma ciò è avvenuto perchè chi doveva subordinarsi si è invece ribellato . Ma se si accettasse ,almeno oggi nella postmodernità , con serenità, lo spirito liberatorio del neoliberismo e lo stile di vita americano ...

Data la complessità del problema l'argomentazione è stata suddivisa per capitoli : a) obiettivo esterno b)obiettivo interno c) bozza di mandato negoziale . Chi è interessato alla lettura dei tre capitoli può accedere alla pagina .


B) L'OBIETTIVO INTERNO
L'accordo dovrebbe entrare in vigore nel 2017 ed essere definitivamente attuato nel 2027 (va detto tuttavia che in questo periodo assistiamo a delle zuffe tra i grandi potentati su questioni di "dettaglio" che poi sono quelle che interessano immediatamente ,il che potrebbe far scivolare le date di cui sopra) .
L'avvio dei negoziati è stato annunciato come buona novella da Obama e dalla commissione europea durante il G8 in Irlanda .

Le due potenze garantiscono il 50% del PIL mondiale e 1/3 degli scambi commerciali . Se ne vuole di più . Si dice ,tanto per non apparire avidi ed egocentrici , che tale accordo genererebbe un aumento della ricchezza globale di 100 miliardi di euro ,secondo quella storica propensione del capitalismo nel favorire prosperità e benessere a tutte la nazioni del pianeta .
In Europa si avrebbe un aumento del reddito annuale medio di 545 euro per una famiglia di quattro persone e negli Stati Uniti di 655 .

Le "DUE COMUNITA' D'AFFARI" (è detto proprio così nel documento di Confindustria , con un linguaggio che evidenzia sia l'assunzione degli esseri umani a merci ,esseri umani il cui valore è dato dal loro costo in quanto merci , sia la sicumera dei "lor signori" di essersi sbarazzati di ogni opposizione che facesse riferimento alla dignità della persona ,alla reale uguaglianza dei diritti sociali ) ritengono che tale accordo si renda necessario per riavviare il rilancio dei flussi commerciali "dato il sostanziale declino verificatosi nell'ultima decade " a causa del disturbo creato dai Paesi "emergenti" e dalla crisi economica e finanziaria .

Nello sport si dice squadra che vince non si cambia . Per l'ideologia neoliberista vige la stessa regola . Dato che negli ultimi trent'anni le ricette neoliberiste hanno realizzato risultati ampiamente soddisfacenti , sopratutto per chi di denaro ne aveva già tanto , è una cosa buona continuare con le stesse strategie dandole un'accelerata a livello europeo e mondiale , sbarazzandosi di tutti quei lacci e lacciuoli che rallentano l'impetuoso galoppo dell'economia : si allude al peso eccessivo dello stato nelle faccende dell'imprenditoria , all'enorme patrimonio mobiliare e museale statale così avaro di fruttosi profitti , agli inutilizzati beni comuni , alla scuola ,alla sanità , all'acqua , servizi fondamentali e gestiti con tanta burocrazia e scarsa professionalità , servizi che solo la mano privata può restituire ad una piena funzionalità e all'eccellenza .

Il "dimagrimento" dello stato come auspicato da Marchionne ,da Renzi , dal PD e lo strapotere del Privato costituiscono l'obiettivo stategico primario interno del TTIP , obiettivo che necessita perchè possa essere realizzato del tutto di una molteplicità di strumenti che vanno da una favorevole legislazione nazionale ( cui ha dato corso con grande determinazione in Italia il governo Renzi ) ed una "legislazione internazionale" ( vedi RDIE e TISA innanzitutto) .

I grandi potentati che governano l'Occidente con i loro maggiordomi di lusso ( Obama , Merkel , Draghi...) hanno imposto questo devastante accordo in totale assenza di partecipazione popolare nell'ormai acclarato dispreggio delle regole democratiche ma si illudono se ritengono possibili i livelli di crescita indicata . Con gli States che hanno serie difficoltà a pagare i suoi debitori , con le sventagliate di dollari immessi nel circuito senza un avallo solido della base produttiva , con il motore Cina in netto calo , gli indicatori previsti sono una bufala . E forse chi governa realmente (e non i maggiordomi) lo sa bene. Non la crescita ci aspetta e nel migliore dei casi , se non una inquietante recessione (perchè non avvenga gli economisti di corte confidano nella ripresa del motore Cina) , una STAGNAZIONE PERMANENTE che potrà favorire ugualmente lucrosi affari e allo stesso tempo determinare un ulteriore arretramento dei diritti conquistati dalle masse popolari nei primi decenni del dopoguerra .

Data la complessità del problema l'argomentazione è stata suddivisa per capitoli . Dopo l'obiettivo esterno e l'obiettivo interno tratto ora sulla bozza di mandato negoziale . Chi fosse interessato alla lettura dei tre capitoli può accedere alla pagina .


C) TEMATICHE DELLA BOZZA DI MANDATO NEGOZIALE

c1) cooperazione doganale : si aspira con l'entrata in vigore dell'accordo all'azzeramento dei dazi che allo stato attuale già presentano un livello di protezione tariffaria media "relativamente basso"(3,5%USA ;5,2%UE) . Molto gradita in Italia ad alcuni settori(vedi calzaturiero) perchè verrebbero abbattuti specifici picchi elevati,risulta evidente dall'esperienza storica e da una vasta letteratura in merito che l'eliminazione dei dazi favorirà in regime di libera concorrenza un ampliamento del divario tra aree ad alto sviluppo ed aree depresse , tra settori che si avvantaggeranno ed altri che sprofonderanno , tra il "centro" dell'Europa e la sua periferia
.
c2)abolizione di standard comuni :la differenza tra le misure regolamentari, tra gli standard relativi alla sicurezza,alla salute,alla tutela dell'ambiente imporrebbe -si dice- degli ostacoli alla conquista dei mercati... e perciò si promuove la rimozione degli stessi. Risulta evidente che Statunitensi ed Europei hanno una visione diversa sugli Ogm ,sulla tutela dell'ambiente, sulla ricerca sugli esseri viventi,sul ruolo dei servizi pubblici,sulla privacy(visione europea diversa non certo per merito dei ceti dominanti ma per la grande pressione esercitata dal movimento operaio,dalle sinistre,dagli ambientalisti...).E risulta altresì evidente che il partner più forte riuscirà ad imporre i suoi diktat ad un partner che sta già demolendo di par suo un modello di società cui avevano concorso proprio quelle forze politiche ora messe all'angolo(contro l'accordo solo la sinistra della Gue e i Verdi) . Come ci ricorda Mauro Miccolis di "Sbilanciamoci" ,potremmo mangiare carne agli ormoni , prodotti Ogm, importare carcasse di animali lavate con la varechina , consumare senza disporre della denominazione di origine...

c3)Liberalizzazione dei servizi : gli imprenditori europei gongolano dato l'alto livello altamente protezionista USA nel settore dei servizi(trasporti aerei e marittimi ,poste...) e negli appalti pubblici(aperti alle imprese europee soltanto per poco più del 30%). Gli Usa pretendono protezione e non discriminazione (secondo loro) degli investimenti il che significa aggressione legale a tutto ciò che può essere oggetto di profitto:scuola ,istruzione universitaria ,ricerca ,salute ,acqua...Un'autostrada per sbarazzarsi -ripeto legalmente e vedi in proposito le RDIE,tribunali internazionali di cui abbiamo detto in altri post- di opinione pubblica e di protesta popolare , di referendum ,di pronunciamenti regionali e comunali o di altri ostacoli che impediscano la riuscita di un ricco bottino (volevo dire profitto) . Per ultimo ricordo che si è già d'accordo su una regolamentazione unica sugli strumenti finanziari derivati che costituisce un cavallo di Troia per la deregolamentazione su tutti i servizi finanziari come previsto dall'accordo segreto (messo alla luce da Wikileaks) di Tisa (acronimo di Trade in services agreement) ,accordo di guerra tra 50 Paesi (tra cui l'Italia) e che eslude ovviamente i BRICS .

Transatlantic Trade and Investment Partnership ,lo diciamo per inciso , assieme al "filo di perle" militare che impedisce il transito della Cina verso le risorse petrolifere in caso di guerra e il Trans Pacific Partnership (libero scambio Usa con i Paesi asiatici) costituisce un ulteriore rafforzamento dell'accerchiamento del più importante creditore (e temibile competitore) USA : la Cina .
Altro che crescita e posti di lavoro come va dicendo il capo negoziatore europeo Ignacio Garcia Bercero . Dietro TTIP ,RDIE,
Tisa è annidata una strategia di guerra .

Reazioni:

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!